Connect with us

Cronaca

GELA, RAPINA: PRESI DUE GIOVANI

Clicca e condividi l'articolo

Gli investigatori hanno individuato i due grazie all'analisi delle immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Gela – Erano le 20.30 del 6 dicembre scorso quando due persone a volto coperto, subito dopo essere scese da due scooter guidati da complici, entravano nella tabaccheria di via Crispi, a Gela (Caltanissetta), per effettuare una rapina.

Mentre uno dei due, pistola in pugno, teneva sotto tiro dipendenti e clienti, l'altro arraffava i soldi dalla cassa, circa 400 euro. Ieri mattina gli agenti del commissariato del comune siciliano hanno arrestato due dei probabili autori del reato. Si tratta del 20enne C.S., già sorvegliato speciale, e G.L., che ha meno di 18 anni, e per loro le accuse sono di rapina aggravata e porto abusivo di armi.

Gli investigatori hanno individuato i due grazie all'analisi delle immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza. Queste hanno permesso di restringere la cerchia dei sospetti a un gruppo di giovani gelesi che avevano già commesso altre rapine.

Nel corso di una perquisizione presso l'abitazione del minorenne, gli agenti hanno trovato un casco uguale a quello indossato da uno dei malviventi al momento della rapina.

Inoltre, le indagini sul Dna effettuate su C.S. hanno permesso di appurare come il suo profilo genetico fosse compatibile con quello estratto dalla tracce di sangue rinvenute sulla scena del crimine dallA Polizia Scientifica

Le tracce di sangue sono state trovate fuori dalla tabaccheria, dove uno dei rapinatori è stato bloccato dal titolare dell'esercizio commerciale, con il quale ha poi ingaggiato una violentissima colluttazione, alla presenza di numerose persone che hanno assistito senza intervenire. Poi, grazie anche all'intervento degli altri complici, il rapinatore è comunque riuscito a darsi alla fuga.

Sono ancora in corso ulteriori indagini per individuare gli altri complici.

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti