1

Immortals Fenyx Rising, il videogame rivelazione di Ubisoft

Con Immortals Fenyx Rising Ubisoft ha lanciato una vera e propria bomba per questa fine 2020. Dopo i già interessantissimi Watchdogs Legion (qui la nostra recensione) e Assassin’s Creed Valhalla (qui la nostra recensione), la software house ha rilasciato su Pc, console di vecchia e nuova generazione, ma anche Nintendo Switch e Stadia, un terzo titolo che inaspettatamente si è rivelato essere un vero capolavoro a tutti gli effetti.

Ma andiamo a scoprire che cosa rende questo titolo, che possiamo definire un ibrido fra Assassin’s Creed Odissey e Zelda Breath of The Wild ma con una marcia in più, davvero speciale. La storia di Immortals Fenyx Rising è ambientata sulla mitologica isola d’oro, una isola incantata creata dal celebre Dedalo per venire popolata da dei e uomini.

Tifone, liberatosi dalla prigione dove era stato confinato da Zeus, prese d’assedio il divino atollo liberando le sue armate demoniache, eradicando l’essenza divina dagli dei e trasformando in pietra gli uomini che popolavano l’isola. A nulla è servita l’opposizione degli Olimpi, privi del loro re in visita nell’Ade, così come futile si è rivelata la resistenza offerta dagli antichi eroi greci, rapidamente corrotti da Tifone e posti a comandare le sue armate demoniache.

A salvare una situazione, oramai disperata, c’è però una giovane (o un giovane se si deciderà di impersonare un ragazzo) portatrice di scudi di nome Fenyx. La sua storia ha inizio quando la nave da guerra sulla quale era assegnata, per supportare le truppe greche, viene colta da una tempesta, naufragando sulle coste dell’isola d’oro. Dopo aver ripreso conoscenza, e in seguito alla scoperta che la ciurma con la quale navigava è stata trasformata in pietra da Tifone, la giovane protagonista decide di imbarcarsi in un’impresa disperata: recuperare l’essenza degli dei e, con l’aiuto degli Olimpi, sconfiggere Tifone per riportare la pace nella Grecia.

Sullo sfondo della narrazione della storia di Immortals Fenyx Rising, vi sono Prometeo e Zeus che spiegano le gesta della. Uno cerca di raccontare la storia al meglio delle sue possibilità, mentre l’altro, Zeus, si diverte a modificare lo scorrere degli eventi, a rimembrare avventure passate, ad aggiungere dettagli irrilevanti, creando situazioni comiche azzeccate che ricordano molto lo humor in stile Monty Python. Tutta la storia, quindi, nasce da una scommessa fra Prometeo e Zeus. Il re degli dei, difatti, messo all’angolo dalle gesta di Tifone, si ritrova costretto a chiedere l’aiuto del titano che, prima di acconsentire, gli propone una scommessa. Se Fenyx riuscirà dove gli dei hanno fallito, Zeus lo libererà dalla sua prigionia e lo riaccoglierà nell’olimpo, se invece fallirà, Prometeo lo aiuterà con ogni mezzo a sua disposizione, per contrastare Tifone.

Il tutto si configura come un viaggio tra i miti e le leggende più note, in un’escursione, alla ricerca del malvagio e potente Tifone, che farà la gioia di chi ama la mitologia, ma anche i piccoli rompicapo e i combattimenti. Immortals Fenyx Rising, infatti, si rivela essere una sorpresa proprio per la sua completezza e per la moltitudine di cose da fare.

Ma andiamo a scoprire più da vicino che cosa rende speciale questa produzione di Ubisoft. Il lungo prologo di Immortals: Fenyx Rising , disponibile una volta scelta la difficoltà con cui si vuole partire per questa meravigliosa avventura, serve da tutorial attraverso il quale scoprire le principali meccaniche di gioco. Alcune di queste sono molto semplici e basilari, tipiche dei videogiochi di azione. Sono presenti infatti una barra della vita, che indicherà la salute a disposizione e una barra dell’energia, che permetterà di svolgere azioni come correre, arrampicarsi e planare.

Fenyx potrà infatti contare sulle ali di Dedalo, che si troveranno quasi all’inizio del gioco, per esplorare dall’alto l’intera isola e planare (non volare) da una parte all’altra dell’immensa mappa di gioco. Per difendersi dalla grande quantità di nemici, si avrà a disposizione la spada di Achille (attacco rapido), l’ascia di Atalanta (attacco pesante) e l’arco di Odisseo (attacco a distanza). Ogni arma potrà essere potenziata o sostituita con altri modelli che saranno in grado di donare innumerevoli vantaggi a seconda del proprio stile di gioco.

Agli attacchi fisici si affiancano anche le Abilità Divine, particolari poteri in grado di ribaltare la situazione del gioco con effetti e meccaniche spettacolari. Ciascuna di esse può essere potenziata per ottenere effetti ancora più incisivi che vi serviranno andando avanti con il gioco. Non mancano le abilità dell’eroe come arrampicarsi, nuotare, saltare e molto altro. Abilità che possono, anche in questo caso, essere potenziate per poter nuotare più velocemente, raccogliere più oggetti contemporaneamente e così via. Alcune pozioni e oggetti consumabili potranno restituire a Fenyx salute ed energia oltre che potenziare per breve tempo l’attacco o la difesa dell’Eroe. Gli oggetti consumabili e gli elementi che si potranno trovare all’interno degli scrigni, possono poi essere utilizzati per creare nuove pozioni o potenziare quelle che già si hanno così da poter diventare davvero invincibili. Ovviamente Fenyx potrà contare anche su un’armatura e un elmo che a seconda del tipo potranno garantire potenziamenti e abilità uniche. Ubisoft però oltre alla vasta gamma di equipaggiamenti offensivi e difensivi disponibili ha anche pensato a tutti quei giocatori che amano lo stile del proprio eroe, infatti, proprio per tale ragione sarà possibile equipaggiare le armi e le armature con le qualità migliori senza però rinunciare all’aspetto esteriore.

Proprio per tale motivo pur indossando un determinato set, sarà possibile farlo comparire esteticamente come quello che più piace al giocatore fra quelli raccolti. In soldoni, Fenyx sarà sempre come voi lo vorrete e, trattandosi di un gioco in terza persona, questa feature è davvero apprezzabile. Quello che salta subito all’occhio già dai primi momenti di gioco è la vastità e la bellezza dell’Isola d’oro che mostra moltissimi paesaggi e scorci meravigliosamente realizzati che, a seconda se sia giorno o notte, acquistano un fascino del tutto particolare. Ogni area della mappa è dedicata ad una divinità che riflette la sua essenza nello scenario. La Valle dell’eterna primavera, terra di Afrodite, è caratterizzata da un verde brillante, ricchi boschi e affascinanti paludi in cui flora e fauna sono presenti in modo lussureggiante.

La tana della Guerra invece, terra di Ares, è un brullo terreno in cui giacciono i segni di mille conflitti e corpi inermi di statue e giganti. Ogni zona dell’Isola d’oro custodisce una mastodontica statua della divinità corrispondente che, una volta scalata, permetterà di sbloccare visivamente l’intera zona, un po’ come accade con Assassin’s Creed insomma. Tutta la mappa è costellata di elementi da esplorare, oggetti da collezionare e luoghi di interesse. Tra questi, uno di particolare importanza, è rappresentato dalla Sala degli Dei. Si tratta di un mitico Hub centrale gestito da Ermes, l’unica divinità non ancora intrappolata da Tifone. Qui è infatti possibile potenziare le armi, la salute e la resistenza di Fenyx utilizzando gli oggetti trovati durante l’avventura. Qui sarà anche possibile ottenere nuove missioni e abilità o potenziare quelle che già si hanno.

Per quanto riguarda l’aspetto esplorativo, Immortals Fenyx Rising è un titolo dalla forte componente open world. Essa si rispecchia, oltre che nella vasta mappa a disposizione, anche nella moltitudine di missioni, quest secondarie, sfide da superare e oggetti da collezionare sparsi sulla mappa. Fenyx è in grado di vedere con gli occhi degli Dei (Premendo il tasto analogico destro) e scoprire sulla mappa tutti i punti di interesse che aspettano solo di essere trovati.

Sarà utile infatti arrivare ad un punto molto alto della mappa e avere così una visione più ampia possibile di quello che si ha dinanzi. Tra i molteplici elementi di gioco sulla mappa ci sono diverse tipologie di cose da fare e oggetti da prendere. Gli scrigni del tesoro, ad esempio, si dividono in casse normali, bottini epici, bauli delle armi e scrigni della notte. Tutti questi si trovano in varie aree della mappa, alcuni di questi possono essere aperti solo dopo aver superato determinati puzzle mentre per altri bisognerà uccidere tutti i nemici nei dintorni.

Altra attività è costituita dagli ingressi del Tartaro. Essi sono sparsi per tutta la mappa e non sono altro che dungeon da superare per ottenere una delle saette di Zeus per potenziare Fenyx. Il Tartaro è caratterizzato da alcuni puzzle o arene da combattimento e sarà necessaria grande abilità per superarli. Alcuni di questi, soprattutto nelle fasi più avanzate di gioco, presentano delle meccaniche interessanti e per nulla banali che faranno morire il giocatore molte volte prima di arrivare alla fine del dungeon e ottenere l’ambita ricompensa.

Gli ingressi del Tartaro nascondono sempre almeno una cassa del tesoro al loro interno, e potrà essere chiuso definitivamente solo quando sia la saetts sia gli scrigni saranno conquistati da Fenyx. In ogni caso una volta visitato, l’ingresso al Tartaro potrà essere raggiunto con il viaggio rapido e portato a termine in un secondo momento. Le Sfide di Odisseo sono missioni secondarie in cui sarà necessario mostrare tutta la propria abilità nel Tiro con l’Arco. Oltre al classico attacco rapido a distanza, si potrà infatti scoccare una freccia d’Apollo che può essere controllata dal giocatore stesso così da viaggiare con precisione in una serie di anelli, accendere una torcia, colpire i nemici e molto altro. Le sfide di agilità sono un’altra quest secondaria in cui si deve raggiungere un punto specifico della mappa entro un limite di tempo, correndo, nuotando, cavalcando e planando a grande velocità. Le sfide della costellazione, sono invece un grande puzzle da risolvere in cui bisognerà trovare in un’area relativamente circoscritta una serie di sfere da posizionare su una scacchiera nella posizione giusta raffigurata sul muro dinanzi l’area del puzzle.

Ogni sfera può essere sbloccata dopo aver risolto un mini rompicapo a se, creando un doppio sistema di sfide alcune delle quali abbastanza impegnative. In Immortals Fenyx Rising sono poi presenti alcune missioni che verranno affidate dalle divinità salvate, mentre altre possono essere attivate presso la Sala degli Dei e consisteranno nell’uccidere un certo numero di nemici, aprire degli scrigni, chiudere delle bocche del tartaro e molto altro. Altre quest secondarie vengono attivate automaticamente quando ci si avvicina nell’area della missione. Insomma, come avrete capito questi e molti altri elementi terranno i giocatori impegnati nell’Isola d’oro per molte, moltissime ore e se si vuole raggiungere il completamento al cento per cento bisognerà davvero darsi da fare.

Se, infine, a quanto detto andiamo ad aggiungere la possibilità di addomesticare diversi tipi di cavalcature e la possibilità confrontarsi con di ardui boss leggendari, il numero di contenuti offerto da Immortal Fenyx Rising aumenta ancora garantendo una longevità davvero elevata. Pur essendo pienamente coscienti che la nuova produzione di Ubisoft non reinventi nulla nel panorama del genere open world, non possiamo che affermare che il risultato finale è veramente eccellente. Noi giocando a difficoltà difficile siamo riusciti a completare l’avventura al cento per cento in circa 70 ore di gioco e, a fine gioco viene chiesto se si vuole proseguire caricando il salvataggio prima della “boss fight” o se si vuole ricominciare il gioco da capo in modalità nuova avventura +. Insomma, di carne a cuocere ce ne è davvero tanta e se siete dei completisti, Immortals Fenyx Rising sarà in grado di tenervi impegnati davvero per molto tempo.

Per quanto riguarda il sistema di combattimento, possiamo affermare senza dubbio che l’immediatezza è la vera forza degli scontri. Tutto ruota attorno alle tre tipologie di armi a disposizione (arco, spada e ascia), ognuna delle quali viene a sua volta caratterizzata da una sapiente gestione delle statistiche. Ogni arma, o armatura, che si troverà in game, difatti, non avrà alcun indicatore di potenza ma offrirà dei bonus specifici, che andranno ad agire in delle situazioni particolari. Si potrà rinvenire, ad esempio, un arco che massimizza i danni compiuti a mezz’aria, una spada che aumenti la percentuale di danno eseguita da Fenyx ai nemici unici o un pezzo di armatura che aumenti la barra della stamina ecc… La potenza delle armi, e delle armature, viene gestita globalmente permettendo al giocatore di migliorare un’intera categoria aumentandone il valore offensivo, o difensivo, e aggiungendo nuovi bonus peculiari al raggiungimento di un determinato livello.

Questo sistema favorisce la creazione di build specifiche atte ad affrontare le differenti sfide presenti nell’isola d’oro, non obbligando il giocatore a dover scegliere un equipaggiamento specifico a causa di una richiesta, eccessivamente, esosa in termini di materiali per potenziare un numero maggiore di armi e armature. In merito al combat-system vero e proprio, ci si trova dinanzi al classico schema composto da attacchi leggeri (assegnati alle spade), pesanti (delegati ad asce e martelli), a distanza (garantiti dagli archi) e alle canoniche manovre evasive quali schivata, parata e parry. Un sistema semplice ed efficace, che lascia la buona riuscita di qualsiasi scontro nelle mani del giocatore e della sua capacità di reazione. La totalità degli scontri presenti in Immortals Fenyx Rising, difatti, si basa sulla dinamicità e sulla prontezza di riflessi del giocatore, non vincolando la vittoria alle, sole, “statistiche” della nostra eroina ma permettendo, con il giusto impegno, di affrontare ogni avversario fin dalle prime fasi di gioco. Una piccola menzione d’onore va alla possibilità di controllare, per brevi periodi, le frecce dell’arco potendole guidare su punti specifici del corpo dei nemici, così come poterle sfruttare per risolvere numerosi puzzle ambientali o, semplicemente, analizzare l’area attorno a Fenyx.

Simpatica anche l’implementazione di Fosforo, un cucciolo di fenice che si premunirà di effettuare diverse tipologie di attacchi ad area atti a controllare maggiormente il campo di battaglia. Per quanto riguarda l’aspetto estetico, Immortals Fenyx Rising è una produzione “cross-gen” che si presenta con un comparto grafico ancorato maggiormente alla generazione precedente ma che sfrutta le caratteristiche delle nuove console per offrire prestazioni, ed effettistica, decisamente migliori. Come nelle altre recenti produzioni di Ubisoft, è presente la possibilità di scegliere se prediligere le performance o la resa grafica. In entrambi i casi il gioco mantiene le promesse, garantendo 60 fps e una risoluzione di 4k dinamici in modalità performance, o un’effettistica migliore, unita a una risoluzione lievemente maggiore e a un dimezzamento del framerate, in modalità “risoluzione”.

Lo stile grafico, assolutamente non votato al fotorealismo, però non fa emergere a dovere tutte le minuzie grafiche che si possono ottenere dimezzando gli fps, rendendo la modalità performance, indubbiamente, la migliore per godere di un’esperienza maggiormente reattiva e dinamica. Analizzando poi il comparto artistico di Immortals Fenyx Rising, non possiamo che ritenerci soddisfatti per tutto ciò che abbiamo potuto vedere lungo tutte le ore spese nell’isola d’oro. Le aree di gioco si sono rivelate ispirate nell’architettura, vibranti nei colori, varie nelle ambientazioni proposte e sapientemente realizzate in termini di level design. La caratterizzazione visiva dei personaggi ricalca, perfettamente, lo stile scanzonato della narrazione, così come la costante umoristica, dettata dai continui battibecchi fra Zeus e Prometeo che risultano sempre gradevoli.

Il comparto sonoro fa il suo senza particolari lodi, sia nell’effettistica, sia nelle musiche, che fanno d’accompagnamento. Ciò detto, il lavoro condotto sul doppiaggio in italiano è davvero squisito, con voci azzeccate, sempre credibili e in grado di dare energia e carattere ai personaggi. Tirando le somme, Immortals Fenyx Rising, nonostante sia uscito in un periodo di transizione fra generazioni di console, nonostante sia circondato da diversi titoli tripla A, nonostante non sia stato pubblicizzato come altri videogame concorrenti, a nostro avviso rappresenta uno degli acquisti veramente imperdibili di questo periodo. Una trama leggera, ma ben scritta, una mappa grande, tante cose da fare, un sistema di combattimento ben sviluppato e un comparto grafico ben curato e bello da vedere fanno di questa produzione la vera sorpresa della stagione. A nostro avviso perderlo sarebbe un vero peccato e proprio per questo motivo ci sentiamo di consigliarlo assolutamente. Sia che siate amanti delle sfide, sia che abbiate poco tempo a vostra disposizione, siamo certi che le avventure di Fenyx vi faranno passare ore di gran divertimento fatte di emozionanti avventure in compagnia di dei, mostri mitologici e enigmi fantastici.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 9

Sonoro: 8,5

Longevità: 9

Giocabilità: 9,5

VOTO FINALE: 9

Francesco Pellegrino Lise