Connect with us

Primo piano

IMMIGRAZIONE, M5S: "MENO PERMESSI UMANITARI PIU' RIMPATRI FORZATI"

Clicca e condividi l'articolo

Salvini scrive su facebook: Altri 800 clandestini sbarcati inItalia. Li staranno portando a Bruxelles o in Vaticano?

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco

Roma – Il tema immigrazione è sempre più scottante ed attuale per l’Italia, gli sbarchi sono in continua crescita, i centri d’accoglienza sono al collasso e si sono venute a creare strutture provvisorie per ospitare gli immigrati, come ex ostelli per ferrovieri e tanti altri posti simili. Ma la situazione che si prospetta sotto gli occhi degli Italiani non è soltanto questa, c’è stato anche un cambiamento di modi e di sfruttamento di risorse economiche all’interno del paese. Ad esempio gli Alberghi/Hotel: un tempo erano luogo per turisti, l’estate era tanto attesa e le offerte erano tante, adesso il turista trova difficoltà nel trovare una struttura che non ospita immigrati. Questo non è un discorso discriminante ma oggettivo, perché è lo specchio del nostro paese, di ciò che sta accadendo e di ciò che ancora deve accadere. Ma la politica non tace d’innanzi al fenomeno immigrazione, nessun fronte politico si tappa la bocca e ognuno esprime il suo punto di vista. Dal blog di Beppe Grillo si legge, da parte di Vittorio Bertola –consigliere comunale di Torino- una “soluzione” per il fenomeno-immigrazione: meno permessi umanitari e più rimpatri forzati. Quindi secondo questa prospettiva i migranti dovrebbero tornare nella loro terra natia e farsi ammazzare, torturare e non avrebbero il diritto ad una vita migliore, ad un nuovo inizio. Il grillino illustra la sua idea in quattro proposte che partono dal giro di vite sui permessi di soggiorno per protezione umanitari, all’istituzione di sistemi efficienti per il rimpatrio forzato delle persone a cui viene respinta la domanda di asilo, passa poi all’istituzione di una procedura specifica per la trattazione dei ricorsi contro il diniego dell'asilo e conclude con la sorveglianza piu' stretta dei profughi nel sistema di accoglienza. Il grillino, per quanto riguarda i permessi umanitari, puntualizza: “solo l'Italia li concede in massa. Da noi quasi un asilo politico su due viene dato a persone che non ne avrebbero diritto secondo i trattati internazionali sui rifugiati, ma che noi accogliamo comunque per gravi motivi umanitari” aggiunge inoltre “Negli altri Paesi europei questo tipo di permessi non esiste o viene usato in misura molto minore, da noi invece con questa motivazione si fanno entrare persone che non dovrebbero, perche'? Proprio per alimentare l'industria dell'accoglienza”. Per quanto concerne i rimpatri forzati Bertola puntualizza che non è ammissibile che anche a quel 40-50% di domande che viene respinto corrisponda di fatto una ammissione in Italia, come clandestini, perche' ci si limita a consegnargli un foglio con scritto. Salvini è sempre in prima linea sul tema immigrati e su facebook, oltre render noto il numero degli sbarchi, scrive: “Altri 800 clandestini sbarcati inItalia. Li staranno portando a Bruxelles o in Vaticano…?”. Intanto il Pd non gradisce affatto quanto dichiarato dai grillini e il presidente del Pd Matteo Orfini scrive su Twitter: “Dopo le proposte sull'immigrazione manca solo che Grillo si iscriva alla Lega. Perche' alla fine gli sciacalli si ritrovano sempre: a destra”. Nemmeno il direttore del quotidiano cattolico Avvenire gradisce i commenti di Salvini e sottolinea: “Chi, in Italia come in qualunque altra parte d'Europa e del mondo, capovolge addirittura la disperazione di questi perseguitati in atto di 'invasione' e', e la storia lo marchiera' inesorabilmente cosi', di fatto un complice attivo di dittatori, sfruttatori, trafficanti e tagliagole”.

Print Friendly, PDF & Email

Politica

Zingaretti ufficializza le dimissioni: “Per il Pd momento complicato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nicola Zingaretti ha rassegnato ufficialmente le dimissioni da segretario del Partito Democratico.

Dopo l’annuncio, oggi è arrivata anche la lettera con la quale Nicola Zingaretti mette nero su bianco le sue intenzioni. La missiva è stata inviata alla presidente del partito, Valentina Cuppi, a cui spetterà la gestione ordinaria fino all’Assemblea nazionale del 13 e 14 marzo. La presidente dovrà, quindi, modificare l’ordine del giorno, inserendo al primo punto le dimissioni del segretario. Non è nella disponibilità dei ‘mille’ respingere le dimissioni di Zingaretti. In linea assolutamente teorica, dal momento che in pratica il leader ha assicurato (almeno per ora) di non voler tornare sui suoi passi, per restare alla guida del Nazareno il segretario dimissionario dovrebbe non presentare formalmente le dimissioni, ritirarle prima di sabato 13 marzo o farsi rieleggere dall’assemblea. Se invece, come sembra, la sua avventura da leader dei “è finita”, è l’articolo 5 dello statuto a regolare la situazione: “Qualora il Segretario cessi dalla carica, prima del termine del suo mandato l’Assemblea può eleggere un nuovo Segretario per la parte restante del mandato ovvero determinare lo scioglimento anticipato dell’Assemblea stessa”, si legge al comma 4. Cuppi dovrebbe quindi dare un termine temporale per la presentazione di eventuali candidature e, nel caso fossero presenti, si procederebbe alla votazione. È quanto accaduto, ad esempio, nell’Assemblea Nazionale del 7 luglio 2018: il segretario reggente Maurizio Martina, con l’accordo di tutte le anime interne, si candidò come segretario e venne eletto con il compito di guidare la fase congressuale.

“Momento complicato”

“Per il Pd è un momento complicato, che spero aiuterà a fare chiarezza”. Lo ha detto Nicola Zingaretti tornando sulle sue dimissioni dalla segretaria del Partito Democratico prima dell’inaugurazione, in veste di presidente della Regione Lazio, del centro vaccinale presso la Stazione Termini di Roma.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Salute

Obesità-Covid 19: la dieta chetogenica aiuta a ridurre i rischi da Sars-Covid2

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma, 05 marzo 2021 – “L’obesità e le sue comorbidità sono strettamente legate alla prognosi più grave del COVID-19, e un aspetto poco considerato nell’affrontare l’emergenza è che una corretta consulenza nutrizionale costituisce una priorità per affrontare la pandemia di COVID-19, al fine di ridurre il rischio di infezione e le relative complicanze”. Lo afferma il prof. Massimiliano Caprio, responsabile dell’Unità Endocrinologia cardiovascolare dell’IRRCS San Raffaele Roma, coautore di un articolo pubblicato dalla rivista Journal of Translational Medicine, citato peraltro dal sito web americano “Eat This, Not That” (www.eatthis.com).

Le diete chetogeniche si sono dimostrate efficaci per una rapida riduzione della massa grassa e delle complicanze metaboliche dell’obesità, preservando la massa magra e fornendo uno stato nutrizionale adeguato. “Possono avere un ruolo importante nella modulazione dell’immunità innata e di quella adattativa, determinando effetti benefici sull’infiammazione cronica di basso grado, potendo prevenire il rischio di tempesta citochinica del COVID-19. Inoltre – prosegue il prof. Caprio – le diete chetogeniche potrebbero essere protettive durante l’infezione da Sars-COV2 grazie agli effetti antinfiammatori e immunomodulanti dei corpi chetonici. Questo è stato dimostrato in studi preclinici. Per questo motivo, diversi studi clinici sono attualmente in corso, utilizzando diete chetogeniche eucaloriche in pazienti con malattia COVID-19”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Politica

Partito Democratico, Zingaretti lascia la segreteria: “Visto che il bersaglio sono io mi dimetto!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

In un lungo post su Facebook, Nicola Zingaretti si dimette da segretario del Partito Democratico. Una scelta che arriva dopo una serie di attacchi interni e accuse di voler in qualche modo sempre sostenere i pentastellati. Ecco la nota:

“Lo stillicidio non finisce. Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario, da 20 giorni si parli solo di poltrone e primarie, quando in Italia sta esplodendo la terza ondata del Covid, c’è il problema del lavoro, degli investimenti e la necessità di ricostruire una speranza soprattutto per le nuove generazioni.
Sono stato eletto proprio due anni fa. Abbiamo salvato il Pd e ora ce l’ho messa tutta per spingere il gruppo dirigente verso una fase nuova. Ho chiesto franchezza, collaborazione e solidarietà per fare subito un congresso politico sull’Italia, le nostre idee, la nostra visione. Dovremmo discutere di come sostenere il Governo Draghi, una sfida positiva che la buona politica deve cogliere.
Non è bastato. Anzi, mi ha colpito invece il rilancio di attacchi anche di chi in questi due anni ha condiviso tutte le scelte fondamentali che abbiamo compiuto. Non ci si ascolta più e si fanno le caricature delle posizioni.
Ma il Pd non può rimanere fermo, impantanato per mesi a causa in una guerriglia quotidiana. Questo, sì, ucciderebbe il Pd.
Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti dovranno assumersi le proprie responsabilità. Nelle prossime ore scriverò alla Presidente del partito per dimettermi formalmente. L’Assemblea Nazionale farà le scelte più opportune e utili.
Io ho fatto la mia parte, spero che ora il Pd torni a parlare dei problemi del Paese e a impegnarsi per risolverli. A tutte e tutti, militanti, iscritti ed elettori un immenso abbraccio e grazie.
Ciao a tutte e tutti, a presto. Nicola”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti