Connect with us

Cronaca

Guidonia, centro dell’Impiego: sfrattato il Comune da via Monteleucci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GUIDONIA (RM) – Il consigliere della Lega, Giovanna Ammaturo biasima l’Amministrazione grillina mentre nella terza Città del Lazio la disoccupazione oltre quella giovanile è ai massimi della Regione.
L’8 maggio è arrivato insieme agli Ufficiali giudiziari che hanno dato esecuzione allo sfratto al Comune di Guidonia Montecelio che da due anni non pagava se non saltuariamente il Centro dell’Impiego in via Montelucci.

L’immobile di proprietà di una Società che gravita nell’orbita del noto imprenditore Bartolomeo Terranova “Era l’ultimo Ufficio istituzionale rimasto nella terza Città del Lazio- ha detto il consigliere Giovanna Ammaturo della Lega per Salvini, che conferma- Il Sindaco Barbet assomiglia sempre più a Paperone, stante gli oltre 7 mln di euro in Banca, i 26 mln arrivati dal Fondo del Ministero degli Interni, piange sempre che è senza soldi. Eppure nei 26 mln erano ricompresi anche i soldi dell’affitto mai onorati. Il Centro dell’Impiego di Guidonia, dipende dalla Città Metropolitana ( ex Provincia pure a guida M5S con la Raggi Sindaco di Roma) ma a pagare gli affitti avrebbe dovuto essere il Comune di Guidonia Montecelio dove l’Ufficio era capofila per diversi comuni e quartieri di Roma che trovavano più agevole la dislocazione. Oggi le chiavi sono state lasciate, come per legge, ad un responsabile che in 20 giorni avrà il tempo di trasferire le scrivanie e gli armadi. I 20
dipendenti sono stati trasferiti d’ufficio, seduta stante, presso l’analogo Centro in Tivoli. Un altro pezzo di storia della Città che svanisce- conferma l’Ammaturo- dopo la CCIAA, INPS, ENEL, INAIL, TELECOM, sono rimaste solo le persiane abbassate di centinaia di artigiani e commercianti pure svaniti come gli Uffici Istituzionali che l’Amministrazione grillina e le precedenti non hanno saputo e voluto trattenere per dare un minimo di servizi. I 50.000 euro di mancati affitti saranno comunque onorati all’affittuario mentre è di là da venire il bando per ricercare un’altra sede con affitti più bassi promessi dal Vice Sindaco.

Uno smacco per la Comunità che non ha colpe per vedere sfilare via tutti i servizi. Uno smacco per questa Amministrazione de M5S che è incapace di offrire servizi e l’unica cosa che sa fare è piangere miseria per colpa delle altre Amministrazioni ma non risponde alle interrogazioni sui saldi mensili del conto corrente del Comune. Bene abbiamo fatto a denunciare Barbet, lo dovrà
dire, speriamo presto, in aula di tribunale. Rimane lo sconforto di una Amministrazione incapace di affrontare il pur minimo problema ed incurante dei cittadini e delle problematiche che si sollevano ogni giorno. Nella 58^ Città d’ Italia dove la disoccupazione giovanile rappresenta ben oltre il 60% il Centro dell’impiego seppure costoso e farraginoso figlio del mancato decollo dell’ANPAL, dell’endemica inefficienza dei centri di ricollocamento pubblici e dello scontro Stato- Regioni almeno rappresentava una speranza, una luce di candela in fondo al tunnel. Il M5S di Guidonia e l’area Metropolitana l’hanno estinto come si vuol fare per le cave, il commercio e l’urbanistica.

Si voleva buttare anche giù il Cimitero per fortuna che i Giudici hanno buon senso. Poteva servire per l’assegno di ricollocazione, ideato nel 2015 come strumento di reinserimento per i disoccupati, che deve ancora decollare nonostante le demagogiche previsioni del PD che lo annuncia attivo già dal 2017.

Resta solo la consolazione che per raggiungere il Centro per l’Impiego di Guidonia non si dovrà spaccare qualche semiasse nelle migliaia di buche oramai presenti dovunque”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Cronaca

Napoli, “Oltre il filo spinato”: una mostra per non dimenticare

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Da visitare l’exhibition fotografica dal titolo “Oltre il filo spinato” di Enzo Tafuto nei Campi Flegrei a Pozzuoli (Na), visitabile fino al 27 gennaio.

L’esposizione “Oltre il filo spinato”, offre ai visitatori ben 20 immagini realizzate in Polonia e “narrano” gli orrori vissuti e le persecuzione nei campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau.

Le foto sono state donate alla comunità di Pozzuoli “con l’auspicio che possano essere divulgate soprattutto tra i giovani e per far sì che ogni anno, durante la settimana della Shoah, vi siano momenti di riflessione e di sensibilizzazione che ci inducano a mantenere sempre alto e vivo il ricordo di ciò che la storia ci ha insegnato” ha dichiarato Enzo Tafuto.

L’exhibition al Rione Terra dell’antica Puteoli ha collocato le immagini su pannelli di filo spinato accompagnate da proiezioni sul muro offrendo ai visitatori un viaggio di riflessione. La mostra è realizzata in collaborazione con gli assessori alla Cultura e alla Pubblica Istruzione.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Roma, blitz a San Basilio: 21 arresti. Anche boss della ‘ndrina

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, nelle province di Roma, Napoli, Reggio Calabria, Viterbo e Frosinone, stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone la misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 21 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, nonché tentato omicidio. Ulteriori perquisizioni sono in corso nei confronti di altri 13 indagati, le cui condotte sono risultate collegate al traffico illecito di sostanze stupefacenti, attribuito agli arrestati.

Le indagini hanno consentito di disarticolare un sodalizio criminale dedito al traffico, alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish, cocaina e marijuana, operante in una delle più importanti piazze di spaccio del quartiere romano di San Basilio. Tra gli arrestati ci sono diversi personaggi vicini alla ‘ndrina Marando di Platì, progressivamente insediatisi sul territorio popolare di San Basilio, gestendo, con l’ausilio di un considerevole numero di vedette e di pusher in vario modo coordinati, una costante, pervasiva e remunerativa attività di spaccio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Carpineto Romano: salvato giovane disperso sui Monti Lepini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CARPINETO ROMANO (RM) – Era partito per un’escursione in solitaria sui Monti Lepini ma ha perso l’orientamento e non è riuscito a ripercorrere il sentiero che lo avrebbe riportato alla sua auto.

Una brutta avventura quella capitata a un ragazzo di 23 anni, che è stato poi rintracciato dai Carabinieri della Compagnia di Colleferro.

L’amatore escursionista è partito, ieri mattina presto, dal comune di Bassiano (LT), è arrivato sul Monte Semprevisa – nel territorio del comune di Carpineto Romano – perdendo l’orientamento e contattando la madre per chiedere aiuto. Dopo la chiamata pervenuta presso la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Colleferro, i militari hanno messo in moto la macchina dei soccorsi.

I Carabinieri della Stazione di Carpineto Romano, grazie alla conoscenza dell’area dei Monti Lepini, alle successive ore 17, sono riusciti a intuire la posizione in cui si trovava il giovane.

Impaurito e stremato, anche a causa del freddo, ma fortunatamente incolume, l’escursionista è stata trasportato alla Stazione dei Carabinieri che dopo essere stato rifocillato ha potuto fare rientro a casa.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it