Connect with us

Editoriali

Italia anno zero

Clicca e condividi l'articolo

La cosa certa e sicura è che per noi cittadini è in arrivo l’ennesima fregatura. Come, appunto, il Grande Diversivo orchestrato sui media, cioè la cosiddetta ‘invasione’ dei migranti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


di Roberto Ragone

 

Quest’anno ci si mette anche Lucifero. Non quello biblico, ma un anticiclone che a memoria d’uomo non ha mai causato in Italia temperature così alte: questa è la cornice. E mentre tutti boccheggiamo, trascinandoci da un ventilatore all'altro, ad un supermercato all'altro, reparto surgelati, dotato – e ci mancherebbe – di grandi climatizzatori; e mentre i volontari stagionali dei VV FF appiccano il fuoco insieme a piromani di ogni genere, per poterlo poi spegnere, intorno a noi si agita e freme tutto un mondo sotterraneo, del quale riusciamo a cogliere solo segnali come punte di iceberg.

La cosa certa e sicura è che per noi cittadini è in arrivo l’ennesima fregatura. Come, appunto, il  Grande Diversivo orchestrato sui media, cioè la cosiddetta ‘invasione’ dei migranti, di cui qualcuno ha fatto un grande business in Italia, e qualcun altro continua a fare grandi soldi all’estero, anche se la ‘Cupola’ è ben protetta, e, possiamo intuire, trasversale, fra Italia, Libia e chissà dove altro. Nessuno sì è preoccupato di andare a vedere dove gli scafisti – l'ultimo anello della catena criminale – acquistino i gommoni usa-e-getta, o i motori fuoribordo, quelli buoni ancora per più volte dato che se li fanno restituire. Questo per due motivi: o approfondire sarebbe pericoloso, o contro i patti stipulati – ma interesserebbe a noi cittadini – o le notizie sono già note a chi di dovere: propendiamo per la seconda ipotesi, per cui allora tutti sono coinvolti, da 'quelli delle ONG', fino ai politici che minacciano di cannoneggiare e bombardare.

E' certo, comunque, che intorno ai 'migranti' girano milioni di euro, elargiti con criminale generosità dall’UE; e che il travaso di popoli di colore nella nostra nazione fa parte di un piano che parte da lontano, sinergico a tante altre azioni tese a rendere l'Italia un paese in balia di chiunque se ne voglia impadronire. E' certo anche che tutto questo, insieme ad altre manovre politiche e finanziarie, –  in prima fila l'euro di Prodi, – sono state adottate per questo scopo: diceva John Adams, grande economista del secolo scorso, che le nazioni si conquistano in due modi: o con la guerra o con la povertà. A noi è capitata la seconda soluzione, inaugurata dal governo Monti, meno cruenta, ma certamente irreversibile e più comoda per chi l'ha messa in atto. Nessuno può negare che l'adozione della cosiddetta 'moneta unica', l'euro, – solo un accordo fra banche, come i soldi del Monopoli, – sia stato l'inizio della fine. Juncker, ex presidente dell'UE, non più tardi di qualche settimana fa, in un suo discorso ha affermato che "senza l'euro la Germania dovrebbe temere l'Italia, e non la Cina". Che staccarsi dall’euro faccia bene, ce lo dimostra la Brexit. In Inghilterra, come riferisce Milano Finanza, il tasso di disoccupazione è ai minimi storici dal 1975, nonostante l’aumento di popolazione attiva dovuto a chi ha scommesso sull’uscita dell’UK dall’euro. Proprio nel 2016 la Gran Bretagna è diventata la prima meta per i più giovani. Per quanto riguarda gli Italiani, secondo l’AIRE, gli espatri sono passati, dai circa 60.000 nel 2011, agli oltre 123.000 del 2016, con un aumento del 104%. Nonostante quindi l’aumento della popolazione attiva, – gli Italiani fra i 20 e i 40 anni – il tasso di disoccupazione è calato più del previsto, attestandosi attorno ad un 4,6%, valore più basso dal 1975, come riferisce l’Ufficio Nazionale di Statistica ONS. I dati parlano di 1.530.000 disoccupati, 145.000 in meno rispetto allo stesso periodo del 2016, prima della Brexit. L’ONS riferisce anche che insieme al calo della disoccupazione, si registra anche un aumento dei salari del 2,1%.

Nonostante le Cassandre e le previsioni disastrose di tutti i nostri media, stampati e in TV, l’uscita dall’euro pare che sia stata la mossa giusta per risanare l’economia di un grande paese come l’Inghilterra, cosa che noi non potremo mai più mettere in atto, stante la classe politica che abbiamo, legata, come noto, a carrettini internazionali interessati a mettere le mani sulla nostra nazione e sulle sue eccellenze. Ma ciò che accade in UK non si deve sapere. E infatti i media non ne parlano. È di questi giorni una notizia, poi smentita dalla May, del pagamento di 40 miliardi di euro dell’UK all’UE, come indennizzo per il divorzio. Una bufala, come sembra, fra le tante che circolano a proposito della Brexit.  E qui arriviamo alla percezione individuale. Se il termometro segna 35° e noi ne percepiamo 45, il problema è la percezione. Se le cifre ci indicano  in percentuale, sulla popolazione europea, lo 0,004% – o qualcosa di simile – di presenza di ‘risorse boldriniane’, il problema è la percezione, perché il nostro giardino ne è pieno – “not in my backyard”. L’Europa è fallita anche sotto questo profilo, e magari ci si aspettava che ciò accadesse, oppure qualcuno se ne è fregato. Finalmente qualcun’altro s’è reso conto che così non poteva continuare, e gli sbarchi operati dalle ONG senza freni e senza controllo – ma non senza denaro, per pura bontà d’animo: diceva Andreotti  che a pensar male si fa peccato, ma ci s’azzecca quasi sempre,  insomma, nulla per nulla –  sono diminuiti. La C-STAR, la nave paramilitare della organizzazione Defend Europe, subito ribattezzata la 'Nave Nera', noleggiata da un cittadino britannico, impegnata in passato in azioni di contrasto alla pirateria, pattuglia ora le acque in cui ONG e navi militari italiane raccolgono disperati provenienti dall’Africa, minacciando azioni a qualsiasi livello pur di fermare l’esodo. Tutto poi va a finire in politica, con la C-STAR  dichiarata ‘fascista’ e perseguibile dalle leggi dello Stato italiano qualora si affacciasse ai nostri porti, e con la controparte ‘umanitaria’ che si fa scudo dei ‘salvataggi’, operati in acqua libiche – e quindi più taxi service che salvataggi in mare. Soprattutto quando il mare è una tavola, e i fuggitivi – a cui non importa un beneamato se fuggono da guerre o da altro – non corrono alcun rischio. Mentre gli scafisti abbandonano il gommone, ma recuperano il motore fuoribordo.

Lo stesso Matteo Renzi, trasformato in predicatore, che ha fiutato l’aria, dichiara – a differenza di ciò che diceva qualche mese fa – che li possiamo salvare tutti, ma non li possiamo accogliere tutti: una chiara espressione di demagogia,  propedeutica ad una campagna elettorale sempre in piedi. Siamo in campagna elettorale permanente, in Italia, dopo il quarto governo non eletto, mentre Napolitano bada a tener basso il profilo,  lavorando sempre e comunque ad un mandato ‘europeista’ del quale si dice convinto, anche nella sua vacanza dorata a nostre spese, trasportato da un aereo di Stato e scortato da decine angeli custodi – sempre a spese dello Stato, cioè nostre. Cantone con l’ANAC – agenzia anticorruzione –  fa nuove scoperte a proposito della Consip, – o mostra di farle,-  che coinvolgerebbero Tiziano Renzi. È di questi giorni la notizia di appalti CONSIP truccati per circa 2 miliardi e 700 milioni, come riferiscono i TIGGI’.

Mentre la Madia, responsabile dell’irresponsabile smembramento della Guardia Forestale, una nostra eccellenza,  sbandiera nuove assunzioni anche in polizia: peccato che non coprano neanche il 50% dei pensionamenti, per cui l’organico per la nostra sicurezza rimane sempre insufficiente. Una polizia perseguitata anche a livello politico – tranne quando i nostri tutori dell’ordine devono proteggere ‘loro’, gli appartenenti alla ‘Casta’, chissà da quali pericoli: oppure ci sono cose che non conosciamo – ma perseguitata quando deve cercare di contenere le ‘esuberanze’ di una popolazione africana proiettata nel nostro mondo occidentale senza preparazione, e senza la benché minima volontà di integrazione. Questo per loro è il paese di Bengodi, dove puoi accoltellare un poliziotto, stuprare una ragazza in pieno centro, evacuare nel giardini pubblici, creare accampamenti abusivi, ubriacarsi, pedalare lungo l’autostrada, fare il bagno nudi in quelle fontane che sono il fiore all’occhiello dei nostri musei a cielo aperto: il tutto impunemente, date le protezioni dall’alto, mentre i puniti sono i poliziotti che fanno – o cercano di fare – rispettare le regole di una società sempre meno civile, minacciati dal nuovo reato di ‘Tortura’, creato apposta per loro, sicchè l’impotenza è totale. Al contrario, non molto tempo fa, fu multata una turista americana che voleva rievocare la ‘Dolce Vita’,nella parte di Anita Ekberg, con un pediluvio nel Fontanone: altri tempi, altre dolcezze, ormai l’Italia è tornata indietro di millenni. Sullo sfondo di uno stivale che brucia di centinaia di roghi – il che non può essere una coincidenza, ma un attacco premeditato alla nostra nazione, orchestrato a tutti i livelli a partire dall’euro di Prodi in poi, e anche prima, da quel Ciampi che disconnesse la Banca d’Italia dal Ministero delle Finanze – , continuato attraverso l’invasione di ‘migranti’ in un cul de sac italiano, persone che nessuno vuole accogliere, con le dimissioni forzate di Berlusconi e del suo governo, propiziate da Napolitano, con l’avvento del governo Monti, poi Letta, poi Renzi, poi Gentiloni, senza che una sola scheda elettorale sia stata riempita; con la svendita dei nostri gioielli, pubblici e privati, con il ‘gran rifiuto’  a proposito della STX di quel Macron che tutti hanno accolto con grida di giubilo, senza sapere esattamente che animale fosse – ma sapendo che proveniva da Goldman Sachs – pur di andare contro la Le Pen a tutti i costi; con una nave canadese – l’ultima in ordine di tempo – che sta scaricando nel nostro territorio 190.000 quintali di grano al glifosato, quel potente pesticida che fa seccare il grano prima della maturazione, permettendone la raccolta, un prodotto altamente  tossico e cancerogeno, assolutamente vietato in Italia, e la cui presenza è negata  da chi dovrebbe vigilare sulla nostra salute.

Forniture fortemente ‘raccomandate’ dall’UE, a vantaggio delle lobby a cui fanno capo. Ora ci si prospetta  un’altra notizia preoccupante: pare che Laura Boldrini abbia dichiarato che, dopo aver sufficientemente ‘dato’ alla nazione come terza carica dello Stato, si presenti alle elezioni, insomma, per ripetere una frase del Cavaliere, ‘scenda in campo’. Per cui le sue ‘esuberanze’ dichiarate e orientate, a volte molto originali,  assumeranno un colore politico ben preciso, e una diversa autorità. D’altra parte era chiaro che questa fosse la sua intenzione, quando, piuttosto che assumere una veste neutrale come avrebbe richiesto la sua posizione, ha partecipato a convegni e incontri politici, oltre che a bacchettare sonoramente in Parlamento parti politiche a lei poco gradite. Nel frattempo si scopre – così riporta ‘Il Giornale’ – che nelle chat degli scafisti sarebbe presente un prete eritreo amico della Boldrini che avrebbe messo in contatto  migranti e ONG. Complicità in qualche reato, per esempio di immigrazione clandestina, o connivenza con gli schiavisti mercati di uomini? Abbiamo i nostri dubbi che quelle chat vengano lette in questa direzione, per ovvi motivi. Mentre gli Italiani, quelli che hanno ancora qualche soldo nella scarsella, vanno al mare o ai monti, subito censiti con grande evidenza dai TIGGI’ di Stato: bollini rossi, blu, neri, verdi, gialli. Se milioni di Italiani vanno in vacanza, ridotti ogni anno di una percentuale trascurabile, vuol dire che dopo tutto non stiamo poi tanto male; anche se i pensionati continuano a raccattare frutta e verdura dagli scarti del mercato e le mense della Caritas sono piene, più d’Italiani, ormai, che di stranieri.  La ripresa è in atto, recitano i fogli di Stato compatti, anzi, supera le previsioni, secondo l’ISTAT, anche se la disoccupazione giovanile è a cifre da terzo mondo. E torniamo alla percezione. Guardandoci intorno, abbiamo la percezione del fatto che i dati dell’ISTAT non siano sempre sinceri: ma lo sanno, i suoi funzionari, che a dire le bugie si va all’inferno?

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editoriali

Covid-19, perché non si deve disdire il vaccino!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Quello che sto per scrivere toccherà le viscere dei più dissidenti e negazionisti personaggi che in questo caos della pandemia hanno delle responsabilità enormi: sono incoscienti abilitati alla navigazione, bulimici di consensi con teorie strampalate, fuorvianti e pericolose.

Devo fare una premessa quasi obbligata: sia il Governo precedente che in parte quello attuale hanno mostrato una palese incapacità a far ripartire l’Italia. Stanno continuando a fare la conta dei positivi lasciando che un intero Paese sprofondi nella crisi più nera. Gli italiani non mettono a tavola il bilancio dei contagiati con l’Rt per companatico. Ma fanno la fila alla Caritas, risparmiano, cercano lavoro, abbassano le saracinesche per non rialzarle più.

Tutti noi siamo devastati dal dolore delle perdite di parenti, amici, conoscenti che abbiamo subito a causa del Covid. È innegabile il Covid esiste, ha messo in ginocchio il mondo con 2.888.530 morti ad oggi. In Italia contiamo 111.070 morti, più della Francia che ne conta 96.678, della Germania con 77.013 e della Spagna con 75.783. Non è un scherzo anche se molte di queste persone (non sono numeri ma persone!) sono morte con il Covid perché avevano patologie pregresse. Il virus li ha stroncati.

Detto questo ci sono 111 mila morti in Italia su circa 60 milioni di abitanti. L’Italia è il terzo paese dell’Unione Europea per popolazione dopo Germania e Francia e il 23esimo al mondo. La mortalità ha dunque inciso per l’1,85 % della popolazione contro una media annua dell’1,07%.

In Italia sono in media 230mila i decessi ‘ogni anno legati a malattie del sistema circolatorio (ischemie, infarti, malattie del cuore e cerebrovascolari).

Fatta questa premessa con numeri alla mano sostengo convintamente che soprattutto la popolazione anziana deve vaccinarsi per proteggersi dall’effetto mortale del Covid

I vaccini che abbiamo a disposizione evitano lo sviluppo di forme gravi di malattia: salvano la vita, soprattutto a quei soggetti che hanno già diverse patologie e che qualora venissero colpiti dal virus con un altissima probabilità morirebbero. Lo dicono i numeri.

Quindi vaccinarsi in questo momento è quanto mai fondamentale perché ci permette di immunizzarci e proteggerci dalla malattia e dalla sua trasmissione.

Fondamentale è sapere che il vaccino anti Covid non contiene il virus e non provoca la malattia. Il vaccino contiene una molecola, “RNA Messaggero” grazie alla quale viene prodotta una proteina presente sul Sars-Cov2 e responsabile del Covid-19.

Gli effetti del vaccino colpiscono meno di una persona ogni 100 individui e i possibili effetti sono limitati a dolore localizzato nella zona dove viene somministrato, mal di testa e eventuale febbre, dolori muscolari e stanchezza. Il tutto per uno o due giorni al massimo. Un prezzo accettabile rispetto al rischio di perdere la vita.

Ora è il momento della responsabilità, non ascoltiamo più ne leggiamo più “consigli mediatici fuorvianti” di invasati dell’ultima ora, ma diamo peso soltanto alle parole della scienza e dei medici che hanno in cura i propri pazienti e conoscono il loro quadro clinico. Il resto sono solo chiacchiere. Vacciniamoci per tornare presto alla normalità.

Continua a leggere

Editoriali

Il governo della sopravvivenza e l’atroce dilemma quasi amletico…

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sopravvivere alla pandemia con il sorriso sulle labbra e la schiena china, acconsentire passivamente per poi soccombere, in catalettica attesa della ineluttabile fine causata dagli eterni lockdown improvvidamente imposti da chi speranza predica e che speranza non dà, oppure se sia più umano disobbedire ai dictat del regime per contrastare i morsi della fame ed affrontare a viso aperto la povertà galoppante: questo è l’atroce dilemma, quasi amletico.

Il governo Draghi, per costituzione è nato come un governo di salvezza ma i fatti dimostrano che trattasi più di uno di sopravvivenza. Il professore Draghi, in parte per la sua alta professionalità ed in parte per la sua  figura  prestigiosa  da tutti  riconosciuta sia in casa che all’estero, è stato chiamato dal presidente Mattarella in un momento critico della storia italiana, per mettere  le sue competenze a disposizione  d’un piano per la vaccinazione e a un secondo compito, più gravoso, per gestire il Recovery Plan.

Come presidente del Consiglio Draghi porta un handicap. In parlamento sta il suo tallone d’Achille che renderebbe la sua missione quasi impossibile

E’ stato chiamato a dirigere un governo di “salvezza” composto da una maggioranza bulgara, multi partitica, litigiosa, riottosa, orfana di idee e di progetti. L’unico accordo raggiunto univocamente fra di loro è “non mollare la poltrona, whatever it takes”.  Ecco perché anziché governo di salvezza il presente governo è in effetti un governo di sopravvivenza.

Draghi ha preso in consegna un parlamento reduce di due gestioni “Conte”, caratterizzate di video conferenze, promesse a gogò, elargizione di strenne varie per invigorire i “costruttori” ed i “responsabili”, trascinando l’Italia sull’orlo del precipizio.

Sembra che l’offerta a Draghi è stata condizionata; accettare l’incarico comprensivo dell’accollo di tutto l’apparato di Palazzo Madama e di Montecitorio. Draghi accettò ed oggi il Paese si è ritrovato con il vecchio barattato per nuovo. Niente di nuovo sotto le stelle. Ho letto da qualche parte: “Procrastinare è l’arte di stare al passo con ciò che è successo ieri, per evitare il domani”. Niente di meglio per definire la politica del primo, secondo e l’attuale  “Conte ter”.

Corre il Covid-19 e il governo lo rincorre, chiudendo Comuni e Regioni, abbassando saracinesche e facendo sparire panchine dai giardini pubblici, multando chi osa affacciarsi per strada nelle ore non consentite ed ogni attività produttiva esala l’ultima speranza di poter un giorno risollevarsi. Cresce la disoccupazione e la povertà si accanisce sempre più sui già poveri di ieri aggiungendo  nuovi che i vari lockdown stanno mietendo.

La fame sta travolgendo intere nuclei familiari e la rabbia sta salendo a livelli preoccupanti

Le varie dimostrazioni di disobbedienza che affollano le piazze non sono  che l’emergere delle prime colate di lava che il vulcano paese espelle. Il governo forse farebbe bene a non sottovalutare questo  “punto di fusione”.

I mass media, dall’olimpo delle loro “certezze” e lo stesso si può dire dei vari politici  e pseudo esperti che adornano i salottini dei talk show televisivi ogni sera, ogni giorno feriale e anche festivo, omni presenti come sopra mobili in una vetrina, si affaticano ad esternare  comprensione e commiserazione verso gli stenti e la degradata  indecenza in cui sono scivolate tante famiglie causa gli avventati lockdown. Bontà loro però  tengono a raccomandare a questo popolo, che il Pontefice ben ebbe ad   identificare  nella “cultura dello scarto”, di essere comprensivi, di pensare a tanti morti, tanti in terapia intensiva, ad attendere con fiducia  perché il ministro prevede che ormai stiamo percorrendo l’ultimo miglio.

Quanto sia solidale raccomandare agli altri il digiuno quando si è satolli!

Tanti buontemponi vedono il lume in fondo al tunnel solamente che il tunnel è lungo ormai più di dodici mesi e a chi manca “il pane quotidiano” gli si è appannata la vista ed il lume non lo vede più.

Che fare? Ecco che si presenta l’atroce dilemma. Sopravvivere alla pandemia con il sorriso sulle labbra e la schiena china , acconsentire passivamente per poi soccombere, in catalettica attesa della ineluttabile fine, protetto dagli eterni lockdown finche non accada l’irreparabile o disobbedire  ai dictat del regime per contrastare i morsi della fame ed affrontare a viso aperto la povertà galoppante, rischiando il morso della “variante” ed il tristissimo epilogo.

Quale è più tormentoso, sparire di virus e di lockdown o spegnersi lentamente  di stenti e di fame? Questo è l’atroce dilemma, quasi amletico.

Continua a leggere

Editoriali

Proteste davanti a Montecitorio, Fsp Polizia: “Esasperazione comprensibile e incontenibile, e noi ne facciamo le spese. Bisogna dare altre risposte”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Rivolgiamo la nostra solidarietà e gli auguri di pronta guarigione ai colleghi feriti durante le proteste davanti a Montecitorio, ed anche a tutti gli altri comandati in un servizio ben ‘più pesante e opprimente’ di quel che si possa pensare. Quanto accaduto non deve certamente meravigliare, né si può pensare che i problemi siano finiti qua. Piuttosto, di fronte al protrarsi di uno stato di cose che schiaccia la cittadinanza sotto al peso di sacrifici insostenibili, è inevitabile che riprenda la sequela di proteste e manifestazioni di ogni genere da parte di tutte le più disparate categorie sociali ormai allo stremo. E’ indispensabile censurare senza se e senza ma ogni tipo di violenza che, lunghi dall’affermare le legittime istanze di chi scende in piazza, fa passare in secondo piano, oltre che dalla parte del torto, chiunque abbia qualcosa da dire. Ma con altrettanta onestà intellettuale non possiamo che rilevare come questa esasperazione generalizzata sia comprensibile e ormai incontenibile, e ciò significa che bisogna dare ai cittadini risposte diverse. Al momento, come sempre, solo le forze dell’ordine si ritrovano a raccogliere e fronteggiare gli sfoghi di un livello di disperazione che non può e non deve essere sottovalutato. Pensare di gestire questa situazione ormai non più emergenziale, dato che va avanti da oltre un anno, da una prospettiva scollata dalla realtà di chi invece non riesce più a tenere in piedi la propria esistenza costruita magari dopo una vita di lavoro, significa sottovalutare pericoli seri e reali per la sicurezza interna del paese”.  

Così Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato, commentando la notizia del ferimento di due agenti negli scontri registrati a Piazza Montecitorio, durante il sit-in di protesta di diverse categorie contro le chiusure decise dal governo.

Continua a leggere

I più letti