1

ISIS, OBAMA: “L’AMERICA GUIDA UNA COALIZIONE CHE DISTRUGGERÀ L'ISIS”

di Maurizio Costa

Barack Obama fa sul serio e la conferenza stampa di stanotte lo ha confermato. Gli Stati Uniti guideranno una coalizione che distruggerà l’Isis. L’America, quindi, bombarderà anche le zone della Siria sottoposte al controllo del califfato islamico, oltre a fornire supporto ai militari siriani alleati che combattono via terra. “Vogliamo degradare e distruggere l’Isis – ha dichiarato il Presidente americano – La nostra campagna contro il terrorismo sarà continua e finché esisterà l’Isis noi continueremo a usare la nostra forza aerea.” “Questi bombardamenti distruggono le armi dell’Isis e danno spazio alle forze curde che combattono il califfato – ha continuato Obama – inoltre invieremo altri 475 membri di servizio che, però, non combatteranno ma forniranno solamente un supporto alle forze curde e irachene.”

Fino ad ora gli Usa avevano bombardato solo la parte irachena occupata dal califfato, ma con queste parole, Obama allarga il conflitto anche in Siria.

“Voglio far capire al popolo americano – continua Obama – che questo sforzo militare è diverso dalle guerre condotte in Iraq e in Afghanistan: infatti, non ci saranno truppe statunitensi che combatteranno sul suolo nemico.” Solo un’azione di bombardamenti e di rafforzamento degli alleati siriani, niente di più.

Gli Usa, inoltre, forniranno 25 milioni di dollari al governo iracheno per incrementare l’apparato bellico e sconfiggere l’Isis.

Oggi stesso, alla Casa Bianca, il Presidente degli Stati Uniti d’America ha incontrato i vertici della Cia, del Pentagono e dell’antiterrorismo per avviare una vera e propria task force per cercare di fermare la furia omicida dell’Isis.

Barack Obama, comunque, non avrà bisogno dell’appoggio del Congresso per qualsiasi decisione presa per evitare una minaccia nazionale. Il sostegno delle Camere, però, renderebbe il suo lavoro molto più facile, anche in vista delle elezioni di midterm del 4 novembre.

I bombardamenti statunitensi in Iraq, intanto, non si sono mai fermati. Con questi attacchi aerei, Obama cerca di agevolare l’azione dei curdi e dell’esercito iracheno, che combatte assiduamente via terra contro l’Isis. Le azioni militari sono sempre state mirate a distruggere determinati obiettivi sparsi per il territorio.

Intanto, il Segretario di Stato americano, John Kerry, ha visitato a sorpresa l’Iraq e incontrerà nei prossimi giorni i Ministri degli Esteri di Egitto, Turchia, Giordania, Arabia Saudita e Qatar per instaurare un’offensiva diplomatica e sconfiggere la forza del califfato di al-Baghdadi. “Gli Usa e il mondo intero non resteranno a guardare il male che l’Isis diffonde – ha dichiarato a Baghdad John Kerry – Abbiamo tutti interesse nel sostenere il governo iracheno in questa difficile situazione.” Il Segretario di Stato ha aggiunto: “La coalizione che stiamo creando continuerà a crescere e ad allargarsi.”

Lo scopo dichiarato della diplomazia americana è quello di creare una grande coalizione con circa 40 membri in tutto il mondo che riesca a neutralizzare l’Isis. La visita di John Kerry in Medio Oriente e il vertice Nato della scorsa settimana in Galles sono le armi con le quali Obama cerca di stringere alleanze con altri Paesi.

Le mosse di Obama sono anche guidate dal consenso dei cittadini americani. Mentre la maggior parte degli statunitensi è favorevole alla distruzione del califfato di al-Baghdadi e agli attacchi via cielo, la popolarità di Obama è ai minimi storici. Gli oppositori lo accusano di non avere il pugno di ferro, soprattutto in politica estera. La celebre frase del Presidente americano, che ha affossato la potenza militare statunitense, è diventato lo slogan di una precedente impotenza americana di fronte all’Isis: in quell’occasione Obama disse di non avere una strategia per sconfiggere l’Isis; una frase vera, ma che non ha tirato acqua al mulino del Presidente.