1

Grillo: “L’autismo è la malattia del secolo”. E’ polemica sulla battuta dell’ex comico

“Chi siamo? Dove siamo? Siamo pieni di malattie nevrotiche, siamo pieni di autismi. L’autismo è la malattia del secolo, signori, e l’autismo non lo riconosci”. Un’uscita infelice, questa di Beppe Grillo, che a distanza di un giorno dalla kermesse di chiusura della festa dei Cinque Stelle al Circo Massimo, ha scatenato polemiche e indignazione. Insorgono i familiari dei malati, insorgono i politici, insorgono le associazioni.

Durissima Giusy Versace, deputata di Forza Italia e membro della commissione Affari sociali con delega a Pari opportunità e Disabilità: “Ritagliati del tempo e vieni con me nei centri che si occupano di ragazzi autistici. Chiedere scusa guardando in faccia le persone offese aiuta anche quelli come te! #flydown”. Scrive in un tweet. Ma non da meno è la reazione di Matteo Renzi, che sempre su Twitter si scaglia contro il fondatore del M5s: ” Insultare un bambino autistico è peggio di insultare un Presidente. Beppe Grillo, fai schifo”. “Caro Beppe Grillo – rincara la dose Giorgia Meloni – usi sindromi rare e complesse per far ridere la folla e lo considero vergognoso”.

A scendere in campo non solo politici, ma soprattutto i malati e chi con i malati ci vive da anni. “Caro Beppe Grillo – si legge in una lettera postata sul gruppo Facebook ‘Per Noi Autistici’ – non è bello prendere in giro noi autistici, darci degli psicopatici e usarci come oggetto di scherno. Proprio tu… Dovresti sapere che chi ha un figlio autistico già deve ogni istante combattere perché il figlio non sia discriminato, non debba subire lo scherno di chi non capisce che proprio quel suo ‘non capire’ non è dovuto a cattiveria ma a un suo modo d’essere, al suo ‘cervello diverso'”. “Ancora una volta Beppe Grillo (esempio peraltro imitato) – scrive la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (Fish) – usa termini piuttosto volgari, oltre che profondamente scorretti, per stigmatizzare gli avversari politici, cadendo pure nei più bassi luoghi comuni figli del pregiudizio”.

“Non mi stupisco più – si sfoga la mamma di un bimbo autistico – ed è questa è la vera malattia nevrotica di cui dovrei preoccuparmi. Non mi stupisco che si usino persone come mio figlio, di professione autistico a basso funzionamento, per denigrare, per offendere, per denunciare un male sociale. Non mi stupisco, ma dovrei, perché le persone come Luca, che spesso non hanno gli strumenti per controbattere, sono tra quelle più vulnerabili sulla faccia della Terra”.