Connect with us

Costume e Società

“Il Pecorino Romano DOP nei territori della gastronomia italiana”: count down per la finale del concorso alla Casina Valadier

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si avvicina la sfida finale della prima edizione del concorso nazionale di cucina “Il Pecorino Romano DOP nei territori della gastronomia italiana”, organizzato dal Consorzio del Pecorino Romano e rivolto agli studenti degli istituti alberghieri dell’intera penisola.

37 istituti alberghieri iscritti, 67 classi partecipanti, 86 ricette inviate, 10 ricette finaliste: questi i numeri della prima edizione del concorso nazionale di cucina indetto dal Consorzio di Tutela del Pecorino Romano DOP che si appresta alla gara conclusiva a Roma che si terrà mercoledì 17 ottobre 2018 a partire dalle ore 10.00, nella splendida cornice della Casina Valadier.

Sono 10 i finalisti aspiranti chef di domani

si sfideranno dal vivo, preparando le ricette a base di Pecorino Romano, selezionate dallo chef stellato cagliaritano Luigi Pomata, tra quelle proposte dai quarantadue istituti iscritti, distribuiti da Nord a Sud della penisola. La sfida proposta a questi giovani studenti non era scontata: inventare uno o più piatti a scelta tra antipasto, primo, secondo o dessert, utilizzando come elemento caratterizzante il Pecorino Romano DOP abbinato ad altri ingredienti scelti tra quelli più tipici e rappresentativi del territorio di appartenenza della scuola. Il giudizio insindacabile della selezione delle ricette finaliste è stato affidato allo chef Luigi Pomata, una forchetta Michelin e proprietario dell’omonimo ristorante di Cagliari.

I 10 istituti da lui prescelti parteciperanno quindi alla prova finale. Ogni classe finalista sarà rappresentata sul palco da due promettenti chef in divisa, chiamati a realizzare un piatto da esposizione e 3 mini-porzioni per una giuria d’eccezione, composta dal presidente del Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano, dr. Salvatore Palitta, dallo chef Matteo Barbarossa, coordinatore di cucina della scuola Chef Academy a Terni e dallo chef Luigi Pomata.

Il Pecorino Romano DOP è il formaggio italiano più venduto nel mondo

dopo il parmigiano, grazie anche alla sua grande versatilità sotto ogni punto di vista: dal consumo, che non ha stagioni, alla ricettabilità. Il Pecorino Romano DOP è un prodotto per tutti, in quanto recenti studi hanno messo in luce un’altra sua importante caratteristica: l’assenza di lattosio che lo rende ottimo anche per i soggetti intolleranti. La fantasia e la voglia di osare di questi ragazzi hanno permesso di realizzare un ricettario unico, con abbinamenti originali e moderni, che mostrano come il Pecorino Romano DOP, nonostante il forte legame con il territorio di provenienza, possa essere consumato in tutto il territorio nazionale e da diverse tipologie di consumatori, oltre che inserito in tutte le portate, durante tutto l’arco dell’anno. Gusto, originalità, entusiasmo e territorialità sono il giusto condimento di un’iniziativa dedicata a valorizzare un gioiello della gastronomia italiana insieme alle aspirazioni dei giovani cuochi di domani.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Costume e Società

Vermouth, via libera dall’Unione Europea al riconoscimento della denominazione geografica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tutto pronto per il disciplinare dello storico vino aromatizzato torinese, il Vermouth, che ha incassato il via libera dall’Unione Europea al riconoscimento della denominazione geografica “Vermouth di Torino”.

Un iter, del quale fanno parte 18 produttori, durato 20 anni per il Vermouth un prodotto della tradizione piemontese che nasce a Torino nella metà del 1700 e a partire dalla fine del 19imo secolo è esportato in tutto il mondo.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 21/11/2019

Quindi un grandissimo risultato, quello raggiunto dallo storico prodotto, in quanto fino ad oggi, il Vermouth, non era mai stato associato, né a livello italiano tantomeno a livello mondiale all’origine territoriale con la conseguenza che i consumatori non disponevano di un riferimento specifico riguardo la chiara associazione territoriale che ora vede l’importante tutela dell’origine territoriale, a livello legislativo, nel capoluogo piemontese che sarò portato conseguentemente ad essere associato come nome nel mondo quindi affiancato a questo prodotto sulle etichette di Vermouth.

L’iter per il disciplinare ha visto nel marzo 2017 il Ministero delle Politiche Agricole accogliere la richiesta della Regione Piemonte e ha riconosciuto l’Indicazione Geografica. “L’obiettivo – ha spiegato Roberto Bava, presidente dell’Istituto del Vermouth di Torino – era posizionare il Vermouth in cima alla piramide qualitativa, tutelandone anche gli aspetti di origine, dal campo di coltivazione delle erbe officinali fino all’imbottigliamento. Abbiamo voluto realizzare un disciplinare coraggioso che lo distinguesse dagli altri vini aromatizzati, dettagliandone il grado alcolico e la provenienza geografica degli ingredienti.”


La Commissione Europea terminata la valutazione del fascicolo tecnico dell’Indicazione Geografica nei prossimi mesi, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, approverà il disciplinare dello storico vino aromatizzato torinese, bevuto come aperitivo in tutto il mondo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Meetic: a Roma ci si conosce a ritmo di salsa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Vuoi ballare con me?” Questo invito con il gesto iconico di porgere la mano per procedere insieme verso il centro della pista da ballo è una scena che accompagna da sempre il nostro immaginario romantico. La danza, ballare insieme alla persona che si sta corteggiando è un ottimo modo di rompere il ghiaccio che aumenta l’intimità, la confidenza e crea un momento di condivisione speciale, allegro e sensuale allo stesso tempo.

Secondo una ricerca condotta da Kantar TS il 52% dei single europei sono soliti cercare una persona speciale online tramite servizi di dating, mentre il 25% preferisce incontrare un possibile partner nei club, magari sfruttando proprio il dancefloor. Ed è con questa premessa che Meetic, il servizio di incontri più affidabile in Italia, ha voluto favorire sia quei single che amano uscire per una serata danzereccia, sia quelli più avvezzi ai sistemi di dating online, proponendo un simpatico evento che si svolgerà proprio in un club per imparare a ballare una delle discipline più sensuali di sempre: la salsa.

Appuntamento per tutti gli aspiranti ballerini sabato 23 novembre per una super festa a ritmo latino presso la discoteca Dancing Zanussi, il tempio della salsa nel cuore di Roma organizzata in partnership con il Barrio della Salsa. L’evento è stato pensato non solo per chi ama questo tipo di musica, ma soprattutto per avvicinare i partecipanti alle movenze più calienti e dare a tutti l’opportunità di conoscere tante persone nuove in un contesto unico e divertente.

La serata avrà inizio intorno alle 21:00 e, ad aprire letteralmente le danze, sarà una ballerina professionista, maestra di salsa, che guiderà gli ospiti insegnando i passi base e aiutandoli a prendere confidenza con questa disciplina. Sarà l’occasione ideale per scegliere il proprio partner con cui danzare tutta la notte. Dopo la lezione, infatti, ci si rilasserà di fronte a un ottimo drink così da prendere fiato e scambiare qualche chiacchiera con i propri compagni di ballo. Per tornare poi a scatenarsi in pista per tutto il resto della serata, ripassando insieme quanto appreso durante la lezione. Un ottimo modo per conoscersi, fare amicizia e chissà che, tra un passo e l’altro, oltre a pestarsi i piedi, possa nascere qualcosa di più! L’evento è gratuito, ma su prenotazione. Per partecipare basterà compilare il form a questo link e preparare il proprio outfit più colorato per farsi notare sulla pista da ballo.

Ed è così che Meetic coccola i suoi carissimi single, rimanendo al loro fianco non solo online, ma anche nella vita reale: l’obiettivo, in fondo, è dare inizio a qualcosa di vero. Non è un caso se, ad oggi, gli eventi targati Meetic hanno superato di gran lunga quota 600, con un totale di almeno 18mila single coinvolti in tutta la Penisola. Appassionanti viaggi, ottime cene e aperitivi di ogni tipo, corsi di cucina e show cooking, eventi culturali, mostre, film, quiz game e spettacoli di cabaret, sono tantissime le occasioni che permettono agli utenti della community di incontrare persone nuove in un’atmosfera unica che valorizza le passioni individuali.

F.P.L.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Il Mondo dell’Arte: l’esclusiva galleria capitolina spegne 45 candeline e prepara i festeggiamenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La galleria “Il Mondo dell’Arte” spegne 45 candeline e prepara i festeggiamenti. Sabato 30 Novembre, dalle 18 fino alle 22 a Roma in via dei Castani, 193 sarà possibile brindare insieme al direttore artistico Elvino Echeoni e al direttore commerciale Remo Panacchia oltre che poter ammirare le varie opere esposte. Per l’occasione è stato previsto anche un pizza party.

“Il Mondo dell’Arte”, nel corso di quasi mezzo secolo di attività, è diventato un importante punto di riferimento per molti artisti e collezionisti. Un successo che riflette sicuramente la mission e lo spirito aziendale che è sempre stato quello di costituire una struttura capace di proporsi come polo di incontro e d’attrazione in grado di accogliere le diverse realtà artistiche e di orientare i suoi partecipanti nella complessa trama dell’Arte.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it