Connect with us

Cronaca

Gestione Rifiuti: ultimatum della Regione Rosario Crocetta a Palermo e Catania: "Pronto a commissariare"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

di Paolino Canzoneri

PALERMO – iL Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta in una conferenza stampa a Palazzo D'Orleans ha espressamente dichiarato che qualora Palermo e Catania in tema di gestione di rifiuti non dovessero aumentare le percentuali relative alla differenziata si potrebbe procedere ad un commissariamento. Sono parole ferme e decise che sanno di preciso ultimatum: "Palermo e Catania non hanno raggiunto gli standard richiesti d'incremento della differenziata in sei mesi.  Se i comuni di Palermo e Catania non aumenteranno le proprie percentuali di differenziata valuteremo l’ipotesi di un commissariamento per la differenziata. Il primo obiettivo è non conferire mai più secco in discarica. Non possiamo consentire che gli sforzi che stiamo attuando siano vanificati dalle città capoluogo delle città metropolitane. Faremo una una riunione la prossima settimana, se i dati che abbiamo dovessero essere confermati sulla differenziata, non escludiamo il commissariamento Non è possibile che nelle discariche si faccia la biostabilizzazione e la tritovagliatura e poi si conferisca tutto in discarica. Appare evidente come l'ultimatum sia direttamente e indirettamente rivolto ai due sindaci delle due città più grandi della regione, Leoluca Orlando per il capoluogo ed Enzo Bianco per Catania alle prese con difficoltà di non facile risoluzione per quel che concerne l'organizzazione e la gestione dei rifiuti sopratutto per l'espansione capillare ancora non attuata del servizio di differenziata nelle città. Si paventa quindi la concreta possibilità di spedire i rifiuti siciliani all'estero come da tempo ipotizzato dal presidente della Regione. Riguardo il capoluogo siciliano la situazione appare piuttosto complessa. Noi de l'Osservatore d'Italia poche settimane orsono abbiamo sollevato il problema con dei reportage mirati a comprendere e dettagliare il problema della gestione dei rifiuti a fondo, abbiamo sollevato il problema cercando di far emergere quelle discrepanze tuttora persistenti fra propositi di attuazione ed espansione del servizio di differenziata, (al momento suddivisa in modo troppo discontinuo e poco esteso), e la concreta e controllata attuazione. Da stime risulta che la differenziata a Palermo copre un bacino minimo di circa130mila abitanti su 800mila, bassissima ovviamente anche se sembra che entro fine anno si dovrebbe estendere ad un altro bacino di 130mila abitanti e i quartieri interessati sono quello che vanno da Viale Strasburgo fino a Mondello e quello che riguarda il centro storico che è scoperto dal servizio di raccolta differenziata perchè arriva fino al Teatro Politeama dalla Via Libertà; in tutto questo malgrado il servizio per ragioni strategiche sia concentrato nei "quartieri bene" di Palermo quindi da via Libertà e tutte le zone limitrofe, la differenziata va malissimo perchè non sempre sembri rispettata e correttamente condotta dai palermitani. Mancano i controlli e nonostante queste evidenti difficoltà il sindaco Leoluca Orlando ha reclutato un gruppo di vigili urbani per andare nei condomini e multare quelli che non svolgono bene la differenziata proprio come fanno a Mlano che da oltre dieci anni non si vede per strada nessun cassonetto di rifiuti solidi urbani RSU e il porta a porta funziona e quando non funziona le multe sono salate e rigorose perchè sembra l'unico modo per garantire una raccolta differenziata seria con rifiuti omogenei ben raccolti e conferiti negli appositi contenitori. Il presidente della Regione Sicilia Crocetta sempre durante la conferenza stampa non ha perso l'occasione per rivolgere una polemica al M5S: "E’ inutile che mi dicano che ci vuole la differenziata, che la facciano fare al sindaco di Bagheria dove la differenziata è ferma a poco più del 3%. A Palermo e Catania invece di aumentare la differenziata è diminuita, così i nostri sforzi vengono vanificati. Così non va. Potrei eventualmente provvedere a nominare un commissario della differenziata per Palermo e Catania; non voglio che si pensi che ce l’ho con Orlando e Bianco che stimo ma dispiace che i due capoluoghi più importanti abbiano basse percentuali di differenziata. I numeri parlano chiaro".  Parole invece di elogio sono state spese per Ventimiglia di Sicilia: "Lì si viaggia ormai verso i rifiuti zero, un concetto grillino applicato da un sindaco del Pd”. 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Rieti, smaltiscono illecitamente 750 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi: denunciate due persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

I rifiuti sono costituiti da terre e rocce da scavo prodotte nel corso dei lavori di ampliamento di un tratto della rete di distribuzione del gas metano

gestione illecita di 750 rifiuti: 750 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi. due persone denunciate.

A conclusione di attività d’indagine iniziata nel mese di luglio nel Comune di Greccio (RI), i Carabinieri Forestali di Contigliano hanno accertato lo smaltimento illecito di circa

750 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi, costituiti da terre e rocce da scavo prodotte nel corso dei lavori di ampliamento di un tratto della rete di distribuzione del gas metano da parte di una Ditta della provincia di Teramo sono stati smaltiti illecitamente.

Questo quanto accertato a conclusione di una attività di indagine, iniziata nel mese di luglio nel Comune di Greccio, portata avanti dai Carabinieri Forestali di Contigliano.

I rifiuti erano stati trasportati presso una cava sita in frazione San Giovanni Reatino del comune di Rieti, gestita da un’Impresa del reatino sprovvista di impianto autorizzato alla gestione di rifiuti.

Denunciati alla competente Autorità Giudiziaria due soggetti, rispettivamente titolare e presidente delle due aziende. Entrambi risponderanno, in concorso, del reato di gestione illecita di rifiuti, rischiando, in caso di condanna, l’arresto fino a un anno e un’ammenda molto severa, consistente nel pagamento di una sanzione pecuniaria che potrà raggiungere 26.000 euro.

Le operazioni di gestione dei rifiuti sono da sempre considerate uno degli anelli deboli della catena del recupero ambientale. È per questa ragione che non scende la soglia di attenzione della specialità dell’Arma deputata al contrasto dei reati ambientali, attraverso la sua capillare e vigile attività di monitoraggio e controllo del territorio.

Continua a leggere

Cronaca

Palermo, Open Arms: inizia il processo che vede imputato Matteo Salvini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si apre questa mattina nell’aula bunker del carcere palermitano di Pagliarelli l’udienza del processo che vede imputato il leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per aver impedito alla nave della Ong Open Arms di attraccare con 147 migranti soccorsi in mare. L’udienza, dedicata all’ammissione delle liste testi di accusa e difesa e alle produzioni documentali, si svolge davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale.

La Procura ha citato a deporre, tra gli altri, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, l’ex premier Giuseppe Conte e tre componenti dell’allora suo governo, l’ex vice premier Luigi Di Maio, e gli ex ministri ai Trasporti, Danilo Toninelli, e alla Difesa, Elisabetta Trenta.

Alcune parti civili hanno indicato tra i testimoni anche l’attore Richard Gere, che nel 2019 salì a bordo della Open Arms mentre la nave attendeva l’autorizzazione all’attracco. Salvini, che sarà presente all’udienza, nel corso di una conferenza stampa svoltasi ieri a Palermo ha commentato: “Spero che il processo non si trasformi in un festival del cinema. Penso di essere l’unico ministro in Europa che va a processo per aver fatto il proprio dovere” . 

Continua a leggere

Cronaca

Falsi farmaci contro il Covid: oscurati 42 siti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Sono stati 42 i siti, collocati su server esteri, oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute perché venivano pubblicizzati o offerti in vendita vari farmaci anche contro il covid 19. Su 35 dei 42 siti veniva venduta anche l’ivermectina, antiparassitario utilizzato in campo veterinario e per il quale l’Ema, nel marzo 2021, ha raccomandato di non utilizzare il principio attivo per la prevenzione o il trattamento del covid al di fuori degli studi clinici.

Con questa operazione salgono a 283 i siti oscurati dai Nas nel 2021, di cui 244 legati all’emergenza Covid. 

Continua a leggere

I più letti