Connect with us

Esteri

LA GRECIA RIMANE NELL'EURO

Clicca e condividi l'articolo

L'accordo è fatto e indietro non si torna. Leggi i punti dell'accordo

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Ora è fatta e indietro non si torna. L'Eurogruppo ha approvato l'accordo sul debito greco. Lo riferisce la Commissione europea. Il piano di salvataggio consiste in un un prestito alla Grecia di 86 miliardi di euro in tre anni, di cui 25 saranno per la ricapitalizzazione delle banche. In cambio la Grecia dovra' attuare le privatizzazioni, riformare le pensioni, ottenere i seguenti dati nell'avanzo primario: -0,25% nel 2015, 0,5% nel 2016, 1,75% nel 2017, 3,5% nel 2018.

I punti dell'accordo Nuovi prestiti fino a 86 miliardi di euro saranno resi disponibili alla Grecia nei prossimi tre anni dall'Esm (European Stability Mechanism). Su 86 miliardi, 25 serviranno per la ricapitalizzazione delle banche. E' questo il risultato dell'accordo raggiunto dai ministri delle Finanze dell'Eurozona. Secondo quanto spiega il comunicato finale dell'Eurogruppo, la prima tranche del programma Esm di 26 miliardi sara' suddivisa in una tranche di 10 miliardi immediatamente disponibile e in un'altra di 16 miliardi che scattera' gradualmente a partire dal 20 agosto. Una seconda tranche per la ricapitalizzazione delle banche fino a 15 miliardi sara' erogata non oltre il 15 novembre. In cambio la Grecia dovra' attuare riforme fiscali e rafforzare la lotta all'evasione, nonche' attuare "ambiziose" riforme del sistema previdenziale, riforme nel mercato del lavoro. Inoltre dovra' attuare delle riforme per aprire l'economia agli investimenti e alla competizione, ed ancora modernizzare e depoliticizzare l'amministrazione pubblica. L'eurogruppo sottolinea che un significativo programma di privatizzazione e' il fondamento del nuovo programma Esm. Per assicurare tale piano dovra' essere stabilito un fondo indipendente sotto la supervisione delle istituzioni europee che deve essere operativo entro la fine del 2015. Il fondo includera' le azioni delle banche dopo la loro ricapitalizzazione.

Nel comunicato finale l'Eurogruppo indica come obiettivo a medio termine della Grecia un avanzo primario del 3,5% del Pil: -0,25% nel 2015, 0,5% nel 2016, 1,75% nel 2017 e 3,5% nel 2018. L'Eurogruppo considera il coinvolgimento del Fmi indispensabile e saluta positivamente l'intenzione del management del Fmi di raccomandare al comitato esecutivo di considerare un ulteriore sostegno finanziario alla Grecia una volta che le riforme siano state completate. L'Eurogruppo scrive infine di apprezzare le misure assunte dalle autorita' greche negli ultimi giorni.

"Abbiamo elogiato il Governo greco per la collaborazione con le istituzioni. Questo e' stato molto utile. Si tratta di un pacchetto di riforme ambizioso, che consentira' alla Grecia una crescita sostenibile, un miglioramento della competitivita' e la salvaguardia dei conti". Lo afferma il Presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, sull'accordo per il salvataggio della Grecia. "Il programma di privatizzazioni rafforzato – prosegue Dijsselbloem – fa parte del pacchetto." "Accogliamo l'intenzione del comitato del Fmi per sostenere la Grecia: lo faranno ad autunno. Il coinvolgimento del Fmi e' fondamentale e indispensabile per l'Eurogruppo". Ha spiegato il Presidente dell'Eurogruppo al termine della riunione."Accogliamo la valutazione positiva dello staff del Fmi -ha aggiunto – sulla condizionalita' delle politiche".

"L'accordo di oggi supera l'incertezza che ha pesato per troppo tempo sul Paese e sull'Eurozona. Con piena responsabilita', impegno e attuazione, questo accordo creera' nuovi posti di lavoro e fara' riprendere la crescita economica". E' il commento del vice presidente della Commissione europea e responsabile per l'Euro Valdis Dombrovskis. "Siamo pronti a sostenere la Grecia con tutti i nostri strumenti – ha aggiunto – dall'assistenza tecnica al sostegno finanzario".

L'accordo raggiunto dai ministri delle Finanze europei sugli aiuti ad Atene "e' un risultato per la Grecia che ha fatto gli sforzi attesi". Questo il commento del presidente francese Francois Hollande, secondo cui l'accordo rappresenta "una prova che l'Europa e' capace di avanzare sulla base dei principi di solidarieta' e responsabilita'".

Ognuno ha fatto la propria parte e la Grecia potra' riprendere a crescere. E' il commento del ministro del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. "L'accordo raggiunto questa sera mette la Grecia in condizione di rilanciare la crescita e quindi l'occupazione – sostiene Padoan – Non c'e' solo stabilita' finanziaria ma anche le riforme che modernizzano il Paese e gli aiuti per mettere le banche in condizione di finanziare l'economia. Ognuno ha fatto la propria parte – conclude – e il governo Tsipras e' riuscito a far approvare un pacchetto veramente importante di riforme, cancellando alcune misure controproducenti prese all'inizio".

Anche il direttore generale del Fmi Christine Lagarde considera positivo l'accordo sul programma di aiuti alla Grecia ma ripete che l'indebitamento del Paese "non e' sostenibile". In un comunicato, Lagarde si felicita per il "passo molto importante" compiuto con l'accordo, ma sostiene che non basta per la sostenibilita' dell'indebitamento.

L'accordo sul piano di salvataggio e' stato approvato con 222 voti favorevoli, 64 contrari e 11 astenuti. Il governo Tsipras ha dunque ottenuto i voti dell'opposizione, mentre circa 40 parlamentari di Syriza, incluso l'ex ministro Yanis Varoufakis, hanno votato contro. Ora l'intesa passera' al vaglio dell'Eurogruppo a Bruxelles. Atene ha bisogno di sbloccare gli aiuti internazionali prima del 20 agosto, quando scade il prestito ponte da 3,4 miliardi di euro della Bce. Il ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schaeuble si dice "fiducioso sull'intesa" per il salvataggio della Grecia, ma aggiunge che, senza un accordo all'Eurogruppo, "servira' un prestito ponte".
Inoltre per Schaeuble "e' essenziale" un chiaro impegno del Fmi sugli aiuti alla Grecia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Esteri

Trump vuole comprarsi la Groenlandia ma il Governo Danese frena: “Non è in vendita!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“La Groenlandia non è in vendita”: così con una dichiarazione ufficiale riportata dai media americani il governo danese commenta quanto scritto dal Wall Street Journal, secondo cui il presidente americano Donald Trump sarebbe interessato a comprare l’isola.
“Siamo comunque aperti al business”, aggiunge però il governo danese con un tweet del ministero degli esteri di Copenaghen, in quella che alcuni leggono come un’apertura verso eventuali investimenti dagli Stati Uniti in Groenlandia, soprattutto sul fronte del turismo. Sull’isola gli Usa sono stati presenti nel tempo con alcune stazioni meteo ed alcune postazioni militari risalenti alla seconda guerra mondiale. Attualmente c’è una grande base militare, la Thule Air Base, che rappresenta l’installazione militare americana più a nord, non lontano dal Circolo Polare Artico.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Vacanza regale: 100 mila euro per soggiornare a Ibiza dal 6 al 12 agosto. Polemiche dei britannici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Per la loro settimana di vacanza a Ibiza con il piccolo Archie, Meghan Markle e il principe Harry non hanno badato a spese: tra location di lusso, volo privato e security, si calcola una cifra che si aggira intorno ai 100mila euro. Niente di strano per una coppia vip, peccato che nel loro caso si tratti di soldi pubblici. La cosa non è piaciuta per niente ai contribuenti britannici, e i duchi di Sussex sono stati travolti dalle critiche.

La cifra esatta per il soggiorno dal 6 al 12 agosto alle Baleari è top secret, ma i media del Regno Unito hanno fatto i conti in tasca alla coppia reale. Il costo della villa lontana da occhi indiscreti sarebbe da valutare sui 50mila euro, a cui vanno aggiunti i 21mila per il jet privato (come riporta il “Daily Mail”) e le spese per le numerose guardie del corpo, sia britanniche che spagnole. I sudditi di Sua Maestà sono andati su tutte le furie, stanchi ormai dei capricci dell’ex attrice.

Ma non sono gli unici a non aver apprezzato l’iniziativa della coppia: anche dal fronte ambientalista sono arrivati giudizi aspri su Harry e consorte. La loro colpa sarebbe, in questo caso, quella di non aver pensato all’inquinamento che avrebbe prodotto l’aero privato per portarli a destinazione: un vero scivolone, per loro che si sono sempre professati così sensibili al problema dei cambiamenti climatici.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Kashmir, allarme terrorismo: evacuati 20 mila turisti per paura attentati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Circa 20mila persone, tra turisti e pellegrini, sono stati evacuati dalla zona sacra del monte Amarnath, in Kashmir, per via di un’allerta sicurezza.
La decisione senza precedenti è stata presa dal governo locale sulla base di informazioni di intelligence a proposito di minacce terroristiche che avrebbero come bersaglio proprio i pellegrini.

Le persone evacuate sono state fatte confluire nella capitale Srinagar grazie a decine di autobus speciali. Da lì poi ripartiranno verso destinazioni più sicure.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it