Connect with us

Castelli Romani

Genzano, il sindaco Lorenzon recupera i suoi. Eletta in terza votazione Elena Mercuri presidente del Consiglio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GENZANO (RM) – Eletta presidente del Consiglio Comunale di Genzano di Roma alla terza votazione Elena Mercuri, già vicepresidente.

E’ rientrato dunque l’allarme dopo la seduta di ieri, la prima, dove la maggioranza ne è uscita spaccata perché i consiglieri hanno votato con cinque schede bianche che sommandosi alle altre sei schede in bianco dell’opposizione sono arrivate a undici. Due consiglieri di maggioranza hanno votato il consigliere dimissionario Dario D’Amico e uno per il consigliere Daniela Fattori, sorella della senatrice M5S Elena Fattori. E poi erano assenti in tre della squadra di Lorenzon, i consiglieri Marco Fermanti, Maurilio Silvestri e Alessandro Scoppoletti, ecco che il quadro diventa chiaro. E questa sera, venerdì 8 marzo, lo scenario è cambiato anche se le spaccature politiche si sono ben manifestate. Assente il consigliere di maggioranza Marco Fermanti.

Il consigliere Flavio Gabbarini farà ricorso al Prefetto per invalidare la seduta

Il consigliere Flavio Gabbarini in apertura ha depositato una pregiudiziale sulla validità della seduta che secondo quanto da lui spiegato, per legge, è da ritenersi illegittima poiché non sarebbero stati rispettati i tempi minimi di 24 ore per convocare i consiglieri in seconda seduta: “Non vale l’invio tramite mail – ha detto Gabbarini, capogruppo consiliare del Pd – il messo notificatore ha consegnato le convocazioni alle 10 di venerdì. Farò ricorso al Prefetto e la conseguenza potrebbe essere l’annullamento degli atti deliberativi. Sarebbe opportuno, per il futuro, fissare la seconda seduta entro 48 ore e non 24 come successo”.

Alla seconda votazione c’è chi ha votato Ciro Immobile, mentre Elena Mercuri ha preso nove schede e sei sono state quelle consegnate in bianco

Lommi: “Una cosa mai successa nella storia della Repubblica Italiana”

Per il consigliere Luca Lommi la “messinscena di ieri è stata un film”: “Una cosa mai successa nella storia della Repubblica Italiana. Consiglieri che vanno e vengono. Non siamo abituati a queste cose. La scelta di un presidente del Consiglio si organizza prima, si concerta con la squadra. E allora mi viene da recitare uno slogan della curva nord ‘Che cosa siete venuti a fare?’. Basta, se non c’è più dignità personale l’azione più responsabile è quella di dimettersi”.

Papalia: “una ricucitura che regge poco”

Il Consigliere Fabio Papalia ha palesemente detto che la spaccatura c’è aldilà di questa ricucitura che poco regge: “Voi subite interamente la divisione politica e la conseguenza è che l’azione amministrativa non è mai decollata. Lo vedono tutti ormai”. Papalia ha poi presentato una mozione di sfiducia al Sindaco quale “doverosa prova di verifica”.

“Se il sindaco non fa un passo indietro è la maggioranza che deve sfiduciarlo” ha aggiunto il consigliere Michele Savini.

Poi il Consiglio è proseguito tra momenti di tensione nei corridoi e in Aula.

Castelli Romani

Nemi, bando per addetto stampa: per Stampa Romana è illegittimo. Chiesto il ritiro in autotutela

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Stampa Romana ha chiesto al Comune di Nemi di ritirare in autotutela il bando per il conferimento dell’incarico professionale di addetto stampa del Comune al corrispettivo di 1.850,00 euro lordi.

“Il comune di Nemi cerca un addetto stampa per un incarico di un anno – fanno sapere da Stampa Romana – Il compenso è di 1800 euro senza alcuna indicazione se si tratta di compenso mensile o annuale per una prestazione da lavoro autonomo. È una selezione solo per titoli, negando un chiaro principio selettivo che Stampa Romana rivendica, cioè avere una selezione anche per colloqui con un membro della commissione giudicante scelto tra i giornalisti. Per queste ragioni chiediamo al Comune di Nemi il ritiro in autotutela del bando”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, passione auto d’epoca: tutto pronto per il motor show

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MARINO (RM) – Domenica 20 giugno 2021 verrà allestito un park straordinario per la mostra di auto d’epoca a Castelluccia Marino. Occuperanno la piazza antistante al parchetto Chinea, la manifestazione si terrà dalle ore 16:00 alle 21:00.

L’evento denominato “Motor Show a piazza Chinea” è organizzato dal Comitato di Volontariato del Parco delle Molette ed è patrocinato dal Comune di Marino e vedrà l’esclusiva partecipazione del Club Drivers U.S.A. con 20 auto da esposizione.

Le auto d’epoca d’interesse storico sono per molti una grande passione, difficile resistere al fascino delle linee sinuose e delle cromature sfavillanti tipiche delle vecchie ed eleganti signore a quattro ruote.

Il Comitato promotore offrirà una degustazione a tutti gli ospiti con sottofondo musicale e proietterà all’aperto la partita di calcio che si disputerà in quella serata.

“Un’opportunità da non perdere per fare un viaggio nel passato – afferma l’Assessore alle Attività produttive Ada Santamaita – Vi aspettiamo numerosi!”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castelli Romani ed agricoltura: un binomio vincente

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La visita della vicepresidente della Commissione Agricoltura Maria Spena alle aziende agricole del territorio

Tra le principali entrate economiche dei Castelli Romani figura il settore turistico ed alimentare che, con l’inizio della buona stagione e l’allentarsi delle restrizioni anti-Covid, hanno ricominciato a respirare.  “Quello tra agricoltura e Castelli Romani è un binomio ancora vincente, che intendo continuare a tutelare in sede istituzionale e mediante la presenza sul territorio”, ha detto l’Onorevole Maria Spena, vicepresidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, nel corso della sua recentissima visita ad alcune aziende agricole del territorio. Infatti, alcuni investimenti del Pnrr saranno dedicati al comparto agricolo, il quale è già stato oggetto di varie iniziative parlamentari nel corso della legislatura.

I Castelli Romani “sono rinomati per i vini e la qualità delle produzioni stimolata dal tipo di suolo, vulcanico e ricco di sali minerali. Una qualità che – continua l’onorevole sentita per l’occasione da L’Osservatore d’Italia – sarebbe impossibile garantire, però, senza una tradizione tramandata di generazione in generazione e senza la passione che anima sempre più giovani castellani (e non) a lanciarsi in esperienze imprenditoriali nel settore primario. Troppo spesso ci si imbatte nei pregiudizi di chi è convinto che l’agricoltura sia un’attività legata al passato, arcaica e persino superata. Non c’è nulla di più lontano dalla realtà. Lo dimostra il fatto che nemmeno la pandemia ha fermato la crescita inarrestabile di imprenditori agricoli under 35”, conclude Spena.

Accompagnata da Jacopo Solaini, il quale si è detto “onorato di relazionarsi con le eccellenze del territorio”, la vicepresidente dalla Commissione Agricoltura si è confrontata dapprima con i proprietari della Riserva della Cascina (azienda agricola biologica) di Ciampino, poi con i padroni dell’azienda La Torretta di Grottaferrata ed infine con i giovani contadini Fabio, Fabrizio e Simone dell’Orto naturale del lago Albano. Tra i diversi temi affrontati, si è discusso dei primi decreti attuativi in arrivo per sbloccare il Fondo filiere, dell’incremento del Fondo di solidarietà nazionale per ristorare i danni provocati dalle gelate di aprile e delle sfide per l’agricoltura previste nel Pnrr. “Questo territorio ha mantenuto intatta la sua vocazione agricola – ed in particolare vinicola – che le ha consentito di essere conosciuto in tutto il mondo per la qualità dei prodotti”, ha dichiarato la deputata prima di congedarsi.

Continua a leggere

I più letti