Connect with us

Castelli Romani

Lago Albano di Castel Gandolfo, la staffetta dei sindaci e il “successo” di camminare uniti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Proseguono le iniziative che vedono dialogare le istituzioni locali con gli organismi sovracomunali per riportare il bacino in salute

Prosegue la staffetta di iniziative “ACQUAEVITA” dell’associazione Lago di Castel Gandolfo con il contributo della Regione Lazio nei cinque Comuni che si affacciano sul Lago Albano di Castel Gandolfo per rilanciare il bacino e riportarlo in salute e di conseguenza renderlo appetibile quale volano originale e distintivo per l’economia, l’ambiente e l’occupazione dell’area dei Castelli Romani.

I sindaci di Albano, Ariccia, Castel Gandolfo, Marino, Rocca di Papa si sono uniti con l’associazione Lago di Castel Gandolfo e il neofita Contratto di Lago per reperire i fondi necessari e insieme hanno deciso di affidarsi alle competenze degli ingegneri del Consorzio di bonifica Litorale Nord per dare esecutività al progetto: «Il consorzio – dice Massimo Gargano, direttore generale Anbi (associazione nazionale consorzi bonifica) e tra i fondatori dell’associazione Lago di Castel Gandolfo – è impegnato in un dialogo serrato con la Regione Lazio, tramite la sensibilità di più consiglieri tra cui sottolineo quella di Michela Califano, per individuare risorse per tutti i laghi regionali tra cui quello Albano; nel contempo è stata presentata una scheda al Ministero per il Sud per cogliere delle opportunità coerenti con gli obiettivi fissati. La scheda è stata trasmessa al CIS, Contratto Istituzionale Acqua, che mette a disposizione 1,9 miliardi di euro per questi interventi che riguardano la rete e i bacini idrici in tutto il Paese. Sono risorse FSC, Fondo Sviluppo e Coesione».

Sono queste le notizie concrete emerse dai primi appuntamenti organizzati dai primi cittadini dei cinque Comuni sul lago, sceso quasi 10 metri dalle Olimpiadi del ’66, conosciuto nel mondo per la sua bellezza, denominato anche “lago del Papa” in quanto la residenza estiva del Papa a Castel Gandolfo si affaccia su questo incantevole bacino.

Venerdì 6 ottobre è partita l’iniziativa Lagothon, la staffetta dei 5 Comuni per tenere alta l’attenzione.

Il sindaco di Ariccia Gianluca Staccoli ha organizzato il primo di una serie di incontri dibattito a Palazzo Chigi. Il sindaco di Marino Stefano Cecchi, venerdì 7, ha promosso un evento nell’Aula consiliare e il 14 ottobre è stata la volta della sindaca di Rocca di Papa, Veronica Cimino che ha organizzato il terzo incontro presso la Biblioteca comunale.

Venerdì prossimo 21 ottobre sarà la volta del sindaco di Albano Laziale Massimiliano Borelli e poi a conclusione di questo primo ciclo di eventi il 28 ottobre sarà la volta del sindaco di Castel Gandolfo Alberto De Angelis insieme al vicesindaco e delegato al lago Cristiano Bavaro.  

«Il nostro impegno – hanno detto primi cittadini – per cercare di contrastare il fenomeno dell’abbassamento del livello del lago e rilanciare il territorio è univoco e senza colori politici. Risparmiando l’acqua e affidandoci nelle mani di esperti, porteremo a casa un grande risultato. Ci stiamo muovendo nella direzione giusta e con l’autorevolezza necessaria per interloquire con la Regione e altri Enti governativi che ci permetteranno di intercettare fondi sovracomunali destinati ai bacini e alla tutela del territorio. Proseguiamo con impegno e con gli eventi che potranno essere condivisi anche dagli altri Comuni dei Castelli Romani che hanno a cuore il destino del nostro lago».

Al Consorzio di bonifica Litorale Nord, organismo tecnico del Contratto di Lago e normato da leggi nazionali e regionali è affidata la progettualità e attuazione delle opere idrauliche per riportare l’acqua al lago. Tutte queste sinergie permetteranno di perseguire l’obiettivo di riportare il livello del lago in una condizione di tutela e salvaguardia.

Ma non è tutto perché la serata del 28 ottobre culmina con il consueto appuntamento sul lago che vede tutte le istituzioni insieme: il Premio Lago di Castel Gandolfo, una iniziativa partita nel 2017 per sensibilizzare al problema grazie e che ha attirato l’interesse delle istituzioni locali e sovracomunali, non ultimo di Bruxelles con la partecipazione di Daniel Calleja, direttore generale del Servizio Giuridico.

Il 28 parteciperanno i sindaci del lago, il procuratore capo della Repubblica Giancarlo Amato, il prefetto Francesco Tagliente, il direttore generale del policlinico di Tor Vergata Giuseppe Quintavalle insieme al direttore sanitario Marco Mattei, i senatori del territorio Bruno Astorre (Pd) e Marco Silvestroni (FdI), il presidente della Bcc Colli Albani Maurizio Capogrossi e altri personaggi legati alla causa.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca di Papa: sfiduciata la sindaca Veronica Cimino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

I consiglieri di maggioranza e opposizione hanno fatto cadere la sindaca Veronica Cimino. Le dimissioni di massa arrivano a pochi giorni da un blitz per dismettere le antenne abusive a Rocca di Papa. Ecco cosa scrive Andrea Croce sul suo profilo Facebook: «Abbiamo appena protocollato al Comune le dimissioni da Consiglieri comunali. Siamo in totale 10, 6 di minoranza e 4 di maggioranza.Il Consiglio comunale sarà sciolto e Veronica Cimino non sarà più la nostra sindaca.Una sindaca che il sottoscritto non ha mai sostenuto, nemmeno al ballottaggio. E lo rivendico con orgoglio!Finalmente si mette fine ad una delle esperienze amministrative più tristi e brutte degli ultimi decenni che lascia Rocca di Papa nell’insicurezza e nel degrado.Siamo felici che alcuni Consiglieri di maggioranza siano alla fine venuti sulle stesse posizioni del Partito Democratico che, con la mia attività di capogruppo, quella della Consigliera Gloria Silvestrini, insieme al rinnovato Direttivo, non ha mai smesso di criticare e picconare Cimino, chiedendo di cambiare rotta o di dimettersi.Non appena sarà nominato il Commissario prefettizio, prenderò subito un appuntamento per chiedergli di non trascurare alcune importanti situazioni che Cimino ha tralasciato e che invece vanno urgentemente risolte.Poi sarà tempo di guardare avanti: dovremo dare a Rocca di Papa un’amministrazione capace, umile, laboriosa, unita. Noi ci saremo e faremo di tutto per dare a Rocca di Papa tutto il nostro meglio».

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, cittadini senza acqua da 24 ore: grave guasto alla pompa di via dei Corsi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Niente acqua per i residenti della parte alta di Nemi a causa di un guasto alla pompa di sollevamento di via dei Corsi. “La mancanza di acqua iniziata nel tardo pomeriggio di ieri – ha riferito un cittadino – in questi quartieri si verifica da anni quasi sempre nel periodo natalizio e in quello estivo”.

Immediato il tam tam tra i vari abitanti che hanno iniziato a telefonare al numero verde del gestore Acea. E dopo numerose chiamate e una Pec inviata ad Acea e per conoscenza all’ufficio Tecnico del Comune di Nemi nel pomeriggio di oggi, dopo quasi 24 ore dal guasto, è arrivato il messaggio del sindaco che ha fatto sapere che Acea sta sostituendo la pompa del pozzo a causa di un grave guasto causato dal maltempo e che il ripristino del regolare flusso è previsto per la serata di domani. Il primo cittadino ha fatto sapere anche che sono state posizionate delle autobotti in via Parco dei Lecci incrocio con via dei Corsi e in via Nemorense nei parcheggi del ristorante “Il Faro”.

Alcuni residenti fanno però sapere che delle autobotti non c’e’ traccia.

E c’è chi ha immortalato con una foto, scattata nel tardo pomeriggio di oggi, via Parco dei Lecci angolo con via dei Corsi dove di autobotti non c’è traccia.

Alle 21 circa un residente ha confermato la presenza dell’autobotte che nel frattempo è arrivata posizionandosi in via Parco dei Lecci angolo via dei Corsi.

Continua a leggere

Castelli Romani

Maltempo Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina: allagamenti, alberi caduti e persone intrappolate in casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Nella notte tra il 21 e 22 novembre sono stati effettuati circa 80 interventi dalle squadre VVF a causa del maltempo. Le zone più colpite sono quelle dei Castelli Romani, Prenestina e Tiburtina , dove si è intervenuti per richieste legate a tipologie di interventi quali alberi e/o rami pericolanti ,insegne pericolanti, allagamenti e danni d’acqua in generale .

Si sta operando presso via del Passo della Sentinella, a Fiumicino (Idroscalo), dove il personale del Nucleo Sommozzatori con ulteriori 4 squadre in supporto ed il mezzo anfibio,stanno provvedendo al recupero di alcune persone rimaste intrappolate nelle loro abitazione a seguito di allagamenti.Seguiranno aggiornamenti.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti