Connect with us

Esteri

GIULIO REGENI: L'ITALIA NON "BEVE" LE VERSIONE DELL'EGITTO. "IL CASO NON E' CHIUSO"

Clicca e condividi l'articolo

Inquirenti italiani: "Non c'è alcun elemento certo che confermi che siano stati loro"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Roma  – Gli inquirenti italiani che indagano sulla misteriosa morte di Giulio Reneni hanno sollevato numerosi dubbi in merito alla svolta sul caso presentata dalle autorità egiziane. Gli investigatori italiani sottolineano inoltre “Il caso non è affatto chiuso. Non c'è alcun elemento certo che confermi che siano stati loro” puntualizzando inoltre che avevano chiesto alle autorità egiziane dei documenti importanti ai fini delle indagini, come le celle telefoniche agganciate da Giulio il giorno della scomparsa e immagini di telecamere. Dal fronte egiziano c’è stato un tentativo di chiusura del caso e riguarda l’arresto di due soggetti che vennero inizialmente additati come colpevoli e responsabili dalla stampa. Successivamente è emerso che i due soggetti non furono mai arrestati, ma semplicemente fermati per controlli e interrogati e successivamente rilasciati. Quando furono arrestati i due soggetti, dal fronte egiziano fu diffusa immediatamente la notizia dell’arresto. Ma perché diffondere una falsa notizia? Qual’era lo scopo? Fretta di chiudere il caso? In merito all’azione compiuta dal fronte egiziano in merito alla soppressione dei carnefici di Giulio un dubbio sopraggiunge: Come mai uccidere tutta la banda? Non sarebbe stato meglio interrogarli e capire le motivazioni del loro gesto e del perché avessero ucciso Giulio? Sono domande lecite, che tutti gli italiani si pongono di fronte ad una morte che ancora oggi lascia senza parole. 
 
Ma cosa hanno fatto gli inquirenti egiziani? Hanno sgominato e ucciso una banda di rapinatori specializzata in rapine e sequestri ai danni di stranieri. La banda è stata sgominata nella giornata di ieri, 24 marzo, al Cairo e sono stati uccisi 5 componenti dell’organizzazione. A casa di uno dei familiari degli affiliati alla banda sono stati rinvenuti documenti appartenenti a Giulio Regeni, come il passaporto e altro. A dare conferma del collegamento tra la morte di Giulio e la banda è il ministro dell’Interno egiziano che ha dichiarato in un comunicato: “i servizi di sicurezza hanno trovato nell'appartamento un 'handbag' rosso sul quale è stampata la bandiera italiana e all'interno c'è un portadocumenti di colore marrone nel quale si trova il passaporto recante il nome di Giulio Regeni, nato nel 1988, il suo documento di riconoscimento (ID) dell'università americana con la sua foto sulla quale c'è scritto in lingua inglese 'assistente ricercatore', il suo documento di Cambridge, la sua carta" di credito "Visa e due telefoni portatili", aggiunge inoltre che hanno trovato “un portafogli femminile con la parola 'love' nel quale si trovano 5 mila sterline egiziane, un pezzetto di materiale scuro che potrebbero essere 15 grammi di cannabis, un orologio”. Nel comunicato si parla anche dei documenti trovati e soprattutto del luogo in cui sono stati rinvenuti “La residenza, nel governatorato di Qalyubiyya della sorella del principale accusato, che si chiama Rasha Saad Abdel Fatah, 34 anni, è stata presa di mira perché le indagini hanno dimostrato che lui andava da lei di tanto in tanto”. In merito ai soggetti, il ministero ha riferito che le forze di sicurezza hanno ucciso i componenti della banda in uno scontro a fuoco e ha aggiunto che sequestravano stranieri per derubarli “Al momento dell'arresto", tentato nella zona della "New Cairo-5th Settlement” in seguito ad uno scontro a fuoco “tutti i componenti della banda sono rimasti uccisi". 

Esteri

Hong Kong, blitz della polizia all’Apple Daily: arrestati 5 dirigenti della testata giornalistica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il Dipartimento di sicurezza della polizia di Hong Kong ha fatto irruzione questa mattina negli uffici dell’Apple Daily, il tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai, arrestando cinque dirigenti in base alla legge sulla sicurezza nazionale, incluso il suo direttore Ryan Law.
Il blitz è l’ultimo attacco contro la popolare testata che ha sostenuto il movimento a favore della democrazia del centro finanziario.

La polizia ha detto che cinque dirigenti sono stati arrestati “per collusione con un paese straniero o con elementi esterni per mettere in pericolo la sicurezza nazionale”.

Continua a leggere

Esteri

Caso Marò, è finita: chiusi tutti i procedimenti a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Corte Suprema indiana ha ordinato la chiusura di tutti i procedimenti giudiziari nel Paese a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due Marò coinvolti nella morte di due pescatori indiani nel 2012. Lo riporta il giornale indiano in lingua inglese The Hindu.

La Corte Suprema indiana aveva rinviato la chiusura del caso lo scorso 19 aprile perche’ l’indennizzo di cento milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro) che l’Italia doveva versare alle famiglie delle vittime non era stato ancora depositato.

Nel corso dell’udienza del 19 aprile, che era stata presieduta dallo stesso presidente della Corte – Sharad Arvind Bobde – il procuratore generale dello Stato, Tushar Mehta, aveva dichiarato che “l’Italia ha avviato il trasferimento di denaro”, aggiungendo però che la somma non era ancora disponibile. Il nove aprile scorso la Corte aveva deciso che il caso sarebbe stato chiuso solo dopo il deposito del risarcimento pattuito. I due militari erano accusati di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani, al largo delle coste del Kerala: i fucilieri, che erano impegnati in una missione antipirateria a bordo della nave commerciale italiana Enrica Lexie, videro avvicinarsi il peschereccio Saint Antony e, temendo un attacco di pirati, spararono alcuni colpi di avvertimento in acqua. A bordo della piccola imbarcazione, però , morirono i due pescatori Ajeesh Pink e Valentine Jelastine, e rimase ferito l’armatore del peschereccio, Freddy Bosco. Dopo un lungo contenzioso, nel luglio del 2020 il tribunale internazionale dell’Aja, che aveva riconosciuto “l’immunità funzionale” ai fucilieri, aveva stabilito che la giurisdizione sul caso spettava all’Italia e aveva disposto il risarcimento alle famiglie delle vittime.

“Chiusi tutti i procedimenti giudiziari in India nei confronti dei nostri due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Grazie a chi ha lavorato con costanza al caso, grazie al nostro infaticabile corpo diplomatico. Si mette definitivamente un punto a questa lunga vicenda”. Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Continua a leggere

Ambiente

Cina, paura per la centrale nucleare ma per le autorità tutto nella norma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Uno dei reattori EPR della centrale nucleare di Taishan, nel sud della Cina, ha fatto registrare “un aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario”, ha fatto sapere il gruppo francese EDF.

EDF, uno dei gruppi che ha partecipato alla costruzione dell’impianto, “è stata informata dell’aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario del reattore n.1 della centrale nucleare di Taishan, gestita dal TNPJVC, joint-venture di CGN (70%) e EDF (30%)”, si legge in un comunicato. Il circuito primario è un circuito sigillato che contiene acqua sotto pressione, che si scalda nella vasca del reattore a contatto di elementi combustibili.

Fra i gas cosiddetti “nobili” o rari, ci sono l’argon, l’elio, il krypton, l’argon o il neon

“La presenza di alcuni gas nobili nel circuito primario – precisa EDF – è un fenomeno noto, studiato e previsto dalle procedure di gestione dei reattori”. La tv americana CNN, sulla base di una lettera inviata da Framatome al Dipartimento per l’Energia americano, ha parlato di una possibile “fuga” nella centrale, dove ci sono due reattori EPR con tecnologia francese. Secondo la CNN, le autorità per la sicurezza cinesi avrebbero rilevato limiti “accettabili” di radiazioni all’esterno del sito per evitare di sospendere l’attività della centrale. 

Continua a leggere

I più letti