Connect with us

In evidenza

Guidonia, sicurezza: una priorità per Fratelli d’Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


Da venerdì 22 arriva in piazza non il gazebo per i selfie ma le due proposte concrete su un tema prioritario : Aumentare le unità operative rispettando il rapporto agenti/cittadini; Attrezzare e supportare le stazioni già esistenti. Una sinergica sintonia tra gli esponenti cittadini di FdI, il consigliere comunale Giovanna Ammaturo e il portavoce dei circoli di FdI Mario Pozzi

All’illusione nazionale per cui tutti parlano di sicurezza, fanno foto e promettono, ma il mattino dopo ci svegliamo e vediamo persiane di negozi divelti, appartamenti di intere strade svaligiati in maniera militare a macchia di leopardo, bar tabaccherie assaltate quanto le farmacie e gli uffici postali.

Leggiamo e viviamo vicini a intere famiglie narcotizzate e
derubate anche delle cornici con la foto dei bambini o del portamonete della madre morta di recente in cui erano rimasti i pochi spiccioli, se non persone anziane derubate con calci e pugni quanto uccisi per pochi euro. Fratelli d’Italia a Guidonia Montecelio vuole dare risposte e concretezza iniziando con il chiedere le firme della Popolazione per indicare al
Sindaco, al Questore al Prefetto che la Comunità vuole vivere in condizioni oggettive perlomeno garantita da pericoli e che lo Stato sappia sostenere ai singoli il tranquillo svolgimento delle proprie attività.

Da venerdì 22 arriva in piazza non il gazebo per i selfie ma le due proposte concrete su un tema prioritario : Aumentare le unità operative rispettando il rapporto agenti/cittadini; Attrezzare e supportare le stazioni già esistenti. Una sinergica sintonia tra gli esponenti cittadini di FdI, il consigliere comunale Giovanna Ammaturo e il portavoce dei circoli di FdI Mario Pozzi.

Furti, vandalismo, abusivismo, teppismo come le pizze attaccate alle persiane del sindaco i rifiuti ingombranti dappertutto, interi palazzi sotto scacco per la droga aumentando il senso di insicurezza quanto la certezza della pena inesistente. Fin troppo bravi e meritevoli tutti gli uomini delle Forze dell’Ordine che fanno ben oltre il proprio mestiere. “Guidonia è una città che bisogna “curare”, una città che dobbiamo riprendere in mano che merita la giusta attenzione, oltremodo per quanto riguarda il tema della sicurezza- commenta Mario Pozzi- Siamo stanchi di continuare a raccogliere testimonianze e lamentele dei cittadini che si trovano quotidianamente a fare conti con criminalità e degrado. Gli impianti di video sorveglianza vanno istallati realmente”. Il consigliere Ammaturo conferma “ Solo una Amministrazione grillina poteva inserire nel programma elettorale, con cui ha vinto nel 2017, in merito alla sicurezza indicando la necessità di aderire all’ Innes – intimate neighbourhood strengthening. In pratica un progetto di legame di vicinato finanziato da UE. Peccato che a forza di copiare il lavoro altrui i grillini non si erano accorti che il progetto europeo era terminato nel 2011 e che un solo comune in Italia aveva aderito.

Questo la dice lunga su come il M5S intende la sicurezza dei cittadini. O politici che sebbene occupano i vertici apicali del Ministero vengono a Guidonia per leggere al bar il Decreto sicurezza evitando di riferire come da Atti del Senato che nel 2019 si procederà alla assunzione straordinaria di 700 unità. Di cui 200 cadauno in Polizia e Carabinieri e 100 ognuno per GdF, VVFF e Penitenziaria. In pratica 37 per Regione, meno di una unità ogni dieci Comuni in Italia visto che sono 8.025. Ed ancora non si conoscono ufficialmente il numero di chi raggiungendo quota 100 andrà in pensione.

Intanto FdI è l’unico partito che ha presentato l’emendamento per non escludere gli idonei del concorso del 2017 che superando i 26 anni questo Governo giallo blu vuole escludere. Né Barbet né il Sottosegretario sebbene per i beni sequestrati alla mafia siano stati incrementati di 5 milioni di euro le risorse per le Commissioni, ci dicono se i 105 appartamenti sequestrati a mafiosi due anni fa a Pichini e subito occupati da extracomunitari, saranno liberati e consegnati a chi potrebbe viverci per necessità più antica. Eppure l’Italia è la terza nazione al mondo per numero di uomini in divisa dopo la Russia e la Turchia. Ne contiamo 467,2 ogni diecimila abitanti in pratica un Agente in divisa ogni 21,4 abitanti. Vuol dire che la terza Città del Lazio e 58^ in Italia dovrebbe contare 4670 uomini in divisa nelle Caserme! Per motivi di opportunità evitiamo di descrivere l’esatto numero della Tenenza dei Carabinieri a Guidonia, nell’Aeroporto Militare o del Posto di Polizia di Villalba.

Troppi Uomini sono nei Comandi e pochi per strada a vigilare e prevenire. Il 60 per cento sono dietro le scrivanie e nessuno mette mano ad una riforma- ripete l’Ammaturo- come dicevano in coro fino ad un anno fa le sigle sindacali. Al contrario tutti sono impegnati anche se le risorse e le macchine in dotazione siano fin troppo vetuste.

Sarebbe il caso di far uscire gli uomini in strada non per uno Stato di Polizia ma per generare sicurezza e tranquillità. Si utilizzi l’Esercito come avviene in tante Procure e Tribunali in Italia anche nei nostri territori sempre per offrire a chi ha vinto un concorso di fare il mestiere esatto e assicurare i Cittadini che valgono di più degli immobili vuoti sorvegliati di troppi politici. Chiederemo al Comitato di Sicurezza Provinciale per l’Ordine Pubblico di attenzionare immediatamente il territorio e mandare via gli accampamenti Rom all’Albuccione e Pip. Prioritario è il nostro impegno affinchè il Posto di Polizia di Villaba sia adeguato a Commissariato, potenziato nel numero di risorse e di servizi ai cittadini.

Oltre ad aprire il Posto di Polizia al Centro Agro Roma dove pure passa la frutta, verdura e pesce con cui si alimentano oltre 5 milioni di persone. Il cibo che viene sulle nostre tavole deve essere vigilato e protetto quanto se non più di uno scalo aeroportuale”.
Fratelli d’Italia si prende in carico un problema, troppo spesso utilizzato come slogan ma mai concretamente affrontato sul nostro territorio stante i numeri, i risultati e gli atti criminosi quotidiani. I gazebi per la raccolta firme saranno allestiti: Venerdì 22 marzo presso il mercato di Villanova in Piazza San Giuseppe Artigiano. Sabato 23 marzo nel mercato di
Setteville,Via Carlo Todini. Domenica 24 marzo nel mercato di Villalba in Piazza della Repubblica. Tutti i Cittadini che abbiano a cuore la sicurezza sono invitati a venirci a trovare.

IL CONSIGLIERE DI FRATELLI D’ITALIA – GIOVANNA AMMATURO
IL PORTAVOCE DEI CIRCOLI DI FRATELLI D’ITALIA – MARIO POZZI

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In evidenza

Guidonia, tutto pronto per l’inciucione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GUIDONIA (RM) – Giornate difficili, queste ultime, per il governo targato M5s di Guidonia Montecelio che recentemente ha assistito all’uscita dalla compagine consiliare di maggioranza di alcuni consiglieri che hanno decretato, di fatto, lo stato di ingovernabilità.

Una condizione ammessa dallo stesso sindaco attraverso un video appello su Facebook dove il primo cittadino, dopo aver riepilogato le azioni portate avanti nei tre anni di governo, si è appellato a quelli che ha definito come “Consiglieri responsabili” per non far sciogliere la legislatura, aprendo a una condivisione programmatica per proseguire il percorso della legislatura.

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 09/07/2020

E dal partito Democratico sembra sia stato accolto l’invito di Michel Barbet che ora dovrà scendere a patti con i papabili nuovi alleati. Trattative in corso, dunque, tra i vertici pentastellati e quelli del Pd per decidere quelli che potrebbero rappresentare i nuovi equilibri per poter far sopravvivere la legislatura Barbet.

Officina Stampa puntata del 09/07/2020 – L’intervista ai consiglieri comunali di Guidonia Giovanna Ammaturo (FDI) e Mauro De Santis (Polo Civico)

Un rimpastone di governo che avrebbe già ricevuto il beneplacito da parte del segretario nazionale del partito Democratico Nicola Zingaretti e che, secondo indiscrezioni, sta assistendo ad incontri serrati al tavolo delle trattative con il Senatore e Segretario regionale del Lazio del Pd Bruno Astorre dove il prezzo da pagare per i pentastellati sarebbe rappresentato dalla cessione delle deleghe più importanti che andrebbero ai Dem inclusa la carica di vicesindaco a Emanuele Di Silvio che alle elezioni del 2017 era il candidato sindaco per il centrosinistra poi sconfitto al ballottaggio da Barbet.

Momenti difficili dunque per il sindaco Barbet che non sembra intenzionato a fare la fine disastrosa dei suoi colleghi pentastellati Lorenzon ex sindaco di Genzano e Anselmo ex sindaca di Anguillara Sabazia e che ora rischia di restare al comando di un governo targato M5s ma di fatto a guida partito Democratico e agli elettori che hanno creduto in ciò che doveva essere il cambiamento questo potrebbe suonare come un termine che finisce sempre in …ENTO.

Continua a leggere

Costume e Società

La storia della Disco Music: il libro di Bufalini e Savastano fa il bis

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il Covid non ha fermato la voglia di Disco, ma l’ha raddoppiata, specialmente nella lettura! La storia della Disco Music di Andrea Angeli Bufalini e Giovanni Savastano, edito da Hoepli, a pochi mesi dall’uscita è ora già alla sua prima ristampa.

Numerosissime, infatti, sono state le richieste per quello che è il primo volume italiano che narra in prospettiva socio-culturale la storia di un genere musicale – melting pot sonoro, sociale e culturale – che da movimento underground si è evoluto in carismatico trend-setter di massa. Dalle originarie discothèques di Parigi alle radici afro, R&B, soul e funk, fino alle contaminazioni con l’elettronica, il rock e il jazz, il saggio riserva uno spazio anche alla prima Italo Disco, in cinquecento pagine ricche di racconti, aneddoti e citazioni.

Con la prefazione di Gloria Gaynor e l’introduzione di Amii Stewart, due regine dell’epoca d’oro, e le postfazioni di Mario Biondi e Ivan Cattaneo, il libro rappresenta una vera e propria guida per orientarsi tra correnti, superstar, icone e “meteore” della Disco Music, senza dimenticare il ruolo dei DJ, dei personaggi più oscuri e il contributo fondamentale all’evoluzione della musica moderna. Con un approccio poliedrico, il saggio, oltre ad avere il focus sulla musica da dancefloor anni ‘70, genere rivoluzionario mai passato di moda, tratta ampiamente anche la realtà sociale, politica e culturale di quegli anni, sia in Italia che nel mondo. La disco come fenomeno di aggregazione tra razze, sessi e ceti, contro pregiudizi, razzismo e omofobia. In pista, ognuno poteva essere sé stesso.

Basta scorrere una qualsiasi classifica di quarant’anni fa per trovare canzoni diventate leggendarie non solo sul dancefloor, ma anche negli annali della musica pop: da Hot Stuff di Donna Summer a I Will Survive di Gloria Gaynor, da Good Times degli Chic a Knock On Wood di Amii Stewart, fino allo storico duetto di Donna Summer e Barbra Streisand, No More Tears (Enough Is Enough).

“La Disco Music resterà per sempre impressa nel DNA della musica” – affermano gli autori. “Neanche quando, a tre mesi di distanza dall’apice del suo successo, nel 1979, ebbe luogo la “Disco Demolition Night”, la più vergognosa e violenta crociata contro il genere, che vide bruciare a Chicago migliaia di dischi, si riuscì a “ucciderla”. Quell’atto lasciò trasparire l’intolleranza, il razzismo e l’omofobia di un gruppo di fanatici sostenuti da una frangia dell’industria discografica”.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Catania, arriva Fanta limonata senza zuccheri aggiunti con succo di limone di Siracusa IGP

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CATANIA – Lo stabilimento catanese di Sibeg produrrà la nuova Fanta Limonata IGP Senza Zuccheri Aggiunti con succo di “Limone di Siracusa IGP”: una limonata con succo di limone 100% controllato dal Consorzio di Tutela del “Limone di Siracusa IGP”, valorizzando così un’eccellenza della filiera agrumicola siciliana e continuando lo storico legame tra Fanta e l’Italia, dove questa bevanda nacque nel 1955. 

Sibeg da 60 anni produce e commercializza sul territorio siciliano i marchi della The Coca-Cola Company e conferma il proprio legame con questa terra.  

“Siamo orgogliosi di poter valorizzare le materie prime del nostro Paese – ha dichiarato Luca Busi, amministratore delegato Sibeg – un impegno che testimonia il rapporto tra Coca-Cola e la Sicilia, iniziato più di 90 anni fa e rafforzato dalla nostra presenza a Catania dal 1960”.

L’arrivo di Fanta Limonata Senza Zuccheri Aggiunti con succo di “Limone di Siracusa IGP” dimostra ancora una volta il sostegno di Coca-Cola a favore della filiera agrumicola siciliana, delle comunità locali e del loro sviluppo. Secondo lo studio realizzato nel 2019 da SDA Bocconi School of Management, l’impatto socio-economico di Coca-Cola in Sicilia è pari a 48,2 milioni di euro con circa 1000 occupati e un indotto per oltre 2400 persone.

L’attenzione particolare che Coca-Cola riserva agli agrumi nazionali si riflette nella scelta del succo italiano per molte delle proprie bevande, con l’acquisto annuale di oltre un terzo della produzione di arance e di limoni siciliani destinate alla trasformazione. Il succo di limone e arance è acquistato da fornitori siciliani che collaborano con Coca-Cola da decenni anche per prodotti che vengono distribuiti fuori dall’Italia.

Il ruolo internazionale, infatti, dell’Azienda fa sì che più della metà del succo acquistato da Coca-Cola in Italia, come quello di mela, di pera, oltre che di limone e di arancia, venga utilizzato per produrre varie bevande di The Coca-Cola Company in Europa, contribuendo così in modo positivo all’export delle materie prime italiane più apprezzate.

Fanta Limonata Senza Zuccheri Aggiunti con succo di “Limone di Siracusa IGP” è disponibile in Sicilia in bottiglie in vetro da 25 cl, in PET da 45cl, 90cl 100% riciclabili

Continua a leggere

I più letti