Connect with us

Castelli Romani

Grottaferrata, rimossi i giochi danneggiati al parco del Pratone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GROTTAFERRATA (RM) – Sono stati prontamente rimossi i giochi rotti nel parco del Pratone a Grottaferrata. Una squadra di operai inviata dall’ufficio tecnico comunale immediatamente dopo Ferragosto ha effettuato un sopralluogo, preso in carico la situazione e disinstallato le strutture in plastica e ferro degradate dagli anni.

“Da questa primavera sono in corso sopralluoghi, interventi di riqualificazione e in particolare installazione di giochi moderni e sicuri per i più piccoli nei parchi comunali. Ne sono stati già montati di nuovi nelle aree verdi di Squarciarelli, largo Gorizia e piazza Alcide De Gasperi” ha detto il sindaco Luciano Andreotti. “Per quel che riguarda il parco di via del Pratone – ha proseguito il primo cittadino – la situazione è particolare. I giochi installati nell’area verde, infatti, sono stati installati dai costruttori che hanno edificato il grande supermercato presente in zona a scomputo degli oneri di urbanizzazione. In tal senso abbiamo già parlato con il direttore dell’esercizio commerciale che, in piena comunione di intenti con l’Amministrazione, per tutelare e migliorare la qualità della vita del quartiere ha promesso l’installazione di un’altalena per disabili”.

L’Amministrazione ci tiene infatti a precisare che, a quanto risulta da verifiche compiute, i giochi installati nell’area non sono formalmente mai diventati di proprietà del Comune.
Si tratta infatti, per l’area sovrastante il supermercato, di uno spazio privato a carattere pubblico su cui – oltre a quelli danneggiati e rimossi – insistono anche altri giochi che l’Amministrazione, in accordo con la proprietà privata, intende mantenere. Nel quadro di questa intesa si colloca l’intervento di questi giorni, resosi necessario e urgente a garanzia della sicurezza e dell’incolumità dei cittadini residenti e dei piccoli che giocano nel parco.

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Nemi, cambio di guardia in casa Pd

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Cambio della guardia in casa PD a Nemi. Azzurra Marinelli si dimette da segretaria del Partito Democratico del Circolo di Nemi. Dopo 10 anni alla guida dell’unico partito strutturato presente nel paese, rassegna le sue dimissioni davanti alla segreteria e al comitato direttivo: “Ho lavorato tanto e con grande passione” – queste le parole di Marinelli” – “forse avrei potuto fare di più e meglio, ma lascio la segreteria senza rimpianti e con grande tranquillità d’animo”. Raccoglie la staffetta, con l’unanimità dei voti del comitato direttivo e della segreteria, la consigliera comunale Patrizia Corrieri:
“So che si tratta di un incarico molto oneroso, ma sono pronta a portare un grande partito alle prossime amministrative che si terranno tra un anno – dichiara la consigliera Corrieri. – Abbiamo un progetto ambizioso: quello di riportare a Nemi un clima di serenità, che rimetta al centro la partecipazione dei cittadini nella vita politica e associativa di questo paese. Solo così Nemi potrà tornare agli antichi splendori che oggi sono solo un ricordo. È un’impresa faticosa, ma io amo le sfide difficili. Ringrazio Azzurra Marinelli per il lavoro che ha svolto fino a oggi e sono pronta, con la massima determinazione, a guardare al futuro del PD di Nemi”.
Il Partito Democratico di Nemi ha sempre lavorato in massima armonia con i segretari Provinciale e Regionale del partito. Importanti e costanti sono i rapporti con i consiglieri regionali, i senatori e i deputati del Partito Democratico.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, inaugurato l’impianto di degasazione camporesi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Previsti dal gestore idrico circa 8 milioni di euro di investimenti sulla rete idrica del territorio nel quadriennio 2020-23

MARINO (RM) – Acea Ato 2 ha completato la realizzazione e messa in funzione dell’impianto provvisorio di degasazione del Centro Idrico Camporesi, importante infrastruttura idrica a servizio del Comune di Marino. Questo primo intervento consente di continuare a garantire al territorio un’acqua sicura e di elevata qualità, mantenendo i valori di concentrazione di ioni idrogeno (pH) all’interno delle soglie previste dalla normativa vigente.

Acea Ato 2 sta inoltre avviando i lavori per la realizzazione del degasatore definitivo che servirà la zona, la cui conclusione è prevista entro la fine dell’anno. Grazie all’impianto definitivo, di potenzialità maggiore rispetto a quello provvisorio attualmente in funzione, sarà possibile ridurre la portata addotta dall’acquedotto Simbrivio, ottimizzando i flussi idrici. Le acque provenienti dal Simbrivio, che ora vengono immesse direttamente in rete, in futuro infatti verranno miscelate nelle vasche di accumulo del centro idrico, riqualificate da Acea Ato 2 durante questo primo intervento sull’impianto, con le acque provenienti dai pozzi locali, per un significativo miglioramento della resilienza dell’intero sistema.

Gli interventi sull’infrastruttura idrica di Camporesi sono resi possibili da una stretta collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Marino, che si è attivata prontamente ed ha consentito di ottenere in tempi rapidi tutte le autorizzazioni necessarie per la realizzazione dell’impianto provvisorio e per l’avvio dei lavori legati al degasatore definitivo.

Queste due opere rientrano in un vasto piano di investimenti di Acea Ato 2 che sta interessando il territorio con la finalità di rendere le infrastrutture e il servizio sempre più efficienti e sostenibili. Nel corso del 2020 sono stati numerosi gli interventi realizzati, tra cui l’avvio della ristrutturazione del serbatoio di via XXIV Maggio e le numerose bonifiche idriche per un totale di oltre 5 km di condotte sostituite, soprattutto nel centro storico del Comune. Il Programma degli Interventi approvato lo scorso novembre dalla Conferenza dei Sindaci dell’ATO2 prevede per il quadriennio 2020-23 circa 8 milioni di euro di investimenti destinati al territorio del Comune di Marino.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, 40mila euro dalla Regione per la valorizzazione del territorio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Saranno impiegati per il ripristino del percorso turistico pedonale dell’Eremo di San Michele in Nemorensi

NEMI (RM) – Il Comune di Nemi si è aggiudicato un bando della Regione Lazio pari a 40 mila euro per la valorizzazione del patrimonio culturale nei piccoli comuni del Lazio, e sarà finalizzato al ripristino del percorso turistico pedonale dell’Eremo di San Michele in Nemorensi, il sentiero che dal lago conduce all’Eremo.

“Il turismo è la principale risorsa economica di Nemi. Paese fregiato della “bandiera arancione” dal Touring Club Italiano per l’ottima qualità dell’accoglienza e del soggiorno del turista. – dichiara il sindaco di Nemi Alberto Bertucci – L’Eremo dedicato a S. Michele Arcangelo – prosegue – costituisce davvero un esempio unico come testimonianza dei primi riti Cristiani nel nostro Comune. I Lavori proprio in questi giorni continuano nella fase di ripristino del tratto di sentiero che dal lago di Nemi conduce allo Speco”.

L’eremo di San Michele, ai piedi della ripida rupe lavica che sorregge Nemi

L’eremo di San Michele a Nemi

Silenti alberi conservano gelosi la sua storia millenaria. Piccolo gioiello di semplice fede e arte, ci riporta all’avvento della cristianità nella zona del nemus aricinus i cui antichi fasti pagani trovano ancora eco nei grandiosi ruderi del tempio di Diana Nemorense e nel museo delle navi di Caligola, posti nella valle, più in basso, sulle rive del lago. La lapide acrostica del V secolo, commemorativa di Onesimo, e resti di sepolture cristiane a fossa rinvenute nella zona delle antiche mole presso la fonte Egeria e in altre località intorno al bacino lacustre, testimoniano questa incipiente vita cristiana in quella Massa Nemus donata da Costantino alla cattedrale di Albano; confermano che il sito nemorense ha visto fin dagli albori del cristianesimo questa presenza di cui l’eremo stesso rimane testimonianza preziosa, anche se successiva.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti