Connect with us

Castelli Romani

Grottaferrata, Mirko Di Bernardo proclamato sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Avvenuto il passaggio di consegne tra i viceprefetti Dionisi e Lo Castro e il nuovo primo cittadino

GROTTAFERRATA (RM) – Alle ore 12,30 di oggi Mirko Di Bernardo è stato ufficialmente proclamato sindaco di Grottaferrata. I viceprefetti Giancarlo Dionisi e Davide Lo Castro, fino a stamattina commissario straordinario e subcommissario alla guida del Comune di Grottaferrata, hanno incontrato e ringraziato una folta rappresentanza dei dipendenti comunali definiti dal viceprefetto Dionisi “vera spina dorsale dell’ente”.

Avvenuta la proclamazione, il sindaco Mirko Di Bernardo ha raggiunto l’ufficio al primo piano dove è avvenuto formalmente il passaggio di consegne tra la gestione commissariale e il nuovo primo cittadino da oggi a capo del Comune di Grottaferrata.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Castel Gandolfo, Jane Fonda pranza da Pagnanelli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

La bellissima Jane Fonda sceglie ancora una volta di pranzare nel rinomato ristorante Pagnanelli. Elegante, bella nella sua naturalezza, Fonda si è fatta fotografare insieme al proprietario.

L’attrice ha pranzato sulla terrazza vista lago. Classe ’37, nel 2017 le è stato assegnato il Leone d’oro alla carriera alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e nel 2021 il Golden Globe alla carriera.

Pagnanelli, una storia cominciata nel 1882, è il ristorante frequentato da tante celebrità. Robert De Niro per esempio ha speso belle parole e degustato la pasta fatta in casa.

Continua a leggere

Castelli Romani

Ariccia, i versi di Trilussa a Palazzo Chigi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Venerdì 24 giugno alle ore 21,30 presso la Sala Maestra di Palazzo Chigi ad Ariccia in scena
Trilussa cantato il terzo dei quattro appuntamenti con Le giornate di Trilussa, rassegna incentrata su
poesia, letteratura, teatro, musica ovvero un’immersione a tutto tondo nel mondo del Poeta tanto amato dal popolo dei Castelli Romani, luoghi cari a Carlo Alberto Camillo Salustri in arte Trilussa.
La rassegna è ideata e curata dalll’associazione La Terzina, coordinata dalla event planner Martina
Nasini, ha preso forma grazie al partenariato con il Comune di Ariccia e ha ottenuto i patrocini del
Ministero della Cultura, della Regione Lazio, dell’assessorato alla Cultura di Roma Capitale, del
Comitato Pasolini100, del CLICI (Centro di Lingua e Cultura Italiana Università degli Studi di Roma
“Tor Vergata”) dell’Adi (Associazione degli Italianisti) ed è inserito nel programma estivo Ariccia da Amare 2022.
La porzione letteraria della ricca serata vedrà un parterre di relatori d’eccellenza formato dal professor L. Rino Caputo, già ordinario di Letteratura Italiana nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma “Tor Vergata” e direttore della rivista internazionale Dante; dal cittadino onorario prof. Aldo Onorati, scrittore, poeta e raffinato dantista che approfondirà sulla rivoluzionaria tecnica del verso utilizzata da Trilussa, dalla professoressa Secondina Marafini, studiosa e editrice di Trilussa.
L’appuntamento di venerdì 24 giugno sarà arricchito dalla partecipazione straordinaria e
dall’intervento della professoressa Florinda Nardi, direttrice del CLICI (Centro di Lingua e Cultura
Italiana dell’Università di Roma “Tor Vergata”) che vorrà sottolineare il fondamentale legame che
unisce lingua e cultura in questo caso di Trilussa ma non solo.
“Una lingua e una cultura, quelle di Trilussa, che potremmo definire locali ma capaci di una potenza
che le ha elevate a un rango nazionale se non addirittura universale” anticipa la professoressa Nardi.
“Come studiosa di letteratura, con particolare attenzione a quella comica – aggiunge la direttrice del CLICI – ci sarà modo di insistere sull’importanza della capacità dell’uomo, anche in letteratura, di ridere di se stesso, mettendosi in discussione attraverso il riso: il comico, l’umorismo, la caricatura, l’ironia e l’autoironia che sono decisamente strumenti utili a salvare il mondo perché ci rendono un po’ più consapevoli, più umili e più attenti a quelle che sono le cose davvero importanti nellla vita.
Trilussa ha avuto questo grande dono. Tutte le sue poesie ma anche tante dichiarazioni da poeta che
ha dimostrato di saper ridere e deridere persino la sua persona, stanno lì a dimostrarlo”.
Il fulcro musicale della serata vedrà un Trilussa cantato portato in scena dal Maestro Mario Alberti, autore delle musiche, accompagnato dai Blue Clarinets, quintetto di clarinetti.
“Si tratta di un’opera credo del tutto originale” dichiara Mario Alberti che è anche presidente e
fondatore del’associazione La Terzina.
“Ho scritto quest’opera senza alterare minimamente le poesie di Trilussa delle quali ho rispettato tutto, fino ai minimi punti di interpunzione. E’ la musica che gira intorno a Trilussa. Non ci sono adattamenti ma riproposizioni che saranno arricchite dalle melodie dei clarinettisti che daranno modo
a questa serata di essere unica oltre che particolare”.
Il sindaco Gianluca Staccoli e la consigliera Anita Luciano, delegata alle associazioni, al marchio
IGP e ai bandi europei parteciperanno alla serata insieme a Irene Falcone, consigliera delegata alla
scuola in rappresentanza dell’Amministrazione comunale. Sarà presente anche il presidente del
Consiglio comunale, Michele Filosofi.
“Siamo onorati e soddisfatti di questa rassegna che ci ha incuriosito immediatamente e sta
riscuotendo un interesse che ricomprende Ariccia, tutti i Castelli Romani e e anche un pubblico cheda Roma torna a visitare la nostra città per le pagine culturali di letteratura e musica che, mai come con Trilussa, ben si accompagnano con la cultura del gusto e della tradizione ariccina e dei Castelli Romani” dichiarano Staccoli e Luciano. “Lingua e cultura con questo autore che tiene insieme usi, costumi, folklore e tradizione di Roma e dei Castelli Romani, si influenzano reciprocamente, restituendo un concentrato di emozioni e sensazioni che vanno dalla riflessione al sarcasmo ma sempre con il sorriso sulle labbra. Uno degli ingredienti dei quali in questo delicato passaggio della Storia c’è davvero un bisogno vitale per tutti. Ci piace pensare – concludono sindaco e delegata – di essere riusciti a intercettarli in pieno nella nostra Ariccia, potendo così invitare a raggiungerci chiunque voglia trascorrere una serata all’insegna della bellezza, dell’arte, della cultura, della riflessione che, senza entrare in contraddizione, riesce a ben coniugarsi anche con un po’ di sana e rilassata spensieratezza.

Continua a leggere

Castelli Romani

Lazio, elezioni comunali: ecco tutti i sindaci eletti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Ecco tutti i sindaci eletti nei vari comuni del Lazio che andavano alle urne.

ROMA (provincia)

Allumiere: eletto Luigi Landi del Fronte civico per Allumiere con il 68,79% dei consensi.
Camerata Nuova: il sindaco è Settimio Liberati, eletto con il 48,09% con la lista Sviluppo e Tradizione. Sei le liste in gara. Il secondo classificato, Filippo Vittori (Camerata si rinnova) ha preso il 46,82%.
Capena: Roberto Barbetti, lista Futuro adesso, è stato eletto sindaco con il 32,46%.
Casape: eletto Giuliano Colagrossi, che ha ottenuto il 54,2% dei voti con la lista Rinascita Casape.
Castel Gandolfo: con il 62,98% il sindaco è Alberto De Angelis della lista Castel Gandolfo Futura.
Castelnuovo di Porto: Riccardo Travaglini, della lista Movimento cittadino Castelnuovo rinasce, è stato eletto soindaco con il 72,95% dei voti.
Ciciliano: Massimiliano Calore, unico candidato in quanto è stata ammessa solo la sua lista (Idee in Comune) è diventato sindaco con il 100% dei voti.
Labico: Danilo Giovannoli (Labico Bene Comune) ha vinto con il 68,23% dei voti
Lanuvio: eletto sindaco Andrea Volpi con la lista Lanuvio per la democrazia: ha preso il 54,27%.
Lariano: eletto Francesco Montecuollo, lista Insieme per Lariano, con il 55,45%.
Manziana: Alessio Telloni ha vinto con la lista Si amo Manziana e con il 67,37% dei consensi.
Mazzano Romano: con il 57,32% delle preferenze è stata eletta sindaca Nicoletta Irato (lista Progetto Mazzano).
Nemi: eletto sindaco Alberto Bertucci, lista Uniti per Nemi, con il 74,22% delle preferenze.
Nerola: con il 51,51% è diventato sindaco Domenico Lelli, della lista Il bene in comune.
Torrita Tiberina: eletta Rita Colafigli, lista Torrita bene comune, con 511 voti (il 100%)

VITERBO

Barbarano Romano: Rinaldo Marchesi eletto sindaco con il 66,72% dei voti. Si è presentato con la lista Barbarano Unito.
Capodimonte: eletto Mario Fanelli con il 44,62%, lista Capodimonte rinasce.
Capranica: Pietro Nocchi (lista Senza Frontiere) ha sconfitto gli avversari con il 74,73% dei consensi.
Castel Sant’Elia: Vincenzo Girolami, di Cambiamo insieme, eletto con il 73,75% dei voti.
Latera: Francesco Di Biagi (Insieme per Latera) eletto con il 95,91 per cento delle preferenze.
Montalto di Castro: con il 32,79% eletta Emanuela Socciarelli, lista Idee in comune.
Ronciglione: Mario Mengoni eletto sindaco con la lista Insieme partecipiano. ha preso il 63,43% dei consensi.

RIETI

Antrodoco: con il 63,2% è stato eletto Alberto Guerrieri con la lista Antrodoco futuro insieme.
Casaprota: Cosimo Mastrorocco eletto sindaco con Progetto Futuro Condiviso. Ha ottenuto 285 voti, l’83,33%.
Cittaducale: con l’80,45% dei consensi è stato eletto sindaco Leonardo Ranalli, a capo della lista Svolta comune
Nespolo: Luigino Cavallari di Futuro e Tradizione è eletto sindaco del Comune di Nespolo con il 55,63% di voti.
Pescorocchiano: eletta Ilaria Gatti della coalizione «Slancio sul futuro con il 58,28% dei voti.
Salisano: eletta Gisella Petrocchi con il 53,43% dei voti.

FROSINONE

Campoli Appennino: eletta sindaca Pancrazia Di Benedetto (lista Vivere Campoli) con il 65,47% dei voti, cioè 711 voti.
Castelnuovo Parano: Oreste De Bellis, lista Impegno per Castelnuovo la ginestra è stato eletto con il 92,39 per cento.
Picinisco: eletto con l’82,26% delle preferenze Marco Scappati, lista Progetto Picinisco.
Pofi: Angelo Mattoccia, lista Siamo Pofi, è sindaco con il 60,59% dei consensi.
San Biagio Saracinisco: Antonio Iaconelli, con il 52,07% dei voti, ha battuto i candidati sindaco di altre cinque liste.
San Giovanni Incarico: Paolo Fallone è stato eletto con il 67,09% dei voti. Guidava la lista Con te per San Giovanni Incarico.

LATINA (provincia)

Cori: eletto Mauro De Lillis con il 78,97% dei consensi.
Ponza: eletto sindaco Francesco Ambrosino con la lista Cambiamo il vento: ha ottenuto il 55,23% dei voti (1.093) contro Pompeo Porzio di Crescere insieme (44,77% pari a 886 voti).
San Felice: eletta Monia Di Cosimo, della lista Circeo Futura, con il 61,84% delle preferenze.
Santi Cosma e Damiano: Franco Taddeo eletto con il 56,8% con la lista Alleanza per Santi Cosma e Damiano continuiamo insieme.
Ventotene: eletto sindaco Carmine Caputo, a capo della lista Insieme per Ventotene: è stato scelto dal 55,02% degli isolani.
San Felice Circeo: eletta Monia Cosimo della lista Circeo Futura , con il 61,84% dei voti.

Continua a leggere

I più letti