Connect with us

Esteri

INCIDENTI CON L’ANTRACE E IL VIRUS INFLUENZALE H5N1 AD ALTA PATOGENICITÀ NEI LABORATORI GOVERNATIVI AMERICANI

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

La conferenza stampa del CDC statunitense – Centro per il Controllo e Prevenzione delle malattie – realizzata lo scorso venerdì 11 luglio 2014, senza indugio conferma inaccettabili colpe soprattutto nella mancanza di procedure operative standard, di un adeguato controllo di laboratorio, di un piano di studi approvato, l'uso di tecniche di sterilizzazione per l’inattivazione per l'antrace non approvati e il trasferimento di materiale altamente patogeno senza alcuna conferma della sua inattivazione al di fuori di laboratori incapaci di contenere e manipolare tali prodotti,ha messo a rischio un’intera collettività

di Cinzia Marchegiani

USA –Duro colpo sulla sicurezza nei laboratori governativi americani. Gli incidenti gravi ai laboratori del CDC (Centro per il Controllo e Prevenzione delle malattie) statunitense avvenuti in un arco temporale di due mesi dimostrano la fragilità e l’insicurezza in questi centri di biosicurezza governativi ad alti livelli, dove vengono manipolati batteri e virus letali che rappresentano ormai le nuove armi batteriologiche utilizzate come potenti armi di sterminio dell’uomo. Venerdì 11 luglio 2014 il CDC ha organizzato una conferenza stampa trasmessa sulla IPTV e sul satellite, per spiegare cosa è accaduto. katherine Lyon Daniel, Direttore Associato per la comunicazione al CDC ha subito evidenziato che occorrono misure per migliorare la sicurezza in laboratorio dopo i recenti incidenti di laboratorio. Il Dr. Thomas R. Frieden, direttore del Center for Disease Control and Prevention comincia a spiegare che la potenziale esposizione all'antrace nel laboratorio di CDC a giugno, assieme all’incidente in laboratorio di influenza oltre la scoperta la scoperta dei flaconi etichettati come il vaiolo in un ripostiglio al campus NIH non autorizzato, rivelano che sono stai attuati comportamenti assolutamente inaccettabili. Prima di discutere i dettagli, Frieden denuncia che tali eventi non dovrebbero mai accadere, sicuro che ci sono molte persone che chiedono e mettendo in discussione i laboratori governativi:” Sono deluso da quello che è successo, e francamente, io sono arrabbiato. Il popolo americano dipende da noi 24h al giorno. I nostri scienziati vanno in tutto il mondo per fermare i focolai di malattie infettive, anche gli americani dipendono dal CDC per proteggere la loro salute, i nostri lavoratori devono poter contare su di noi per proteggere la loro salute. Gli americani dovrebbero sapere che vengono applicati i più alti livelli di sicurezza nei nostri laboratori e in tutto il nostro lavoro. I nostri laboratori, i nostri scienziati di laboratorio sono un tesoro nazionale. Siamo in sostanza il laboratorio di riferimento per il mondo”.

Thomas Frieden ricorda che il CDC è attivo in tutto il mondo e ultimamente, sono stati molto impegnati all’estero con la MERS in Arabia Saudita, dove stanno aiutando a contenere l'epidemia, o l’Ebola in Africa occidentale dove hanno mandato squadre contribuendo a fermare anche una nuova malattia trasmessa dalle zanzare, la Chikunguny:”i tre incidenti avvenuti non dovrebbero mai accadere. Quando qualcosa di simile accade qui, desta molta preoccupazione. L’America è stata oggetto di gravissimi episodi che hanno minato la sicurezza dei laboratori altamente specifici che detengono materiale altamente letale.” Il primo episodio risale al 5 giugno 2014 quando uno scienziato di laboratorio ha commesso un grave errore. Il rapporto descrive le specifiche dell'incidente avvenuto al livello del laboratorio di biosicurezza 3 (BSL3) presso CDC mentre si preparavano dei campioni di B. anthracis per poterli destinarli all'utilizzo a livello di biosicurezza più bassi (cioè, BSL 2) in altri laboratori CDC dove non sono ammessi batteri vivi per la ricerca. In questo caso, il laboratorio ha utilizzato una procedura che non inattivava adeguatamente e totalmente i campioni, i quali invece “potenzialmente infetti“ sono stati spostati e poi utilizzati per la sperimentazione in laboratori di biosicurezza di livello inferiore, dove non sono stati indossati i dispositivi adeguati di protezione individuale durante la manipolazione del materiale. Due laboratori, uno alla CDC e l'altra presso il Dipartimento Michigan della Sanità della Comunità, hanno condotti gli stessi esperimenti per determinare l'efficacia della suddetta procedura di estrazione delle proteine acido/acetonitrile formico per inattivare B. anthracis. Entrambi i laboratori hanno scoperto che la procedura di estrazione utilizzata, anche se forniva preparazioni inattivati di cellule B. anthracis dopo 10 minuti, in presenza di spore di B. anthracis dopo 24 ore di trattamento con i prodotti chimici di estrazione, si è verificato che un numero molto piccolo di spore non venivano inattivate.

Risultato di certo non inaspettato poiché le spore batteriche sono in genere molto più resistenti alla inattivazione chimica di cellule batteriche. Dopo aver riconosciuto l'incidente, dai test ambientali per B. Anthracis eseguiti nei tre CDC BSL-2 laboratori che avevano ricevuto i campioni dalla BSL-3 laboratorio non è stata trovata alcuna evidenza di contaminazione ambientale. La conferenza senza indugio conferma le colpe soprattutto la mancanza di procedure operative standard, la mancanza di un adeguato controllo di laboratorio, di un piano di studi approvato, l'uso di tecniche di sterilizzazione non approvati per l'antrace e il trasferimento di materiale altamente patogeno, senza alcuna conferma della sua inattivazione, al di fuori di laboratori incapaci di contenere e manipolare tali prodotti, mettendo a rischio un’intera collettività. Frieden consapevole dei fatti di inaudita gravita continua la propria relazione: ”C’è stata una mancanza di conoscenze scientifiche in questo laboratorio sull’inattivazione delle cellule dell’Antrace poiché ci sono tabella della letteratura pubblicati che hanno dimostrato e indicato che il metodo utilizzato non era perfetto. Questo laboratorio ora è chiuso, e rimarrà chiuso fino a quando non sarà completamente rivisto e fino a quando il dr Mike Bell e il suo gruppo raccomanderà la sua riapertura, faremo tutto quanto umanamente possibile per assicurare che questo errore non accada di nuovo”. Frieden illustra il secondo incidente collegato al ceppo dell’influenza, descritto come quello più angosciante dei tre episodi essenzialmente per due motivi, in primis perché è successo nel loro laboratorio di influenza e poi perché è successo sei settimane fa mentre e ha acquisito l’incidente da solo due giorni:” Mercoledì 9 luglio 2014 abbiamo appreso di un altro evento al CDC. Il nostro laboratorio di influenza stava preparando un ceppo meno dannoso di influenza animale per la spedizione a un laboratorio partner. Nel processo, senza saperlo, sono stati contaminati con il ceppo di influenza H5N1 ad alta patogenicità. Di conseguenza, quando il campione è stato inviato al Dipartimento del laboratorio dell'Agricoltura degli Stati Uniti per la ricerca che stavano facendo sulla bassa patogenicità, il ceppo influenzale, che doveva essere relativamente sicuro, è stato analizzato e accorgendosi che non si comportava come un ceppo a bassa patogenicità hanno fatto i test e identificato che è stato contaminato con il virus H5N1. Notificato di ciò, il personale del laboratorio CDC ha fatto il test che purtroppo ha confermato che il campione inviato era stato contaminato. Stiamo ancora solo all'inizio dell'inchiesta, il lavoro è stato fatto in una stanza, ciò porta ad alcune prime ipotesi su ciò che potrebbe essere successo.” La conferenza continua spiegando il ritrovamento delle fiale di virus del vaiolo in un laboratorio della NIH non autorizzato, dove l'incidente è stato segnalato al gruppo di vertice, di cui l’Osservatore d’Italia aveva già dato notizia la scorsa settimana www.osservatoreitalia.it/index.asp?art=1388 Un’equipe di scienziati il 7 luglio hanno lavorato tutta la notte per verificare se il DNA era presente tramite il test PCR, il materiale è stato poi iniettato in materiali speciali per vedere se era ancora vivo, e giovedì 10 luglio 2014 è stato verificato che due dei sei flaconi hanno mostrato evidenza di crescita: ”I nostri scienziati hanno nuovamente ripetuto il test PCR in un nostro laboratorio contenimento, un impianto BSL-4 e determinato che la crescita è davvero associata al virus del vaiolo. Abbiamo già iniziato il processo per analizzare l'intera sequenza genetica del virus che può richiedere fino a due settimane dove vedremo se le rimanenti quattro fiale mostreranno evidenza di crescita. Abbiamo monitorato la crescita e sequenziato il genoma, distruggeremo le fiale e tutto il materiale della cultura di questi materiali. Questo è ciò che si sarebbe dovuto fare un paio di decenni fa, e questo è quello che sarà fatto ora, e abbiamo invitato i rappresentanti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità come testimone della distruzione. Chi ha creato queste fiale non lo ha fatto per cattiveria. Furono creati nel 10 febbraio del 1954, questo era prima eradicazione del vaiolo. Il problema non è nella creazione di materiali patogeno, ma nel controllo del magazzino che non ha garantito per decenni la si sicurezza.”


La conferenza stampa fa luce su questi gravi incidenti che servono come un avvertimento, poiché i protocolli adottati ad ora non hanno garantito la sicurezza e l’incolumità sia del personale che dei civili. Frieden in tal senso annuncia importanti misure di sicurezza tese a cambiare le regole per la sicurezza di questi laboratori governativi CDC, poiché la cultura della sicurezza laboratorio deve migliorare:
1) istituita la moratoria sul materiale biologico dei BSL-3 e BSL-4 laboratori, dove verranno valutati laboratorio per laboratorio prima di riaprire; 2) nominato il dottor Michael Bell Direttore del Laboratorio di Sicurezza che sarà il punto unico di responsabilità per migliorare tutti i protocolli, le pratiche e le procedure di sicurezza del laboratorio, e stabilito un gruppo di lavoro ad alto livello presieduto sempre dal dottor Bell, che riferirà allo stesso Thomas Frieden per accelerare il miglioramento della sicurezza in laboratorio; 3) sarà esaminata la procedura in ogni laboratorio che detiene qualsiasi agente patogeno pericoloso CDC in merito alla questione generale della inattivazione dei campioni di batteri o virus che devono essere trasferiti al di fuori dei laboratori di massima sicurezza; 4) processo di creazione di un gruppo consultivo esterno che farà parte del comitato consultivo; 5) un'inchiesta per determinare le cause profonde che hanno innescato il processo di contaminazione del virus H5N1 nel laboratorio di influenza; 6) bonificare la segnalazione degli incidenti attraverso i canali più appropriati, laCDC ha segnalato l'incidente attraverso i canali propri della selezione organo di vigilanza agente, servizio d'ispezione del dipartimento dell'agricoltura che è conosciuta come APHIS; 7) un gruppo di revisione sotto la direzione del Direttore Associato per la Scienza per prevenire gli eventuali eventi in futuro. Questa revisione sarà fatta in collaborazione con l'indagine interna e in coordinamento con il gruppo di lavoro esterno; 8) in risposta agli incidenti in futuro si utilizzeranno sistemi di gestione come quello che si usa per eventi esterni; 9) richiedesta l'azione disciplinare appropriata per ogni membro del personale che consapevolmente partì da protocolli di sicurezza o di laboratorio che non hanno segnalato tempestivamente; 10) analizzate le implicazioni insite nella selezione degli agenti patogeni virulenti e più in generale, non solo all'interno CDC ma in tutta la comunità scientifica anche in funzione interna di regolamentazione al CDC, dove c’è una unità chiamata Divisione di selezionare gli agenti e tossine.


Il dr Michael Bell rispondendo ad una domanda spiega che sono preoccupati soprattutto per la segnalazione degli eventi che deve essere rapida:” Occorre una comprensione della catena di comunicazione. Il lavoro di sicurezza non è mai completo. Continueremo a innovare. Saremo continuamente indirizzati ad accedere alle nuove tecnologie. Ci saranno nuove malattie. E questo è parte del lavoro che facciamo nella salute pubblica per mantenere la sicurezza e crescere con la scienza in modo che possiamo assicurare che ciò che facciamo non danneggia nessuno che sta facendo il lavoro o si trova nelle vicinanze.”
Thomas Frieden conclude la conferenza stampa anticipando che il dottor Bell e il suo gruppo di lavoro affronterà la formazione del personale, poiché si deve imparare dagli errori passati:” voglio finire riassumendo quello che abbiamo superato: tre incidenti, due a CDC e uno a NIH, ma questi incidenti hanno rivelato a noi una serie inaccettabile di pratiche al CDC. Come risultato di ciò, abbiamo subito smesso di spedire tutti campioni di laboratorio dai nostri laboratori elevato contenimento, BSL-3 o BSL-4. Abbiamo stabilito un unico punto di responsabilità, e vedremo ogni aspetto della sicurezza in laboratorio con un focus laser. Prenderemo le opportune misure disciplinari dopo la ricerca su ciò che è realmente accaduto in questi due incidenti. Il mondo in cui viviamo, continuano a diffondersi le malattie in natura ma anche usate come armi contro l’intera popolazione, quindi dobbiamo fare questa ricerca, ma dobbiamo farla in modo sicuro.”

Gli incedenti ai laboratori governativi statunitensi fanno emergere l’assoluta fragilità delle tecniche di sicurezza finora approvate ed eseguite, facendo precipitare nel vuoto le certezze che la scienza è sempre tesa a dimostrare, col senno del poi si scopre che tali fatali errori, mitigati dal fato, avrebbero seminato pandemie create questa volta dalla sprovveduta incapacità dell’uomo di contenere potenti queste armi letali….Tutto ciò dimostra come è labile la sicurezza del pianeta, la sicurezza del futuro.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Arrestata la poliziotta Kim Potter: ha ucciso il 20enne afroamericano Daunte Wright

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Kim Potter, la poliziotta bianca che ha ucciso il ventenne afroamericano Daunte Wright a Minneapolis dopo aver scambiato apparentemente la sua pistola col taser, sarà incriminata per omicidio di secondo grado.

Kim Potter è stata rilasciata dopo aver pagato una cauzione di 100 mila dollari. Secondo il codice penale del Minnesota, il reato si configura quando una persona “crea rischi irragionevoli e coscientemente corre il rischio di causare la morte o il grave ferimento di qualcuno”.

Il sindaco di Brooklyn Center intanto ha prorogato il coprifuoco, dopo tre notti consecutive di scontri tra manifestanti e polizia. 

Continua a leggere

Esteri

Morto Bernie Madoff: stava scontando 150 anni di prigione per truffa e riciclaggio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Bernie Madoff, l’architetto di una delle maggiori truffe della storia, è morto in carcere. Lo riportano i media americani, secondo i quali Madoff sarebbe morto per cause naturali. Madoff è morto all’erà di 82 anni.

Era stato arrestato nel dicembre del 2008 dopo che una talpa, identificata poi in uno dei suoi figli, lo aveva denunciato. Era stato condannato a 150 anni di carcere per frode e riciclaggio.

La truffa che aveva architettato valeva 50 miliardi di dollari, probabilmente una delle maggiori al mondo: l’aveva portata avanti per anni e nessuno, né le autorità né gli investitori, se ne erano mai accorti. Nato il 29 aprile 1938, Madoff aveva fondato la sua prima società nel 1960 investendo 5.000 dollari guadagnati facendo il bagnino in spiaggia. Madoff era poi stato presidente del Nasdaq, il listino tecnologico, al quale era riuscito ad attirare società di primo piano quali Apple, Sun Microsystems, Google e Cisco System.

La carica ricoperta gli era valsa un’ottima reputazione e quindi una quasi incondizionata fiducia, sulla quale ha basato la sua truffa. La crisi di Wall Street del 2008 ha però piegato lo schema quasi perfetto adottato da Madoff, costretto a confessare ai figli che la fortuna della società era falsa.

Continua a leggere

Esteri

Regno Unito, ritorno alla normalità: riaprono i pub

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Lunghe file davanti ai negozi ed esercizi commerciali in diverse città del Regno Unito fin dalla mattina di ieri, in attesa della riapertura dopo il lockdown deciso a dicembre dalle autorità britanniche per contrastare la pandemia da covid-19. Scatta infatti oggi la fase due della ‘road map’ stabilita dal governo britannico per la graduale riapertura del Paese e si comincia da pub (sebbene con il limite al servizio all’aperto), negozi di beni anche non essenziali, parrucchieri e centri estetici, anche palestre.

Così a Oxford Street a Londra, per esempio, una delle vie dello shopping più frequentate al mondo e lasciata deserta dalla pandemia, si sono formate lunghe file davanti ai negozi in attesa che aprano i battenti.

Resta tuttavia l’incognita su come queste prolungate chiusure e il rischio covid che persiste possano aver già cambiato il modo in cui si fa shopping. Di questo tema ne fa subito uno slogan lo storico grande magazzino di Oxford Street, Selfridges, che in occasione della riapertura ha issato sulla sua facciata una scritta a lettere cubitali che recita “Let’s change the way we shop” (Cambiamo il modo in cui facciamo compere). 

Riaperture sì, ma con misura ed entro le regole Covid ancora in vigore. Scattano le prime indagini di polizia e le prime minacce di multe nel Regno Unito sull’onda dell’eccessivo ‘entusiasmo’ segnalato qua e là per la ripresa del servizio (per ora solo all’aperto) dei pub dell’Inghilterra previsto dalla tappa di alleggerimento del lockdown fissata a partire da oggi dal governo di Boris Johnson. Tra i casi limite quello di un pub di Coventry, l’Oak Inn, finito sotto investigazione da parte delle autorità locali, per aver riaperto fin dalla mezzanotte scorsa consentendo l’assembramento dinanzi all’ingresso di decine e decine di persone ben poco distanziate fra loro. L’esercizio, che si trova nella zona universitaria della città , è stato preso d’assalto fin da subito e alcuni video postati sui social media hanno mostrato all’esterno una ressa di oltre 100 avventori. “La gente – ha commentato un portavoce del municipio di Coventry – sta iniziando a godere legittimamente dell’allentamento delle restrizioni, ma occorre ricordare a ciascuno l’importanza di seguire le regole tuttora in vigore, che includono il distanziamento sociale a 2 metri, l’uso della mascherina a copertura del volto e la raccomandazione di lavarsi le mani regolarmente”. “E’ fondamentale continuare a lavorare insieme per frenare la diffusione del Covid-19 per non disperdere i buoni progressi fatti negli ultimi mesi”, ha aggiunto, non senza avvertire che le autorità intendono indagare “su qualunque assembramento denunciato in violazione alle regole”.

Continua a leggere

I più letti