Connect with us

Video

IL VIDEOBLOB 2 DI AGOSTO 2013

Pubblicato

il

In evidenza

Vittime del terrorismo: una lunga serie di omicidi e di ferimenti che ancora oggi gridano giustizia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Fantasmi che emergono da un passato buio da molti dimenticato ad altri, i più giovani, del tutto sconosciuto eppure drammatico e terribile per tante famiglie di servitori dello Stato, uomini delle istituzioni, cittadini, sindacalisti e lavoratori rimasti feriti o uccisi.

Un momento lungo quasi un decennio tra gli anni 70 e la prima metà degli anni 80 in cui il rischio per le istituzioni repubblicane fu altissimo.

Questo rappresentano i nomi dei brigatisti rossi Roberta Cappelli, Marina Petrelli, Sergio Tonaghi e ancora Narciso Manenti esponente dei nuclei armati territoriali sottrattosi alla condanna all’ergastolo fuggendo in Francia come gli altri due brigatisti Giovanni Alimonti ed Enzo Calvitti e il militante di lotta continua Giorgio Pietrostefani che devono scontare invece condanne tra gli 11 e i 18 anni di carcere.

Le vittime del terrorismo: il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 06/05/2021

Le ombre rosse così sono state chiamate in un dossier dei servizi antiterrorismo e del Governo italiano che in realtà elenca anche altri nomi di terroristi con a fianco la scritta “da catturare” in Francia e non solo.

Compromesso storico, crisi di governo, strage di Acca Larenzia, rapimento Moro e la mitraglietta Skorpion: il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 06/05/2021

Scorrere gli atti dei processi a carico di ognuno di loro vuol dire imbattersi in una lunga serie di omicidi e di ferimenti: tanti poliziotti e carabinieri ma anche sequestri, in particolare di magistrati sottoposti ai cosiddetti processi proletari e poi rapine per autofinanziamento e assalti a sedi di partiti politici e carceri

La prova generale di quella che in particolare le brigate rosse avevano definito come “lotta armata” il tentativo di andare oltre gli agguati e le azioni da commando trascinando il Paese nella guerra civile un tentativo criminale che per fortuna non riuscì al prezzo di sacrifici e di tutti purtroppo dimenticati o spesso rimasti sulle lapidi che pure per quanto in ritardo impongono il rispetto delle sentenze e soprattutto che le condanne vengano scontate.

Continua a leggere

In evidenza

Lo speciale di Officina Stampa: l’ANCRI ricorda le vittime del terrorismo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una puntata per non dimenticare e per ribadire che non esistono ex terroristi come non esistono ex vittime. Ospiti della trasmissione: il Prefetto Francesco Tagliente già Questore di Roma, il dottor Carlo Iovinella che all’epoca dei fatti era il Capo della Sezione Omicidi della Squadra Mobile della Questura di Roma e il Presidente dell’ANCRI l’associazione degli Insigniti al Merito della Repubblica Tommaso Bove

Domenica prossima ricorrerà la Giornata della memoria dedicata alle vittime del terrorismo. Una ricorrenza della Repubblica Italiana istituita con la legge 56 del 4 maggio 2007 che si celebra ogni 9 maggio di ogni anno in considerazione del fatto che il 9 maggio 1978 fu ucciso dalle Brigate Rosse Aldo Moro.

Un riconoscimento, dunque, offerto al sacrificio di chi è stato colpito dalla violenza del terrorismo di ogni matrice e il sentimento di vicinanza e di solidarietà da parte di tutte le Istituzioni dovuto alle loro famiglie che deve spingere tutti noi a promuovere e garantire con forza i diritti di libertà e a condannare e contrastare ogni forma di terrorismo, che rappresenta un pericolo per le istituzioni democratiche e repubblicane.

Una puntata di Officina Stampa, quella trasmessa giovedì 6 maggio, che ha visto ospiti d’eccezione: il Prefetto Francesco Tagliente già Questore di Roma, il dottor Carlo Iovinella che all’epoca dei fatti era il Capo della Sezione Omicidi della Squadra Mobile della Questura di Roma e il Presidente dell’ANCRI l’associazione degli Insigniti al Merito della Repubblica Tommaso Bove. Una puntata che la redazione di Officina Stampa insieme all’ANCRI ha interamente dedicato alle vittime del terrorismo e a quel periodo della storia d’Italia conosciuto come “Gli anni di Piombo”.

LA PUNTATA DI OFFICINA STAMPA SU FACEBOOK

LA PUNTATA DI OFFICINA STAMPA SU YOUTUBE

Continua a leggere

Castelli Romani

Morte di Paolo De Sanctis, la famiglia cerca ancora giustizia: martedì il Gip di Velletri decide se archiviare o far aprire un processo a carico dei sanitari

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Cade dal ponte di Ariccia e muore dopo essere stato dismesso dal pronto soccorso dell’ospedale di Albano Laziale con un trauma cranico in corso, senza avergli fatto la Tac, con un tasso alcolemico di 1,53 e con la cannula ancora al braccio

Papà Gino ricorda suo figlio Paolo De Sanctis morto la notte tra il 17 e il 18 febbraio del 2018 dopo una caduta di oltre 60 metri dal ponte monumentale di Ariccia.

Paolo, un ragazzo pieno di vita e pieno di iniziative che portava avanti con tanta passione ed entusiasmo come l’escursione che aveva organizzato per domenica 18 febbraio e che aveva annunciato il giorno prima della sua morte attraverso il suo profilo Facebook.

Officina Stampa del 29/04/2021 – Gino De Sanctis papà di Paolo continua la sua battaglia legale per ottenere giustizia

Una morte, quella di Paolo, arrivata dopo un incidente stradale che gli aveva procurato un trauma cranico e che ciononostante i sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Albano Laziale lo avevano dimesso dopo neanche un’ora dal ricovero. Una dimissione fatta con la cannula ancora al braccio di Paolo, senza aver effettuato una tac e perdipiù certificando uno stato alcolemico di 1,53 microgrammi litro.

E oggi dopo oltre tre anni dalla sua morte la famiglia di Paolo è ancora in cerca della verità: se l’ospedale lo avesse trattenuto per effettuare una tac come previsto da protocollo in presenza di trauma cranico e se inoltre fossero stati avvisati i familiari Paolo sicuramente non sarebbe stato ritrovato morto sotto il ponte di Ariccia.

Continua a leggere

I più letti