Connect with us

Castelli Romani

Grottaferrata, la videosorveglianza è realtà

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il Comune di Grottaferrata sta installando in questi giorni una rete di telecamere e fototrappole a presidio costante di numerose aree del territorio cittadino, soprattutto in corrispondenza di aree verdi, abitualmente prede di vandali dediti alla distruzione come all’abbandono abusivo di cumuli di immondizia di ogni genere.

Via della Pedica, via delle Vascarelle, Pratone, via Pietro Tanzi, via Castel de’ Paolis e il parco della Madonnella saranno le zone videosorvegliate.

L’iniziativa prende corpo dopo che Grottaferrata è risultata vincitrice del bando della Città Metropolitana di Roma al quale il Comune aveva partecipato nell’autunno del 2016.

Il finanziamento del progetto ammonta a 13mila euro.

Scau Ecologica è la società fornitrice che ha vinto la gara istruita successivamente dal Comune per l’acquisto e l’installazione degli strumenti di videosorveglianza che, una volta attivi, potranno essere controllati da remoto anche in tempo reale con il semplice utilizzo di un’app per pc, tablet o smartphone da parte della Polizia locale e dell’ufficio tecnico comunale.

“L’installazione di questa rete di videosorveglianza è una buona notizia ed è solo il primo step di un progetto più ampio che potrà vedere luce grazie alla partecipazione a nuovi bandi ministeriali che prevedono l’assegnazione di fondi in materia. In tal senso abbiamo dato incarico a un ingegnere per redigere il nuovo progetto” commenta il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti.

“Approdiamo così a un risultato programmatico della nostra Amministrazione. Abbiamo sempre detto e confermiamo di puntare molto su una rinascita del territorio che parta anche da un rinnovato decoro” prosegue Andreotti.

“In questo senso la videosorveglianza non deve essere vista solo come mezzo di pur necessario controllo e sanzione di comportamenti sbagliati fino alle violazioni autentiche e gravi delle più banali norme di convivenza civile ma va percepito anche come momento e possibilità di ulteriore partecipazione della cittadinanza alla conservazione e alla valorizzazione della cosa pubblica e delle aree verdi che insistono sul territorio comunale”.

Castelli Romani

Nemi, nessuna conciliazione con i lavoratori e il sindaco diserta gli appuntamenti in prefettura: sanzionato il Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Commissione di Garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali nella seduta del 13 febbraio 2020 con delibera n. 20/29 ha irrogato una sanzione pecuniaria per l’ammontare economico complessivo di € 7.000.00 nei confronti del Comune di Nemi, in persona del legale rappresentante.
Tutto era iniziato con una nota del 25 ottobre 2019, con cui le Segreterie territoriali di Roma e Lazio delle Organizzazioni sindacali FP CGIL e CISL FP chiedevano al Prefetto di Roma di esperire le procedure di raffreddamento e di conciliazione per individuare una possibile soluzione alle “gravi problematiche del personale del Comune di Nemi legate alla mancanza totale di relazioni sindacali”; L’amministrazione Comunale di Nemi per ben due volte, seppur convocata dalla Prefettura di Roma, è risultata assente e la procedura si è quindi conclusa con esito negativo.
Su nostro esposto ed a seguito della comunicazione della Prefettura di Roma, la Commissione ha disposto l’apertura del procedimento per il “mancato espletamento delle procedure di raffreddamento e di conciliazione”, nonostante l’obbligo di esperire un tentativo preventivo di conciliazione, presso la competente Prefettura, prima della proclamazione di un eventuale sciopero.
Nel corso di tale procedimento di valutazione, il Comune di Nemi non ha presentato osservazioni né, tantomeno, ha chiesto di essere sentita in audizione, omettendo anche di comunicare, ai fini dell’applicazione dell’eventuale sanzione i riferimenti del proprio legale rappresentante pro-tempore.
Per tale motivo è stata irrogata la sanzione ed è stato invitato l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Roma ad adottare apposita ordinanza-ingiunzione entro 30 giorni dal ricevimento della delibera.
Riteniamo comunque necessario che il Comune di Nemi metta in atto
immediatamente tutte le azioni necessarie affinché ci sia una maggiore attenzione alle politiche del proprio personale e che non sia più necessario, per le parti sociali, rivolgersi ad enti terzi per la risoluzione delle problematiche dei lavoratori.
Auspichiamo che la sanzione non debba essere a carico degli ignari cittadini di Nemi, ma sia pagata dai diretti responsabili.

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, un’altra aggressione alla polizia locale: clima di tensione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Era il 2 novembre del 2019 quando un uomo, ubriaco e drogato, in pieno centro di Velletri, ha aggredito i passanti nonché ferito n. 4 Agenti e Ufficiali della Polizia Locale del Comune di Velletri, unicamente intenti a svolgere il loro lavoro, riportando, quest’ultimi, lesioni con prognosi comprese tra i 5 ed i 15 giorni.
Ora l’ennesimo caso di aggressione si ripete nuovamente con insulti e minacce a due agenti che lo avevano multato.
Un grave atto, perpetrato ancora una volta, contro chi è impegnato nello svolgere il proprio lavoro con l’unico intento di tutelare la legalità, la sicurezza dei cittadini e del territorio ma soprattutto per il rispetto della legge e della civile convivenza.
Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza al Comandante del Corpo della Polizia Locale del Comune di Velletri volgendo lo sguardo a tutti gli Agenti del Corpo e in particolar modo per i gravi e ingiustificati attacchi subiti in questi ultimi mesi.
Questo episodio testimonia, se mai ce ne fosse stato bisogno, che la tensione ormai vive nella quotidianità degli Agenti e Ufficiali della Polizia Locale di Velletri, in attesa da anni di nuove norme che ne ridefiniscano status e compiti, ma che con professionale diligenza sono impegnati a far rispettare la legge.
Come FP CGIL riteniamo che la Pubblica Amministrazione debba tornare impegnare le risorse per garantire un idoneo investimento sul fabbisogno del personale, chiediamo da subito, un piano delle assunzioni funzionale ai bisogni veri.
E infatti, pur in presenza di evidenti carenze di organico e mezzi, tutti gli Agenti a disposizione cercano di garantire un professionale e ottimale servizio su tutto il territorio comunale.
Più volte, in questi anni, come FP CGIL, abbiamo sempre evidenziato la necessità di dotare la Polizia Municipale di adeguata strumentazione e, in particolare, di idonei dispositivi di protezione individuale (giubbotti, guanti anti-taglio, ecc..), oltre alla necessità di investire risorse importanti sulla formazione permanente che, nel caso di specie, non può essere solo di tipo
teorico.
Su questo invitiamo l’Amministrazione Comunale di Velletri ad adoperarsi con urgenza affinché gli operatori della Polizia Municipale siano messi nelle condizioni di poter rendere i servizi alla cittadinanza in condizioni di sicurezza, garantendo al Comando la fattiva possibilità di fruire di tutti gli strumenti indispensabili, atti alla protezione individuale e collettiva.
Pur nella consapevolezza che gli Agenti continueranno a prestare il loro lavoro con l’impegno e la dedizione di sempre come FP CGIL ci preme nuovamente ricordare, come più volte evidenziato che la sicurezza è un tema di vitale importanza e non può e non deve essere assolutamente trascurato.

Continua a leggere

Castelli Romani

Quattro proposte di legge di iniziativa popolare: ad Albano Laziale prosegue la raccolta firme di FdI

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Sabato anche ad Albano Laziale prosegue la raccolta firme di Fratelli d’Italia per l’elezione diretta del Capo dello Stato, per l’abolizione dell’istituto ottocentesco dei Senatori a vita, per il tetto alle tasse in Costituzione e per la supremazia dell’ordinamento italiano su quello europeo. “Venite a firmare in via Aurelio Saffi, 61 dalle 10,00 alle 19,00 – dichiara Roberto Cuccioletta, coordinatore FdI di Albano – Continua la raccolta firme – prosegue Cuccioletta su presidenzialismo e tetto tasse in Costituzione, per le battaglie storiche di Fratelli d’Italia e della destra italiana. Restituiamo il potere nelle mani del popolo italiano. Chi è con noi?”

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it