Connect with us

Castelli Romani

Genzano, sindaco “accoltellato alle spalle”? Sapeva tutto. Ecco com’è andata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Se ne sono dette e scritte tante sull’attuale momento politico di Genzano e sulle dinamiche che hanno portato ad un processo che appare ormai irreversibile.

Purtroppo nell’azione compulsiva di copiare e incollare comunicati per apparire in cima e racimolare pugni di letture si è persa di vista la concretezza di saper leggere attentamente perlomeno quello che è successo all’interno della maggioranza e che cosa ha portato alle dimissioni di massa dei consiglieri del Movimento 5 stelle Maurilio Silvestri, Marco Fermanti, Claudio Mariani e Alessandro Scoppoletti proprio mentre Daniele Lorenzon era partito per il Giappone.


Una pugnalata alle spalle?

Niente affatto, Lorenzon era al corrente che se non avesse mantenuto fede ai suoi impegni il fotofinish sarebbe stato l’inesorabile caduta. Dunque piuttosto che leggere o raccontare la storia di un ragazzo pugnalato alle spalle è necessario analizzare l’ennesima delusione da parte dei consiglieri M5S che hanno visto anche in questa occasione sfumare una promessa che se fosse stata mantenuta non si sarebbe creato questo disastroso epilogo.


Perché i consiglieri M5S si sono dimessi?

Le dimissioni non sono state un fulmine a ciel sereno. Ormai era pian piano maturata una insoddisfazione da parte dei consiglieri di maggioranza che sono stati palesemente esclusi dalle decisioni prese dal giovane sindaco il quale li teneva in considerazione (parole dei consiglieri dimissionari ma comunque il clima teso era facilmente percepibile durante i consigli comunali, l’ultimo in particolare) “solamente quando vi era necessità del loro voto in consiglio, dimenticando che invece era stato eletto grazie alla trionfante campagna corale “IL SINDACO SIAMO NOI” che faceva proprio della partecipazione e della condivisione i propri valori principali”.


Tanti sono stati campanelli d’allarme. Ma prima di partire cosa ha fatto Lorenzon per causare la corsa alle dimissioni dei suoi?

Il sindaco dunque sapeva che se avesse continuato a svilire, sminuire, demoralizzare la sua squadra avrebbe finito col perdere la loro fiducia. Tant’è che l’ennesima azione che ha portato alle dimissioni è stata messa in atto dal sindaco Daniele Lorenzon la sera prima della sua partenza quando il capogruppo Fermanti, Scoppoletti, Mariani, Nasoni e Silvestri si sono riuniti con l’intento di salvare il salvabile prima che Lorenzon partisse.

Il sindaco aveva promesso una sua dichiarazione ufficiale nella quale avrebbe annunciato una soluzione della crisi prima della partenza ma poi ha rifiutato il confronto, anche se alcuni gli avevano già annunciato le dimissioni e altri erano in procinto di seguirli. Nonostante questo non ha voluto parlare con i suoi consiglieri. Da lì altra delusione e altri dimissionari. 
Lorenzon sapeva ma è voluto partire lo stesso e le foto in stile vacanza che sta diffondendo dicono tutto. Con la crisi in atto nella sua Città ampiamente avvertita nell’ultimo consiglio quando non si riusciva ad eleggere il presidente del Consiglio comunale non sarebbe stato opportuno rimandare la partenza? Meglio onorare l’impegno col Giappone che con la sua squadra che gli avrebbe consentito di restare al timone?

I consiglieri M5S sono stati molto chiari: “La giovane età, la totale inesperienza e la mancanza di vere competenze professionali sarebbero potute essere colmate dall’entusiasmo, dalla forza e dalle qualità di un gruppo che si è sempre posto al suo fianco per offrire sostegno, idee, progetti e totale abnegazione. Invece, sin dall’insediamento, il sindaco si è isolato dal gruppo del quale era espressione e dai cittadini che avevano riposto in lui la fiducia, spendendosi nella costruzione di strutture organizzative e modalità che avevano il solo fine di operare autonomamente e al di là di quelli che erano gli indirizzi politici e le aspettative della cittadinanza”.


Dopo tre anni è stato onorato il programma elettorale?


Assolutamente no. Nonostante le buone intenzioni, l’affabilità e il fatto indubbio che Lorenzon non è una persona “navigata della politica”, purtroppo sono stati disattesi i principali punti del programma elettorale, primi fra tutti il coinvolgimento dei cittadini e delle associazioni del territorio nelle decisioni strategiche e di forte impatto.

Il sindaco non ha coinvolto il Consiglio, “sminuendo in maniera poco democratica il ruolo dei consiglieri comunali”.

Di fatto, non ha messo in atto i regolamenti comunali approvati in consiglio, “ignorando gli Ordini del giorno depositati dai consiglieri di maggioranza – così come dichiarato dai consiglieri stessi – rappresentando nei consessi intercomunali posizioni non condivise dal gruppo consiliare, ignorando totalmente i tanti progetti, le proposte, le iniziative che i consiglieri hanno prodotto in questi due anni e mezzo. Come già detto nella lettera aperta, presenteremo un resoconto affinché i cittadini sappiano e possano giudicare in prima persona”.

Non è stato preso contropiede

Dunque in questa storia non c’è nessuna vittima e nessun carnefice. Nessun disegno dietrologico riferito a quanto successo. C’è un Sindaco che avrebbe potuto includere ma che ha di fatto escluso i suoi dalle decisioni. Purtroppo veramente perché avrebbe potuto rappresentare quel cambiamento promesso ai genzanesi che di fatto non c’è stato



Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Ospedale dei Castelli, conferenza dei sindaci: approvata all’unanimità la revisione dell’atto aziendale della Asl Roma 6

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

POMEZIA (RM) – Oggi, nel corso della della Conferenza dei Sindaci sulla Sanità che si è svolta nella sala consiliare del Comune di Pomezia, è stata votata favorevolmente all’unanimità la proposta di Revisione dell’Atto aziendale della Asl Roma 6. Presenti il Direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda, il Direttore sanitario e il Direttore amministrativo della Asl Roma 6, il Sindaco di Pomezia e Presidente della Conferenza Adriano Zuccalà, i sindaci e i delegati dei comuni di Ariccia, Albano, Lariano, Ardea, Velletri, Nettuno, Anzio, Frascati, Castelgandolfo, Nemi.

Il documento, che sancisce le azioni messe in campo dalla Direzione aziendale in merito all’adeguamento dell’assetto organizzativo sollecitato dall’apertura dell’Ospedale dei Castelli, recupera coerenza e supera antinomie, ancorché confinate in poche aree, esitate dal precedente assetto.

Le principali novità introdotte con l’attuale revisione, oltre alla dovuta ridenominazione delle unità operative presenti nei disattivati ospedali di Albano Laziale e Genzano di Roma, sono rappresentate dalla previsione di nuove strutture e da azioni di implementazione delle attività territoriali, come la tutela delle fragilità e della cronicità, la medicina transculturale, ladomiciliarità e la tutela della salute per minori.Tutto questo per modernizzare gli assetti aziendali e intercettare bisogni e domande di salute emergenti.

Tante le sollecitazioni espresse dai numerosi sindaci presenti e raccolte positivamente da parte del Direttore generale, Narciso Mostarda, che ha affermato: “L’attivazione dell’Ospedale dei Castelli ha ormai trovato realizzazione. Abbiamo aperto un complesso ospedaliero cruciale per il territorio, che a regime eguaglierà in termini di posti letto la dotazione dei restanti tre presidi ospedalieri (San Sebastiano di Frascati, Colombo di Velletri e Ospedali riuniti di Anzio-Nettuno) e già supera nettamente gli stessi in termini di impiego di alte tecnologie strumentali. Abbiamo in programma”, ha proseguito, “un aumento dei posti letto per pazienti con acuzie, che consentirà di migliorare ulteriormente la qualità dei processi assistenziali e gli esiti delle cure. Ciò che fa la differenza non è curare le persone a cinque o a dieci chilometri da casa”, ha precisato, “ma poter offrire alla comunità un ospedale di serie A, abitato da professionisti di altissimo profilo, sul quale far convergere i bisogni di salute che richiedono risposte di elevata complessità”.

I dati in merito sono confortanti: all’Ospedale dei Castelli sono aumentati di circa il 20% gli interventi chirurgici di alta complessità e vengono effettuati interventi che ad Albano e Genzano non venivano erogati. Inoltre, la media giornaliera degli accessi in Pronto soccorso è di 120 persone, il doppio della capacità ricettiva dell’Emergenza di Albano.

Il Direttore ha poi descritto ulteriori novità in cantiere per il nuovo ospedale: “Stiamo continuando ad assumere molte figure professionali, fra cui ingegneri clinici; apriremo nuove linee di attività di chirurgia mini-invasiva, anche oculistica; stiamo sperimentando la Telemedicina e la Psicoterapia a distanza, mantenendo altissimo e rigoroso il livello delle cure e raggiungendo gli utenti nella loro intimità domestica. Stiamo percorrendo la strada dell’innovazione e non ci fermeremo: non è possibile pensare di riaprire vecchi ospedali e ripristinare vecchi modelli. La qualità non è negoziabile”.

Il Direttore generale, infine, ha annunciato ottime notizie per gli altri ospedali dell’azienda: la Asl è in procinto di effettuare una ristrutturazione degli impianti dell’Ospedale Riuniti di Anzio-Nettuno, di metterne a punto la sicurezza antincendio e di acquistare, per la prima volta nella storia della struttura sanitaria, una risonanza magnetica. L’operazione avrà un costo di oltre 4 milioni di euro. Grazie a un ulteriore finanziamento sarà possibile completare la messa a norma del Punto nascita e del reparto di Medicina. Per quanto riguarda l’Ospedale di Frascati sono in via di perfezionamento l’apertura di un servizio di Odontoiatria a supporto del Pronto soccorso, l’ampliamento del Pronto soccorso e un adeguamento delle tecnologie diagnostiche. Per Velletri si confermano l’acquisto di una nuova Tac e la realizzazione della camera calda del Pronto soccorso.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale si prepara ad accogliere il suo primo Festival Letterario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Albano In… Libro aprirà i battenti da venerdì 3 a domenica 5 maggio.  Tre giorni ricchi di  presentazioni, laboratori, letture e incontri con gli autori

ALBANO LAZIALE (RM) – Da venerdì 3 a domenica 5 maggio la città di Albano Laziale si prepara ad accogliere  “Albano In… Libro”, il suo primo Festival Letterario, che per questa prima edizione sarà dedicato alla musica. “Le note, si sa, stanno alla musica come le parole stanno alla scrittura. A volte però basta il ritmo a raccontare una bella storia. Rendersene conto è come svelare una magia, la stessa che si realizza quando si leggono pagine impregnate di ritmo, e si ha la sensazione che siano le parole a suonare”. È noto che il Comune di Albano laziale promuova da sempre la cultura attraverso eventi musicali, come festival e rassegne. Vista questa caratteristica che lo connota, è nata l’idea di coniugare musica,  letteratura e ricerca delle tradizioni locali, proponendo un linguaggio trasversale capace di attrarre un pubblico via via più numeroso ed eterogeneo. L’evento, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con l’agenzia Blink Eventi e Comunicazione che ne ha curato l’organizzazione e la comunicazione, e il prezioso contributo delle librerie locali, SoffiaSogni, TUedIO Design, Caracuzzo-Mondadori, aprirà i battenti il venerdì mattina con la presentazione, riservata alle scuole, del libro “La voce delle cose” della scrittrice e illustratrice CécileBidault, premiato come Miglior libro per Ragazzi al Concorso Romics  dei libri a fumetti edizione 2019. La serata inaugurale inizierà alle 17:30 con il tradizionale taglio del nastro e proseguirà con due presentazioni: la prima di Luigi Viva, autore del libro “Falegname di parole. Le canzoni e la musica di Fabrizio de André”, a seguire Federico Palmaroli creatore e unico autore de “Le più belle frasi di Osho”. La manifestazione andrà avanti fino a domenica 5 maggio con un programma ricco di presentazioni, laboratori e incontri con autori e ospiti tra cui il cantautore Simone Cristicchi. Tutti gli eventi si svolgeranno nella bellissima location di Palazzo Savelli. La tre giorni di “Albano In… Libro” vedrà protagoniste librerie, biblioteche e associazioni attive sul territorio che si alterneranno in una serie di eventi dedicati alla lettura e alla musica, con l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza  e tutti i visitatori che, ci auguriamo, giungeranno in occasione della manifestazione. Tantissime le iniziative riservate ai più piccoli, che verranno coinvolti in diversi laboratori e presentazioni pensati e realizzati per ogni fascia di età. Soddisfazione arriva dal sindaco Nicola Marini: “Questa manifestazione vuole essere la pioniera di altri appuntamenti, dove la parola scritta sia la vera protagonista. Albano Laziale sarà quindi in questi tre giorni un’oasi felice dove gli amanti dei libri potranno rifugiarsi, certi di trovare spunti e appuntamenti interessanti. Sarà il luogo dove grandi e piccoli saranno uniti dalla comune passione per la lettura, che quest’anno – come prima edizione – abbiamo voluto declinare in musica”. A fare da eco alle parole del sindaco, l’assessore alle Biblioteche, Alessandra Zeppieri: “Per noi questo Festival è una scommessa, ma sono certa che l’iniziativa sarà molto apprezzata perché sono tante le energie positive che stanno lavorando al progetto. È con grande piacere che invito tutti a partecipare alle tre giornate del Festival per intraprendere insieme questo nostro primo viaggio”.

Il programma

VENERDÌ 3 MAGGIO

Ore:     10,30

Teatro Alba Radians

         Cècile Bidault presenta “La voce delle cose”, Comicout edizioni

Presentazione riservata alle scuole

A cura della Libreria TUedIO

Ore:     17,30

Entrata Palazzo Savelli

Inaugurazione – Taglio del nastro alla presenza delle Autorità

Ore:     18,00

Sala del Consiglio

Luigi Viva presenta

“Falegname di parole. Le canzoni e la musica di Fabrizio De André”, Feltrinelli editore

Musica dal vivo con: Oona Rea e Luigi Masciari

A cura della  Libreria Mondadori – Caracuzzo

Ore:     18,00

Sala Giunta

Elisabetta Garilli ed Emanuela Bussolati,

Presentano “Tino Tino Tino Tina Tino Tin Tin Tin “

della Collana  “Musica disegnata e un po’ strampalata”, Carthusia  Editore

Lettura animata con le autrici con coinvolgimento musicale del pubblico (dai 4 anni in su)

A cura della Libreria Il Soffiasogni

Ore:     18,00-18,45

Sala Formazione

Laboratorio musicale Giochiamo con la musica (da 0 a 18 mesi)

Prenotazione obbligatoria: info@chissadove.it   tel. 349.6002087

A cura dell’ Associazione Culturale ChissàDove

Ore:     19,30

Sala del Consiglio

Federico Palmaroli presenta Le più belle frasi di Osho”

A cura dell’Agenzia Blink Eventi e Comunicazione

SABATO 4 MAGGIO

Ore:     10,30

Sala del Consiglio

Fabrizio Silei  presenta “Orcobello”(dagli 8 anni in su)

A cura della Libreria TuedIO

Ore:     11,30

Sala Formazione

Laboratorio musicale “Giochiamo con la musica”(dai 18 ai 30 mesi)

Prenotazione obbligatoria: info@chissadove.it   tel. 349.6002087

A cura dell’Associazione Culturale ChissàDove

Ore:     16,00

Sala del Consiglio

Massimiliano Maiucchi e Alessandro D’Orazi

presentano “La Musicastrocca” , Sinnos editrice

Un concerto per cantare, ballare e mimare tra le rime e le note (dai 2 anni in su)

A cura della Libreria Il Soffiasogni

Ore:     16,00

Sala Giunta

Fabrizio Silei presenta “Trappola per volpi”, Giunti editore

A cura della Libreria TuedIO

Ore:     16,00

Sala Formazione

Fabio Santomauro presenta “Missione Cinema, Franco Cosimo Panini editore

Le colonne sonore del cinema per ragazzi in un laboratorio artistico e musicale con             l’illustratore, accompagnato al flauto da Giulia Bottaro (dagli 8 anni in su)

A cura della Libreria Il Soffiasogni

Ore:     17,00-18,30

Sala del Consiglio

“Natura morta con storie di… musica” – La Performance

3 racconti di 3 autori, il loro rapporto con la musica e la semplicità di voce e chitarra come colonna sonora

Interverranno:

Chiara Rapaccini “RAP”

Giulia Roitero

Marco Bonini

Chitarra e voce:

Lo Spinoso

A cura di Francesco Saverio Teruzzi

Ore:     17,30

Sala Giunta

Cristina Nenna  presenta “Monsieur Lavoisier e il segreto della trasformazione”,             Verbavolant editore con accompagnamento musicale di Antonio Affrunti  (dai 7 anni in             su)

            A cura della Libreria TuedIO

Ore:     17,30

Sala Formazione

Laboratorio Suoni e colori nell’arte di Paul Klee (dai 4 anni in su)

(L’attività sarà preceduta dalla lettura di “Che sorpresa Paul Klee!, 

di Paola Franceschini, Artebambini editore)

 Prenotazione obbligatoria: info@chissadove.it   tel. 349.6002087

 A cura dell’ Associazione Culturale ChissàDove

Ore:     19,00

Sala del Consiglio

Simone Cristicchi e Nicola Brunialti presentano

“Accordi d’Autore”, intervista doppia tra un musicista e uno scrittore. “Abbi cura di me” e             “Saturnino, l’alieno venuto dalla terra”, (Lapis editore) a confronto: riflessioni sulla vita ad         alta voce (dagli 8 ai 99 anni)

A cura della Libreria Il Soffiasogni

DOMENICA 5 MAGGIO

Ore:     11,00 – 12,30

Sala del Consiglio

Tavola Rotonda “Natura morta con storie di… musica”

Partecipano:

            Aldo Onorati, poeta

            Chiara Belliti, editor

            Chiara Rapaccini  “RAP”, scrittrice

            Fortunato D’Amico, critico – curatore

            Francesco Correggia, artista – scrittore

            Luciano “voice” Procopio,  speaker – doppiatore

            Simone Rea, illustratore

            Steve Della Casa, critico cinematografico

            Vittorio Nocenzi, compositore e fondatore del Banco del Mutuo Soccorso

            A cura di Francesco Saverio Teruzzi

Ore:     11,00

            Sala Giunta

Claudia Bianchi, Annalisa Bugini e Teresa Porcella  presentano “Scienza Rap”, Editoriale Scienza. Presentazione del libro con spettacolo interattivo ad opera delle autrici

(dagli 8 anni in su)

A cura della Libreria TuedIO

Ore:     11,00

Sala Formazione

Laboratorio musicale Giochiamo con la musica (dai 30 mesi ai 4 anni)

Prenotazione obbligatoria: info@chissadove.it   tel. 349.6002087

A cura dell’ Associazione Culturale ChissàDove

Ore:     11,00

Sala Conferenze Museo Villa Ferraioli

Marco Zapparoli e Massimo Roberto Beato presentano Mini corso della voce

 “Booksound” Marcos y Marcos editore (per adulti, consigliato ad insegnanti e operatori)

Prenotazione obbligatoria:  info@ilsoffiasogni.it     tel. 06.45557303

A cura della Libreria Il Soffiasogni

Ore:     16,00

Sala del Consiglio

“Nidi di Note e voli di ritmi”. Sfogliando “Nidi di note”(Gallucci editore) e altri libri             diversi,  Bruno Tognolini ci parla della musica nella cultura dell’infanzia

(dagli 8 anni in su)

A cura della Libreria Il Soffiasogni

Ore:     17,30

            Sala Formazione

Irene Penazzi  presenta “Nel mio giardino il mondo”, Terre di mezzo editore.             Presentazione del libro con laboratorio e musiche di sottofondo

(dai 4 anni su)

Prenotazione obbligatoria: info@tuediodesign.it   tel. 06.83529603  333.3875090

A cura della Libreria TuedIO

Ore:     17,30

            Sala Giunta

Laboratorio“Banksy Il Trip Hop e l’arte di strada”(dai 7 ai 13 anni )

Prenotazione obbligatoria: info@chissadove.it   tel. 349.6002087

A cura dell’ Associazione Culturale ChissàDove

Ore:     17,30

Sala del consiglio

Presentazione del libro  “Piccolo Almanacco degli anni ‘80”di Mirco Delle Cese, 26   Lettere editore. La presentazione vedrà l’intervento dell’autore, di Antonio Di Trento  e del             dj Jef  che di volta in volta selezionerà i brani di maggior successo di quel decennio           citati nel libro

A cura dell’Agenzia Blink Eventi e Comunicazione

Ore:     19,00

Sala del Consiglio

Paolo Cesari  presenta “La Diga”di David Almond (non presente), Orecchio Acerbo             editore

Lettura di Maria Assunta Salvatore (attrice) e accompagnamento musicale del Quinto             Quarto Trio+

A cura della Libreria TuedIO ked0 Colorfu

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, via libera dal Consiglio comunale a manovra da 28 milioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GROTTAFERRATA (RM) – Il Consiglio comunale di Grottaferrata ha approvato il Documento unico di programmazione (Dup) e il Bilancio di previsione 2019-2021 con il voto compatto della maggioranza, l’astensione dei gruppi Città al Governo e Gente Libera e il voto contrario di PD e M5S tra i banchi delle opposizioni.

Oltre 28 milioni di euro il valore complessivo, uno in meno di spesa corrente rispetto ai valori di fine 2018. Livello inalterato di pressione fiscale per i cittadini e aumento del livello e della qualità dei servizi offerti nel sociale, in ambito scolastico, nella manutenzione e nella realizzazione di nuove opere pubbliche.

Ad illustrare le linee guida è stata l’assessora al Bilancio, dottoressa Addolorata Prisco

“Gli obiettivi del Documento Unico di programmazione e i relativi stanziamenti del bilancio, riflettono i punti fondamentali del programma di mandato del Sindaco” ha esordito Prisco. “In primis mantenere i conti in ordine, garanzia di affidabilità per l’ente, utile anche per attrarre
potenziali investitori. Questo permette di avviare soluzioni alternative quali il partenariato pubblico-privato che alleggerisce le spese del bilancio comunale” ha spiegato l’assessora. Proprio a questa fattispecie va ascritta l’operazione dell’Amministrazione che ha azzerato la previsione di contrarre un mutuo per la realizzazione dell’ampliamento del cimitero mettendo in campo, invece, un piano di project financing.

“In termini pratici – ha chiarito Prisco – questo vuol dire fare ugualmente l’opera pubblica senza indebitare l’Ente dell’importo previsto di 1,9 mln di euro”. Tra gli obiettivi del Dup c’è quello di continuare a garantire i livelli di erogazione dei servizi resi ai cittadini aumentando, laddove possibile, sia la quantità che la qualità. Grottaferrata, in tal senso, risulta essere un’eccellenza in ambito sociale presentando liste d’attesa “a zero” per i
servizi assistenziali con un livello qualitativo ottimo rispetto agli altri enti locali.

In questo ambito d’azione è stato previsto il rafforzamento del progetto Risorse in Comune, la continuità dell’assistenza residenziale per anziani, per l’assistenza degli alunni diversamente abili nelle scuole e così via. Nel contempo sono state avviate le procedure del nuovo bando per la gestione del trasporto pubblico locale con il potenziamento del numero delle linee. Questo permetterà ai piccoli utenti delle scuole di Grottaferrata di abbattere i tempi di permanenza sui bus che prima si attestava a valori medi di 50 minuti con punte che andavano ben oltre l’ora.

Capitolo importante e atteso presente nella programmazione il potenziamento e la riorganizzazione dell’organico in dotazione all’ente comunale.

“Gli uffici sono in grande difficoltà per la scarsità numerica del personale e, stanti i limiti rigidi imposti dalla legge, l’amministrazione sfrutterà tutte le possibilità previste dalla norma per incrementare il numero di dipendenti in servizio” ha detto ancora la Prisco. “Pertanto il bilancio ha destinato il massimo di risorse finanziarie possibili per acquisire nuove risorse
umane”.

In coda alla esaustiva relazione dell’assessora Prisco – alla quale è andato il plauso dell’intero Consiglio comunale – la delegata al Bilancio si è soffermata sulla grande mole di crediti da riscuotere derivati da anni di inefficacia delle passate amministrazioni, “che si attestano ormai
intorno ai 20 milioni di euro e che costringono l’Ente a tenere immobilizzate grandi cifre a garanzia delle somme non riscosse (oltre 15 mln di euro)”.

“Queste difficoltà specifiche si inquadrano in una più generale difficoltà economica che va oltre i confini del comune di Grottaferrata ed investe tutto il territorio nazionale ed oltre. Per questo il nostro impegno va nella direzione di impiantare una soluzione gestionale che preveda un affiancamento al cittadino che non riesce a pagare e riveda completamente il regolamento delle entrate definendo uno specifico testo per disciplinare in modo puntuale, chiaro, equo e trasparente l’istituto della rateizzazione”

Sindaco soddisfatto dei numeri

Il sindaco nei suoi interventi durante il Consiglio comunale e a latere dello stesso, si è detto soddisfatto dei numeri: “Siamo riusciti a mantenere un equilibrio di bilancio che garantirà ancora un buono standard di servizi alla città senza chiedere nemmeno un solo euro in più ai contribuenti grottaferratesi” ha detto Andreotti che si è quindi soffermato sul riscontro che vedranno i cittadini in termini di manutenzione e nuove opere pubbliche.

“L’Amministrazione ha avviato una serie di iniziative per rispondere alle esigenze del territorio

Si pensi alla realizzazione dell’isola ecologica, il rifacimento della palestra della scuola Isidoro Croce, l’efficientamento energetico delle scuole, alla sistemazione del manto erboso dell’impianto sportivo di via degli Ulivi e altre. Interventi che vanno ad aggiungersi ai numerosi lavori messi in cantiere e in via di svolgimento su tutto il territorio cittadino dallo scorso mese di marzo per quasi un milione di euro d’avanzo dell’esercizio dello scorso anno”.

Il sindaco Andreotti ha quindi ringraziato l’intero Consiglio comunale: la maggioranza ma anche “i gruppi di minoranza che pur mantenendo in pieno le prerogative di controllo puntuale, facendo una opposizione puntuale e mirata, hanno manifestato nel contempo anche uno spirito collaborativo incentrato sulla critica costruttiva e sulla dialettica rispettosa in un dibattito del quale come sindaco sono pronto a raccogliere gli spunti emersi”.

Andreotti ha poi rivolto un pensiero agli uffici comunali che, coordinati dall’assessora Prisco, hanno prodotto un quadro che rappresenta fedelmente le volontà politiche dell’Amministrazione e con il voto favorevole del Consiglio ha avviato il nuovo ciclo di programmazione dell’Ente.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Aprile: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it