Connect with us

Cronaca

LAGONEGRO, OSPEDALE UNICO PER ACUTI: GLI ULTIMI OSTACOLI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti Pietro Mango: "Sono passati 17 anni e non se ne può più di sentire annunci, anatemi di non fattibilità, smentite…"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Riceviamo e pubblichiamo dall'Ing. Pietro Mango (Per Il Comitato Civico Pro Ospedale del Lagonegrese) 

Lagonegro (PZ)
– A complemento di tutto quanto finora scritto su questo quotidiano in merito alla vicenda della costruzione del Nosocomio per acuti di Lagonegro, vanno chiarite alcuni aspetti che riguardano le problematiche relative la disponibilità delle aree sotto l’aspetto urbanistico, geologico ed ambientale per ribadire ancora più fortemente la bontà del sito scelto ad accogliere l’opera.

È  risaputo che l’area venne individuata nella previsione del P.R.G. adottato dal Comune di Lagonegro nel lontano 1975 e che come tale è rimasta fino ai tempi nostri, cioè gravata da un vincolo di destinazione preordinato all’esproprio, la cui decadenza quinquennale (L. 1187/78 art. 2) l’avrebbe ridotta ad area su cui era possibile fare solo gli interventi previsti  dall’art. 3 lettera a, b e c del D.P.R. 380/01.

Successivamente all’Accordo di Programma Quadro per il settore Sanità sottoscritto in data 19.01.2000 riferentesi alla realizzazione delle opere incluse nella Deliberazione del Consiglio Regionale n. 668 del 29.09.1997 recepita dalle Delibere Consiliari n. 442 del 14.05.2002 e 67 del 01.08.2006, venne avviato l’iter realizzativo e rimodulate le superfici degli espropri secondo, le esigenze degli ingombri necessari ed effettivi per le attività, la viabilità ed i parcheggi nonché per la sicurezza, le cui indennità di esproprio sono  parzialmente disponibili agli interessati in € 916.620.

L’assoggettamento urbanistico con la sua idoneità all’edificazione è stato seguito di pari passo da quello geologico che, con le indagini fatte ha dimostrato che l’area presenta le classiche caratteristiche geognostiche dei siti edificabili del territorio di Lagonegro ossia: presenza copiosa di acqua, caratteristiche meccaniche non eccellenti, eterogeneità litologiche fattori comunque correggibili con adeguati interventi geotecnici e opere di presidio e salvaguardia.

Il progetto dell’opera presentato e più volte mostrato anche in 3D nei vari incontri istituzionali, si presenta ben conformato al sito con un andamento plano altimetrico integrato nell’insieme circostante e nell’area pedemontana che lo dovrebbe accogliere, senza stravolgimenti delle pendenze del pendio in una logica armonica e poco impattante.

Il vincolo paesistico pur incidente sull’area è pienamente rispettato in quanto, trattandosi di un intervento di pubblico interesse che esula dalle normali parametrazioni regolamentari imposte dal medesimo per l’edificazione; il parere espresso è quello della Conferenza di Servizi rilasciato in sede dell’approvazione del progetto preliminare e definitivo.

Ora manca veramente poco acché quest’opera, strategica sotto tutti gli aspetti, possa avviarsi alla concretizzazione. Infatti la  struttura sanitaria attualmente in funzione, unico presidio ospedaliero dell’area Sud-Ovest di Basilicata, è sovrautilizzata e nonostante gli ultimi interventi di ampliamento del contenitore, i tassi di utilizzazione restano elevatissimi contro  le previsioni di dimensionamento tecnico operate in quanto, su di essa, si riversa tutta l’emergenza sanitaria dell’alta Calabria e del basso Cilento (Campania) soprattutto per questioni logistiche di vicinanza, comodità ma soprattutto per i servizi che dette regioni non riescono più a garantire nei loro bilanci ed anche per l’ottima professionalità che l’Ospedale dispensa. E’ tempo di pensare a risolvere questi problemi di civiltà che riguardano la salute di migliaia di cittadini lucani, calabresi e campani, altro che fare battaglie intestine con la diffusione di notizie allarmanti sulla non fattibilità del Nosocomio per motivi idrogeologici del sito, il più delle volte fatti passare come perplessità espresse dai tecnici, geologi e geotecnici della SOL, Ditta  concessionaria dei Lavori e delle attività non sanitarie!

E pure queste perplessità, a cui qualcuno dà ancora credito e le diffonde, sono scadute perché la concessionaria doveva esprimerle prima, all’atto della consegna dell’affidamento della concessione presentando le dovute riserve; sono passati 17 anni e si parla ancora delle stesse cose. Sorge a questo punto il dubbio che forse i malumori di sottofondo vengono  alimentati ad arte; o perché l’Impresa non ha i soldi per onorare il suo impegno contrattuale che non è di poco conto, o perché è in atto un tentativo di delegittimazione politica  diffusa non identificabile in apparati specifici che per gelosia del successo di qualc’altro o di un territorio sulla vicenda vedrebbe oscurata la sua ragione d’esistere, o per ripicca ad un probabile squilibrio economico sociale che la struttura creerebbe nell’ambito regionale, assegnando punti di crescita ad un territorio periferico ma centrale in quello interregionale e che forse potrebbe ancor più alimentare quelle spinte localiste volte alla ricomposizione di antichi assetti territoriali (Ragion di Stato Regionale).

Non bisogna comunque dimenticare che la realizzazione del Nuovo Ospedale Unico per Acuti fu voluta in primis dal Consiglio Regionale della Basilicata in conseguenza della legge sulla razionalizzazione della rete Ospedaliera e la sua  localizzazione dalla Consulta dei Sindaci, che ne individuò anche il sito, già peraltro in diponibilità urbanistica del Comune di Lagonegro. Ed ancora, che il paventato trasferimento delle attività sanitarie per l’impraticabilità del plesso in conseguenza di un guasto tecnico all’impianto elettrico, generò una situazione di estrema tensione che sfociò pure in episodi violenti; questi passaggi sono stati necessari per far sapere che la questione ospedale è fortemente sentita nel lagonegrese perché si sta vivendo una situazione sanitaria da troppi anni in emergenza, amplificata ancor più dalle necessità dei vicini cittadini campani e calabresi, che loro malgrado, per analoghe vicende di razionalizzazione dell’offerta sanitaria nelle regioni di appartenenza , si appellano alle nostre disponibilità in un rapporto di solidarietà nazionale.

Questi sono i motivi che richiedono, innanzi tutto, la realizzazione dell’Ospedale Unico per Acuti perché non si può giocare sulla salute delle persone con i rinvii continui per l’apposizione di una firma, per la convocazione di una Commissione di Validazione del Progetto Esecutivo o per la liquidazione della restante trance delle indennità espropriative.

Sono passati 17 anni e non se ne può più di sentire annunci, anatemi di non fattibilità, smentite; il ruolo tecnico ha fatto da tempo il suo dovere  e gli apparati burocratici regionali non si possono ritrarre dalle loro responsabilità per cui sono pagati anche perché assumerebbero un ruolo diverso da quello istituzionale che la legge gli assegna, confondendolo agli occhi dei cittadini con quello politico che da sé, ha già assolto al suo dovere destinando i soldi necessari in bilancio e mettendoci la “faccia” che già è stata compromessa da altre vicende.

L’appello, dunque va a tutti gli interessati in un rapporto di rispetto reciproco e di solidarietà sociale nonché ai cittadini dell’area che pazientemente attendono, per superare gli ultimi futili ostacoli che si frappongono all’agognato Start per l’avvio dei lavori.

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Covid, cala il tasso di positività. Brusaferro: “Primi segnali di stabilità”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Sono 179.106 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 188.797. Le vittime sono invece 373, mentre ieri erano state 385.

Sono 1.117.553 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.

Ieri erano stati 1.110.266.

Il tasso di positività è al 16%, in lieve calo rispetto al 17% di ieri. Sono 1.707 i pazienti in terapia intensiva, 9 in più nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 148. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.485, ovvero 174 in meno rispetto a ieri. 

“Cresce ancora anche se meno velocemente il tasso di incidenza di casi di Covid nel nostro paese che raggiunge ormai quota 2.011 casi per 100 mila abitanti. Per l’Rt siamo in leggere flessione a 1,3. Soprattutto per quello che riguarda l’area medica siamo al di sopra della soglia critica con diverse regioni oltre soglia anche per la terapia intensiva”. Lo spiega il direttore della prevenzione del ministero della salute nel video che accompagna il monitoraggio settimanale sui casi Covid in Italia.

“Dopo 12 settimane di crescita continua dell’epidemia di Covid-19 si osservano questa settimana dei segnali di stabilizzazione dell’incidenza, della trasmissibilità dei casi e dell’occupazione dei posti letto in terapia intensiva. L’utilizzo dei servizi ospedalieri resta però importante ed è necessario non incrementare ulteriormente questo impegno”. Così il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, commentando il monitoraggio settimanale Iss-ministero Salute. “Sapendo che Omicron è largamente dominante, è fondamentale il rispetto rigoroso delle misure comportamentali e garantire la copertura vaccinale”.

“Negli ultimi 7 giorni vediamo che comincia una decrescita dei casi più marcata nella fascia 20-29 anni ma i casi rimangono in crescita nella fascia di età 0-9 anni. L’incidenza dei ricoveri in tale fascia è contenuta nei numeri ma i ricoveri ci sono e questo ci ricorda l’importanza della vaccinazione anche per i bambini”. Così il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in un video di commento al monitoraggio settimanale Iss-ministero Salute.

“Data l’estrema diffusione e soprattutto la grande contagiosita’ della variante omicron che e’ ormai largamente dominante nel nostro paese e’ bene continuare ad avere dei comportamenti ispirati alla prudenza e soprattutto completare il ciclo vaccinale con una dose di richiamo anche per evitare la congestione delle strutture ospedaliere”. Lo ha detto il direttore della prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza nel video che accompagna il monitoraggio settimanale sui casi Covid.

Continuano a crescere velocemente, trainati dalla variante Omicron, i casi di Covid-19 tra medici, infermieri e altri lavoratori della sanità. Negli ultimi 30 giorni sono stati 47.607 a fronte di 3.412.930 casi complessivi di infezione da Sars-Cov-2 in Italia. E’ quanto emerge dai Dati della Sorveglianza integrata Covid-19 in Italia, a cura dell’Istituto Superiore di Sanità, aggiornati al 20 gennaio. I dati di una settimana fa, aggiornati al 13 gennaio, riportavano 2.432.925 casi totali nella popolazione registrati nei 30 giorni precedenti e, di questi, 34.446 tra gli operatori sanitari.

L’incidenza settimanale nazionale si è stabilizzata mentre cala l’indice di trasmissibilità Rt. L’incidenza è pari a 2011 ogni 100.000 abitanti (14/01/2022 -20/01/2022) rispetto a 1988 ogni 100.000 abitanti (07/01/2022 -13/01/2022) della scorsa settimana. Nel periodo 22 dicembre 2021 – 4 gennaio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,31 (range 1,00 – 1,83), in calo rispetto alla settimana precedente, quando era pari a 1,56. Varie Regioni hanno però avuto problemi nell’invio dei dati e potrebbe esserci una sottostima. Lo evidenzia il monitoraggio Iss-ministero della Salute.

Resta stabile il tasso di occupazione in terapia intensiva: è al 17,3% (rilevazione giornaliera del Ministero della Salute al 20 gennaio) rispetto al 17,5% della rilevazione al 13 gennaio. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 31,6% (rilevazione giornaliera del Ministero della Salute al 13 gennaio) contro il 27,1% del 13 gennaio.

Rimane stabile il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (658.168 vs 649.489 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggero aumento (15% vs 13% la scorsa settimana). È in diminuzione la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (41% vs 48%) mentre aumenta la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% vs 39%).

Continua a leggere

Cronaca

Firmato DPCM anti covid: niente ritiro della pensione senza Green pass

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato il Dpcm che indica le attività commerciali in cui dal primo febbraio sarà possibile continuare ad accedere senza Green pass. Non sarà possibile andare in un ufficio postale nemmeno per ritirare la pensione se non si ha il certificato verde. E’ saltata dunque la norma inserita nella bozza con la quale erano considerate “esigenze essenziali e primarie” quelle “indifferibili e urgenti connesse alla riscossione, presso gli sportelli di Poste italiane Spa e degli istituti di credito abilitati, di pensioni o emolumenti comunque denominati non soggetti ad obbligo di accredito”. 

Alimentari e salute, la faq del governo – Il decreto stabilisce, quindi, che non è richiesto il possesso della certificazione verde per “esigenze alimentari e di prima necessità”.Chi entra senza Green pass nei supermercati può acquistare tutti i prodotti li’ venduti, non solo beni di prima necessità, precisa una Faq del governo rispetto al dpcm Covid. “Coloro che accedono agli esercizi commerciali esenti dal cd. Green pass previsti
dall’allegato del decreto del presidente del Consiglio dei ministri 21 gennaio 2022 possono acquistare ogni tipo di merce in essi venduta”.

Niente obbligo anche per “esigenze di salute, per le quali è sempre consentito l’accesso per l’approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici e, comunque, alle strutture sanitarie e sociosanitarie”, comprese “quelle veterinarie, per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura, anche per gli accompagnatori (questi ultimi, però, per rimanere all’interno delle strutture residenziali, socio assistenziali, sociosanitarie e hospice dovranno aver fatto il booster oppure avere l’esito di un tampone negativo effettuato non oltre le 48 ore precedenti se hanno solo due dosi di vaccino o sono guariti dal virus), e “per l’accesso dei visitatori a strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice”.

Sicurezza – E’ consentito l’accesso agli uffici aperti al pubblico delle forze di polizia e delle polizie locali, allo scopo di assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili, nonché quelle di prevenzione e repressione degli illeciti.

Giustizia – Inoltre è consentito l’accesso senza certificazione agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunce da parte di soggetti vittime di reati o di richieste d’interventi giudiziari a tutela di persone minori di età o incapaci, nonché per consentire lo svolgimento di attività d’indagine o giurisdizionale per cui è necessaria la presenza della persona convocata.

Continua a leggere

Cronaca

Omicidio Abbas Saman, estradato in Italia lo zio Hasnain Danish

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo è accusato di sequestro di persona, omicidio volontario e occultamento di cadavere della nipote

Termina con l’estradizione verso l’Italia la latitanza di Hasnain Danish, 34enne pakistano, destinatario di un mandato d’arresto europeo per sequestro di persona, omicidio volontario e occultamento di cadavere della nipote Abbas Saman.

L’uomo, accusato in concorso con altri familiari dell’omicidio della 18enne scomparsa da Novellara (Reggio Emilia) il 30 aprile e mai ritrovata, sarà riportato in Italia dal personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (S.C.I.P.), articolazione operativa del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, con un volo di Stato partito dall’aeroporto “Charles de Gaulle” di Parigi e atterrerà all’aeroporto di Bologna Guglielmo Marconi.

Hasnain, localizzato e arrestato alla periferia di Parigi il 22 settembre 2021, dopo quasi cinque mesi di latitanza, grazie alle attività investigative dei Carabinieri di Reggio Emilia, svolte a livello internazionale tramite il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, sarà consegnato ai Carabinieri del nucleo investigativo di Reggio Emilia per essere trasferito nel carcere reggiano a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa dell’udienza.

L’individuazione, la cattura e l’odierna estradizione di Hasnain Danish rappresentano un ulteriore successo dell’attività di cooperazione internazionale di polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale diretta dal Prefetto Rizzi, a conferma degli eccellenti rapporti tra l’Italia e la Francia.

Continua a leggere

I più letti