Connect with us

Sport

Ginnastica ritmica, la Polimnia Ritmica Romana conquista l’accesso alla fase finale del campionato di serie a2 a Torino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nuovo successo per la Polimnia Ritmica Romana. Nella terza prova del Campionato Nazionale di serie A, che si è tenuta nei giorni scorsi a Desio, le migliori 24 società d’Italia hanno dato vita ad una gara di altissimo livello e la squadra romana, rappresentante anche del Municipio XIII, non poteva iniziare la stagione in maniera migliore: il terzo posto nella classifica generale di serie A2 proietta le “verdoline” alla finalissima di Torino, ovvero la nuova Final Six, riservata alle prime 6 squadre classificate della Regoular Season della massima serie.

La gara è stata ulteriormente impreziosita dall’esibizione della Squadra Nazionale Italiana (tra le cui fila troviamo Martina Centofanti, ginnasta cresciuta nella Polimnia Ritmica Romana) che ha presentato i nuovi esercizi in vista di Tokio 2021.

“Abbiamo aspettato tanto questo moment”, afferma Liliana Iacomini, tecnica responsabile del settore Gold della Polimnia, “rientrare in pedana dopo tanti mesi è stato emozionante, ma farlo disputando la gara più importante e prestigiosa è stato davvero difficile. Le nostre ragazze hanno saputo mantenere i nervi saldi e ci hanno regalato bellissime esecuzioni: siamo soddisfatte del risultato e anche se alcuni errori ci sono stati. Ma l’aver centrato l’obiettivo della qualificazione alla Final Six ci rende orgogliose e cariche”.

Soddisfazione è stata espressa anche da Marzia Farlo, tecnica della squadra insieme a Fiammetta Mantella e alla coreografa Patrizia Natoli. “Abbiamo lavorato tanto in questi mesi”, spiega Farlo, “organizzando allenamenti on line durante il lockdown e poi di nuovo in palestra da maggio, applicando rigidamente tutti i protocolli e questo risultato ci ripaga di tutte le fatiche”. Prima della partenza le verdoline hanno ricevuto una visita speciale: Elisa Santoni, storico capitano della Squadra Nazionale Italiana plurimedagliata olimpica e cresciuta nella Polimnia Ritmica Romana, dopo aver terminato l’attività agonistica con Londra 2012 non ha mai fatto mancare il suo supporto alla squadra e l’ultimo giorno di allenamento è andata in palestra a dare personalmente il suo “in bocca al lupo” alle ragazze.

“E’ stato un momento speciale, che ha caricato la squadra!”, prosegue Marzia Farlo. La gara si è svolta senza presenza di pubblico: “è una sensazione particolare” racconta Elisa Todini, la capitana del Team Polimnia “perché manca il sostegno del pubblico e la magia dell’applauso alla fine dell’esercizio, ma già essere tornate a gareggiare è una gran cosa!” Insieme a Elisa Todini hanno gareggiato Martina Gargaro (la più giovane del team), Elizabeta Havyliv e Martina Lamberti, che dall’Accademia di Fabriano, dove è in ritiro con la Squadra Nazionale Juniores in preparazione per i prossimi Campionati Europei, ha dovuto dividersi tra l’allenamento di squadra e la preparazione dei suoi esercizi individuali. Insieme a loro Alessandra Cipriani, riserva sempre pronta a sostegno della squadra. Adesso il team diretto da Michela Conti è già al lavoro per essere protagonista del grande spettacolo che andrà in scena tra 2 settimane al Palaruffini di Torino: “guardare avanti con fiducia è il modo migliore per superare tutte le difficoltà ed i problemi di questo periodo, e noi, insieme alle nostre meravigliose atlete, siamo pronte a portare avanti il nostro sogno”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Palestrina (calcio, Eccellenza), Abbondanza: “L’obiettivo salvezza sta stretto ad una squadra così”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Palestrina (Rm) – Il blocco dei campionati “tarpa le ali” al Palestrina. Ieri la squadra prenestina, che ha festeggiato al meglio il debutto sulla panchina del rientrante tecnico Cristiano Di Loreto, ha violato il campo della Boreale per 2-1 dimostrando di aver ripreso vigore dopo qualche passaggio a vuoto. Debutto assoluto anche per il centrocampista classe 1988 Simone Abbondanza, prelevato poche ore prima dalla Tivoli.

“Il mister, che mi conosceva già, ha manifestato la voglia di mandarmi subito in campo e io non mi sono tirato indietro. Ho messo a disposizione del gruppo le mie caratteristiche tecniche e quello caratteriali, per fortuna siamo riusciti a vincere una partita che era complicata ed importante per noi”. Il centrocampista analizza la sfida più nel dettaglio: “Siamo andati in vantaggio grazie al gol di Escudero, poi la Boreale ha pareggiato i conti grazie a un calcio di rigore poco prima dell’intervallo. In quel momento siamo stati bravi a “rimanere squadra” e a riorganizzarci: la rete di Laghigna a metà ripresa ha deciso il match e ci ha permesso di conquistare tre punti pesanti”. Abbondanza parla del suo approdo nel club prenestino: “Già in estate ero stato vicinissimo al Palestrina, ma poi per motivi personali avevo deciso di rimanere alla Tivoli. Negli ultimi giorni si sono verificate le condizioni giuste per un mio trasferimento e ora sono qui”.

Abbondanza cerca di analizzare come il blocco dei campionati può incidere sulla stagione del Palestrina: “In questo momento, con un allenatore che sta cercando di far capire alla squadra la sua idea di calcio, indubbiamente può essere un vantaggio avere un mese senza partite ufficiali. Ma d’altra parte, noi calciatori siamo stati già fermi a lungo e questo nuovo stop è pesante dal punto di vista mentale, anche se non possiamo fare altro che adeguarci”. Alla ripresa le prospettive del Palestrina saranno interessanti: “Basta leggere la rosa di questa squadra – osserva Abbondanza – Una compagine come questa non può “accontentarsi” dell’obiettivo salvezza, ma può mirare a qualcosa di più”.



Continua a leggere

Calcio

Tor de’ Cenci (calcio, I cat.), Alessandrini: “Un peccato lo stop, speriamo si possa riprendere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma (Rm) – Solo l’ultimo decreto governativo ha fermato il Tor de’ Cenci. La squadra capitolina ha sbancato (per 2-1) anche il difficile campo del Città di Acilia al termine di una partita determinata e ben giocata. A sbloccarla ci ha pensato il centravanti classe 1992 Fabio Alessandrini, al suo primo sigillo stagionale: un gol bellissimo, realizzato con un superbo pallonetto che ha sorpreso l’incolpevole estremo difensore avversario.

“La palla era a mezza altezza e ho visto il portiere leggermente fuori – racconta la punta – Ci ho provato ed è andata bene, è stato sicuramente un bel gol”. La sua storia calcistica è davvero particolare: cresciuto nelle giovanili della Roma fino ad arrivare alla Primavera, Alessandrini ha avuto una esperienza in serie D coi toscani del Rosignano e poi ha vinto anche un campionato di Eccellenza col Palestrina prima di smettere per una serie di vicissitudini personali.

“Ho ripreso qualche anno fa col W3 Roma Team e poi adesso ho iniziato il terzo anno qui al Tor de’ Cenci – dice la punta – Mi trovo bene in questo gruppo ed è un vero peccato che l’ultimo decreto governativo abbia interrotto il campionato. Avevamo fatto una grande partenza, anche se non abbiamo alcuna voglia di fare programmi: dobbiamo semplicemente pensare di giocare ogni partita al massimo, sperando che si possa tornare in campo al più presto”.

Alessandrini parla del match vinto col Città di Acilia: “Abbiamo giocato sicuramente un buon primo tempo, sbagliando anche un calcio di rigore con Frasca (parato dal portiere avversario, ndr) e creando altre occasioni prima di passare in vantaggio. Nella ripresa, forse, ci siamo un po’ adagiati sul risultato e gli avversari hanno aumentato la pressione. Poi è arrivato un cartellino rosso per i padroni di casa e il nostro gol del 2-0 (un’autorete propiziata da un tiro finito sul palo di Ascione, appena subentrato, ndr) ci ha messo tranquillità, anche se nel finale il Città di Acilia ha realizzato la rete dell’1-2”.



Continua a leggere

Calcio

Polisportiva Bellegra (calcio, Promozione), Scotini è il neo tecnico: “Arrivo con tanto entusiasmo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Bellegra (Rm) – La Promozione della Polisportiva Bellegra volta pagina. La sconfitta di domenica scorsa sul campo dell’Almas (0-2, quarto k.o. consecutivo in altrettante gare ufficiali da inizio stagione, una in Coppa e tre in campionato) ha convinto la dirigenza a provare a dare un segnale: si è interrotto, dunque, il rapporto con mister Vinicio Quaresima e al suo posto il club ha chiamato Andrea Scotini. L’ex allenatore dell’Atletico Zagarolo avrà il compito di risollevare un gruppo che, inevitabilmente, non avrà il morale alle stelle in questo periodo, stante l’ultimo posto in classifica nel girone D (anche se c’è la gara col Bi.Ti. Marino da recuperare il 28 ottobre). “Arrivo con tanto entusiasmo e voglia di fare – dice Scotini – Sono fermo da marzo quando si è interrotto il campionato scorso e poi in estate l’Atletico Zagarolo ha deciso di non iscriversi in questa nuova stagione. Ho parlato col presidente Ciani e il ds Pascucci: so che la piazza è esigente e che il campionato è molto duro, stante anche il regolamento sul numero di retrocessioni, ma metterò il massimo impegno in questa avventura”. Scotini ha diretto ieri il primo allenamento: “La rosa andrà inevitabilmente sfoltita perché siamo in tanti, poi fino al 31 ottobre il mercato è aperto e vedremo assieme alla società se si potrà fare qualcosa. Dell’organico attuale ho già allenato Pestozzi, Moroni e Nati, ma conosco altri elementi come Martinoli e Antonelli e quelli “storici” di Bellegra, vale a dire De Santis, Moselli e Battisti. Il nostro obiettivo è chiaramente quello della salvezza”. Domenica prossima l’esordio di Scotini sulla panchina della Polisportiva Bellegra: l’avversario sarà l’Atletico Colleferro che ha collezionato quattro punti nelle prime quattro gare di campionato. “Mi aspetto che la squadra metta sul campo una grande voglia di riscatto dopo una partenza difficoltosa: di solito un cambio d’allenatore crea una scossa all’interno di un gruppo e speriamo sia così anche stavolta, poi dovremo essere bravi a dare continuità alla nostra reazione”.



Continua a leggere

I più letti