Connect with us

Cronaca

Imprese Creative Driven: ecco gli 8 progetti vincitori della open call di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 7 minuti
image_pdfimage_print

Sono otto i vincitori di Imprese Creative Driven, la terza call di Parma2020+21 lanciata per promuovere quelle realtà che, pur non facendo parte del sistema delle imprese culturali e creative, considerano la cultura come un vero e proprio input del processo produttivo, veicolando contenuti creativi e innovativi rispetto al sistema economico di riferimento.

Parma 2020+21 si è posta l’obiettivo di contribuire alla stabilizzazione del sistema collaborativo pubblico-privato, con particolare attenzione alla crescita delle imprese culturali e creative. Tra gli obiettivi di Parma Capitale Italiana della Cultura c’è quello di promuovere l’accessibilità e la contaminazione tra cultura, imprese, tessuto urbano, periferie e comunità locali: per questo motivo sono state promosse quattro open call, quattro bandi finanziati con budget importanti, tra cui quello per favorire l’imprenditorialità creative driven come volano per l’innovazione e lo sviluppo territoriale, alla luce del dialogo attivo che si sviluppa tra cultura, creatività e logiche d’impresa.

Il bando è stato promosso dal Comune di Parma e dal Comitato per Parma 2020, con il sostegno di “Parma, io ci sto!” e Unione Parmense degli Industriali, la collaborazione di CISITA e il coordinamento scientifico di Promo PA Fondazione.

I candidati sono stati chiamati a proporre idee innovative che permettano di portare la creatività e la cultura all’interno delle imprese e di promuovere una relazione di interdipendenza tra il settore imprenditoriale e quello culturale. Ben 15 sono le imprese d’eccellenza del territorio parmense, che hanno aderito al progetto candidandosi a diventare cantieri di produzione delle proposte progettuali selezionate: Allodi; Casappa; Cavalier Umberto Boschi; Chiesi Farmaceutici; Coppini Arte Olearia; Dallara group; Davines; Fidenza Village; F.lli Galloni; Laterlite; Lincotek; Matthews International; Ocme; Opem; Raytec Vision.

Le imprese creative driven rappresentano una sorta di cerniera, una “zona ibrida” per sviluppare percorsi finalizzati a rendere innovativi e competitivi i prodotti, accattivante l’immagine e la comunicazione aziendale, a stimolare l’ambiente di lavoro grazie al miglioramento del rapporto fra benessere e produttività. Soggetti che pongono la cultura come un vero e proprio input del processo produttivo e che rappresentano un’ampia e diversificata parte del mercato, dal food all’arredamento, dal design all’edilizia, dalla moda al turismo, caratterizzandosi per il fatto di veicolare contenuti creativi e innovazione nel sistema economico di riferimento.

I vincitori sono stati resi noti oggi, martedì 13 ottobre, nel corso di una cerimonia pubblica a Palazzo Soragna, sede dell’Unione Parmense degli industriali, alla quale hanno partecipato Cesare Azzali, Direttore dell’Unione Parmense degli Industriali; Michele Guerra, Assessore alla Cultura del Comune di Parma; Alessandro Chiesi, Presidente di “Parma, io ci sto!”; Irene Rizzoli, Presidente CISITA Parma e Francesca Velani, coordinatrice progetti e strategie culturali di Parma2020+21.

«Quello che presentiamo oggi è uno dei progetti che meglio rappresenta il modello pubblico-privato su cui Parma Capitale Italiana della Cultura ha scommesso da subito. Si tratta di un modello costruito sul dialogo e sul confronto, sull’idea che fare impresa e fare cultura siano ispirate, al loro livello più alto, dagli stessi valori e dai medesimi desideri. Lo scambio tra le imprese e gli artisti sarà uno scambio di visioni e di futuro di cui la città intera, ne sono certo, potrà beneficiare» commenta Michele Guerra.

«Con la presentazione di oggi mettiamo un nuovo tassello al percorso che “Parma, io ci sto!” sta compiendo per Parma Capitale Italiana della Cultura. Dopo aver contribuito alla preparazione del Dossier di candidatura e alla creazione del Comitato, oggi finalmente presentiamo i vincitori della open call del progetto che abbiamo sviluppato insieme alle forze produttive e al sistema economico parmense per trasformare la cultura in strumento di crescita e inclusione. Abbiamo coinvolto le aziende, parte integrante del patrimonio del nostro territorio, affinché venissero riconosciute anche come luoghi di produzione di cultura e spazi in cui la creatività è parte integrante del processo industriale, quale nuovo elemento di conoscenza e sviluppo. Questo progetto rappresenta un’occasione unica di sperimentazione e un’opportunità per delineare un “modello Parma” da cui ripartire per sviluppare una visione condivisa e sostenibile del territorio» afferma Alessandro Chiesi, Presidente di “Parma, io ci sto!”.

«Quello che oggi si perfeziona è un percorso innovativo che vede anche le imprese del territorio impegnate in una sfida non convenzionale, una sfida in cui cultura e creatività diventano elementi dirompenti, vere e proprie “materie prime” che alimentano un processo di creazione del valore inusuale per il tessuto produttivo. Allargando i propri orizzonti oltre gli schemi tradizionali, le imprese che hanno avviato questo percorso avranno la possibilità di crescere, come organizzazione e in termini di identità, gettando le premesse per restituire in futuro al territorio parte del loro valore» dichiara Cesare Azzali, Direttore dell’Unione Parmense degli industriali.

Gli 8 progetti vincitori

Tra le cinquanta proposte progettuali che sono pervenute, da tutta Italia, in risposta al bando, otto sono stati i progetti ad essere premiati e che vedranno la loro realizzazione nel 2021. 

«Imprese creative driven è una delle grandi sfide di Parma 2020+21, nate con il dossier di candidatura, che si pone l’obiettivo di mettere a sistema processi di innovazione a base culturale nelle imprese. Ma lo fa sapendo che questa è una prima scintilla, il momento di partenza, un progetto generativo che potrà portare risultati, anno dopo anno, non solo al sistema territoriale parmense. Vuole infatti essere di esempio per tutte quelle realtà italiane consapevoli che nella cultura affondiamo le radici forti di qualsiasi creazione e nella cultura possiamo trovare opportunità e idee per rinnovarci e costruire il futuro» spiega Francesca Velani, coordinatrice progetti e strategie culturali di Parma 2020+21.

Al primo posto si è classificata l’azienda Gng snc con Open Puzzle Opem, un progetto culturale e creativo che coinvolge, da protagonisti, tutti i soggetti quotidianamente attivi in azienda. La squadra di OPEM contribuirà, ognuno con un “pezzo di sé”, alla creazione di un puzzle, un grande oggetto simbolico che raccoglierà le voci e le emozioni di tutti i partecipanti. Alla guida di questo percorso emotivo ci saranno artisti locali che, grazie alle loro sensibilità, contribuiranno al completamento di una installazione artistica ispirata ai sentimenti di orgoglio e appartenenza di una comunità.

Il secondo classificato è Lincotek Social Art, progetto di arte urbana e sociale che PopUp Studio intende sviluppare insieme alla Lincotek. Un’iniziativa di forte impatto visivo, culturale e mediatico, finalizzata a sviluppare la cross-fertilization tra gli ideali della ricerca, dell’innovazione tecnologica e dell’arte contemporanea, riqualificando i locali aziendali grazie al lavoro di artisti di fama internazionale. L’obiettivo è di implementare, in un momento di rebranding del gruppo, la coesione dell’azienda con i dipendenti e con il territorio, rendendo i luoghi di produzione anche luoghi di aggregazione e condivisione. I lavoratori saranno coinvolti nella realizzazione di un’opera di arte urbana negli edifici aziendali, sotto la guida di un affermato artista di urban art.

L’Associazione Culturale Toro con Amèrico e Anita Coppini – Storia di una bicicletta ha conquistato il terzo posto. Pensato per Coppini Arte Olearia, consiste nella realizzazione di un cortometraggio animato interamente disegnato a mano, basato sulla nascita dell’azienda e sulla storia dei due fondatori. Saranno i dipendenti dell’azienda, guidati da un gruppo di artisti, a creare gli oltre 1.500 disegni per il cortometraggio: ogni lavoratore diventerà autore e fruitore di un manifesto artistico in movimento nel tempo, che racchiude in sé le personalità dei partecipanti, il passato dell’azienda e il suo presente e costituirà un rinnovato sistema di comunicazione per dar voce alla personalità dell’impresa attraverso la diretta esperienza di chi la vive ogni giorno. Inoltre l’associazione annoterà in un diario di bordo ogni sviluppo e progresso, producendo dei cataloghi che saranno donati ai partecipanti durante la prima proiezione del cortometraggio.

Segue CREO ERGO SUM / Abilità artigianali che trasformano la materia in arte, cultura e valore presentato da Komunica per l’azienda Cavalier Umberto Boschi e nato dalla volontà di innescare un processo culturale virtuoso che coinvolga direttamente il capitale umano aziendale per motivarlo e incentivarlo: la parola chiave è partecipazione. Artisti e dipendenti uniranno le proprie energie e idee per trasformare l’impresa in un luogo di “creazione partecipata” in cui il prodotto artistico non sia più frutto di un’azione di mero mecenatismo calato da fuori. Saranno le stesse abilità pratiche degli operai a creare: le loro mani abili, guidate da un gruppo di esperti, saranno al servizio dell’arte e il loro prodotto non avrà come destinazione il settore commerciale ma sarà al centro di una mostra permanente in azienda, della quale potranno godere colleghi, fornitori, visitatori e non solo.

Al quinto posto Ibo Italia con Parma 2030: La città sostenibile, un progetto di team building che ingaggerà i dipendenti della Chiesi Farmaceutici in workshop creativi per la creazione di installazioni artistiche temporanee che, riallacciandosi all’impegno dell’azienda in azioni di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità, saranno incentrate su alcuni dei 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Quattro video ripercorreranno l’arco temporale di sviluppo del progetto, testimoniando il coinvolgimento degli artisti e dei dipendenti nella produzione delle opere, che saranno il simbolo del percorso intrapreso dall’azienda nel raggiungimento di obiettivi di integrazione e sostenibilità.

Muschi and Licheni SNC si classifica al sesto posto con Arte Espansa per Laterlite, con l’obiettivo di creare un legame virtuoso tra ambiente, argilla e persone attraverso un collante speciale: l’arte, che grazie al suo linguaggio universale, può stimolare iniziative di welfare sociale e innovazione culturale. Arte Espansa si propone di intervenire nell’area naturale nelle vicinanze dell’azienda trasformandola in uno spazio aperto e fruibile. Un Parco in cui ospitare installazioni artistiche permanenti che, nel tempo, modificheranno il percorso e la percezione dell’area del fiume Taro, diventando così teatro di azioni creative destinate alla comunità dell’azienda e ai cittadini. I dipendenti, forti del loro expertise, saranno co-autori di un’opera in argilla, che sarà poi installata nel Parco.

A company in a day è il progetto presentato per Allodi, che prevede la realizzazione di un inedito e innovativo racconto corale dei dipendenti della società e della loro esperienza in azienda attraverso tecniche di storytelling e cogenerazione. Sarà il frutto di un percorso di formazione per i lavoratori sulle tecniche di storytelling in cui i partecipanti impareranno a raccontare l’azienda e i suoi valori in un video di pochi minuti, che montato insieme a quello dei colleghi, andrà a creare un racconto collettivo. L’iniziativa sarà inoltre un modo per coinvolgere i dipendenti fornendo loro competenze creative e sviluppando le loro capacità di racconto con lo scopo di creare un nuovo ecosistema culturale ed innovativo nell’azienda e migliorare la capacità di tutti mettersi in gioco e sperimentare.

All’ottavo posto troviamo la Fondazione Teatro Regio di Parma con MOVING (CREATIVE) IDEAS. Ocme, all’opera! il progetto che, utilizzando gli aspetti culturali, artistici ed estetici sviluppati e promossi dal Teatro Regio di Parma in quasi duecento anni di storia, intende portarne lo spirito e l’essenza all’interno dell’azienda Ocme. Avvalendosi di un team trasversale – composto dai dipendenti e maestranze del Teatro Regio e da formatori esperti che utilizzeranno la metodologia AGC (Active Group Coaching) per sfruttare le dinamiche di gruppo come moltiplicatore dell’apprendimento – si valorizzerà l’esperienza dei singoli favorendone la condivisione nel gruppo. Attraverso attività mirate e l’utilizzo di una modalità esperienziale, mutuate dal teatro e orientate all’espressività, la Fondazione si pone l’obiettivo di far sperimentare ai partecipanti nuove forme di comunicazione e di co-creazione.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Roma, La Storta: nascondeva in casa 126 chili di marijuana

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma La Storta hanno arrestato un romano di 31 anni, già sottoposto alla misura cautelare della detenzione domiciliare, con la concessione dii permessi in determinate ore della giornata, gravemente indiziato del reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Recandosi a casa della persona sottoposta a misura cautelare per un controllo, i Carabinieri, attirati dalla presenza di un forte odore, proveniente proprio dall’interno, hanno deciso di approfondire l’ispezione. Una volta dentro l’appartamento, insospettiti dalla presenza di una porta chiusa a chiave, e dalla risposta evasiva sul motivo e su cosa ci fosse all’interno, l’hanno fatta aprire ed al suo interno hanno rinvenuto bidoni e sacchi di sostanza stupefacente, del tipo marijuana, per un peso complessivo di circa 126 chili. Ai militari l’uomo ha poi riferito che si trattava di marijuana legale, ma dall’analisi effettuata presso il laboratorio è emerso che vi era una parte di marijuana che aveva un THC superiore al limite consentito. Dalla droga rinvenuta si sarebbero potute ricavare oltre 17.000 dosi di sostanza stupefacente.Alla luce di ciò, il soggetto è stato arrestato e la droga e stata sequestrata. L’arresto è stato poi convalidato dal Tribunale di Roma.Si precisa che il soggetto non aveva inoltre alcuna autorizzazione o documentazione utile a poter vendere e commercializzare la “marijuana legale”.

Continua a leggere

Cronaca

Frana a Casamicciola, si cercano ancora i dispersi. Oltre 200 gli sfollati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Spalare il fango, non smettere di lavorare con mezzi escavatori e a mano, a seconda delle situazioni: in queste ore la priorità a Casamicciola è fare presto.Presto per mantenere accesa la speranza di poter salvare i 5 dispersi che ancora mancano all’appello dopo il ritrovamento di 7 vittime dell’alluvione. Seconda notte di dolore sull’isola ma anche di lavoro di soccorritori e volontari impegnati nelle ricerche ma per cercare di liberare case, alberghi, negozi, dalla muraglia di fango.

Tempi brevi li chiedono anche i 230 sfollati, temono di non poter rientrare nelle loro abitazioni.Il lavoro dei soccorritori si concentra, tra l’altro, su di un solaio. Le verifiche mirano ad accertare se vi possano essere persone dentro. Per accedervi bisogna completare la pulizia della strada d’accesso dal fango, uno degli ostacoli più difficili da rimuovere nelle varie zone colpite dalla frana.

Continua a leggere

Cronaca

Scomparsa Roberto Maroni, venerdì i funerali a Varese e a Lozza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

La sua famiglia lo ha definito “un inguaribile ottimista” e in effetti il barbaro sognante non ha mai smesso di guardare al futuro.

Anche quando ha capito di dover fare un passo indietro e rinunciare a diventare sindaco di Varese per colpa di una malattia che alla fine non è riuscito a sconfiggere: Roberto Maroni, 67 anni, è morto questa mattina dopo una vita passata nella Lega che fino all’ultimo ha cercato di riportare dov’era nata.

E cioè tra il suo popolo del Nord, arrivato a Roma appunto per realizzare il sogno dei “barbari” di governare e non per essere cambiato, come invece è successo a suo dire alla Lega di Matteo Salvini.

L’incontro con Umberto Bossi nel 1979 cambiò la sua vita e da simpatizzante di Democrazia Proletaria divenne “la mamma” di un nuovo movimento di cui il senatur era il padre. Deputato nel 1992 con altri 80 leghisti che per la prima volta arrivarono in Parlamento e poi tre volte ministro sempre con Silvio Berlusconi presidente del Consiglio, prima di tornare nella sua Lombardia per prendere il posto di governatore della Regione, dopo il lungo regno di Roberto Formigoni. Quasi 30 anni nelle istituzioni, quasi 40 nella Lega che ha fondato e poi anche guidato al termine del periodo più difficile con Umberto Bossi, circondato da un ‘cerchio magico’ che portò la Lega a rispondere in tribunale di tutte le accuse che la stessa Lega aveva rivolto agli altri partiti. A capo della rivolta dei militanti ci fu proprio Maroni, colpito dal divieto di rappresentare la Lega in qualsiasi manifestazione ufficiale, fino a quando lo stesso Bossi comprese che era davvero arrivato il momento di fare pulizia partecipando lui stesso alla celebre serata delle scope di Bergamo nel 2012, che segnò il passaggio di consegne tra i due.

Non facili i rapporti anche con Matteo Salvini che oggi lo ha definito “grande segretario, super ministro, ottimo governatore, leghista sempre e per sempre”, perchè Maroni sapeva anche con i suoi toni pacati far sentire forte la sua voce. E così ha fatto dopo il risultato sotto il 10% alle ultime elezioni, spiegando che “un Zaia segretario farebbe un gran bene alla Lega” per riportare il partito tra la gente del Nord che invece non viene più ascoltata. E il presidente del Veneto lo ha definito oggi “una figura iconica della Lega, un amico e un compagno di viaggio”,

“Politico per passione” si definiva nei suoi profili social, ma di passioni ne aveva anche molte altre, dal Milan, alla vela, alla musica, soprattutto il blues suonato con l’organo Hammond nella sua band, i Distretto 51, e il rock del suo idolo Bruce Springsteen. “Eri così Bobo, un inguaribile ottimista. Sei stato un grande marito, padre e amico”, ha scritto la famiglia a cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato un messaggio di cordoglio.

Con le lacrime agli occhi il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha annunciato il rinnovo nella manovra finanziaria del bonus che prevede una maggiorazione del 10% per chi resta al lavoro pur con i requisiti per la pensione: “E’ suo, non mio”, ha detto perchè Maroni lo introdusse da ministro del Welfare. Nella stessa conferenza stampa, lo ha ricordato la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che ha fatto parte con lui dello stesso governo Berlusconi, definendolo “una delle persone più capaci che ho incontrato nella mia vita e un amico”. “Mancheranno la sua lucidità e la sua visione politica, il suo incommensurabile attaccamento alla Lombardia ed alle regioni del Nord produttivo”, ha detto Silvio Berlusconi. Ma anche dal centrosinistra sono arrivati tanti messaggi di cordoglio, come quello di Enrico Letta: “Tanti ricordi e tanti confronti. Sempre pieni di rispetto e di sostanza. Che tristezza. Ci mancherai”. I funerali saranno celebrati venerdì mattina alla Basilica di San Vittore a Varese e al pomeriggio, in forma privata, a Lozza, il piccolo paese dove risiedeva da sempre.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti