Connect with us

Castelli Romani

Grottaferrata, europrogettazione: il Sindaco Andreotti mette un punto fermo sul futuro della città

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

GROTTAFERRATA (RM) – Due stagisti in europrogettazione immediatamente a disposizione presso il Comune di Grottaferrata, quattro assi tematiche fondamentali, cinque importanti obiettivi che spaziano a 360 gradi sulla prospettiva futura della città.

Saranno questi i capisaldi di Europa in Comune, osservatorio sui progetti europei presentato ieri dal sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti e dall’assessora alle Politiche finanziarie, di Bilancio e Patrimonio, Simona Caricasulo nel corso di una conferenza stampa nella quale la Città di Grottaferrata ha dato il via a una collaborazione strutturale col Master in Europrogettazione dell’Università La Sapienza alla presenza del preside della Facoltà di Economia, professor Fabrizio D’Ascenzo.

Un punto fermo nella programmazione degli anni a venire della vita di Grottaferrata che il primo cittadino non ha esitato a definire “vitale tra i piani della sua giunta in questo primo mandato”.

Un passo iniziale al quale si è arrivati che dovrà essere prodromico alla costituzione “di un Ufficio Europa interno al Comune, una struttura moderna possa agire e favorire l’accesso dell’ente ai finanziamenti europei nelle varie aree e possa servire anche gli altri comuni, lavorando in squadra” ha ribadito il primo cittadino che quindi ha voluto ringraziare anche il consigliere comunale Piero Famiglietti, presente in sala assieme alla presidente del Consiglio comunale, Francesca Maria Passini, per il costante pungolo su questa tematica.

“La collaborazione con l’università nella formazione dovrà diventare strutturale e duratura”  ha detto ancora il sindaco, supportato dal professor D’Ascenzo che in apertura del suo intervento ha definito il nascente rapporto tra Grottaferrata e l’Università La Sapienza al pari di un “esempio di collaborazione tra rami diversi della Pubblica Amministrazione: dall’ente locale all’ateneo”. In tal senso il preside è voluto entrare proprio nel merito della necessaria professionalizzazione delle figure di “europrogettatori” che si vanno formando in un ambito universitario “dai requisiti ineliminabili” che sono poi quelli che danno il valore al master stesso: “attività frontali, visite istituzionali di cui un’Amministrazione comunale virtuosa come quella di Grottaferrata che ha scelto di collaborare in questa direzione, coglierà certamente le molteplici opportunità”.

In tal senso pronta è stata l’esposizione dell’assessora Simona Caricasulo autrice di una relazione nella quale sono emersi chiaramente strategia e traguardi di un progetto, Europa in Comune, che non può fare a meno di nuove figure professionali come quelle degli europrogettisti di cui Grottaferrata intenderà dotarsi in pianta organica. Omne vivum ex vivo il motto latino scelto per l’iniziativa a sottolineare la coerenza e la centralità della presenza e dell’azione umana attraverso i grandi cambiamenti di fronte ai quali i tempi ci pongono.

Quattro, come detto, sono le direttrici che l’Amministrazione ha individuato in una bozza di programmazione: la coesione sociale raggiungibile attraverso una mai secondaria dimensione umana dei rapporti, lo sviluppo territoriale attraverso la sostenibilità, la rigenerazione e la riqualificazione urbana, una amministrazione efficace  capace di dare vita a una  sinergia tra pubblico e privato dove l’ente pubblico possa diventare il facilitatore in un dialogo fondato su una capacità di visione del territorio e su una buona gestione dell’informazione.

Direttrici che portano a una raggiera di obiettivi fondati su conoscenza della storia, dell’identità, della cultura e delle specificità del territorio: attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale e librario presente nell’Abbazia di San Nilo, approdo del cammino che il monaco fondatore ha compiuto partendo dalla Calabria e mettendo naturalmente Grottaferrata in una posizione di dialogo naturale con le comunità toccate dal percorso niliano. Non secondario l’obiettivo di trasformare Grottaferrata in Città della Salute, fondata su uno sviluppo deciso dell’economia green e di un turismo centrato su una mobilità sostenibile. Per arrivare quindi alla riqualificazione della Fiera che, forte dei suoi quattrocento anni, deve diventare momento di scambio di idee e conoscenze.

Una evidente multidisciplinarietà che spiega facilmente il perché, illustrato dal professor Andrea Rocchi, coordinatore del Master giunto all’ottava edizione, vi sia una apertura ai laureati di qualsiasi ambito.

E se il professor Vanni Resta, europrogettista e docente del master, ha parlato di “Europa in Comune” come di una “idea da osannare”, il sindaco Andreotti nel suo intervento conclusivo ha voluto sottolineare nuovamente l’urgenza di “investire sul futuro, aprendo una finestra sull’Europa”, ambito nel quale i Comuni sono gravemente carenti e per il quale si sono perse troppe opportunità: “Grottaferrata – ha detto –  non ha partecipato con alcun proprio progetto finanziato dal Fondo Strutturale Europeo 2014-2020. Ragion per cui è ora, in vista del prossimo settennato, di prepararci a cogliere queste opportunità fondamentali rispetto alle quali non intendiamo più restare indietro”.

Presenti in sala e intervenuti brevi interventi di sottolineatura dell’importanza del tema trattato nell’incontro: l’assessore alle Attività Produttive, Gianluca Santilli, il consigliere delegato al Turismo, Alessandro Cocco, l’assessora alle Politiche Sociali, Tiziana Salmaso, il presidente della Consulta per la Cultura, professor Carlo Mongardini, il presidente dell’associazione commercianti, Angelo Mecozzi e la presidente del Centro Socio Culturale, Nicoletta Vinciguerra.

“La formazione che si andrà a fare per il master in progettazione europea è aperta a giovani laureati che si iscriveranno ai corsi annuali e avrà la durata di 4 anni” ha aggiunto il sindaco Andreotti a latere dell’incontro.

“Ai master parteciperanno ogni anno singoli dipendenti dell’ente.

L’Amministrazione intende istituire una borsa di studio per far partecipare ogni anno un giovane laureato di Grottaferrata. Questi nostri giovanni una volta formati andranno a costruire l’ufficio Europa in Comune interno all’amministrazione”.

“L’intento dell’Amministrazione – ha concluso il sindaco – è quello di dare l’opportunità ai giovani grottaferratesi di specializzarsi in un lavoro che sarà sempre più attuale e richiesto”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca di Papa: sfiduciata la sindaca Veronica Cimino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

I consiglieri di maggioranza e opposizione hanno fatto cadere la sindaca Veronica Cimino. Le dimissioni di massa arrivano a pochi giorni da un blitz per dismettere le antenne abusive a Rocca di Papa. Ecco cosa scrive Andrea Croce sul suo profilo Facebook: «Abbiamo appena protocollato al Comune le dimissioni da Consiglieri comunali. Siamo in totale 10, 6 di minoranza e 4 di maggioranza.Il Consiglio comunale sarà sciolto e Veronica Cimino non sarà più la nostra sindaca.Una sindaca che il sottoscritto non ha mai sostenuto, nemmeno al ballottaggio. E lo rivendico con orgoglio!Finalmente si mette fine ad una delle esperienze amministrative più tristi e brutte degli ultimi decenni che lascia Rocca di Papa nell’insicurezza e nel degrado.Siamo felici che alcuni Consiglieri di maggioranza siano alla fine venuti sulle stesse posizioni del Partito Democratico che, con la mia attività di capogruppo, quella della Consigliera Gloria Silvestrini, insieme al rinnovato Direttivo, non ha mai smesso di criticare e picconare Cimino, chiedendo di cambiare rotta o di dimettersi.Non appena sarà nominato il Commissario prefettizio, prenderò subito un appuntamento per chiedergli di non trascurare alcune importanti situazioni che Cimino ha tralasciato e che invece vanno urgentemente risolte.Poi sarà tempo di guardare avanti: dovremo dare a Rocca di Papa un’amministrazione capace, umile, laboriosa, unita. Noi ci saremo e faremo di tutto per dare a Rocca di Papa tutto il nostro meglio».

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, cittadini senza acqua da 24 ore: grave guasto alla pompa di via dei Corsi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Niente acqua per i residenti della parte alta di Nemi a causa di un guasto alla pompa di sollevamento di via dei Corsi. “La mancanza di acqua iniziata nel tardo pomeriggio di ieri – ha riferito un cittadino – in questi quartieri si verifica da anni quasi sempre nel periodo natalizio e in quello estivo”.

Immediato il tam tam tra i vari abitanti che hanno iniziato a telefonare al numero verde del gestore Acea. E dopo numerose chiamate e una Pec inviata ad Acea e per conoscenza all’ufficio Tecnico del Comune di Nemi nel pomeriggio di oggi, dopo quasi 24 ore dal guasto, è arrivato il messaggio del sindaco che ha fatto sapere che Acea sta sostituendo la pompa del pozzo a causa di un grave guasto causato dal maltempo e che il ripristino del regolare flusso è previsto per la serata di domani. Il primo cittadino ha fatto sapere anche che sono state posizionate delle autobotti in via Parco dei Lecci incrocio con via dei Corsi e in via Nemorense nei parcheggi del ristorante “Il Faro”.

Alcuni residenti fanno però sapere che delle autobotti non c’e’ traccia.

E c’è chi ha immortalato con una foto, scattata nel tardo pomeriggio di oggi, via Parco dei Lecci angolo con via dei Corsi dove di autobotti non c’è traccia.

Alle 21 circa un residente ha confermato la presenza dell’autobotte che nel frattempo è arrivata posizionandosi in via Parco dei Lecci angolo via dei Corsi.

Continua a leggere

Castelli Romani

Maltempo Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina: allagamenti, alberi caduti e persone intrappolate in casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Nella notte tra il 21 e 22 novembre sono stati effettuati circa 80 interventi dalle squadre VVF a causa del maltempo. Le zone più colpite sono quelle dei Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina , dove si è intervenuti per richieste legate a tipologie di interventi quali alberi e/o rami pericolanti ,insegne pericolanti, allagamenti e danni d’acqua in generale .

Si sta operando presso via del Passo della Sentinella, a Fiumicino (Idroscalo), dove il personale del Nucleo Sommozzatori con ulteriori 4 squadre in supporto ed il mezzo anfibio,stanno provvedendo al recupero di alcune persone rimaste intrappolate nelle loro abitazione a seguito di allagamenti.Seguiranno aggiornamenti.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti