Connect with us

Roma

GROTTAFERRATA: IL NUOVO GOVERNO SUPERA IL BANCO DI PROVA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Il resoconto delle sedute di Consiglio Comunale del 2 e 4 novembre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Redazione
Grottaferrata (RM)
– Nel pomeriggio di lunedì 2 novembre, presso l’Aula di Palazzo “Consoli”, si è riunito il Consiglio comunale di Grottaferrata, convocato per la discussione di diversi punti all’Ordine del Giorno. La seduta è stata presieduta inizialmente dal Vice Presidente, Consigliere Elviso ROSCINI.
Al primo punto, la surroga dell’ex Consigliera Michela PALOZZI di Forza Italia, nominata Assessore in data 27 ottobre, alla quale è subentrata la Consigliera Roberta COVIZZI.

E’ stato quindi eletto il Presidente del Consiglio comunale, rinnovando il mandato al Consigliere Marco BOSSO eletto alla terza votazione con 9 consensi favorevoli della maggioranza e 3 contrari (Partito democratico).

Il gruppo consiliare de La Città al Governo ha abbandonato l’Aula all’atto della votazione. A seguire, il Sindaco Giampiero FONTANA ha comunicato la nuova Giunta, in carica dal 27 ottobre.

Questi gli Assessori delegati: Francesca Maria PASSINI (Sostegno sociale e sussidiarietà, Scuola e infanzia, Decentramento e partecipazione, Politiche abitative, Legalità e Trasparenza e Vice Sindaco); Claudio CONSOLI (Bilancio, Patrimonio, Affari generali, Lavoro e formazione professionale, Politiche ICT ed Innovazione e Sicurezza Urbana); Paolo RUBINI (Sviluppo delle periferie, infrastrutture e manutenzione urbana, Toponomastica, Servizi, trasporti e mobilità e Tutela ambientale); Andrea DE SANCTIS (Attività produttive, Fiere e mercati, Agroalimentare, Turismo, Servizio di Igiene e Decoro urbano, Politiche dell’Unione Europea); Michela PALOZZI (Tradizioni, Promozione artistica e spettacoli, Qualità della vita, sport e benessere).
Nell’occasione, il Sindaco ha voluto ringraziare i tre Assessori uscenti, Gianluca PAOLUCCI, Enrico AMBROGIONI e Daniela ANGHEBEN, per il lavoro svolto nei quindici mesi di governo della Città.

E’ stata poi discussa la Mozione di sfiducia al Sindaco ed alla Giunta comunale,
presentata dai Consiglieri di minoranza, votata con appello nominale dei componenti del Consiglio e respinta con l’esito di 11 voti contrari e 5 favorevoli. Vi è stata quindi la presa d’atto dei Capigruppo di maggioranza (riconfermati Chiara STIRPE per la lista civica Grottaferrata per Noi, Riccardo TOCCI per la lista Forza Italia ed Alessandro PIZZICANNELLA per la lista Fratelli d’Italia). Rinviato il sesto punto riguardante la nomina dei componenti di maggioranza nella Commissione elettorale (accertamenti in corso presso la Prefettura di Roma per l’effettuazione delle corrette procedure di rinnovo delle nomine). A seguire, il Presidente BOSSO ha preso atto della proposta complessiva relativa alle nuove nomine dei componenti di maggioranza in seno alle Commissioni consiliari permanenti, così distribuite: I Commissione Finanze e tributi: Chiara STIRPE, Riccardo TOCCI e Alessandro PIZZICANNELLA; II Commissione Sanità e Servizi sociali: Luigi SPALLETTA, Moira MASI e Roberta COVIZZI; III Commissione Attività produttive: Andrea MECOZZI, Vincenzo MUCCIACCIO e Giovanni CURCIO; IV Commissione Ambiente e Trasformazione urbana: Luigi SPALLETTA, Moira MASI e Riccardo TOCCI; V Commissione Lavori Pubblici: Giovanni CURCIO, Andrea MECOZZI e Roberta COVIZZI; VI Commissione Cultura: Chiara STIRPE, Vincenzo MUCCIACCIO e Roberta COVIZZI. La proposta è stata votata dalla maggioranza.

Infine sono stati approvate le nomine dei componenti di maggioranza nel Comitato Permanente dei Gemellaggi (Consiglieri Giovanni CURCIO e Andrea MECOZZI).

La seduta straordinaria del Consiglio comunale di mercoledì 4 novembre ha previsto, invece, la trattazione di numerose Interrogazioni, Interpellanze e Mozioni presentate dalla minoranza, la cui discussione si è protratta dalle 9.00 del mattino alle 20.30 della sera, poiché cinque Interpellanze sono state trasformate in altrettante Mozioni durante i lavori. Le numerose Interrogazioni e Interpellanze sono state discusse ininterrottamente, sino alle 14.30. A partire dalle 15.30, dopo una breve pausa, sono state discusse le Mozioni già iscritte all’ordine del giorno, entrambe presentate da La Città al Governo. La prima, relativa alla proposta di adesione del Comune di Grottaferrata alla campagna di sensibilizzazione denominata “Mi illumino di meno”, è stata approvata all’unanimità dei presenti, approvando, tra l’altro, lo svolgimento della 12^ edizione della Giornata del Risparmio energetico, programmata per il 19 febbraio 2016. La proposta ha ricevuto il parere favorevole da parte del Dirigente del 1° Settore Tecnico e Ambiente, il quale ha evidenziato la possibilità di dare luogo all’evento “a condizione che vengano salvaguardate le condizioni di sicurezza e che le manovre per lo spegnimento di luci e apparecchiature elettroniche non comportino impegni di spesa da parte dell’Ente comunale”. La seconda Mozione, tesa alla revoca della Delibera di Consiglio comunale n. 41 del 27 luglio 2015 (indirizzi per la realizzazione di opere infrastrutturali, servizi prioritari nel territorio comunale a scomputo degli oneri di urbanizzazione primaria), è stata respinta con 4 voti favorevoli e 9 contrari.
A seguire, sono state discusse le Mozioni derivanti da Interpellanze, di cui quattro respinte: la prima, sul complesso ex Traiano, presentata dal gruppo PD, con 4 voti favorevoli e 9 contrari; altre due afferenti la Convenzione tra Comune e Società Agricola Fonteia (una del PD e M5S, con 3 voti favorevoli, 9 contrari e 1 astenuto; l’altra, de La Città al Governo, con 2 voti favorevoli, 9 contrari e 2 astenuti); la quarta, relativa alla collocazione dell’Ecocentro comunale per la raccolta dei RSU, presentata da La Città al Governo, respinta con 4 voti favorevoli e 9 contrari. Infine, è stata approvata all’unanimità la quinta ed ultima Mozione derivante da Interpellanza, presentata da La Città al Governo, riguardante verifiche sulla gestione degli impianti sportivi comunali da parte delle Associazioni sportive concessionarie.
 

Cultura e Spettacoli

Anguillara, venerdì alla Porta del Parco la presentazione del libro più amato dai quarantenni: «Le notti non finiscono»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Alle ore 18 l’incontro con l’autore Mirko Polisano, giornalista del Messaggero

Una occasione per ripercorrere gli anni ’90. Un pomeriggio da non perdere venerdì 2 dicembre ore 18 presso La Porta del Parco ad Anguillara Sabazia per la presentazione del libro di Mirko Polisano «Le notti non finiscono».

Dal rigore di Roberto Baggio alle Nike Air Max. Dalle canzoni del Karaoke di Fiorello ai balli pomeridiani delle ragazze di “Non è la Rai”. C’è la storia degli anni’90 in questo libro. Il racconto di un gruppo di ragazzi che vive l’adolescenza tra pallone, motorini e primi amori. Quando l’estate era il tempo dei mondiali (e l’Italia partecipava) e delle grandi amicizie. Sullo sfondo c’è Roma e il mare di Ostia con le sue vicende di cronaca che si intrecciano con i protagonisti di queste pagine. “Le notti non finiscono” di Mirko Polisano è la storia di un tempo magico e sicuramente irripetibile. Le canzoni degli 883 sono la colonna sonora di quei giorni: le corse all’uscita da scuola, lo zaino Invicta, le figurine da scambiare e i ripassi di gruppo. La maturità nell’anno della Roma campione d’Italia, i cori e gli accendini accesi a quel concerto tanto atteso. Gli anni delle prime esperienze: lo stadio, le vacanze, le uscite in motorino e lo stereo in macchina a tutto volume. I sogni di una generazione, quella nata nel 1982 e dintorni. Una storia che inizia con l’immagine di Zoff che alza la Coppa e che si conclude con la vittoria in Germania nel 2006. Come a voler chiudere un cerchio. Venuti al mondo tra i gol di Rossi, Tardelli e Altobelli, con il presidente Pertini che esultava in tribuna. Poco più che ventenni quando Grosso fece urlare a un intero Paese: «Il cielo è azzurro sopra Berlino». Eccoli, i quarantenni (e giù di lì)  di oggi. Quelli che in un momento di nostalgia si fermano a pensare «seduti in una stanza, pregando per un Si». E ancora si emozionano. 

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca di Papa: sfiduciata la sindaca Veronica Cimino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

I consiglieri di maggioranza e opposizione hanno fatto cadere la sindaca Veronica Cimino. Le dimissioni di massa arrivano a pochi giorni da un blitz per dismettere le antenne abusive a Rocca di Papa. Ecco cosa scrive Andrea Croce sul suo profilo Facebook: «Abbiamo appena protocollato al Comune le dimissioni da Consiglieri comunali. Siamo in totale 10, 6 di minoranza e 4 di maggioranza.Il Consiglio comunale sarà sciolto e Veronica Cimino non sarà più la nostra sindaca.Una sindaca che il sottoscritto non ha mai sostenuto, nemmeno al ballottaggio. E lo rivendico con orgoglio!Finalmente si mette fine ad una delle esperienze amministrative più tristi e brutte degli ultimi decenni che lascia Rocca di Papa nell’insicurezza e nel degrado.Siamo felici che alcuni Consiglieri di maggioranza siano alla fine venuti sulle stesse posizioni del Partito Democratico che, con la mia attività di capogruppo, quella della Consigliera Gloria Silvestrini, insieme al rinnovato Direttivo, non ha mai smesso di criticare e picconare Cimino, chiedendo di cambiare rotta o di dimettersi.Non appena sarà nominato il Commissario prefettizio, prenderò subito un appuntamento per chiedergli di non trascurare alcune importanti situazioni che Cimino ha tralasciato e che invece vanno urgentemente risolte.Poi sarà tempo di guardare avanti: dovremo dare a Rocca di Papa un’amministrazione capace, umile, laboriosa, unita. Noi ci saremo e faremo di tutto per dare a Rocca di Papa tutto il nostro meglio».

Continua a leggere

Cronaca

Roma, La Storta: nascondeva in casa 126 chili di marijuana

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma La Storta hanno arrestato un romano di 31 anni, già sottoposto alla misura cautelare della detenzione domiciliare, con la concessione dii permessi in determinate ore della giornata, gravemente indiziato del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Recandosi a casa della persona sottoposta a misura cautelare per un controllo, i Carabinieri, attirati dalla presenza di un forte odore, proveniente proprio dall’interno, hanno deciso di approfondire l’ispezione. Una volta dentro l’appartamento, insospettiti dalla presenza di una porta chiusa a chiave, e dalla risposta evasiva sul motivo e su cosa ci fosse all’interno, l’hanno fatta aprire ed al suo interno hanno rinvenuto bidoni e sacchi di sostanza stupefacente, del tipo marijuana, per un peso complessivo di circa 126 chili. Ai militari l’uomo ha poi riferito che si trattava di marijuana legale, ma dall’analisi effettuata presso il laboratorio è emerso che vi era una parte di marijuana che aveva un THC superiore al limite consentito. Dalla droga rinvenuta si sarebbero potute ricavare oltre 17.000 dosi di sostanza stupefacente.Alla luce di ciò, il soggetto è stato arrestato e la droga e stata sequestrata. L’arresto è stato poi convalidato dal Tribunale di Roma.Si precisa che il soggetto non aveva inoltre alcuna autorizzazione o documentazione utile a poter vendere e commercializzare la “marijuana legale”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti