Connect with us

Primo piano

LAGONEGRO, OSPEDALE PER ACUTI: UN'ATTESA DI 17 ANNI TRA INDAGINI E PROMESSE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti Pietro Mango : "Adesso è necessario fare per la buona sanità in Basilicata"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

di Domenico Leccese

Lagonegro (PZ) – Il paventato danno erariale accertato dalla Guardia di Finanza di circa 2milioni di euro che ha coinvolto gli ex governatori della Regione Basilicata Bubbico e De Filippo ed alcuni funzionari pubblici ancora ignoti. L'indagine, è arrivata ad una fase, abbastanza strana, che riguarda l’Iter realizzativo dell’Ospedale Unico di Lagonegro in provincia di Potenza. L’Ingegner Pietro Mango, presidente del Comitato Civico pro Ospedale del Lagonegrese, chiarisce: “Infatti mentre si sta concludendo il progetto esecutivo, sulla stampa regionale sono stati pubblicati tabella che parlano di instabilità dell’area prescelta, per sua natura in frana e dei soldi spesi per un progetto ancora non cantierabile, quindi non correlato al rapporto costi/benefici a distanza di circa 17 anni da quando ne venne individuato il sito.”

A riguardo e per onore alla corretta informazione occorre fare alcune precisazioni di merito sia sotto l’aspetto tecnico che amministrativo,
partendo dalla legge di riforma del sistema sanitario regionale che prevedeva il riordino e la razionalizzazione delle ex “U.S.L.“ e, conseguenzialmente, della rete Ospedaliera sulla quale il Comitato dei Sindaci dell’area, dopo lunghe accanite discussioni e peripezie pure fantasiose sulla probabile ubicazione, individuò l’area destinata all’accoglimento del nuovo nosocomio per acuti. Continua Mango “In particolare il sito scelto, ricadente sullo svincolo autostradale Lagonegro – Sud della SA-RC, in posizione amena e strategica, perché facilmente raggiungibile sia dai territori dell’entroterra lucano che da quelli campani e calabresi in quanto zona di confine, era già indicato nel P.R.G. del comune di Lagonegro all’epoca della sua adozione,1973, come probabile area per l’insediamento dell’Ospedale Regionale.

Stessa ipotesi confermata nei successivi piani urbanistici redatti dal Comune di Lagonegro che, secondo la prassi d’approvazione, sono stati sottoposti preventivamente allo studio geologico per la definizione dell’idoneità delle aree prescelte agli insediamenti edilizi ed al relativo parere regionale.” Questa dote implicita evitava una serie di procedimenti Amministrativi inerenti alle Varianti Urbanistiche per l’individuazione di un’ altra area da destinare all’accoglimento della Nuova Struttura Sanitaria, ed avrebbe consentito di dare una risposta rapida all’emergenza sanitaria determinatasi con l’avvio della razionalizzazione della rete ospedaliera. “Esperite le gare con la formula del General Contractor e sulla base di una progettazione Preliminare redatta dagli Uffici Tecnici Regionali venne scelto l’appaltatore che, come co-finanziatore dell’opera, aveva l’obbligo di produrre il progetto esecutivo e di realizzarlo, avendone in cambio la gestione di alcune attività di manutenzione e la gestione di servizi.

Successivamente per sopravvenute modifiche della Normativa Tecnica Sanitaria e Sismica l’impianto originario venne rivisitato con una lievitazione dell’ammontare dell’appalto ed un cambiamento dell’affidamento da general Contractor a Concessione.” Comunque la progettazione preliminare era stata avviata sulla base di un livello di conoscenza del sito abbastanza buono, in quanto sulle aree circostanti sono state realizzate una serie di opere, pubbliche e private, a suo ridosso di dimensioni anche considerevoli, quali: il Midi Hotel, l’Autostrada Sa – RC la cui originaria realizzazione ed il suo recente ampliamento ha richiesto opere complementari considerevoli, l’Istituto Tecnico per Geometri il cui sito è separato da quello del futuro Ospedale dalla sede stradale della S.P. 26 e nell’intorno tanti insediamenti privati, anche di recentissima costruzione , tutti costruiti con regolari titoli autorizzativi e pareri, essendo sottoposta a diversi vincoli, degli Uffici Regionali Preposti che, nel complesso non hanno mai manifestato alcun segno di dissesto. “Oltre alle citate osservazioni di superfice citate, dalla prima campagna geognostica la quale non rilevò altro che delle criticità appianabili con una buona progettazione geotecnica, l’area è rimasta pressoché abbandonata a se stessa ma nel frattempo, l’azione amministrativa, pur andando avanti, ha subito tante tergiversazione per la nomina dei RUP, per le conferenze di servizio sulle varie problematiche di interesse delle diverse amministrazioni preposte, per le riprogettazioni conseguenziali alle neo subentranti Normative Tecniche e soprattutto per la disponibilità delle aree in conseguenza degli espropri, i cui destinatari hanno sollevato innumerevoli ostacoli, anche di natura giudiziaria, contro la loro cessione.

Questa fase interlocutoria ha avuto un primo epilogo circa 2 anni (2013/14) fa con l’avvio di campagna geognostica e di monitoraggio asservita all’installazione di piezometri ed inclinometri, le cui indicazioni confermano le precedenti, accertando nel contempo la presenza della falda a profondità stabilizzata, le cui escursioni potrebbero essere eliminate con l’adozione di canali drenanti al disotto dell’intercetta col piano fondale.

Tutto l’escursus storico in precedenza descritto, anche se sommariamente, serve a dimostrare innanzi tutto che le responsabilità degli ex Governatori chiamati in causa, in questa specifica vicenda, sono solo politiche, forse solo per loro distrazione e mancato interesse precipuo, trattandosi di un’area marginale e quindi non rientrante nei loro naturali serbatoi di voti ,ma che i ritardi registrati sicuramente riguardano l’elefantiaco procedimento amministrativo, probabilmente anche artefatto da manipolazioni sui tempi necessari alla nomina dei componenti delle commissioni, dei RUP, al rilascio dei pareri che li hanno fatto lievitare oltre ogni limite di decenza.” Prosegue l’Ing Pietro Mango “Ora a scanso dell’effettivo concretizzarsi del danno erariale che ne potrebbe derivare però ,conseguenzialmente ad uno stop giudiziario per accertamenti sulle eventuali responsabilità dei ritardi registrati sulla procedura di avvio dei lavori ormai giunta alla conclusione, i preposti al procedimento amministrativo, il RUP in primis ha l’obbligo di verificare la conclusione nel procedimento della progettazione esecutiva per consentire all’impresa concessionaria l’avvio dei lavori. Ogni altro indugio diventa semplicemente vessatorio e magari interpretabile come ancora rispondente alla logica occulta che ha come obiettivo quello di impedirne in ogni modo la costruzione perché la risoluzione del problema sanitario minerebbe ancor più i gli intenti dei nostalgici del famoso progetto della Città – Regione che tanti danni ha fatto al territorio all’integrazione dei territori periferici.

Occorre comunque ridurre al massimo i tempi e dare una risposta ai cittadini lucani del Lagonegrese che da oltre 17 anni, sono stati vessati con continue e rinnovate promesse sulla costruzione del Nuovo Ospedale per Acuti e nel contempo cancellare lo scandalo della giacenza di svariati milioni di euro nelle casse regionali in un periodo di grave crisi e mancanza di lavoro.” Conclude l’Ing. Pietro Mango “Quanto in precedenza scritto deriva da conoscenze ed attenzioni tenute sulla questione, ma soprattutto da esperienze dirette sulla tenuta di suoli interessati, perché residente nella propria abitazione posta a meno di m. 100 dall’area dell’insediamento e se tutto ciò che è stato asserito nel presente articolo venisse confutato accorrerebbe pure dimostrare l’indolenza e l’incapacità dei tecnici comunali, regionali e liberi professionisti in particolare geologi che hanno contribuito alla edificazione descritta e che sta ancora li da anni.”
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Primo piano

Covid, ecco come cambia il green pass

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Chi è vaccinato o è guarito dal Covid negli ultimi 6 mesi resterà libero di andare al ristorante, al cinema, allo stadio.

Non sarà necessario scaricare nuovamente il Green pass rafforzato: il Qr code resterà infatti lo stesso, anche se durerà non più 12 ma 9 mesi, e verrà aggiornata la App ‘Verifica C19’ per i controlli.

Da lunedì si ridurranno, invece, gli spazi per gli oltre 6 milioni di italiani non vaccinati: scatta la nuova stretta e anche per prendere i mezzi pubblici sarà necessario avere almeno il Green pass “base”, che si ottiene con il solo tampone. Con il test negativo si potrà continuare ad andare a lavoro, in palestra, pernottare in albergo e poco altro. Non ci si potrà sedere al tavolo al bar, andare al ristorante al chiuso o a teatro. Il mancato rispetto delle regole comporta una multa da 400 a mille euro. Di seguito le principali novità.    

COME CAMBIA IL GREEN PASS – L’obbligo di Green pass fino al 15 gennaio 2022 viene esteso a ulteriori settori: alberghi; spogliatoi per l’attività sportiva; servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale; servizi di trasporto pubblico locale. E dal 6 dicembre arriva il Green pass rafforzato: vale solo per coloro che sono o vaccinati o guariti e serve per accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla ma deve essere utilizzato a partire dalla zona bianca per spettacoli, eventi sportivi, ristorazione al chiuso, feste e discoteche, eventi pubblici. Per matrimoni, battesimi e comunioni basta il pass base mentre per feste di compleanno e di laurea servirà quello rafforzato. In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green pass rafforzato. Tranne che all’aperto: per pranzare fuori al ristorante anche in zona arancione non servirà alcun pass.    

CONTROLLI RAFFORZATI – E’ previsto anche il rafforzamento del sistema dei controlli, con dispositivo messo a punto a livello locale dai prefetti, sentiti i Comitato provinciale ordine e sicurezza. Una circolare del Viminale ha tracciato la cornice. I controlli sui mezzi pubblici devono essere attuati in modo tale da garantire la fluidità del servizio e da “scongiurare” possibili “assembramenti ed eventuali ricadute di ordine pubblico” e andranno potenziati anche nelle zone della movida.    In generale, la polizia municipale e la Guardia di Finanza svolgeranno le verifiche nei ristoranti e negli esercizi pubblici mentre quelle su autobus e metropolitane sono affidate in modo prioritario a polizia e carabinieri, supportati dai vigili urbani e dal personale delle aziende di trasporto, e saranno a campione e nelle maggior parte dei casi verranno effettuate alle stazioni e alle fermate.    MASCHERINE – In zona bianca la mascherina non è obbligatoria all’aperto, anche se diversi sindaci sono intervenuti con proprie ordinanze, prevedendole in tutto il centro storico o nelle zone dello shopping. La mascherina va indossata, sempre, in tutti i luoghi chiusi diversi dalla propria abitazione, compresi i mezzi di trasporto pubblico (aerei, treni, autobus) e in tutte le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o siano possibili assembramenti.    E’ invece obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa.    TAMPONI E CERTIFICATO – Ai fini del Green pass sono confermate sia le tipologie che la durata dei test. Il Certificato resta valido in caso di un tampone molecolare negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti o rapido nelle 48 ore precedenti.    

Continua a leggere

Costume e Società

Regali di Natale: “Spese frenate dalla paura della pandemia”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Quest’anno per i regali di Natale si spenderanno in termini pro capite 158 euro rispetto ai 164 euro dello scorso anno, -8% rispetto al 2019 e oltre il 36% in meno rispetto al 2009, nel complesso 6,9 miliardi rispetto ai 7,4 miliardi dello scorso anno, con l’inflazione e i rincari delle bollette che rischiano di ridurre ulteriormente la quota di tredicesima destinata a queste spese.

E’ quanto emerge da un’analisi di Confcommercio.

In totale “per il mese di dicembre si stima un valore di circa 110 miliardi di euro di spese per consumi (inclusi affitti, utenze, servizi), valore inferiore di circa 10 miliardi a quanto speso nel 2019”, spiega Confcommercio.

Nel mese la spesa media per famiglia si attesta a 1.645 euro, lo 0,5% in più rispetto all’anno scorso, ma ancora molto al di sotto rispetto al 2019 (-7,5%), aggiunge Confcommercio, sottolineando che crescono le tredicesime complessive destinate ai consumi:32,6 miliardi nel 2021 contro i 29,7 miliardi nel 2020.    “La crescita dei consumi a Natale rischia di essere fenata dai timori per la pandemia, dall’inflazione e dai costi dei consumi obbligati. Per rilanciare la fiducia occorre accelerare il previsto taglio delle tasse, a cominciare da Irpef e oneri contributivi a carico delle imprese”. Così il Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. 

Continua a leggere

Castelli Romani

Banca Popolare del Lazio, conflitti di interesse: ora si aspettano le dimissioni di chi ha giocato doppi ruoli – [L’inchiesta 14 parte]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Una storia che si ripete senza fine sulla quale il nostro giornale ha dedicato 13 puntate

Tredici puntate di inchiesta giornalistica sulla Banca Popolare del Lazio che hanno coinvolto a vario titolo tutti i vertici dell’Istituto di credito, dall’amministratore delegato Rag. Lucidi per la questione Protercave ed Ismea, al Presidente Capecelatro per le vicende Ladaga, Di Giacomantonio, Giancarlo Natalizia per la vicenda dei conflitti di interesse per i finanziamenti fatti arrivare ai propri clienti morosi, scaricando il debito sulla Banca dallo stesso amministrata, il tutto sotto il naso e la silente approvazione del Dott. Carlo Romagnoli all’epoca dei fatti Presidente del Collegio Sindacale sia della stessa Natalizia Petroli che della Banca Popolare del Lazio, di cui risulta ancora oggi ricoprire la carica, come accertato presso la camera di commercio di Roma.

Qualche collega ben informato, evidentemente vicino ai vertici della Banca, inizia a parlare di dimissioni già avvenute in modo tanto improvviso quanto repentino da parte del Romagnoli che oggi dovrebbe partecipare nella sua veste di Presidente del collegio sindacale nella assemblea straordinaria dei soci, staremo a vedere se tale notizia sia vera oppure frutto del polverone che viene alzato per smorzare la notizia.

Certo che il sequestro di 1.800.000,00 euro eseguito dalla Guardia di Finanza a carico dei due soggetti rei, a parere della Procura e del Gip che ne ha convalidato la richiesta, di aver compiuto operazioni in conflitto di interessi è destinato a fare rumore, nonostante i tentativi già in atto di mettere tutto a tacere.

In realtà questo primo sequestro non è altro che un provvedimento che ha disposto le misure cautelari ritenute idonee, vedremo in seguito nei confronti di quali eventuali ulteriori soggetti e per quali reati si terrà il processo penale.

Di sicuro se è vero che iniziano a cadere i vertici della Banca fin dall’inizio coinvolti nelle nostre inchieste, ci aspettiamo che dopo il Dott. Romagnoli, che aveva declinato il nostro invito telefonico a giustificare il proprio doppio ruolo, venga  a cadere quanto meno il nobile ed evidentemente competente figlio Natalizia Alessandro, messo in Consiglio di amministrazione evidentemente in sostituzione del padre, probabilmente per garantire gli equilibri consolidati nel tempo e che ancora oggi riveste la qualità di socio ed amministratore della Natalizia Petroli Spa, quella società cioè che avrebbe usufruito dei vantaggi economici prodotti dal supposto conflitto di interessi di cui si sarebbe macchiato, secondo la Procura, il Capo “Giancarlo Natalizia”.

Oggi Alessandro Natalizia, nominato a ottobre 2020 con decorrenza gennaio 2021, ricopre il ruolo anche di componente del Comitato esecutivo di Bpl che ha tra l’altro il compito di riferire l’attuazione delle politiche di governo dei rischi dovendo riferire ogni tre mesi al consiglio di amministrazione della banca e al collegio sindacale, quello presieduto dal Romagnoli.

Ci aspettiamo, quindi, che diano le dimissioni i soggetti già oggetto delle nostre indagini giornalistiche, nonché i nuovi componenti, ci riferiamo a quel consigliere che si fece liquidare le azioni del padre defunto per circa 300.000,00 euro, ovvero di quell’altro che vede affidare al proprio affine importanti incarichi legali riccamente retribuiti.

Il tutto senza aver indagato, almeno secondo quanto risulta e sembrerebbe per quella che viene definita dai ben informati come “assunzione eccellente” sul reale proprietario dell’immobile nel quale è stata aperta la filiale della Banca in località Maccarese.

Una storia che si ripete senza fine sulla quale il nostro giornale ha dedicato 13 puntate e che solo oggi a distanza di molto tempo ha prodotto un primo segnale dell’esistenza di regole da rispettare. E viene ancora da chiederci, come abbiamo già fatto in una delle nostre puntate, ma la Banca d’Italia continua con le verifiche? E’ infatti suo preciso compito quello di prevenire e sanzionare tempestivamente tali comportamenti.

Le indagini, partite dopo la relazione di Bankitalia, in realtà contengono informazioni diffuse nella famosa lettera dei “soci coraggiosi”. Una lettera che L’Osservatore d’Italia e la trasmissione Officina Stampa hanno analizzato nel dettaglio. E oggi tutti i fatti ritornano.

Ci si aspettano ora le dimissioni di tutti gli attori coinvolti e inoltre si tornano a chiedere i dovuti accertamenti sulle presunte responsabilità dei vertici dell’istituto di credito.

Continua a leggere

I più letti