Connect with us

Castelli Romani

Genzano di Roma, il sindaco Lorenzon scrive al Prefetto: si aspetta il Commissario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GENZANO DI ROMA – Il sindaco Daniele Lorenzon si è dimesso.

Un “epilogo preannunciato e che sinceramente doveva avvenire già molto tempo fa per il bene della città di Genzano – così il consigliere comunale Luca Lommi – purtroppo Lorenzon e i suoi lasciano una città allo sbando e ci vorrà del tempo per far tornare Genzano com’era, una città rispettata dagli altri comuni pulita e ben mantenuta. Adesso si aspetta il commissario, che umiliazione per i genzanesi!”.

“Con le dimissioni del Sindaco Lorenzon si conclude l’esperienza di governo targata M5S. – Dichiara il consigliere comunale Fabio Papalia – Inizia ora – prosegue – un periodo di commissariamento del nostro Comune. Durante questo periodo l’intera classe politica dovrà portare avanti dei ragionamenti validi e costruttivi per garantire il rilancio necessario di Genzano. Da troppi anni assistiamo ad un costante declino del nostro Comune. È arrivato il momento di reagire.”

Lorenzon: “Ho informato personalmente il Prefetto”

“Con sette consiglieri di maggioranza – di cui solo quattro in essere e tre non ancora formalmente surrogati – e sei consiglieri di minoranza, prendo atto dell’impossibilità di proseguire l’attività amministrativa. – Queste le parole di Daniele Lorenzon in un post su Facebook dove spiega le motivazioni che lo hanno portato a dimettersi dalla carica di sindaco di Genzano – Ho informato personalmente il Prefetto – prosegue Lorenzon – chiedendo un suo intervento affinché possa valutare quanto prima tale situazione procedendo allo scioglimento del Consiglio comunale e alla nomina di un Commissario prefettizio. Il Consiglio comunale è l’organo sovrano che esprime ed esercita la rappresentanza diretta della comunità, dalla quale è eletto. A Genzano di Roma è composto dal Sindaco più 16 consiglieri; e, oggi, con 13 consiglieri eletti, i numeri minimi per proseguire legittimamente l’attività amministrativa ci potrebbero essere, ma non ci sarebbe più quella maggioranza politica a portare avanti con impegno, serietà, ma soprattutto serenità il programma di governo. Non voglio sottrarmi alle mie responsabilità di primo cittadino, né sto gettando la spugna: ma è mio dovere prendere atto della grave crisi politica che si è aperta con le dimissioni di sei componenti della mia maggioranza e che rischia seriamente di portare Genzano in una situazione di incertezza. Ho deciso di protocollare questa mia lettera di persona e quindi attendere il mio rientro da Tokyo per cercare di non compromettere l’esito del viaggio istituzionale, programmato da mesi, che ho realizzato insieme a due infioratori genzanesi. Negli anni ’70 è nato un importante sodalizio con il Giappone ed era mio dovere andare a confermare questo rapporto tra le parti. Rappresentare Genzano significa anche mettere da parte i problemi interni a favore delle cause importanti per la cittadina tutta. A 32 mesi dalla mia elezione a Sindaco abbiamo risanato il bilancio, prevedendo una forte attenzione al recupero delle imposte risalenti agli anni passati e, quindi, alle relative entrate. Grazie all’approvazione del bilancio a dicembre la situazione positiva dei conti ci consente di riallineare i pagamenti alle tempistiche dei pochi Comuni virtuosi in questo campo. Chi verrà dopo di me troverà conti in ordine e prima riduzione di tasse e tariffe. Il 2019 era iniziato nella giusta direzione e mi addolora profondamente non poter portare a termine gli obiettivi di questa consiliatura. Ai consiglieri dimissionari la responsabilità di interrompere quel percorso virtuoso che nonostante le risorse limitate eravamo riusciti a innescare. Coloro che hanno vissuto questa esperienza insieme a me sanno che ho sempre agito con onestà anteponendo il bene di Genzano ad ogni forma di interesse o di personalismo. Nello spirito di correttezza e trasparenza che ha sempre contraddistinto questo mandato mi riservo di elencare quanto fatto in questi due anni e mezzo e quanto sarebbe stato fatto quest’anno. Un ringraziamento al vice sindaco Giuseppe Guarrera e agli assessori Stefano Chirico, Shqiponja Dosti e Francesca Saitta per l’impegno e lo zelo, ai consiglieri di maggioranza Cristina Bernardi, Daniela Fattori, Elena Mercuri e Luigi Nasoni per aver continuato a credere nel progetto, ai consiglieri di opposizione, che nel pieno rispetto della dialettica politica hanno lavorato per il benessere della collettività, al segretario comunale, al mio staff, ai dirigenti, alle posizioni organizzative, alla Polizia locale e tutti i dipendenti comunali per il lavoro svolto.”

Castelli Romani

Monte Compatri, nuovo look per il parco in via Lago Trasimeno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTE COMPATRI (RM) – Torna a nuovo il parco in via Lago Trasimeno a Monte Compatri, nella frazione di Laghetto dove sono terminati alcuni lavori che hanno visto separare l’accesso all’area cani dal resto del parco, sostituire lo scivolo rotto e cambiare le panchine.

“Questa Amministrazione- dice l’assessore all’Arredo Urbano Agnese Mastrofrancesco – può pulire, sistemare, abbellire quanto vuole, ma i cittadini devono amare e mantenere ciò che abbiamo. Perché sono beni che appartengono a tutti”.

Nella zona sotto il Belvedere, via Adolfo Croce e via Cavour proseguono invece le operazioni di taglio del verde.

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, nasce “Per Cambiare Frascati” che sosterrà Francesca Sbardella Sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

È nato il movimento civico Per Cambiare Frascati, che appoggerà il candidato Sindaco Francesca Sbardella alle elezioni comunali di Frascati, previste per l’autunno 2021. Francesca Sbardella è un candidato serio, autorevole, esperto e giovane allo stesso tempo. Se eletta, sarebbe la prima donna ad essere Sindaco di Frascati e questo ci piace molto.

Per Cambiare Frascati si colloca all’interno della coalizione di Centro Sinistra e vuole segnare un cambio di passo, coinvolgendo in modo diretto i cittadini e i comitati civici nella presentazione di idee e proposte progettuali per la Città.

I soci fondatori di questo nuovo movimento, che intende operare esclusivamente per il bene e la crescita di Frascati, sono (in ordine alfabetico): Maria Grazia Esposto, Michele Gregoraci, Ludovica Monetti, Saverio Salvagno, Massimo Sevi, Corrado Spagnoli e Annamaria Speranza.

I nostri valori sono quelli democratici e costituzionali, la sostenibilità ambientale, il rispetto delle diversità di genere e la libertà personale, la possibilità di affermarsi attraverso le proprie idee, il ripudio della violenza.

Per noi è importante semplificare la partecipazione dei cittadini, dei movimenti e dell’associazionismo civico alla gestione della cosa pubblica, utilizzando gli strumenti che la tecnologia e il web mettono a disposizione.

Per questo, a partire da oggi inizia la raccolta di proposte e di progetti dal basso, finalizzati a migliorare Frascati e i suoi quartieri periferici.

Se vuoi contribuire a migliorare la nostra città, se hai un’idea per la comunità, qualunque essa sia, dalla più complessa alla più semplice e apparentemente banale, noi abbiamo voglia di ascoltarla e inserirla all’interno del programma elettorale con il quale ci presenteremo ai cittadini.

A noi piace il confronto democratico, l’entusiasmo e la possibilità di dibattere per migliorare il luogo in cui viviamo, da come incrementare i servizi essenziali alla valorizzazione del patrimonio comunale, dal trasporto pubblico alla salvaguardia dei parchi comunali, dagli spazi per i più piccoli al rilancio delle attività produttive, dallo sport per tutte le età alla rinascita della cultura e dell’arte, dal turismo identitario al vino Frascati al coinvolgimento delle associazioni tuscolane.

Nei prossimi giorni sulle nostre pagine social, lanceremo discussioni, proposte, questionari e sondaggi per costruire insieme, dal basso, nel rispetto di tutti, il programma elettorale da realizzare per Frascati e sarà presentata la lista elettorale con le donne e gli uomini che lavoreranno Per Cambiare Frascati.

Se vuoi partecipare al rinnovamento della tua città, scrivici su percambiarefrascati@gmail.com; oppure seguici sulle nostre pagine social: www.facebook.com/percambiarefrascati e www.instagram.com/percambiarefrascati

Per Cambiare Frascati
LIBERI | FELICI | APPASSIONATI

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, terzo “niet” dell’era Bertucci ai Consigli comunali in streaming

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Niente riprese audio-video, diffusione in diretta streaming e diffusione in differita per le sedute di Consiglio comunale di Nemi.

Respinta la mozione presentata lo scorso 17 marzo dai Consiglieri di opposizione – Cortuso, Corrieri e Tersigni – con la quale si chiedeva la convocazione di un Consiglio comunale per discutere la possibilità di trasmettere in diretta le sedute di Consiglio comunale o in alternativa di poterle registrare integralmente al fine di trasmetterle in differita al fine di favorire una informazione puntuale ai cittadini, molti dei quali, per problemi di salute, di lavoro o famigliari, spesso non  possono partecipare direttamente alle sedute della massima assise comunale.

Terzo niet, dunque, dell’era Bertucci, a quella che oggi rappresenta la modalità di partecipazione preferita da tanti cittadini alle riunioni consiliari, specialmente in questo periodo di pandemia e che numerose amministrazioni locali hanno invece adottato già da diverso tempo favorendo, di fatto, la partecipazione della cittadinanza alla vita politica, alle scelte che vengono effettuate, ai dibattiti e a tutto quello che avviene nel corso delle sedute consiliari.

In passato, a Novembre 2017 e Ottobre 2019, il Sindaco di Nemi Alberto Bertucci ha ritenuto irricevibili le due mozioni, già presentate, per la diretta streaming del Consiglio comunale, affermando che “l’Ufficio Stampa del Comune di Nemi già provvede efficacemente alla diffusione delle notizie inerenti le attività amministrative e dunque anche alle discussioni che hanno luogo durante i Consigli comunali”.

Continua a leggere

I più letti