Connect with us

Roma

LABICO: L’OSSERVATORE D’ITALIA AL CONVEGNO “LA TUTELA DEI DIRITTI DEL MINORE…E’ UN NOSTRO DOVERE!”

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Oggi 20 novembre convegno formativo che quest’anno vuole ricordare il 25° Anniversario della Convenzione di New York dei Diritti del Fanciullo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Labico (RM) Un Comune atipico e un’amministrazione come pochi verrebbe da dire, che è riuscito senza indugio e con tempi record ad istituire nel febbraio 2014, un protocollo d’intesa con l’associazione Koinè per un centro di ascolto e di servizio di Mediazione Familiare dedicato alle famiglie del territorio e non solo! Noi de L’osservatore d’Italia abbiamo testimoniato le sue fasi ancora in embrione, quelle evolutive e di crescita, ma soprattutto di condivisione dei progetti e percorsi umani, che con determinazione hanno messo al centro di un impegno multi professionale, il bambino e il suo mondo che lo circonda.

Oggi 20 novembre alle ore 16:00 al Palazzo Guliani, Sala degli Affreschi, l’associazione Koinè, con il patrocinio del Comune di Labico e dell’A.I.Me.F Lazio, dedica un una giornata di studio rivolta ai professionisti, ma soprattutto alle famiglie, alle istituzioni, ai professionisti delle scuole “La tutela dei diritti del minore…..è un nostro dovere!” Un convegno che è stato organizzato proprio nel giorno della ricorrenza del 25° anniversario della Convenzione di New York dei Diritti del Fanciullo, uno strumento giuridico e un riferimento a ogni sforzo compiuto in cinquant'anni di difesa dei diritti dei bambini che viene ricordato ogni anno il 20 novembre per l’appunto, con la commemorazione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
L’osservatore d’Italia, redazione Lazio, modera l’intero appuntamento. La sottoscritta ricorda con emozione questo viaggio nato solo poco tempo fa, e tutte le fasi di una bellissima opportunità che questi professionisti hanno messo in campo per donarsi e crescere assieme alle famiglie e altri professionisti. Un plauso va al Sindaco Alfredo Galli che con lungimiranza ha intuito da subito la potenzialità e il valore del centro di ascolto e mediazione Familiare, e sarà proprio il primo cittadino di Labico ad aprire i lavori con i relativi saluti istituzionali. Il convegno vede un parterre pregiato di relatori impegnati da molti anni in questo settore, dove non basta solo la professionalità, ma quella straordinaria sensibilità verso un micro universo che non è solo il bambino, ma la sua famiglia e i suoi legami imprescindibili.

INTERVENTI

Marcello Severoni, Docente Universitario e Consigliere Regionale A.I.Me.F, con “Diritti di Minori e Famiglia: Primo Mondo Sociale” inizia la giornata di studio, seguito dall’intervento di Andrea Satta, Medico Pediatra che rafforza il concetto di famiglia con “l’unione ‘a forza’…fa la Forza!” Grazie Tassiello, avvocato e Mediatore Famigliare(Civile e Commerciale) snocciola un argomento delicato “L’ascolto del minore: un Diritto alla sua tutela e non uno strumento di autodifesa”. Romina Pacitto, Educatrice Profesionale e Mediatore Familiare focalizza l’importanza di un passaggio fondamentale nel diritto del bambino: “ Quando l’ascolto diventa Empatia: il Diritto di Parola, di Espressione, e Libertà del Pensiero”; mentre Francesca D’Ambrosio, Educatrice Professionale e Mediatore Familiare presenta il suo lavoro prezioso:”Impara Giocando”. Gli ultimi due interventi, ma non per importanza, dedicati a “Lo sviluppo del Potenziale Umano: il ruolo dell’Educazione e della Personalità” di Ambra Crescenzi, Psicologa e Formatrice; e infine la conferma della sua sensibilità e professionalità già prestata all’ultimo convegno sempre a Labico, la dott.ssa Anna Druella, Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci di Labico con “Il benessere Scolastico e la sua applicabilità”.

La famiglia non è oggetto di fede. Francesco D’Agostino in “Credere nella famiglia” tesse l’importanza della famiglia con una logica precisa: è la ragione che mostra la sua indispensabilità strutturale. Pensare alla famiglia è pensare l’uomo, credere nella famiglia è credere nell’uomo. La famiglia è per l’essere umano costitutiva e identitaria, dove il bambino nelle dinamiche dei ruoli affonda la sfera esistenziale della sua vita.

Un evento che come sempre anticipa importanti contributi non solo per i professionisti del settore, ma un viaggio, un cercare di migliorarsi e guardare oltre quelle certezze che spesso diventano repentini punti di partenza. Un figlio, un minore merita tutta l’attenzione necessaria affinché possa diventare un adulto migliore dei suoi stessi genitori, con quella serenità, amore e responsabilità che un genitore deve sempre donare completamente.

Sono stati richiesti n.3 crediti formativi presso l'Ordine degli Avvocati di Velletri, gli organizzatori rilasceranno un Attestato di Partecipazione finale.

L'ingresso è libero!

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

Roma

Roma, Casal Selce: trattativa tra due uomini finisce a coltellate. Arrestato un commerciante per tentato omicidio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ad avere la peggio un uomo di 39 anni ricoverato all’ospedale San Camillo in rianimazione, intubato e in prognosi riservata

ROMA – Un 34enne, commerciante romano e già conosciuto alle forze dell’ordine è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Casalotti e della Sezione Radiomobile della Compagnia Roma Cassia poiché gravemente indiziato di tentato omicidio ai danni di un 39enne romano.

I militari, lo scorso 11 maggio, a seguito di una segnalazione fatta al “112”, sono intervenuti nell’appartamento di via Giuseppe Lazzati, zona Casal Selce, di proprietà del 39enne dove, secondo una ricostruzione dei Carabinieri, i due si erano dati appuntamento per avviare una trattativa circa la cessione di 3 preziosi orologi.

Per motivi ancora in fase di accertamento, tra i due sarebbe nata una lite e con un coltello a scatto – repertato successivamente dai Carabinieri – si sarebbero vicendevolmente colpiti.

Ad avere la peggio è stato il 39enne padrone di casa che ha riportato delle profonde ferite all’addome ed è stato trasferito d’urgenza tramite un’ambulanza del “118” all’ospedale “San Camillo” di Roma, dove si trova ricoverato in rianimazione, intubato e in prognosi riservata.

Anche l’indagato, che ha riportato delle ferite alla regione addominale, è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale “Aurelia Hospital” in codice rosso, dove si trova tuttora piantonato; il suo arresto è stato convalidato.

Sono ancora in corso ulteriori accertamenti finalizzati all’esatta ricostruzione degli eventi che hanno portato al grave episodio.

Continua a leggere

I più letti