Connect with us

Redazione Lazio

HARRY'S BAR CONQUISTA BERLINO

Clicca e condividi l'articolo

Pietro Lepore “I tedeschi sono rimasti sbalorditi dalla nostra gentilezza e prodotti".

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

Tappeto rosso per il vino Frascati della storica cantina Gotto d’Oro, ma anche dei vini delle cantine D’Amico e Falesco con il quale sono stati riempiti i calici durante l’inaugurazione

 

di Chiara Rai

Roma – Il “Made in Italy” spopola all’ITB di Berlino dove i tedeschi rimangono affascinati soprattutto dalla buona tavola e, finalmente, dopo decenni di basso profilo, anche dai vini del Lazio.

Tappeto rosso per il vino Frascati della storica cantina Gotto d’Oro, ma anche dei vini delle cantine D’Amico e Falesco con il quale sono stati riempiti i calici durante l’inaugurazione: “Una passerella così importante – dice con soddisfazione il presidente della Gotto D’Oro l'ingegner Luigi Caporicci – con i nostri vini esposti è sintomo che il Lazio, che ha sempre avuto vini d’eccellenza, adesso è pronto a primeggiare nelle prestigiose vetrine internazionali”.

E, anche dal punto di vista turistico l’Italia è ancora in pole position: le vacanze nel Belpaese da parte dei tedeschi continuano a fruttare ancora 7 miliardi di euro l’anno soltanto nel 2013, facendo registrare un livello di spesa procapite per vacanza alto: 906 euro. E’ quanto emerge da un sondaggio della GfK (società di ricerca sui consumi) che conferma il turismo tedesco come la maggiore fonte di clientela estera per l’Italia. In quest’ottica non poteva mancare anche quest’anno la partecipazione dell’ENIT (Agenzia nazionale italiana del turismo) alla fiera di settore più importante nel panorama turistico internazionale, che lo scorso anno ha registrato 114.000 visitatori del settore turistico e 60.000 visitatori privati per ben 6,5 miliardi di euro di valore dei contratti firmati. Quest’anno, all’edizione appena conclusa, hanno partecipato 10 mila espositori provenienti da più di 180 paesi presenti in 26 padiglioni, e l’Italia è stata presente con le regioni Campania, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Umbria, Comune di Napoli, Roma Capitale e vari espositori privati per promuovere la vasta offerta turistica del Belpaese. Il tema principale è stato proprio l’EXPO2015 a Milano, in occasione del quale sono attesi in Italia circa 20 milioni di visitatori.

A incassare un enorme successo per l’area capitolina, è stato lo sbarco della “Dolce Vita” a Berlino con uno stand dello storico locale Harrys’Bar e affianco, il mitico gelato romano preparato dall’Unione gelatai:

“I tedeschi sono rimasti sbalorditi – ha detto Pietro Lepore, proprietario dello storico locale Harry’s Bar nonchè presidente Fiepet e associazione Via Veneto – dalla nostra gentilezza e prodotti. Abbiamo fatto degustare l’amatriciana e i nostri vini pregiati del Lazio”. La promozione dei vini laziali è iniziata in maniera incisiva da almeno un quinquennio. Proprio nel locale di via Veneto è partito il progetto Made Wine Lazio inaugurato dall’allora presidente dell’Arsial Erder Mazzocchi alla presenza delle maggiori cantine, viticoltori, imprenditori e politici.

E si è fatto qualcosa di concreto: a partire dall’Harry’s Bar sono stati inseriti nelle rinomate carte dei vini in prima pagina le cantine laziali, Castelli Romani in testa.

Pietro Lepore lascia dunque Berlino con una consapevolezza in più: “Ormai il Lazio si pone ai vertici riguardo i vini – conclude – è un grande successo perché fino a 10 anni fa questo prodotto era un po’ bistrattato, ma grazie all’unione di imprenditori e cooperative adesso possiamo davvero brindare!”.

Metropoli

Delitto a Formello: l’ombra del traffico di armi con Teheran

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FORMELLO (RM) – Si tinge di giallo a tinte forti l’omicidio suicidio avvenuto a Formello, cittadina a Nord di Roma, martedì, dove un ex dipendente iraniano ha sparato al suo ex titolare connazionale e poi ha tentato di uccidersi.

Traffico di armi con Teheran

La vittima si chiama Said Ansary Firouz, 68 anni. Nei giorni scorsi al 68enne Said Ansary Firouz è stato notificato un avviso di garanzia per traffico internazionale di armi. Sarebbe stato interrogato a breve. A fare fuoco, in pieno volto, martedì alle 19, un connazionale di 47 anni, Foloty Kave, morto al Sant’Andrea. Indagano senza sosta gli inquirenti del nucleo investigativo dei carabinieri di Ostia. Hanno sequestrato cellulari, pc, sentito testimoni e dipendenti vicini ai due.

La vittima Said Ansary Firouz è figlio dell’ambasciatore iraniano a Roma ai tempi dello Scià, venditore di fuoriserie ai calciatori e soprattutto sospetto trafficante di armi

La vittima avrebbe cercato di piazzare un’importante partita in Patria. Avrebbe tentato di rifornire il regime degli ayatollah su cui pende un severo embargo internazionale. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il 68enne avrebbe cercato di portare in Iran elicotteri da combattimento e droni dual use. Ovvero droni che possono essere facilmente configurati dall’assetto civile a quello militare. Secondo gli inquirenti Said Ansary Firouz avrebbe cercato di mediare. Giocando di sponda con alcune società avrebbe tentato di esportare il materiale. L’intera partita, però, non sarebbe andata a buon fine proprio per l’intervento del Raggruppamento operativo speciale dell’Arma. Troppo delicata la posta in palio per rischiare che un simile quantitativo bellico potesse abbandonare le coste dell’Italia alla volta di Teheran.

La lite sarebbe generata per una questione di debiti. Il 47enne aveva precedenti per droga

Un clima omertoso misto a paura è diffuso nella zona dove lavorava la vittima da poco più di un anno. L’imprenditore di origine iraniana, nato negli Stati Uniti, aveva aperto la sede di due società, Sorbo srl e Virtù srl, in via di Santa Cornelia a Formello. Due attività redditizie: auto di grossa cilindrata e immobili di ogni tipo.

Foloty Kave, è amministratore di un’attività di ristorazione in centro a Roma ma non ha quote. La Darvish si occupa di gestione di bar, discoteche, locali notturni. Ma non è tutto. Risulta anche proprietario di tutte le quote e amministratore unico di due società immobiliari. Quest’ultima si occupa anche di commercio di autoveicoli. Stesso genere di attività, tra vittima e carnefice, sebbene non risultino essere soci. Forse avevano condiviso affari di un certo volume. Proprio lì sono concentrati gli inquirenti

Continua a leggere

Redazione Lazio

Lazio, Zingaretti firma l’ordinanza: alle 24 chiusura locali e coprifuoco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Firmata l’ordinanza per la Regione Lazio. Blocco della circolazione dalle 24 alle 5 da venerdì prossimo mentre le disposizione sulla Dad alle superiori e all’Università scatteranno da lunedì prossimo. L’ordinanza prevede anche un aumento di posti Covid per arrivare ad un numero di 2913 e di questi 552 da dedicare alla terapia intensiva. Inoltre è prevista una manifestazione di interesse per individuare strutture private per effettuare 5000 tamponi al giorno.

Il provvedimento impone il divieto di spostamento dei cittadini e la chiusura dei locali. È stato anche previsto che le presenza all’Università saranno al 75% tranne le matricole e tutti i licei al 50 %, esclusi gli studenti del primo anno. L’ordinanza entra in vigore venerdì 23 ottobre e avrà una validità di 30 giorni, per le scuole le disposizioni valgono da lunedì prossimo. Nonostante l’Rt di Roma sia all’1,2, il presidente della Regione ha deciso di procedere proprio per contenere l’avanzata del Covid 19, in accordo con i sindaci e con i dirigenti scolastici. È stato anche deciso di allestire nuovi posti letto per i Covid per arrivare a un totale di 2913 e 552 in terapia intensiva. Per circolare da venerdì dopo le 23 sarà necessario essere in possesso di un’autocertificazione che attesti la necessità di lavoro, di salute o l’urgenza.

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, positivo un dipendente dello staff: Sindaco in quarantena e Comune in smartworking

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROCCA PRIORA (RM) – Ieri mattina è arrivata la conferma della positività di un dipendente dello staff del Sindaco di Rocca Priora. Subito sono stati attivati i protocolli e avviate le indagini epidemiologiche da parte dell’Asl Roma 6.

Da ieri pomeriggio è iniziata la quarantena del Sindaco Anna Gentili, che nei giorni scorsi è stata a contatto con il suo collaboratore. Come lei anche quattro dipendenti resteranno in quarantena.

Proprio in queste ore si sta già provvedendo alla sanificazione degli uffici comunali e oggi e domani la sede comunale resterà chiusa.

Ma la macchina amministrativa e comunale non si fermerà, già da domani mattina gli uffici lavoreranno in smartworking e sarà possibile contattare il comune attraverso il numero unico 06 99 18 00 87 o le email indicate qui: https://www.halleyweb.com/c058088/po/mostra_news.php?id=670

“Ogni giorno siamo sempre molto attenti, indossando la mascherina e seguendo tutte le misure. – Ha dichiarato Anna Gentili Sindaco di Rocca Priora – E questo vale sia per me, sia per i miei collaboratori e le mie collaboratrici. Purtroppo – prosegue Gentili – però questo virus colpisce senza che ce ne accorgiamo. E per questo sento di dover mettere in campo il più alto senso di responsabilità, nei confronti della salute dei dipendenti comunali e della cittadinanza tutta.
Mi sono confrontata a lungo con il mio medico e con l’equipe Covid-19 dell’Asl che da marzo ci sta supportando ogni giorno nella gestione dei casi positivi e, seppur abbiamo mantenuto sempre le giuste distanze e i dispositivi di protezione personali con la persona oggi risultata positiva, è mio dovere tutelare la salute della mia Comunità. Da oggi pomeriggio trasferisco il mio ufficio a casa. Passerò lì i miei giorni di quarantena, lavorando sempre al fianco della mia città. Il mio pensiero va a tutte le persone che si trovano ad affrontare il Covid-19, a tutti noi faccio il più grande in bocca al lupo. Ieri abbiamo riconvocato già con modalità online il Consiglio Comunale e questo mi permetterà di seguire i lavori dell’aula partecipando da remoto. Nei prossimi giorni, seguendo le indicazioni dell’Asl mi sottoporrò al tampone. Abbiamo detto sempre che in una comunità nessuno è solo, ed ora lo dico più convinta che mai, perché mi sentirò meno isolata, sapendomi al mio fianco”.

Continua a leggere

I più letti