Connect with us

Viterbo

IN STAMPA IL 2’ VOLUME DELLA SAGA ‘STORIE DI NARNIA’: DEL NOTO SCRITTORE CRISTIANO KUSTERMANN ANTICHE VICENDE, MISTERI, PROFEZIE (ANCHE RECENTI!) SUL NOSTRO TERRITORIO>>

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti L’uscita di <> è prevista per metà dicembre 2014

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
di Gennaro Giardino
 
E’ in stampa, per i tipi della Kion Editrice, <>, il secondo volume della saga di romanzi archeo-storici <> di Cristiano Kustermann, cinquantenne romano che vive in Umbria.
 
La nuova pubblicazione, seguito del volume uscito un anno fa <>, completa di fatto la prima bi-logia della serie. Infatti nei primi due volumi si narra della folle impresa del Conte d’Africa Eracliano. 
Rivoltatosi nel 412 d.C. contro l’Imperatore Onorio, allestisce la più numerosa flotta dell’antichità. Salpa da Cartagine con le legioni stanziate nell’odierna Tunisia. Sbarca sulle coste laziali. Segue le tracce del mito di Ercole, di cui si crede la reincarnazione. Attraversa la Tuscia meridionale, cimina e falisca (compresa Vetralla/Vetus Alia). Raggiunge la Via Flaminia. Punta su Ravenna, capitale da un decennio. Onorio gli spedisce contro un grosso contingente. Un altro, più piccolo, si muove da Roma.
Lo scontro, assai sanguinoso, ha luogo tra il Tevere e il Nera presso l’attuale Narni/Narnia, precisamente a Otricoli/Ocricolum. 
Nel dettaglio <> tratta della fine del grande Generale semibarbaro Stilicone, della voglia di vendetta dei suoi fedelissimi legionari costretti a combattere come gladiatori a Cartagine, dell’insurrezione di Eracliano contro Onorio, dello sbarco tra Ostia e Tarquinia della sua immensa flotta, delle tappe di avvicinamento alla Via Flaminia.  L’evento bellico, coi suoi antefatti, viene invece descritto in <>. 
Sullo sfondo la profonda crisi morale, religiosa, economica, monetaria, sociale, etnica, militare dell’Impero d’Occidente nel V secolo d.C. che tante similitudini presenta col periodo che stiamo vivendo.
A far da protagonisti – oltre ai personaggi storici più conosciuti come il Generale Stilicone, il suo assassino Eracliano, l’Imperatore Onorio, il Conte Marino, il Magister e poeta Namaziano, Sant’Agostino e l’eremita San Giovanni Cassiano, estensore della prima Regola dei Cenobiti – figurano altri rappresentanti di un mondo messo ai margini, ormai allo stremo: gli aruspici etruschi e uomini-lupo del Soratte, le ultime sacerdotesse della Dea Feronia vittime della prima ‘caccia alle streghe’, i reduci romani e barbari fedeli a Stilicone e perseguitati da Eracliano, i gladiatori clandestini, i contadini coloni, gli schiavi e i disertori ribelli del Valico della Somma, le ronde armate delle città etrusche e falische abbandonate a sé stesse dal corrotto governo imperiale, la setta eretica e violenta dei Circellioni.
L’assonanza del titolo con le <> di Lewis non è affatto casuale. Si ritrovano nel racconto, su base storica ed archeologica, luoghi, fatti e soggetti che apertamente ispirarono lo scrittore di Belfast o che suggeriscono coincidenze.
Grazie a un’ampia sezione in coda a ciascun volume, dedicata alle mappe, alle fotografie, alle ricche note bibliografiche ed esplicative, non mancano suggestioni, spunti ed elementi inediti sui misteri del territorio umbro-laziale e per la sua valorizzazione storico-naturalistica. 
Si va dal sepolcro perduto del cavaliere di Otricoli ai cerchi magici di Massa Martana e Sassofreddo di Narni. Dalla tomba dell’ultimo Re etrusco Elbio alla ‘Rosa delle Alpi’ incisa a Soriano al Cimino. Dal semi-anfiteatro sepolto sotto Narni alla vita dei santi patroni locali. Dalle tracce di Ercole nel Lazio e in Umbria ai misteriosi graffiti preistorici nelle Gole del Nera. Dal gigantesco macigno tremolante del Cimino al mostruoso inghiottitoio di Sant’Angelo Romano in Sabina. Dalla descrizione della fauna e flora locale ai sacri Laghi di Vico, Martignano, Monterosi e Vadimone. Dalla diffusione delle reliquie cristiane alla terribile profezia che sembra riguardare in modo assai circostanziato Orte e la medio-bassa Valle del Tevere, annunciata nel 2011 nell’altra parte del Mondo (se trovasse conferma, speriamo ovviamente che resti solo un monito!). 
L’uscita di <> è prevista per metà dicembre 2014. <> è disponibile da subito. Per info e prenotazioni 3406565186. 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gallery

Civita Castellana, “Buongiorno Ceramica” fa il pieno: grande successo per la kermesse con Anna Fendi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print


CIVITA CASTELLANA (VT)
– Grande partecipazione e grande successo per la due giorni di eventi della kermesse nazionale “Buongiorno Ceramica”. Particolarmente coinvolgente è stato il discorso dell’ospite d’onore Anna Fendi, nota stilista e appassionata di ceramica, che ha catturato l’attenzione dei presenti e suscitato notevoli riflessioni. All’iniziativa, insieme alla direttrice del museo dell’Agro Falisco nel Forte Sangallo Sara De Angelis, hanno partecipato il sindaco Luca Giampieri, il vice sindaco Andrea Sebastiani, l’assessore alle attività produttive Massimiliano Carrisi e la consigliera comunale Giovanna Fortuna.

Durante la conferenza di apertura, Anna Fendi è stata premiata per il suo genio creativo e imprenditoriale con un’opera dai motivi cosmateschi. Un tributo speciale è stato destinato al maestro d’arte Franco Giorgi, (già sindaco e ambasciatore dell’associazione città di antica tradizione ceramica), mentre la storica Ceramica VARM ha ricevuto il riconoscimento annuale 2022 per la visione imprenditoriale del suo fondatore, Gastone Vitali, con toccanti testimonianze da parte dei figli Valentina e Daniele. L’evento, presentato da Maria Vittoria Patera e Tamara Patilli – rispettivamente direttore scientifico e responsabile del Museo della ceramica Casimiro Marcantoni – ha visto anche la partecipazione di Maria Anna De Lucia Brolli, già direttore del Museo nazionale etrusco di Villa Giulia a Roma e del Museo archeologico dell’Agro Falisco nel Forte Sangallo. De Lucia Brolli è intervenuta in merito al lavoro di ricostruzione storica da lei curato e dal titolo “Dai Falisci ai Borgia, un mondo da scoprire tra Arte e Imprenditoria”. A concludere l’evento è stato l’intervento sull’imprenditoria del XXI secolo del direttore generale del Centro Ceramica, Raffaella Cerica.

La manifestazione è poi proseguita per tutto il fine settimana con altre interessanti attività che hanno registrato anch’esse notevole gradimento. In particolare la mostra d’arte contemporanea di Jessica Pintaldi e Leonardo Cuccoli, “Tracciami” (visitabile fino al 29 maggio), allestita al Museo Marcantoni, con la performance dal titolo “La tua impronta nella mia” che ha coinvolto attivamente i visitatori, invitandoli a lasciare ciascuno la propria impronta sull’argilla fresca. Anche l’installazione fotografica dell’artista Leonarco Cuccoli ha rappresentato un’esperienza davvero originale. Infine, il workshop di Ceramica Astratta ha contribuito a promuovere l’arte contemporanea insieme alle visite guidate che hanno accompagnato i visitatori alla scoperta dei luoghi simbolo della ceramica e dei segreti del mestiere, tra museo Marcantoni, casa museo Giorgi nel centro storico, museo archeologico e botteghe artigiane.

Continua a leggere

Cronaca

Civita Castellana, usa la carta Postamat del reddito di cittadinanza per rifornire gli automobilisti al self service

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

58enne di Ronciglione denunciato per truffa

CIVITA CASTELLANA (VT) – Usa la carta Postamat dove riceve il reddito di cittadinanza per rifornire di carburante gli automobilisti al distributore self service. E’ accaduto a Civita Castellana in provincia di Viterbo dove i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, durante un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso un cinquantottenne, residente a Ronciglione, mentre utilizzava la propria carta postamat, dedicata esclusivamente alla ricezione del reddito di cittadinanza, per effettuare rifornimenti ad altri automobilisti, facendosi poi consegnare il corrispettivo del carburante introdotto in contante.

L’uomo è stato deferito a piede libero per truffa e la carta Postamat è stata posta sotto sequestro.

Continua a leggere

Cronaca

Tarquinia, la Pro Loco e l’Airc in piazza per l’Azalea della ricerca

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Le mattine del 7 maggio, al civico 19 di via Giuseppe Garibaldi, e dell’8 maggio, a piazza Cavour

TARQUINIA (VT) – L’Azalea della Ricerca colora Tarquinia. Le mattine del 7 e dell’8 maggio i volontari della Pro loco Tarquinia e della Fondazione Airc per la ricerca sul cancro saranno in piazza per distribuire le piante con una donazione di 15 euro.

“Il 7 maggio saremmo nella nostra sede al civico 19 di via Giuseppe Garibaldi, mentre l’8 maggio, per la festa della mamma, allestiremo la postazione in piazza Cavour, di fronte a palazzo Vitelleschi – fanno sapere dalla Pro loco Tarquinia -. Abbiamo accolto con piacere l’invito dell’Airc di partecipare alla campagna di solidarietà. Siamo certi che i cittadini tarquiniesi sapranno rispondere con grande generosità”.

In 38 anni di vita l’Azalea della Ricerca è diventata il simbolo della festa della mamma. Un fiore speciale da regalare a tutte le donne e un prezioso alleato per la salute al femminile che ha permesso nel tempo di raccogliere oltre 280 milioni di euro. Questi fondi hanno consentito ai migliori scienziati oncologici di lavorare senza interruzioni, nel tentativo di diagnosticare più precocemente tutte le forme di cancro e di curare con maggiore efficacia tutte le pazienti.

Continua a leggere

I più letti