Connect with us

Roma

IL LEADER DI “NEMI PER SEMPRE” VAIRO CANTERANI: “CI SONO TROPPI SEDERI PER UNA POLTRONA SOLA”.

Clicca e condividi l'articolo

L'intervista in esclusiva al leader della lista civica "Nemi per Sempre"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Chiara Rai

Sono giorni che nel panorama politico nemese, si sente dire “basta con la vecchia politica, puntiamo al rinnovamento”.  E’ chiaro che un percorso di svecchiamento può, ad un certo punto, mostrarsi fisiologico per tante e tante ragioni. Certo è che pensare di “rinnovarsi” lasciando a casa chi per anni e anni ha costruito la sinistra a Nemi appare un passo azzardato e comunque discutibile.

Questo non significa che il passo in questione sia sbagliato o meno, certo è che Vairo Canterani a Nemi rappresenta circa 600 consensi, è il leader e l’espressione della lista civica “Nemi per Sempre”, alle ultime elezioni si è piazzato come seconda lista dopo quella dell’allora sindaco Cinzia Cocchi e prima del Pd.

“Io sono fuori da tutti i giochi – mi risponde al telefono Vairo – non sono stato invitato all’ultimo tavolo che è stato fatto e non è che potevo andare a casa degli altri senza essere stato invitato. Cito testualmente le frasi apparse che mi dipingono:  “personaggi del vecchio mondo”, vedi? Sembrerebbe proprio che io non rappresenti più nulla”.

Vairo mi dice che non era affatto sua intenzione concorrere come candidato alle elezioni, ma avrebbe voluto contribuire a contrapporre al centro destra una candidatura forte.

 “Io non sono l’espressione di nessun partito, io sono “Nemi per Sempre” – continua Canterani – ho raccolto ben 600 consensi, eppure hanno ritenuto di voler correre senza di me. Ripeto, a me non interessa niente dei partiti e adesso questo piatto già condito proprio non lo mangio. “Il nuovo tavolo”, così è stato definito, si dirige verso il suicidio e vuoi sapere perché? Perché ci sono troppi “culi” per una sola poltrona. Circolano tre, quattro, cinque nomi”. E poi c’è Giovanni Libanori, esponente Udc, che fa parte del nuovo tavolo e certamente e obbiettivamente è un nome che stride se accostato a quello di Vairo Canterani

“Non ce l’ho con Libanori – continua il leader di Nemi per sempre –  anzi umanamente mi è simpatico e gli voglio bene, ma politicamente spiegami come si fa a fare un alleanza con chi è stato dall’altra parte della barricata? Io non ci posso stare perché credo veramente nella politica e tu ben sai che ci sono stati cinque anni di contrapposizioni. Facciamo l’esempio del piano regolatore: io l’ho bocciato e Libanori l’ha approvato, ma come facciamo, adesso, a costruire qualcosa insieme? Sarebbe come fare una lista assieme a Biaggi! E’ assurdo! Ripeto, umanamente hanno la mia stima, ma li abbiamo sempre attaccati! Dovevano scegliere tra l’Udc e noi, ma a quanto pare in questo paese i  giovani ce l’hanno con i vecchi! Mi hanno estromesso dal tavolo, basta questo per capire tutto e io non sono certamente Arlecchino.  Non sono più disposto a portare alcun contributo, mi comporterò correttamente non presentando liste, non facendo azioni di disturbo, insomma ritirandomi a vita privata. Poi se qualcuno di “Nemi per Sempre” che non sono io, vorrà raccogliere l’eredità e presentarsi a un nuovo tavolo, è un altro discorso. Ricordo che siamo la seconda lista per quattro volte alle elezioni, ma come si può pensare di escluderci? In un primo momento ho proposto la candidatura dell’insegnante Osmari, una candidata competitiva, vista bene da tutti. E cosa è successo? Prima l’hanno appoggiata tutti e poi l’hanno fatta secca”.

 E Elisabetta Mannoni, che ha fatto opposizione per anni? Non rivendica nulla?  

 “La Mannoni che deve fare? – dice ancora Vairo – la pensa come me, ci sembra vergognoso che ci abbiamo fatto fuori dal tavolo: che paura hanno di me? Che mi chiedono i voti e basta? Sono angustiato! E’ tutto così assurdo! Che vogliono da me, la morte anagrafica? Mi dispiace proprio, ma ripeto: Stanno esplorando tutte strade perdenti! Detto questo, io mi auguro sempre che prevalga il centrosinistra e lascio liberi gli appartenenti alla lista di scegliere di votare per chi ritengono più opportuno, anche se la strada che stanno scegliendo “i nuovi” è suicida!”.

 Ultimo sassolino dalla scarpa che vuole togliersi Canterani, è quello di chiarire il fatto delle primarie, cioè se è vero che fu proprio Vairo a non volerle.

 “Noi siamo stati quelli che per primi abbiamo chiesto le primarie – dice Canterani – e le hanno rifiutate da subito. Sono state rifiutate adducendo motivazioni che posso comprendere come ad esempio “Nemi è una piccola tribù ecc..”. Poi hanno fatto retromarcia e  iniziato a dire che volevano le primarie ma magari solo tra i due candidati che stavano sul tavolo. Le primarie sono un’altra cosa, tutti possono parteciparvi e loro le hanno chieste in estremis e perdipiù con le regolette loro, ma non funziona così. Io non le ho mai rifiutate ma giuro che le ho proposte. Sono onorevole di cuore non di poltrona, sono integro e non mi piego.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Metropoli

Anguillara Sabazia, dopo due mesi torna potabile l’acqua del Montano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Torna potabile l’acqua proveniente dall’acquedotto Montano ad Anguillara Sabazia.

La sindaca ha revocato oggi l’ordinanza di non potabilità emessa lo scorso 1 febbraio 2019 dopo che la Asl ha comunicato che a seguito di nuove analisi i valori sono rientrati nella norma.

Possono dunque tornare a utilizzare l’acqua pubblica per uso potabile, dopo quasi due mesi di divieto, i residenti del centro storico a partire dal lago fino all’incrocio tra via Anguillarese e via di Ponte Valle Trave – Strada vicinale dei Vignali.

Un’acqua, quella fornita dall’acquedotto del Montano che viene miscelata con quelle prelevate dai pozzi locali con quella proveniente dall’acquedotto Peschiera-Le Capore fornita dal gestore Acea.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, emergenza arsenico nell’acqua. Asl Rm 4: “Lettera del sindaco diffamatoria e offensiva”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Diffamatoria ed offensiva: così dalla Asl Rm 4 è stata definita la lettera del sindaco di Anguillara Sabazia in cui si chiede che i prelievi dei campioni di acqua vengano effettuati alla presenza del personale del Comune sabatino, “A sottintendere – fanno sapere dalla Asl Rm 4 – inaccettabili mistificazioni da parte di questa Azienda”.

Lo scorso 18 Aprile la sindaca Anselmo ha emanato un’ordinanza di non potabilità riguardo l’acqua erogata dal pozzo “Biadaro”, ultimo pozzo della città sabatina che era rimasto immune da ordinanze di non potabilità, a seguito della comunicazione della Asl che informava la prima cittadina che l’Arpa Lazio, a seguito di rilievi effettuati lo scorso 4 aprile, aveva registrato il valore di arsenico pari a 51 Ug/l.

“Appare inconsueto affidare ai social delle note ufficiali lesive dell’immagine di un’Azienda che ha sempre avuto il massimo rispetto dei ruoli di tutti gli Enti presenti nel territorio.- Dichiarano dall’Azienda sanitaria – La Asl – proseguono – agisce con l’esclusivo fine di tutelare la salute pubblica e a fronte dei risultati ufficiali dell’Arpa Lazio, non può in alcun modo mettere a rischio la salute dei cittadini. Allo stato, in ottemperanza alla vigente normativa in materia, ed al ruolo istituzionale ricoperto, non verrà richiesta la revoca dell’ordinanza, fino all’acquisizione di dati ufficiali conformi forniti dall’Arpa Lazio”.

Manciuria (AnguillaraSvolta): “Un fenomeno divenuto incontrollabile”

“La Resurrezione è alle porte ma la città di Anguillara Sabazia rimane sotto la conclamata incapacità amministrativa della giunta Anselmo che in appena tre anni, mai successo in precedenza, riesce a conseguire l’en plain su tutti i pozzi comunali per i quali oramai da mesi vige l’ordinanza di non potabilità dovuta principalmente alla presenza di arsenico”.

Cosi Sergio Manciuria da Presidente di AnguillaraSvolta sull’emissione dell’ordinanza di non potabilità del pozzo Biadaro rimasto finora unico a fornire acqua potabile .

“La sindaca, piuttosto di occuparsi solo di feste della primavera la cui formulazione suggerita con delibera e senza una gara lascia perplessi e sgomenti – sottolinea il Presidente di AnguillaraSvolta – provi a studiare un piano di emergenza per garantire al cittadino-contribuente una qualità e potabilità in linea con i parametri di legge. Siamo letteralmente inorriditi da un atteggiamento alla Ponzio Pilato oltre che menefreghista e al limite della legalità, visto il protrarsi di un fenomeno divenuto incontrollabile ed esteso a tutto il territorio”.

“Il persistere di tale stato emergenziale dovrebbe inevitabilmente condurre alla chiusura di scuole e attività commerciali che, prive di un servizio sostitutivo capillare e non sporadico con autobotti, non può protrarsi sine die senza un doveroso intervento del Prefetto e della Asl che avochi a sé una soluzione definitiva. Come sta accadendo nella vicina capitale, dove la Raggi, a dimostrazione della consueta inefficienza grillina non è in grado di gestire l’emergenza dello smaltimento dei rifiuti, per il bene di Anguillara la prima cittadina pseudo pentastellata rassegni le dimissioni senza anteporre scuse su un passato oramai troppo lontano. Come Associazione – conclude Manciuria – non lasceremo trascorrere ulteriore tempo e, se come prevediamo, questa “diversamente amministrazione” non provvederà immediatamente al rimborso per un servizio inesistente e lesivo della salute pubblica, ci rivolgeremo ad un legale del ramo consumatori per il giusto ristoro. Approfittiamo dell’occasione per augurare alla cittadinanza una Serena Pasqua con l’auspicio che sia l’ultima sorpresa sotto questa cattiva stella”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Roma, tragedia in zona Marconi: accoltella la moglie davanti ai tre figli piccoli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Per motivi di gelosia ha colpito con una coltellata al collo la moglie e si è chiuso in casa con i tre figli piccoli. L’uomo, un 59enne del Senegal disoccupato, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Eur. E’ accaduto ieri in via Orso Mario Corbino, zona Marconi. I carabinieri, intervenuti in seguito a una segnalazione arrivata al 112, hanno rintracciato in strada una 39enne romana con una profonda ferita al collo. La donna, riuscita ad allontanarsi per chiedere aiuto e raggiunta dai carabinieri che l’hanno soccorsa tamponando la ferita, è stata poi trasportata d’urgenza in ospedale dove è stata sottoposta a intervento chirurgico per “ferita laterocervicale profonda, seguita da abbondantissima emorragia” e sarebbe in pericolo di vita. I carabinieri sono poi intervenuti nell’abitazione della coppia dove hanno bloccato il 59enne, assicurandosi subito del buono stato di salute dei tre figli che erano nella camera da letto.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Aprile: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it