Connect with us

Castelli Romani

Grottaferrata, San Nilo: i ringraziamenti del sindaco Luciano Andreotti: “L’Abbazia sempre più al centro della storia della città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GROTTAFERRATA (RM) – È positivo e particolarmente felice il bilancio che il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti fa all’indomani della conclusione della due giorni di celebrazioni per la festa patronale di San Nilo. “L’edizione di quest’anno della festa di San Nilo è stata bella e particolarmente sentita. Alla tradizione del pranzo in abbazia che abbiamo ripristinato dal 2017, si sono unite altre iniziative importanti dal punto di vista artistico e culturale che hanno portato la storia millenaria della badia e del percorso di San Nilo in un presente particolarmente bello che guarda al futuro grazie alle opere d’arte di giovani di valore che stiamo apprezzando e abbiamo premiato nella prima edizione della mostra Cammini di fede organizzata dalla Congregazione dei Monaci basiliani in Italia in collaborazione con associazioni artistiche del nostro territorio. Tutto ciò, insieme alla sempre nutrita presenza di rappresentanti delle istituzioni che hanno risposto al nostro invito, fa sì che l’abbazia greca di Grottaferrata continui ad essere orgogliosamente al centro di tanti rapporti, incontri tra popoli, culture, esperienze che rendono ancora di più onore all’apostolato di San Nilo”.

Il sindaco Andreotti ci tiene in tal senso a ricordare con orgoglio la recente visita a Lungro (Calabria) per il centenario della fondazione dell’Eparchia di Lungro, sede della Chiesa bizantina cattolica di rito orientale in Italia, cui fanno riferimento tutte le comunità italo-albanesi, occasione che ha reso possibile l’incontro del primo cittadino criptense con il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I.

“Un esempio di rettitudine e fede incrollabile radicata in un millennio di Storia che parla di eternità di cui Grottaferrata e la sua badia sono parte integrante”.

Il sindaco Luciano Andreotti ha voluto quindi ringraziare ancora tutti gli ospiti: i sindaci e i rappresentanti delle amministrazioni dei Castelli Romani che hanno presi parte alle solennità di mercoledì 25 e giovedì 26 settembre. Sono stati presenti i sindaci di: Frascati, Monte Porzio Catone, Montecompatri, Rocca di Papa, Rocca Priora e assessori delle giunte comunali di Marino, Albano e Ciampino.

“Un ringraziamento particolare – ha detto il sindaco – intendo rivolgerlo alla delegazione diplomatica dell’Ucraina presso la Santa Sede, guidata dal signor Serhii Kulchytskyi”.

Un pensiero di riconoscenza il primo cittadino lo invia al vescovo di Frascati, S.E. Raffaello Martinelli che ha officiato la Santa Messa vespertina e preso parte alla processione in Corso del Popolo”, al vescovo di Albano, S.E. Marcello Semeraro “guida spirituale dei monaci dell’Abbazia che poco più di un mese fa ha nominato Dom Francesco De Feo amministratore parrocchiale della chiesa S. Maria di Grottaferrata, al quale è stato affidato l’onore per la prima volta di presiedere la Divina Liturgia del mattino di San Nilo, animata dai canti melurgici ai quali ha dato voce e particolare la Corale Polifonica di Grottaferrata”.

“Sempre viva e graditissima la presenza dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine. Un saluto particolare va al Colonnello Salvatore Sauco, al Capitano Jacopo Passaquieti del Gruppo e della Compagnia di Frascati e al luogotenente dei Carabinieri di Grottaferrata, Nicola Ferrante che assieme agli uomini e alle donne del commissariato di Polizia di Frascati, alla nostra encomiabile Polizia Locale diretta dal comandante Luca Vetri e alla Protezione Civile di Grottaferrata hanno reso possibile lo svolgimento della festa nella massima sicurezza per tutti e continuano a collaborare all’ordine degli eventi del Settembre Grottaferratese ancora in corso”.

Il primo cittadino ha quindi voluto rivolgere il suo “sentito ringraziamento allo Chef Bruno Brunori, alla brigata di cucina del Team Roma e alle aziende vitivinicole Gabriele Magno e Ranchella che hanno fornito dell’ottimo vino grottaferratese e agevolato al meglio la gioiosa necessità di onorare al meglio il momento di convivialità offerto dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’abbazia”.

Tra gli ospiti segnaliamo: il presidente di Trenitalia, dottor Tiziano Onesti, cittadino dei Castelli Romani, l’onorevole Maria Spena, il presidente del Parco dei Castelli Romani, Gianluigi Peduto, rappresentanti della Comunità Montana dei Castelli Romani e Colli Prenestini, il direttore amministrativo dottor Giovanni Tavani e il direttore sanitario dell’Ini, dottor Michele Di Paolo e di numerose associazioni del territorio cittadino tra le quali il Centro Socio Culturale di Grottaferrata, la Pro Loco, la CRI -Tusculum, Ce steva na vota, Beer & Co. “che oltre ad aver organizzato la seconda edizione del Festival della Birra in piazzale San Nilo ancora in corso – ha sottolineato Andreotti – ha reso possibile lo svolgimento del suggestivo spettacolo pirotecnico che ha concluso, tra l’emozione di tutti, i festeggiamenti per San Nilo 2019. Grazie e arrivederci all’anno prossimo – ha salutato idealmente il primo cittadino – a tutti gli ospiti che hanno visitato la nostra città in questa occasione particolarmente lieta e a tutti i grottaferratesi l’augurio di continuare il loro cammino con lo spirito e sulle orme di San Nilo”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Castelli Romani

Nemi, ancora un’udienza per “Elvis”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – È stata rinviata al prossimo 2 novembre 2020 l’udienza che vede imputato Giacomo Cavalieri, detto Elvis, per un altro processo relativo il reato di danneggiamento. Cavalieri in un precedente processo ha ammesso di essere stato il mandante degli incendi di tre auto in uso a Franco Nicoletti detto Cricchetto, riconosciuto quest’ultimo parte offesa.

Si è arrivati dunque a un secondo capitolo di atti ai danni di Nicoletti

Tra i testimoni S. F. in quanto una delle auto incendiate è stata data in prestito dallo stesso a Nicoletti e L. B., conoscente e amica di Nicoletti, la quale in più occasioni ha chiesto all’anziano di essere accompagnata a casa o comunque non lasciata da sola in presenza di Elvis che spesso l’avrebbe importunata.

Tra i testimoni è stata chiamata anche S. I. che però non era presente in Aula. I testimoni dovranno presentarsi all’udienza del prossimo 2 novembre.

Il detenuto Giacomo Cavalieri, che si trova in carcere a Velletri, non era presente in Aula questa mattina. Pertanto l’udienza è stata rinviata a novembre.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, evade dai domiciliari per comprare le sigarette in un bar: arrestato 21enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – I Carabinieri della Stazione di Velletri hanno arrestato un 21enne del posto per evasione.

L’uomo è stato intercettato dai militari sulla pubblica via, subito dopo essersi allontanato dall’abitazione ove si trovava agli arresti domiciliari senza nessuna autorizzazione.

Il giovane, dopo essere stato bloccato, ha riferito di essere uscito di casa per comprare le sigarette in un bar poco distante.

L’arrestato è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, chiama i carabinieri per del fumo al lago e poi botte e minacce: arrestato 50enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Chiama i carabinieri dopo aver visto del fumo in un terreno vicino, sul posto arrivano i militari e li aggredisce, li minaccia e gli sputa sulla gazzella.

Un carabiniere, nella collutazione, rimane ferito a una spalla. Non è grave ma gli sono stati dati circa 20 giorni di prognosi. Sarebbe stato il primo a intervenire sul posto. Poi successivamente sono arrivati i rinforzi.

È finito quindi in manette il 50 enne, originario della Calabria che vive nella valle del lago di Nemi in una casetta non lontano dal museo delle navi romane. È accusato di violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Spesso segnala degrado, fumi e chiama le forze dell’ordine. Non sarebbero motivi campati in aria piuttosto sono le modalità di reazione della persona a essere sbagliate.

L’uomo ha un temperamento molto particolare tanto che durante il processo per direttissima ha inveito contro il giudice e i carabinieri che lo hanno arrestato, e ha dato in escandescenze: “Sono una persona perbene – ha gridato – al lago fanno tutti come gli pare, ho denunciato molte persone…”. Il magistrato, dato che l’uomo non ha precedenti, ha disposto gli arresti domiciliari. Il 7 febbraio è fissata la prossima udienza.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it