Connect with us

Costume e Società

Il bosco viennese in trasferta a Roma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Visitabile dal 10 al 12 maggio, Airship.03 è un‘installazione temporanea climatico-paesaggistica, che invita a immergersi in un’esperienza di respirazione profonda. Il progetto nasce dal padiglione austriaco a Expo Milano 2015: un’isola di verde che ha incuriosito, divertito e – nei giorni più caldi –  rinfrescato il pubblico, testimone dello stretto rapporto che lega l’Austria alla natura e all’ambiente.

Airship.03 ha scelto Roma per mostrarsi nella cornice del Festival del Verde e del Paesaggio, allestito nei giardini pensili dell’Auditorium Parco Della Musica, perfetto interlocutore per aprire un dialogo sulla qualità della vita nell’ambiente urbano. Tema dell’installazione è proprio l’essenza e l’essenziale. Il respiro, l’ambiente, l’identità inconfondibile di un luogo e di un territorio percepiti attraverso colori e profumi dello spazio circostante.

Progettato dal collettivo breathe.earth.collective (già coautore del padiglione austriaco a EXPO 2015), Airship.03 è uno spazio di microclima e respiro che si colloca come prototipo dalle diverse funzioni: oasi di respiro in città, modello per purificare l’aria, spunto per stimolare il visitatore a vivere un’esperienza attraverso i sensi e allo stesso tempo a riflettere su aria e clima, risorse vitali del nostro tempo.

Airship.03 si presenta come una fitta, umida e profumata foresta, uno spazio a disposizione della città, che offre un significativo miglioramento della qualità dell’aria. Grazie alla ventilazione e alla tecnologia di vaporizzazione dell’acqua, la temperatura interna percepita si riduce fino a sei gradi in meno rispetto all’esterno. Un ruolo da protagonista hanno muschi, felci e licheni: poco appariscenti per natura, sono importanti nell’ecosistema, neutralizzando l’anidride carbonica e producendo ossigeno. La vasca d’acqua centrale e la soprastante apertura al cielo agiscono come una sorta di radura al centro della città. L’installazione interagisce direttamente con l’ambiente locale: nelle calde, secche giornate Airship.03 diventa un’oasi rinfrescante. Durante le giornate di pioggia, l’acqua viene raccolta sul tetto e pulita e assorbita nella vasca centrale. In questo modo, l‘installazione diviene una parte attiva dello spazio urbano nel moderare il microclima.

 Non appena entrati nell’oasi verde di Airship.03, il profumo delicato del muschio e quello più deciso del pino cembro, esaltati dalle microgocce d’acqua di cui è impregnata l’aria, colpiranno le narici. Tra le pareti dell’Airship.03, gocce infinitesimali di acqua nebulizzata regaleranno una piacevole sensazione di fresco benessere.

Effetti speciali, della natura

Già dall‘esterno, il cilindro dell’Airship.03 lascia a bocca aperta. All’interno, piante come felci e muschi, e un piccolo placido stagno rievocano i paesaggi verdi dell’Austria. Il soffitto a specchio e la superficie dello stagno giocano con il sole e regalano un luminoso benvenuto. Senza nemmeno percepirlo, il visitatore si trova a essere un tutt’uno con l’ambiente e con le atmosfere che lo circondano.

Aria da vedere e da toccare

L’aria è un elemento vitale, il più importante, eppure spesso la trascuriamo, forse perché non si vede e non si tocca. Almeno fino a ora. All’interno dell’Airship.03 l’aria non sarà più invisibile. Piccole quantità di acqua potabile vengono nebulizzate meccanicamente e diffuse nell’aria tramite ugelli. Grazie a un gioco di specchi e di luci, le microgocce vengono “magicamente“ illuminate e rese visibili. Un processo che non fa altro che riassumere il naturale ciclo dell’acqua sulla terra. Muschi e felci trattengono l’acqua, fino a che questa non evapora e torna nell’atmosfera sotto forma di umidità, rinfrescando l’ambiente.

Le piante primitive, (finalmente) protagoniste

A rivestire i 30 metri quadrati dell‘installazione sono oltre 500 piante. Ma la vera particolarità sta nel fatto che sono state scelte le cosiddette piante inferiori – muschi, felci, licheni e licopodi – poco appariscenti per natura e di conseguenza poco considerate, se non trascurate. Con Airship.03 viene finalmente restituito loro il ruolo che meritano. È infatti significativo il loro contributo all’ecosistema: neutralizzano l’anidride carbonica, producono ossigeno e, in quanto piante indicatrici d’inquinamento, immagazzinano informazioni importanti sui cambiamenti climatici e sulle condizioni meteorologiche a livello locale. L’esperienza di (ri)scoprire il bosco con il tutto il corpo e soprattutto con i sensi comincia proprio da qui.

Breathe.earth.collective: i cervelli dietro a Airship.03

Breathe.earth.collective è un gruppo di creativi – architetti, paesaggisti, designer, tecnici e artisti – ovvero Karlheinz Boiger, Lisa Maria Enzenhofer, Andreas Goritschnig, Markus Jeschaunig e Bernhard König. Per i loro progetti si avvalgono della collaborazione di esperti di altri settori. La passione per temi come l’ambiente, la natura, il clima e l’aria ha poi permesso al gruppo di sviluppare le versioni successive del prototipo Airship, che in futuro si intende realizzare anche in dimensioni superiori. 

Per Airship.03 natura e high-tech

Il legname – larice e abete rosso – impiegato nell’installazione proviene dalla Carinzia e viene fornito e assemblato dalla storica ditta Tschabitscher, con componenti in acciaio della ditta Biribauer. L’involucro esterno, a pannelli traslucidi, è stato realizzato con uno speciale tessuto, capace di respingere i raggi solari fino a 75°, prodotto dalla ditta Svensson. Ventilazione e tecnologia di vaporizzazione dell’acqua vengono forniti dall’azienda viennese Raintime.

Alla presentazione romana sono intervenuti Oskar Hinteregger Direttore e Brigitte Resch
Addetta Stampa dell’Ente del Turismo Austriaco in Italia, aslla presenza del console d’Austria e dell’addetta culturale d’Austria in Italia, nonché rappresentanti di varie regioni austriache ed enti come OBB (Ferrovie austriache).

Afferma Gaia Zadra, direttore e ideatore del Festival del Verde e del Paesaggio,: “Ho scelto il respiro, perché è l’origine di tutto. Volevo che il Festival celebrasse la vita e ricordasse quanto l’uomo sia interconnesso con la natura e i suoi abitanti con i quali condivide il pianeta. Respiro è reciprocità. Il respiro delle piante consente il respiro degli esseri viventi che a loro volta consumano e rilasciano sostanze necessarie al respiro altrui. E Airship.03 sintetizza concettualmente questo scambio e rappresenta visivamente il luogo in cui questa complessa e affascinante simbiosi di respiri reciproci, si manifesta” ed Oskar Hinteregger: “Trovare dei luoghi di vacanza dove poter attingere ad ambienti di salute e bellezza è una necessità con la frenetica vita dei nostri giorni.  Luoghi giusti dove ritrovare la tranquillità e rigenerarsi. Concentrarsi su quanto basta, ridurre i ritmi, condividere momenti di gioia con persone a noi care, non è così immediato come potrebbe sembrare. La natura delle Alpi austriache potrebbe aiutare. In quelle vallate, lontane dal caos cittadino, le persone hanno imparato da secoli a utilizzare e trasformare le risorse fondamentali per la vita, il benessere, l’alimentazione. Ne sono nati prodotti di qualità, abitudini e stili di vita consapevoli che si possono condividere al Festival del Verde e del Paesaggio. Con l‘installazione Airship.03 Austria Turismo contribuisce a una riflessione sull‘importanza di respirare. È un piccolo microcosmo, di alta tecnologia, dove si fa una sola cosa: si respira aria fresca e pura, un nutrimento essenziale del quale non possiamo fare a meno.” 6; \lsdp

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

Cinema, senza mascherina dopo essersi seduti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo l’allarme lanciato dagli esercenti e dal presidente dell’Anica Francesco Rutelli sulle norme per le riaperture dei cinema giudicate “astruse”, tanto da impedire alla maggior parte delle sale di riaccendere gli schermi (la ripartenza comunque sarà graduale, ndr), arrivano buone notizie per il settore dalle linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative, allegate al Dpcm dell’11 giugno. Ci sono infatti modifiche su alcuni dei punti più contestati dagli operatori, come la norma che prevedeva la mascherina per tutto il tempo anche in sala.

Ora, nella scheda tecnica per cinema e spettacoli dal vivo, si spiega che tutti gli spettatori devono indossare la mascherina “dall’ingresso fino al raggiungimento del posto (per i bambini valgono le norme generali) e comunque ogni qualvolta ci si allontani dallo stesso, incluso il momento del deflusso”. Sarà quindi permesso toglierla una volta seduti e di conseguenza sarà possibile consumare in sala i prodotti acquistati nei punti ristoro, che possono essere riaperti, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza. In sala (dove si potranno avere fino a 200 spettatori) va mantenuto “almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi o per le persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale”.

I protocolli “accolgono le osservazioni presentate dall’Associazione Nazionale Esercenti Cinema che richiedeva un allineamento con altre attività aperte al pubblico” spiega l’Anec. E il presidente dell’Associazione Mario Lorini ringrazia per questo risultato il ministro Franceschini, i suoi collaboratori e la “determinante azione della Conferenza delle Regioni”. Il cinema in Italia “può ripartire uniformemente a quanto avviene nei principali mercati europei, dimostrando di essere pienamente allineato anche sotto l’aspetto della sicurezza degli spettatori e tutela dei nostri collaboratori”.

Grande soddisfazione anche da parte dei distributori: “Siamo felici perché da oggi possiamo iniziare a lavorare alla ripartenza anche di titoli importanti, che sarà nella seconda decina di agosto – dice all’ANSA Luigi Lonigro, presidente della sezione distributori dell’Anica -, i due mesi classici che ci servono per lavorare su un titolo nuovo”. La riapertura dei cinema, spiega, sarà graduale: “Dal 15 giugno avremo forse un 10% del mercato delle sale. Ora, alla luce delle nuove procedure gli esercenti si riorganizzeranno e penso che dal primo luglio si avrà il 20% per arrivare a Ferragosto a un mercato almeno dell’80% di sale”.

Sul grande schermo arriveranno prima film che erano appena usciti prima del lockdown o che hanno debuttato sulle piattaforme, quindi inediti nei cinema. Torneranno titoli come Gli anni più belli di Gabriele Muccino, dal 15 luglio, o Volevo nascondermi di Giorgio Diritti (Orso come miglior attore per Elio Germano a Berlino) che sarà nei cinema e nelle arene in anteprima il 15 e il 16 agosto e dal 20 agosto in un”uscita tradizionale. Arriveranno anche film come Bombshell, con Margot Robbie, Nicole Kidman e Charlize Theron, Il principe dimenticato di Michel Hazanavicius con Omar Sy e Favolacce dei fratelli D’Innocenzo (anche loro premiati a Berlino). Per blockbuster molto attesi come Tenet di Christopher Nolan (che in altri Paesi, Usa compresi, debutterà il 15 luglio) e la versione live action del disneyano Mulan, al momento, non ci sono certezze sulle date d’uscita italiane. E’ certo invece il debutto il 22 luglio del fantasy animato Pixar Onward: “Credo che Mulan sarà in Italia il classico film del back to school, quindi a fine agosto – dice Lonigro – e spero sempre ad agosto arrivino anche Tenet e Wonder Woman 1984”. Per i titoli Italiani, “la grande ripartenza ci sarà con Venezia”.

Stando “ai nostri indicatori anche sui social, c’è una grande voglia di tornare in sala e quest’estate ci sarà anche la straordinaria novità del Moviement Village, con 250 arene che apriranno in tutta Italia; solo a Roma saranno 11. Pensiamo sia il modo giusto di traghettare gli spettatori dal lockdown al ritorno nelle sale al chiuso. Siamo ottimisti e al lavoro per far ripartire il mercato nel modo più rapido possibile”.

Continua a leggere

Costume e Società

Da Tik Tok ai videogame: quali sono le app di intrattenimento più scaricate del momento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Le applicazioni per dispositivi mobili non rappresentano più, ormai, un fenomeno del quale sorprendersi ma sono diventate una costante nella nostra vita di tutti i giorni. Grazie anche alle innovazioni che quotidianamente interessano il comparto, le proposte disponibili si arricchiscono giorno per giorno, offrendo un ventaglio di servizi sempre più ampio, che spazia dalla pubblica utilità all’intrattenimento. Proprio in quest’ultimo settore possiamo trovare alcune delle app più scaricate in assoluto, da quelle per l’instant messaging ai social media, fino ad arrivare ai giochi.

Social Network e Instant Messaging, un settore in continuo divenire

Quando si parla di app più scaricate, ai primi posti in classifica è ormai inevitabile trovare i più famosi social media e i servizi di instant messaging, ormai considerati fondamentali per poter restare in contatto con familiari, amici e colleghi di lavoro.

In questo ambito le proposte mutano continuamente e vedono il continuo ampliamento dell’offerta con l’inserimento di applicazioni in grado di venire incontro alle diverse esigenze di utilizzo. Se colossi come Facebook e Instagram, per quanto riguarda i social, e WhatsApp nell’ambito della messaggistica continuano a essere utilizzati da milioni di utenti, altrettanto interessante è la scalata in graduatoria di alcune app di più recente introduzione.

Tik Tok, per esempio, rappresenta il fenomeno del momento: il social network cinese, nato dalle ceneri di Musical.ly, ormai coinvolge persone di tutte le età, che si dilettano a creare brevi video per divertirsi e divertire i propri followers. Per quanto riguarda il settore della comunicazione, invece, è da evidenziare il boom recente di Zoom, piattaforma per le videochiamate utilizzata soprattutto in ambito smart working per videoconferenze e riunioni lavorative.

Giochi online, il divertimento è a portata di smartphone

I videogiochi fruibili tramite app per dispositivi mobili sono ormai tantissimi e non hanno più nulla da invidiare ai più rinomati titoli per pc e console. Le innovazioni che hanno riguardato negli anni il settore hanno infatti portato alla creazione di giochi sempre più completi e realistici, con vere e proprie eccellenze in tutti i generi di riferimento. Tra le software house di maggior successo in tal senso spicca la finlandese Supercell, che oggi piazza tra le app più scaricate in assoluto alcuni dei suoi titoli più importanti, come Clash of Clans, Clash Royale e Brawl Stars, con quest’ultimo diventato oggetto di un torneo ufficiale culminato nelle finali di Seul tenutesi dal 15 al 17 novembre 2019 e candidato ai British Academy Video Game Awards nelle categorie Mobile Game e EE Mobile Game of the Year.

Nell’ambito dei giochi per dispositivi mobili, grande successo continuano ad avere, poi, i titoli legati al poker e ai casino online, con operatori di settore come PokerStars Casino che hanno fortemente puntato proprio sulla tecnologia mobile per offrire un’esperienza di gioco portabile ma del tutto simile a quella delle sale da gioco reali.

Streaming video, cambia il modo di vedere film e serie tv

A proposito di app più scaricate negli ultimi mesi, un posto di rilievo spetta alle piattaforme di streaming video, che hanno cambiato radicalmente il modo di fruire di film, cartoni, documentari e serie tv. Operatori di livello mondiale, come Netflix, Amazon Prime Video, Infinity e Disney+, tra quelli che dominano il mercato, mettono oggi a disposizione cataloghi ampi e variegati di proposte, venendo incontro ai gusti e alle esigenze di diversi segmenti di clientela.

Con pochi euro mensili, tali piattaforme consentono dunque di accedere a contenuti originali e film di livello, con la possibilità non soltanto di fruire del servizio tramite le più moderne smart TV, ma anche da pc, smartphone e tablet, consentendo così una visione molto più libera e personalizzata rispetto a quanto accade con i canali televisivi tradizionali.

Balzate in poco tempo ai primi posti nelle classifiche relative alle app di intrattenimento più scaricate, quelle relative agli streaming video rappresentano senza dubbio una delle novità più interessanti degli ultimi tempi, non soltanto in termini di quantità ma anche di qualità dell’offerta, sia per quanto riguarda la programmazione vera e propria che la definizione dell’immagine, grazie alla presenza sempre più frequente di programmi in alta definizione.

Continua a leggere

Costume e Società

Distanziamento sociale? Arriva l’app di Google

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tempi di Covid e di distanziamento sociale nell’era delle App. Google, il gigante del web, ha quindi tirato fuori “Sodar” il nuovo strumento che aiuta a mantenere una distanza di due metri dalle altre persone.

Per il momento lo strumento funziona solo su smartphone Android e solo attraverso il browser Chrome

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 4/6/2020

Per utilizzarlo occorre collegarsi all’indirizzo sodar.withgoogle.com, accettare le condizioni d’uso e il gioco è fatto. La fotocamera posteriore dello smartphone riprenderà ciò che l’utente ha davanti a sé. Per calibrarlo è sufficiente inquadrarsi i piedi, dopo di che sullo schermo apparirà una linea bianca che delimita, con un po’ di approssimazione, i due metri di distanza.

In termini di privacy Google ha sottolineato che le immagini circostanti saranno visibili solo dalla persona che sta utilizzando lo strumento e non dallo stesso sito.

Continua a leggere

I più letti