Connect with us

Costume e Società

Incontro con la stampa estera del Ministro per il Sud Barbara Lezzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Il Ministro per il Sud Barbara Lezzi ha incontrato a Roma i corrispondenti della stampa estera in Italia in un confronto a tutto campo, nel quale si è parlato della manovra economica, della riforma del sistema pensionistico, dei rapporti tra Italia ed Unione Europea, del governo e dei rapporti all’interno della maggioranza.

I giornalisti, inoltre, hanno manifestato particolare interesse per i provvedimenti per il rilancio del Sud, gli investimenti in infrastrutture, i rapporti economici tra il Mezzogiorno e i paesi del Mediterraneo e le misure per la lotta alla disoccupazione. Il ministro ha citato le infrastrutture ferroviarie come l’alta velocità Bari Napoli “da prolungare in Salento, per assecondare la vocazione turistica della zona”, e gli interventi stradali che si stanno completando dopo anni di attesa, come la Catania-Ragusa, la Sassari Olbia, e la Bari-Matera. Il ministro ha colto l’occasione anche per parlare dell’avvio delle Zone Economiche Speciali (Zes) che saranno coordinate da una cabina di regia centrale affinché agiscano in modo integrato e non isolatamente, e dell’imminente decreto sulle semplificazioni amministrative che interverrà anche su questa materia.

Una parte del lungo confronto è stata dedicata ai fondi europei e al loro utilizzo da parte delle Regioni del Sud: “Entro dicembre 2018 dovremo rendicontare circa 4miliardi e 200 milioni di fondi europei, e quando mi sono insediata la percentuale di rendicontazione era bassissima- ha spiegato il Barbara Lezzi – soprattutto in alcune regioni. In Sicilia ad esempio, restavano da rendicontare più di 700 milioni in meno di sei mesi, ma nonostante la difficoltà dell’impresa abbiamo attivato una procedura prevista dal regolamento per i fondi strutturali nella programmazione 2014/2020 e che consiste in un monitoraggio rafforzato che vede coinvolti direttamente il ministero, il presidente della Regione e la Commissione Europea. Grazie a questa collaborazione ad oggi il rischio di perdere questi fondi è quasi nullo, e i risultati si manifesteranno concretamente per i cittadini, perché saranno realizzati, tra l’altro, un’autostrada e uno snodo ferroviario su Palermo che erano attesi da anni.”

A latere dell’incontro, rispondendo ad un quesito dello scrivente, il ministro Lezzi ha ricordato l’attenzione che il governo intende riservare alla città di Taranto per il suo rilancio. Infatti il governo ha espresso parere favorevole rispetto alla candidatura della città per ospitare i Giochi del Mediterraneo nel 2025. Secondo la Lezzi, “Al di là dell’evento sportivo, già di per sé molto importante, questo appuntamento può diventare l’occasione per promuovere interventi migliorativi e di crescita nella città, che si possono innestare all’interno del processo di riconversione al quale questo governo sta lavorando, principalmente attraverso il lavoro del ministro Di Maio”.

Il ministro Lezzi, al termine dell’incontro tenutosi a Palazzo Chigi al quale avevano partecipato anche il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, il Direttore generale di Asset, Elio Sannicandro, e i deputati locali del M5S Giovanni Vianello e Paolo Lattanzio aveva affermato che “Per prima cosa è stato stabilito che verrà costituito un comitato promotore per Taranto 2025 al quale parteciperanno tutti gli attori che possono apportare un contributo. In particolare, l’intenzione è quella di mettere a sistema tutte le risorse che possono essere destinate a questo progetto, compresa una parte di quelle previste all’interno del Cis Taranto. Tutti abbiamo la volontà di investire su questa candidatura che può davvero rappresentare l’occasione giusta per il rilancio e lo sviluppo di una città e di un territorio che ne hanno estremo bisogno. Parliamo anche di una occasione di fondamentale importanza nella ridefinizione dell’identità culturale della città, che vanta una storia, un patrimonio ambientale e artistico la cui conoscenza deve essere incentivata e promossa, sia nel resto del Paese che in Europa”.

Gianfranco Nitti

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Costume e Società

Gioco, Italia primatista europea per tutela del consumatore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Avanguardia per livello di sperimentazione, l’Italia si colloca ai primi posti anche perquanto riguarda la tutela del consumatore, nonostante il Governo si ostini anon tenere conto dei passi fatti in questa direzione.

A certificare la leadership sono le cifre, che dimostrano inequivocabilmente la bontà dei vincoli assunti, alcuni dei quali molto rigidi, assolutamente congrui a contrastare le degenerazioni legate al gioco d’azzardo.

L’Italiaè senza dubbio uno dei mercati al quale gli operatori internazionali del settore del gioco online guardano con maggiore attenzione. All’annuale evento di SiGma Malta è stato dedicato unintero ciclo di conferenze al caso italiano, per affrontare la questione delfaccia a faccia con il governo e studiare i progressi evidenziati nel campodella sperimentazione tecnologica (basti pensare ai Virtual Game, amatissiminel nostro paese, che ne è stato tra i principali apripista). L’attenzioneposta al caso italiano appare quindi come una naturale conseguenzadell’importanza assunta in questi anni. Un’importanza a cui il Governopurtroppo pare non corrispondere il giusto riconoscimento.

Comedetto, le cifre sono dalla parte dell’Italia. Nel 2017, sono stati 3,7 milionigli account aperti in uno dei tantissimi siti di scommesse, e di questi 2,2milioni hanno effettuato almeno una giocata, in crescita del 22% rispettoall’anno precedente. Complessivamente, ammonta a 3 miliardi il deposito suiconti gioco, anche questo dato in crescita rispetto ai circa 2 miliardi del2016. Ma non c’è solo questo. Grazie ad una normativa molto rigidasull’autoesclusione (in Italia è sorto anche un registro unico delle autoesclusioni, acronimo RUA), sono stati circa 56mila i giocatori che hanno preferito allontanarsi temporaneamente dal mondo delgioco. Un ottimo modo per contrastare la Ludopatia.

L’Italia è uno dei pochissimi paesi in cui la pubblicità del gioco d’azzardo è vietata.Inoltre, a seguito di un’autoesclusione (che nel nostro paese è una procedurache può adottare anche l’agenzia stessa), è possibile riattivare l’account soloal termine di un periodo di 6 mesi. In Europa, sono soltanto 5 i paesi chehanno un vincolo così rigido; oltre all’Italia, la Spagna, la Slovacchia, laRomania e la Lituania. A fronte degli sforzi in questa direzione, il proibizionismo del Governo non pare essere la soluzione. Gli operatori europeipropongono invece un approccio più equilibrato, che faccia leva principalmentesulla distinzione tra gioco legale e illegale e sull’importanza di salvaguardarei minori (un altro tema sul quale l’Italia ha fatto passi da gigante; inEuropa pochi altri possono vantare la rigidità del divieto del gioco minorileche ha conosciuto il nostro paese). La tutela del consumatore passa infatti perla consapevolezza dei rischi legati al gioco e per la capacità di riconoscereil gioco illegale che, contrariamente agli operatori che agiscono in manieralecita, non ha sicuramente nel rispetto dei giocatori il proprio punto di forza. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Osservatorio Accessibilità dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, concorso fotografico: mensione speciale per l’Asd Scacchi in Tour

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

In occasione della giornata dedicata alla disabilità e all’impegno per l’abbattimento di ogni barriera che ostacoli l’integrazione del disabile nel contesto sociale, l’Associazione Sportiva Dilettantisca Scacchi in Tour ha partecipato ad un concorso fotografico indetto dall’Osservatorio Accessibilità dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia.

L’obiettivo del concorso era quello di rappresentare, quanto di positivo è stato fatto e quanto c’è ancora da fare in tema di accessibilità degli edifici e degli spazi urbani quali piazze, strade, giardini, marciapiedi, parchi, accessi a edifici pubblici e edifici privati aperti al pubblico, nella convinzione che la prima barriera da abbattere sia l’indifferenza.

La fotografia denominata “SCACCO ALLA DISABILITA’ “, presentata dall’Associazione marinese che si dedica alla promozione del gioco degli scacchi, si è aggiudicata una Mensione Speciale della giuria del concorso.

La foto rappresenta la difficoltà per un disabile (pedone) di accedere ad un passaggio pedonale privo di rampa, le sole persone non disabili (cavalli) possono attraversare perché è capace di saltare.

“Sempre più orgogliosi portiamo a casa un altro successo nel nostro ambizioso percorso: associare il nobile gioco ad altrettanto nobili cause sociali”, dichiara Igor Sagratini, Presidente dell’ASD Scacchi Tour, ” Non c’è soddisfazione nel perseguire un progetto se il risultato non è orientato verso il miglioramento comune”.
La foto dell’ASD Scacchi in Tour insieme alle altre foto presentate al concorso, sono rimaste esposte fino all’ 8 dicembre nella prestigiosa Casa dell’Architetture a Roma, dove è avvenuta la consegna dei riconoscimenti.

Il concorso fotografico punta l’attenzione sulla necessità di rendere accessibile il patrimonio culturale per iniziare a declinare il tema del superamento delle barriere architettoniche a Roma.

Questa scelta, come ribadito nei corsi dei lavori introdotti da Ombretta Renzi, Consigliere dell’Ordine degli Architetti e Coordinatore Osservatorio Accessibilità, nasce dalla consapevolezza di ” un cambiamento radicale nei concetti di museo e bene culturale, che non sono più soltanto luoghi di conservazione, ma elementi dinamici in cui si innesca un dialogo con il fruitore. Luoghi chiave per la crescita culturale, dove la fruibilità non rappresenta tanto il diritto della persona diversamente abile, quanto un dovere sociale della collettività”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

L’anno che verrà, gestirlo al meglio con l’agenda Flexy 2019

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Pratici, colorati, di designer internazionali. Anche per il 2019 Nava propone una vasta scelta di calendari e agende per regalare e regalarsi 365 giorni di stile ed efficienza e per un anno senza intoppi programmando bene. Nonostante la tecnologia ed i calendari elettronici, un prodotto fisico di qualità e stile italiani reggono sempre bene.

Ed ecco una scelta di quello che l’azienda leader italiana propone per il 2019: Agenda Work Baladek con copertina in baladek e scritta serigrafata. Dotata di elastico di chiusura e nastro segna pagina, è disponibile in vari colori e formati (giornaliera, settimanale, 12 o 18 mesi).

Design Artemio Croatto, da € 8

La colorata agenda FLEXY 2019 dall’originale copertina flessibile in PU con logo stampato a caldo, è disponibile in vari formati (giornaliera, settimanale, 12 o 18 mesi) e colori che la rendono un prodotto al contempo estetico e funzionale, Design Artemio Croatto,da € 9.
Calendario mensile da parete CALENDIARY con rilegatura spiralata. E’ caratterizzato dall’uso di 2 lingue (italiano e inglese). Utile per tenere sotto controllo tutti i giorni del mese. Misure 16,5×49 cm
Design Giulio Confalonieri,da: € 8.
Calendario bimestrale da parete INTERNATIONAL. Consente di tenere sotto controllo 2 mesi (3 nel formato small) contemporaneamente, Utilizza 5 lingue: italiano, inglese, francese, tedesco e giapponese. Misure 32×138 cm (nel formato small 23,5 x 72,8 cm), Design Ornella Noorda, da € 8.

Gianfranco Nitti

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it