Connect with us

Cronaca

LAGONEGRO, OSPEDALE UNICO PER ACUTI: GLI ULTIMI OSTACOLI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti Pietro Mango: "Sono passati 17 anni e non se ne può più di sentire annunci, anatemi di non fattibilità, smentite…"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Riceviamo e pubblichiamo dall'Ing. Pietro Mango (Per Il Comitato Civico Pro Ospedale del Lagonegrese) 

Lagonegro (PZ)
– A complemento di tutto quanto finora scritto su questo quotidiano in merito alla vicenda della costruzione del Nosocomio per acuti di Lagonegro, vanno chiarite alcuni aspetti che riguardano le problematiche relative la disponibilità delle aree sotto l’aspetto urbanistico, geologico ed ambientale per ribadire ancora più fortemente la bontà del sito scelto ad accogliere l’opera.

È  risaputo che l’area venne individuata nella previsione del P.R.G. adottato dal Comune di Lagonegro nel lontano 1975 e che come tale è rimasta fino ai tempi nostri, cioè gravata da un vincolo di destinazione preordinato all’esproprio, la cui decadenza quinquennale (L. 1187/78 art. 2) l’avrebbe ridotta ad area su cui era possibile fare solo gli interventi previsti  dall’art. 3 lettera a, b e c del D.P.R. 380/01.

Successivamente all’Accordo di Programma Quadro per il settore Sanità sottoscritto in data 19.01.2000 riferentesi alla realizzazione delle opere incluse nella Deliberazione del Consiglio Regionale n. 668 del 29.09.1997 recepita dalle Delibere Consiliari n. 442 del 14.05.2002 e 67 del 01.08.2006, venne avviato l’iter realizzativo e rimodulate le superfici degli espropri secondo, le esigenze degli ingombri necessari ed effettivi per le attività, la viabilità ed i parcheggi nonché per la sicurezza, le cui indennità di esproprio sono  parzialmente disponibili agli interessati in € 916.620.

L’assoggettamento urbanistico con la sua idoneità all’edificazione è stato seguito di pari passo da quello geologico che, con le indagini fatte ha dimostrato che l’area presenta le classiche caratteristiche geognostiche dei siti edificabili del territorio di Lagonegro ossia: presenza copiosa di acqua, caratteristiche meccaniche non eccellenti, eterogeneità litologiche fattori comunque correggibili con adeguati interventi geotecnici e opere di presidio e salvaguardia.

Il progetto dell’opera presentato e più volte mostrato anche in 3D nei vari incontri istituzionali, si presenta ben conformato al sito con un andamento plano altimetrico integrato nell’insieme circostante e nell’area pedemontana che lo dovrebbe accogliere, senza stravolgimenti delle pendenze del pendio in una logica armonica e poco impattante.

Il vincolo paesistico pur incidente sull’area è pienamente rispettato in quanto, trattandosi di un intervento di pubblico interesse che esula dalle normali parametrazioni regolamentari imposte dal medesimo per l’edificazione; il parere espresso è quello della Conferenza di Servizi rilasciato in sede dell’approvazione del progetto preliminare e definitivo.

Ora manca veramente poco acché quest’opera, strategica sotto tutti gli aspetti, possa avviarsi alla concretizzazione. Infatti la  struttura sanitaria attualmente in funzione, unico presidio ospedaliero dell’area Sud-Ovest di Basilicata, è sovrautilizzata e nonostante gli ultimi interventi di ampliamento del contenitore, i tassi di utilizzazione restano elevatissimi contro  le previsioni di dimensionamento tecnico operate in quanto, su di essa, si riversa tutta l’emergenza sanitaria dell’alta Calabria e del basso Cilento (Campania) soprattutto per questioni logistiche di vicinanza, comodità ma soprattutto per i servizi che dette regioni non riescono più a garantire nei loro bilanci ed anche per l’ottima professionalità che l’Ospedale dispensa. E’ tempo di pensare a risolvere questi problemi di civiltà che riguardano la salute di migliaia di cittadini lucani, calabresi e campani, altro che fare battaglie intestine con la diffusione di notizie allarmanti sulla non fattibilità del Nosocomio per motivi idrogeologici del sito, il più delle volte fatti passare come perplessità espresse dai tecnici, geologi e geotecnici della SOL, Ditta  concessionaria dei Lavori e delle attività non sanitarie!

E pure queste perplessità, a cui qualcuno dà ancora credito e le diffonde, sono scadute perché la concessionaria doveva esprimerle prima, all’atto della consegna dell’affidamento della concessione presentando le dovute riserve; sono passati 17 anni e si parla ancora delle stesse cose. Sorge a questo punto il dubbio che forse i malumori di sottofondo vengono  alimentati ad arte; o perché l’Impresa non ha i soldi per onorare il suo impegno contrattuale che non è di poco conto, o perché è in atto un tentativo di delegittimazione politica  diffusa non identificabile in apparati specifici che per gelosia del successo di qualc’altro o di un territorio sulla vicenda vedrebbe oscurata la sua ragione d’esistere, o per ripicca ad un probabile squilibrio economico sociale che la struttura creerebbe nell’ambito regionale, assegnando punti di crescita ad un territorio periferico ma centrale in quello interregionale e che forse potrebbe ancor più alimentare quelle spinte localiste volte alla ricomposizione di antichi assetti territoriali (Ragion di Stato Regionale).

Non bisogna comunque dimenticare che la realizzazione del Nuovo Ospedale Unico per Acuti fu voluta in primis dal Consiglio Regionale della Basilicata in conseguenza della legge sulla razionalizzazione della rete Ospedaliera e la sua  localizzazione dalla Consulta dei Sindaci, che ne individuò anche il sito, già peraltro in diponibilità urbanistica del Comune di Lagonegro. Ed ancora, che il paventato trasferimento delle attività sanitarie per l’impraticabilità del plesso in conseguenza di un guasto tecnico all’impianto elettrico, generò una situazione di estrema tensione che sfociò pure in episodi violenti; questi passaggi sono stati necessari per far sapere che la questione ospedale è fortemente sentita nel lagonegrese perché si sta vivendo una situazione sanitaria da troppi anni in emergenza, amplificata ancor più dalle necessità dei vicini cittadini campani e calabresi, che loro malgrado, per analoghe vicende di razionalizzazione dell’offerta sanitaria nelle regioni di appartenenza , si appellano alle nostre disponibilità in un rapporto di solidarietà nazionale.

Questi sono i motivi che richiedono, innanzi tutto, la realizzazione dell’Ospedale Unico per Acuti perché non si può giocare sulla salute delle persone con i rinvii continui per l’apposizione di una firma, per la convocazione di una Commissione di Validazione del Progetto Esecutivo o per la liquidazione della restante trance delle indennità espropriative.

Sono passati 17 anni e non se ne può più di sentire annunci, anatemi di non fattibilità, smentite; il ruolo tecnico ha fatto da tempo il suo dovere  e gli apparati burocratici regionali non si possono ritrarre dalle loro responsabilità per cui sono pagati anche perché assumerebbero un ruolo diverso da quello istituzionale che la legge gli assegna, confondendolo agli occhi dei cittadini con quello politico che da sé, ha già assolto al suo dovere destinando i soldi necessari in bilancio e mettendoci la “faccia” che già è stata compromessa da altre vicende.

L’appello, dunque va a tutti gli interessati in un rapporto di rispetto reciproco e di solidarietà sociale nonché ai cittadini dell’area che pazientemente attendono, per superare gli ultimi futili ostacoli che si frappongono all’agognato Start per l’avvio dei lavori.

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Messina Denaro, in manette medico che lo ha curato durante la latitanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Alfonso Tumbarello è accusato di aver fornito le cure al boss della mafia durante la sua latitanza: i reati a lui contestati sono concorso esterno in associazione mafiosa e falso ideologico. In manette è finito anche Andrea Bonafede, cugino e omonimo del geometra che ha prestato l’identità a Messina Denaro: i pm gli contestano il favoreggiamento e la procurata inosservanza di pena, aggravati dall’aver favorito Cosa nostra

Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, manutenzione strade: continuano le asfaltature

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Proseguono i lavori di manutenzione stradale su tutto il territorio comunale. Completato il rifacimento di via Isonzo, nel tratto compreso tra via Veneto e via Adamello, al momento i lavori di ripristino del manto stradale sono in corso su via Italia, via Trieste e via Fiume.

“Proseguono gli interventi di manutenzione di strade e marciapiedi secondo il cronoprogramma che abbiamo messo a punto d’intesa con i nostri uffici tecnici e le ditte preposte – ha spiegato l’Assessore Alessandro Silvi – In questa fase ci stiamo concentrando sul ripristino della pavimentazione nelle vie cittadine oggetto di lavori per la realizzazione della fibra. Dalla seconda metà del 2023, proseguiremo con il rifacimento straordinario delle strade di competenza comunale partendo dalle vie più ammalorate. Un lavoro intenso che ci vedrà impegnati nei diversi quartieri cittadini, dando priorità anche alle zone più periferiche. Solo per citare alcuni dei prossimi interventi: rifacimento di marciapiedi e pavimentazione stradale di via Mascagni e via Verdi, marciapiede in via Toscanini e messa in sicurezza di un tratto di via Biroli, rifacimento della pavimentazione stradale di via Marcandreola e un tratto di via Romana Vecchia, messa in sicurezza dei marciapiedi di via Genova, via Atene, via Ancona e via Potenza”.

“Stiamo lavorando per migliorare la nostra Città – ha aggiunto la Sindaca Emanuela Colella – con l’obiettivo di rendere le nostre strade più sicure per tutti gli utenti dotando al tempo stesso i diversi quartieri di una connettività ultra veloce, sicura e affidabile. Terminato l’intervento su via Isonzo, sono in corso i lavori su via Italia, via Trieste e via Fiume: in particolare quest’ultima attendeva già da tempo un importante attività di riqualificazione. Non solo, siamo già pronti a intervenire su un’altra arteria stradale del territorio: viale di Marino, dove partiremo già da domani”.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, furti in centro storico e periferia: due persone in manette e due minorenni denunciati a piede libero

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuti

image_pdfimage_print
ROMA – Si intensificano sempre di più i controlli dei Carabinieri del Gruppo di Roma, mirati al contrasto di ogni forma di reato nel centro della Capitale. Più episodi hanno permesso ai militari dell’Arma di fermare in flagranza di reato persone gravemente indiziate di furto aggravato ai danni di turisti nei pressi dei luoghi di interesse storico e artistico. Due persone sono state arrestate e due minori sono stati denunciati a piede libero e poi affidati alle proprie famiglie.
Presso la fermata metropolitana “Barberini”, i Carabinieri della Stazione Roma Viale Libia hanno arrestato una 24enne di origini bosniache, con precedenti e senza fissa dimora, bloccata mentre asportava lo smartphone dalla tasca della giacca di una giovane turista inglese che attendeva l’arrivo del convoglio sulla banchina.
Sempre nella metropolitana capitolina, i Carabinieri della Stazione di Roma Viale Eritrea hanno arrestato un 54enne cubano, senza fissa dimora e con precedenti, che si era impossessato con destrezza di un telefono cellulare contenuto all’interno della tasca del pantalone di un turista italiano. Quando i Carabinieri lo hanno bloccato è stata recuperata anche la refurtiva. Per i due episodi di furto, le vittime hanno presentato regolare denuncia querela e gli arresti sono stati convalidati.
I Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola, invece, hanno denunciato a piede libero due minori che, dopo essere entrati in un esercizio commerciale del quartiere Laurentino, hanno asportato dagli scaffali capi di abbigliamento, nascondendoli in una borsa per eludere i controlli. I giovani sono stati notati da un addetto alla sicurezza che ha dato l’allarme. I due sono stati identificati, denunciati per furto aggravato e riaffidati alle rispettive famiglie.



Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti