1

IRAQ: STATO ISLAMICO ACCUSATO DI PULIZIA ETNICA, NUOVE PROVE RACCOLTE

A.P.

Iraq – Amnesty International asserisce di avere nuove prove che i militanti dello stato islamico stanno portando avanti "una ondata di pulizia etnica" contro le minoranze nel nord dell'Iraq.

 Il gruppo per i diritti umani ha detto che la regione è stata trasformata in "campi di sterminio intrisi di sangue".

Del resto L'ONU ha annunciato che presto avrebbe mandato una squadra in Iraq per indagare "atti di disumanità su scala inimmaginabile". 

IS e ribelli sunniti alleati hanno sequestrato ampie fasce di Iraq e Siria.

Migliaia di persone sono state uccise, la maggior parte dei quali civili, e più di un milione sono stati costretti ad abbandonare le loro case negli ultimi mesi.

Amnesty dice che ha raccolto prove che diverse uccisioni di massa hanno avuto luogo nella regione settentrionale di Sinjar nel mese di agosto. Due in particolare hanno avuto luogo quando i combattenti hanno fatto irruzione nei villaggi e uccise centinaia di persone il 3 agosto e il 15 agosto.

 "Gruppi di uomini e ragazzi, compresi i bambini di entrambi i villaggi sono stati sequestrati da militanti e portati trascinati via", ha detto il gruppo sede nel Regno Unito.

"IS sta svolgendo crimini spregevoli e ha trasformato le zone rurali di Sinjar in veri e propri  campi di sterminio intrisi di sangue in nome di una campagna brutale volta a cancellare ogni traccia dei non-arabi e musulmani non sunniti."

Lunedi ', il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha deciso di inviare una missione di soccorso per indagare sui crimini presumibilmente svolti dall’ IS.

Il Vice Commissario per i diritti umani Flavia Pansieri avvertito che IS (precedentemente noto come Iside) ha preso di mira le comunità cristiane, yazidi, turkmeni, Shabak, Kaka'i, Sabei e sciiti "attraverso una persecuzione brutale".

Nel frattempo, le milizie sciite irachene e le forze curde hanno continuato la loro avanzata contro IS, prendendo possesso della roccaforte di Suleiman Beg il Lunedi.

In precedenza, le forze congiunte avevano rotto due mesi di assedio da parte di combattenti si trova nella città settentrionale di Amerli.