Connect with us

Esteri

Inghilterra, Theresa May firma per la Brexit: divorzio di Londra dall'Ue

Clicca e condividi l'articolo

La premier britannica: "Siamo una grande unione di persone e nazioni con una storia di cui andar fieri e un brillante futuro".

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

INGHILTERRA – La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera – poche cartelle – sarà consegnata alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles. E farà scattare i due anni di negoziati previsti per il divorzio.

"E' il momento di essere uniti". Così la premier britannica, secondo le anticipazioni dei media del Regno Unito, si rivolgerà più tardi al Paese annunciando l'inizio della Brexit. Nel suo richiamo all'unità dopo le divisioni del referendum ricorda come "siamo una grande unione di persone e nazioni con una storia di cui andar fieri e un brillante futuro".

La May, sempre secondo le anticipazioni dei media, si impegna a "rappresentare ogni persona in tutto il Regno Unito, inclusi i cittadini Ue". Secondo la leader conservatrice, i milioni di residenti europei nel Regno "hanno fatto di questo Paese la loro casa".

"Alle 13,20 oggi, l'ambasciatore Tim Barrow mi consegnerà la lettera con la notifica dell'articolo 50", lo scrive il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk su Twitter, ricordando che poco più tardi, alle 13,45, farà una dichiarazione per la stampa.

Commenti

Esteri

Covid-19, Boris Johnson positivo: al momento sintomi leggeri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il premier britannico Boris Johnson è stato contagiato dal coronavirus ed è in auto-isolamento. Lo riporta Downing Street precisando che i sintomi sono al momento “leggeri“. Il tampone è stato eseguito ieri dopo che il primo ministro conservatore aveva accusato sintomi definiti leggeri di contagio da Covid-19. Contagiato anche il ministro della Sanità, Matt Hancock, che ha confermato in prima persona di essere a sua volta risultato positivo al test e di avere al momento “sintomi lievi”. Hancock è ora in auto-isolamento, come ha fatto sapere. 

“Dopo aver manifestato sintomi lievi ieri, il Primo Ministro è stato sottoposto al test sul coronavirus su personale consiglio del chief medical officer, il professor Chris Whitty”, ha detto oggi una portavoce di Downing Street. “Il test è stato eseguito da personale dell’Nhs (il servizio sanitario nazionale britannico) qui al numero 10 e il risultato è stato positivo”. La portavoce ha precisato che comunque Johnson al momento non ha smesso di lavorare e “continua a guidare la risposta del governo all’emergenza coronavirus”. Nei giorni scorsi era stato precisato che, in caso d’impedimento, la guida dell’esecutivo sarebbe passata temporaneamente al suo vicario di fatto, il titolare degli Esteri, Dominic Raab, uno dei due ministri elevati nei mesi scorsi al rango di Primo Segretario di Stato (l’altro è Michael Gove). 

Johnson si rivolge ai britannici via Twitter, spiegando di avere febbre e tosse, ma di essere in grado di guidare il Paese. “Sto lavorando da casa in auto-isolamento perché è assolutamente la cosa giusta da fare. Ma non abbiate dubbi che posso continuare a guidare la controffensiva nazionale contro il coronavirus, col mio top team, grazie alla magia delle moderne tecnologie”. Il premier ringrazia poi tutto lo staff e “ovviamente il nostro meraviglioso personale” sanitario.

Buckingham Palace ha commentato il contagio di Johnson informando a stretto giro che la regina Elisabetta, 94 anni il mese prossimo, ha incontrato per l’ultima volta il primo ministro di persona “l’11 marzo”: più delle due settimane indicate approssimativamente dagli esperti come arco di tempo d’un potenziale contagio. La stessa puntualizzazione era giunta dopo la notizia del contagio del principe Carlo, che da alcuni giorni è in auto-isolamento con “sintomi lievi” nella residenza di Balmoral, in Scozia.

“Sua Maestà resta in buona salute e segue gli appropriati consigli medici riguardo al proprio benessere”, ha sottolineato un portavoce di corte. Gli ultimi due colloqui settimanali di prassi fra la sovrana e il premier sono avvenuti per telefono, come era stato già precisato: in un caso con la diffusione di foto di Elisabetta II alla cornetta dal castello di Windsor, dove la regina s’è a sua volta isolata da oltre una settimana a scopo precauzionale col 98enne consorte Filippo.

La fidanzata e futura terza moglie di Johnson, la 32enne Carrie Symonds, incinta da qualche mese del premier britannico, si è temporaneamente trasferita per ragioni di cautela suggerite dai medici. Lo riferisce una portavoce del governo britannico osservando che i due sono al momento separati e che “il primo ministro segue pienamente le linee guida indicate dal Public Health England (il vertice del servizio sanitario) le quali impongono sette giorni di auto-isolamento”. Johnson, ha detto la portavoce, si trova fisicamente in un alloggio al numero 11 di Downing Street, comunicante con la residenza ufficiale al numero 10. Downing Street 11 è tradizionalmente sede della residenza governativa della famiglia del cancelliere dello Scacchiere, il titolare delle Finanze, che attualmente è Rishi Sunak; ma già da qualche tempo – nell’ambito dell’organizzazione della compagine attuale – è stato assegnato a Johnson per ragioni logistiche e di spazio. 

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel augura al premier britannico di rimettersi presto in salute: “L’Europa ti augura una pronta guarigione”, scrive Michel su Twitter. “Credo che vinceremo insieme questa lotta contro il Covid-19”, aggiunge.

Nel video, diffuso immediatamente da Johnson per mostrarsi al Paese e rassicurare sulle sue condizioni dopo il recente contagio anche dell’erede al trono Carlo, il primo ministro conservatore esalta poi l’applauso collettivo rivolto ieri da milioni di britannici dai balconi e dalle finestre a medici e infermieri del Regno. Un’iniziativa promossa a livello nazionale (sull’esempio italiano e con la partecipazione pure dei reali, inclusi i principini George, Charlotte e Louise) che ha definito “commovente”, aggiungendo che il plauso coinvolge tutto il personale dell’Nhs (il sistema sanitario nazionale), al pari di “polizia, assistenti sociali, insegnanti e personale scolastico, staff del ministero del Lavoro e della previdenza, impegnati in uno splendido sforzo di servizio pubblico”. Ha quindi parlato degli oltre “600.000 volontari” offertisi nel Regno per dare una mano allo sforzo dell’Nhs e per assistere anziani e malati in quarantena elogiandone “l’incredibile risposta”. “Usciremo” dall’emergenza se ci atterremo “alle misure” del lockdown, ha infine avvertito. “Più efficacemente tutti noi le osserveremo e più rapidamente il nostro Paese supererà l’epidemia e ci riprenderemo”, ha sottolineato. “Grazie a chiunque sta facendo quello che faccio io – ha concluso – ossia lavorare da casa per fermare la diffusione del virus di focolare in focolare. Questo è il modo per vincere, per sconfiggerlo insieme: stare a casa, proteggere l’Nhs, salvare vite”.

Continua a leggere

Esteri

Finlandia, coronavirus: economia a rischio decrescita del 5 percento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La pandemia di coronavirus, CV, potrebbe provocare  un calo della crescita dell’l’economia finlandese fino al cinque per cento quest’anno, secondo ETLA Economic Research (Etla), un’organizzazione finlandese di ricerca sostenuta da lobbies commerciali.

Secondo l’Etla, il ciclo economico potrebbe contrarsi tra l’uno e il cinque percento quest’anno, osservando che l’impatto del CV potrebbe essere ridotto al minimo se l’epidemia verrà messa sotto controllo in Europa e se l’area si mettesse d’accordo per intraprendere misure di stimolo intensive.

Tuttavia, al momento lo scenario di base più positivo sembra improbabile. Stimiamo che l’estremità negativa della scala (contrazione del cinque per cento) sembra molto probabile ora“, ha dichiarato il capo del settore previsionale di Etla, Markku Lehmus.

Markku-Lehmus

Secondo le stime del think tank, l’attività economica potrà contrarsi di circa il 10 per cento tra aprile e giugno, prima di riprendersi. Il CEO di Etla, Aki Kangasharju, ha affermato che la proiezione si basa sulle valutazioni in Occidente di come si è comportata l’economia cinese durante il picco della epidemia di coronavirus.

Secondo queste analisi, tra gennaio e febbraio, l’economia cinese si è ridotta fino al 13%, ma a marzo si è già ripresa. Partiamo dal presupposto che l’Europa e la Finlandia non adotteranno misure altrettanto solide per prevenire la diffusione del virus, quindi l’economia non rallenterà tanto, ma l’impatto del virus sarà più duraturo “, ha dichiarato Kangasharju in una nota.

Secondo ETLA, le azioni progettate per bloccare la diffusione di Covid-19, causeranno importanti costi finanziari. Usare le quarantene, spostare online le attività di aziende di servizi e quelle scolastiche, renderà difficile per i dipendenti espletare il rapporto al lavoro. Allo stesso tempo, la domanda di servizi, specialmente nei settori del turismo, dell’ospitalità e dell’intrattenimento, calerà, ha sottolineato il think tank, il che purtroppo sta verificandosi non solo in Finlandia.

Per affrontare questo periodo di difficoltà, la banca Nordea ha deciso di offrire periodi fino a 6 mesi senza rate sui loro mutui a quei clienti privati e aziendali in tutti i paesi nordici che abbiano bisogno di sostegno a causa della pandemia. Per le piccole e medie imprese, Nordea ha disposto un periodo gratuito di 3 mesi ove necessario.

Siamo qui per supportare i nostri clienti in periodi buoni e difficili come partner finanziari forti e affidabili. Il CV si è diffuso rapidamente e ha un impatto sulle società nordiche e sui nostri clienti. Ecco perché abbiamo deciso di attuare una serie di azioni rapide per sostenere i clienti personali e le piccole e medie imprese nei paesi nordici. È ancora più importante aiutare a far funzionare le economie nordiche in questi tempi eccezionali ”, ha dichiarato Frank Vang-Jensen, presidente e CEO del gruppo.

I clienti privati che necessitano di un periodo senza rate, possono trovare informazioni su come fare domanda sul sito web di Nordea, mentre la clientela aziendale può trovare maggiori informazioni attraverso i normali canali bancari, e la banca li esorta a contattarla immediatamente, se si aspetta modifiche alle sue normali operazioni. Nordea consiglia alle aziende di elaborare previsioni realistiche di liquidità e chiari budget per i flussi di cassa. Se necessario, Nordea dispone di diverse modalità operative e strumenti disponibili per aiutare a rafforzare il capitale circolante e la liquidità. “La nostra è una banca molto ben capitalizzata con un bilancio solido e ci offre una solida piattaforma per aiutare i nostri clienti: stiamo prendendo tutte le misure possibili per aiutarli e consigliarli “, aggiunge Frank Vang-Jensen.

Un autorevole sprone

IL PIL su base di 4 anni
…..’crisi finanziaria’ _____Pessimista ____Ottimista

Il Presidente Sauli Niinistö ha esortato i finlandesi a mostrarsi solidali tra loro nel mezzo dello stato di emergenza dichiarato lunedì in Finlandia.“Il mondo intero è in uno stato di emergenza. Nessuno può valutare l’esito, ma si può già vedere che gli effetti saranno profondi e di lunga durata. Le nostre vite quotidiane cambieranno inevitabilmente e ci troviamo di fronte a una realtà in cui i nostri pensieri e le nostre azioni sono dettati da salute, mezzi di sussistenza e assistenza reciproca “, ha scritto nel suo blog.

Continua a leggere

Esteri

Emergenza coronavirus, anche in Belgio partono le restrizioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Alessandro Butticé

BRUXELLES – Dal 18 marzo, il Belgio, parte di quest’Europa a diverse velocità nell’arginare la pandemia covid-19, ha deciso una restrizione, seppure soft, di limitazione all’uscita dalle proprie abitazioni.
Con un decreto governativo del 13 marzo, tutte le attività a carattere privato o pubblico, di natura culturale, sociale, folcloristico, sportivo e ricreativo erano già state vietate fino al 3 aprile.

Dopo aver osservato, a volte con una certa sorpresa o distacco la situazione italiana, negli ultimi giorni anche gli altri Paesi europei, seppure in ordine sparso e poco troppo coordinato, stanno cominciando ad utilizzare misure sempre più severe per cercare di arrestare l’avanzata del Covid-19 che , essendo una pandemia, non conosce frontiere sovraniste.

È quindi illusorio per chiunque poter pensare di essere risparmiati da questo flagello, sanitario, economico e sociale, con la semplice chiusura delle proprie frontiere.

La comunità italiana a Bruxelles segue dall’inizio la critica situazione in Italia e, non con minore preoccupazione, l’avanzata del virus in Belgio. Paese che, pur disponendo di ottime strutture sanitarie, non può non tenere conto dei problemi vissuti dal sistema sanitario lombardo. Che ha fama di essere uno dei migliori del mondo, e non solo di Europa.

L’apprensione è quindi molta. Anche se dimostrata con lo spirito di una latitudine più nordica, e quindi sinora dando meno spazio alla manifestazione di emotività collettiva.

Ma vorrei soffermarmi su alcuni atteggiamenti della comunità italiana, registrati in contatti interpersonali, ma anche sulla stampa ed i social.
Distinguendo la comunità italiana in Belgio, tout court, da quella dei tanti italiani che lavorano invece nelle istituzioni europee.
Gli italiani in generale sono molto condizionati e informati di quanto accade in Italia. E la maggior parte di essi – come chi scrive – da giorni cerca di adottare tutte le misure e i protocolli ampiamente imposti o consigliati in Italia. Cercando quindi di restare il più possibile a casa ed evitare ogni contatto personale, se non con le precauzioni e le distanze note.

Diversa è la reazione, e diversi sono i commenti social, ad alcune altalenanti manifestazioni emotive che giungono dall’Italia Italia. Tra la disperazione ed il risorgimento dell’unità nazionale e l’inneggiamento – con tifoseria e manifestazioni da stadio – nei confronti del nostro Paese.
Alcuni, da quanto si può vedere soprattutto sui social, si uniscono ai cori nazionalisti e quasi festosi da tifo calcistico. Altri – forse più influenzati dal clima nordico che si respira da queste parti – sono piuttosto critici verso queste a volte esuberanti manifestazioni. Mostrando sorpresa per i flash mob e i canti dai balconi, preferiscono soprattutto esprimere la propria vicinanza e solidarietà per i tanti deceduti, per le loro famiglie, ed i tantissimi malati in Italia.

C’è chi scrive ad esempio, firmando il post come “lo sfogo di un’italiana”: “Italia, Italia. Come se fossero i mondiali. Forse sono io che sto vivendo un lutto enorme, ma non capisco. Forse è un limite mio. Trombette come se fossimo allo stadio. Petardi come il 31 dicembre. Torce dei cellulari come consigliato da Barbara D’Urso in collegamento durante il TG5. Gente che canta grazie Roma, forza Lazio o bella ciao senza nessun motivo. Totalmente fuori contesto. Mentre c’è chi in ospedale muore. Chi non può dire addio alla mamma. Al papà. Al nonno. Mentre c’è chi non sa se riaprirà il proprio negozio tra un mese. Chi si ammala in corsia facendo il proprio lavoro. Trasformare una tragedia in una buffonata. In una carnevalata da due soldi in cui si finge di condividere ma in realtà non si condivide un c…. Andrà tutto bene? Col c…. Ci sono già più di mille morti e miliardi di euro bruciati. Passerà. Sicuramente. Ma non sta andando bene per niente. Ditelo a chi ha chiuso il negozio che andrà tutto bene. Ditelo a chi ha perso un genitore. Non c’è niente di romantico nel confondere una tragedia con martedì grasso. Not in my name. Se ne esce con la consapevolezza. Con la compostezza. Con il rispetto. Non con lenticchie e cotechino. Mi isolo che è meglio. Triste e perplessa.»

Da parte di alcuni dei tanti italiani che lavorano presto le istituzioni europee, invece, oltre alla preoccupazione personale per il virus (la Commissione europea da lunedì ha lasciato a casa in tele lavoro tutti i propri funzionari, salvo gli alti dirigenti, mentre il Parlamento Europeo aveva preso misure più restrittive già nelle settimane scorse), c’è quella per il ruolo dell’Europa per fronteggiare questa crisi. Soprattutto per la narrativa che viene riportata sulla stampa e i social, senza risposte credibili, con i fatti e con la comunicazione, da parte della Commissione europea.
C’è ad esempio, come chi scrive, chi esorta tutti i funzionari europei italiani, e soprattutto i loro vertici, a metterci la faccia. Confrontandosi attraverso l’informazione con miriadi di concittadini che, approfittando della crisi, e ispirati dalla frustrazione ma anche dalla disinformazione, quando non da interessi politici, inneggiano persino alla secondo me suicidaria Italexit. Spiegando sui social il contributo che loro e l’UE stanno dando – seppur con poteri e risorse certamente limitate dall’egoismo nazionale che la governa, attraverso il Consiglio – per fronteggiare la crisi. Come, ad esempio, che la Commissione Europea è riuscita, grazie allo sforzo personale del commissario francese Thierry Breton, a fare sbloccare alla Francia e alla Germania le esportazioni di mascherine verso l’Italia, che potrà quindi aumentare il proprio approvvigionamento di uno strumento indispensabile per il personale sanitario.

Ma quanto si è letta sui social e sui media questa notizia? Affogata dalle grida di protesta, inneggianti invece, magari, alla “generosità interessata” della Cina. Dopo che solo qualche giorno fa era stata dileggiata come “l’untore” dalla volubile e volatile opinione pubblica italiana.
Personalmente penso che quello che l’Europa sta facendo, dovrebbe dirlo e farlo sapere con azioni di comunicazione tipo Karshere, e non con l’annaffiatoio utilizzato nel deserto dell’atavica disinformazione sulle materie europee.

E molti italiani a Bruxelles cominciano a pensare che l’UE si stia davvero giocando l’Italia. E se questo avvenisse sarebbe la fine dell’Unitá Europea. Come ha giustamente osservato il filosofo ed ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari. C’è quindi chi, tra i funzionari italiani, vorrebbe stimolare i propri colleghi – finché non ci riesce la Commissione Europea con i suoi strumenti, spesso troppo timidi, di comunicazione istituzionale – ad impegnarsi volontariamente e a livello personale sui social per spiegare (assieme alle foto dei propri cani, gatti e pesci rossi) cosa stanno facendo, e cosa sta facendo l’Europa per i cittadini in questo drammatico momento. Amplificando sulla rete semplici notizie che sono già di dominio pubblico, sui siti delle istituzioni europee. Ma spesso troppo nascoste, e poco diffuse. Spesso non tradotte in italiano. Quasi sempre ben poco spiegate (malgrado la loro frequente ermeticità che lo renderebbe necessario) e troppo poco diffuse con gli strumenti del XXI secolo.

Attivissimi, in Belgio, sono stati invece gli organi diplomatici italiani, sin dall’inizio della crisi. Per far valere le ragioni italiane, come l’Ambasciatore Maurizio Massari presso l’Unione Europea, e l’Ambasciatrice presso il Belgio, Elena Basile.
L’Ambasciatrice Basile è molto attiva anche sui social personali, oltre che su quelli istituzionali, senza nessun timore di mettere sempre la propria faccia sulle questioni anche più delicate. Cosa molto apprezzata dalla comunità italiana, che è molto fiera della sua rappresentante. Già il 5 marzo aveva incontrato la Ministra belga alla Sanità, Maggie De Block, che aveva voluto essere informata nel dettaglio di tutte le misure prese dall’Italia. Misure che, dopo essere state ritenute esemplari dall’OMS, poco a poco ora tutti gli altri Paesi stanno introducendo.

Il sito dell’Ambasciata d’Italia ha una pagina «Focus Covid-19» oltre alla pagina «l’Ambasciata d’Italia comunica» che viene aggiornato costantemente e poi rilanciato sui social media. Vi sono pubblicati l’indirizzo e i numeri di reperibilità, nonché le ultime informazioni su come raggiungere l’Italia dal Belgio, anche alla luce delle misure prese dagli altri Paesi.

Pure il Rappresentante Permanente d’Italia alla NATO, l’Ambasciatore Francesco Talò, è stato sin dall’inizio molto attivo presso il Consiglio atlantico nel sensibilizzare anche tutti i suoi colleghi sull’emergenza italiana e la necessità di valorizzare gli sforzi che disciplinatamente gli italiani compiono a difesa di tutti, in un contesto che incide sulle nostre esigenze di sicurezza e sulla solidarietà transatlantica. Ha contribuito quindi a far sì che la Nato reagisse per impegnarsi ad assicurare la sicurezza del proprio personale nella sede di Bruxelles e nelle varie operazioni, in modo da garantire la continuità e la credibilità dell’azione dell’alleanza. È stato poi tra i primi ambasciatori alla NATO a mettere il proprio personale in telelavoro, riducendo così la presenza in ufficio degli effettivi della Rappresentanza attorno al 20%.

I grandi sforzi dei nostri rappresentanti diplomatici hanno senza dubbio contribuito, ognuno nell’ambito di competenza, alla presa di coscienza dei nostri partner a non sottovalutare il loro rischio di vivere in diretta la stessa situazione italiana, senza sprecare l’esperienza che viene dal nord della penisola, e prendere quindi al più presto misure omogenee. Questo anche per non rendere vani gli sforzi e i sacrifici italiani, e prevenire al massimo l’effetto ping-pong tra diversi paesi, tipico delle infezioni.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it