Connect with us

Senza categoria

L’ANCRI premia Carlo Santucci, il medico romano che salvato la vita di una mamma in Austria

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


Tagliente: È un esempio di senso civico che l’Associazione dei benemeriti della Repubblica vuole mettere in evidenza.

La Conferenza su “La legalità dai banchi di scuola al mondo del web “, organizzata dall’Associazione nazionale degli insigniti dell’Ordine al Marito della Repubblica Italiana (ANCRI) all’Istituto per Sovrintendenti della Polizia di Stato di Spoleto si è conclusa con una appendice inedita.
Alla presenza di centinaia di studenti degli Istituti Superiori di Spoleto, del Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno Carlo Sibilia, del prefetto di Perugia Claudio Sgaraglia, dei vertici delle Forze di polizia, prefetti, magistrati e insigniti al Merito della Repubblica provenienti da varie regioni, è stato varato il progetto “Cittadini Virtuosi” che l’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Marito della Repubblica Italiana (ANCRI) ha inteso promuovere per premiare il coraggio e la solidarietà dei piccoli eroi di ogni giorno.
Tante storie, di quelle che spesso la cronaca relega in poche righe nella colonna delle “brevi” ma nascondono gesti di grande coraggio, onestà o solidarietà.
Esempi di senso civico che l’Associazione dei benemeriti della Repubblica vuole mettere in evidenza in maniera semplice, in un clima informale nel loro stile: un incontro con tutti gli insigniti, una stretta di mano e un piccolo messaggio simbolico.
Si tratta di bellissimi esempi che vede l’ANCRI fianco a fianco delle persone che compiono gesti di grande audacia, onestà e solidarietà.
Cittadini che in diverse occasioni, dando l’allarme hanno messo in condizione gli agenti del pronto intervento di arrestare autori di furti e rapine, ma spesso hanno permesso anche di salvare delle vite in operazioni di soccorso pubblico.
Persone che hanno aiutato le forze dell’ordine nel loro lavoro e contribuito al bene pubblico
Esempi positivi che l’ANCRI vuole premiare anche per creare un effetto emulativo.
Da chi ha bloccato l’autore di un reato a chi ha trovato soldi in strada e li ha consegnati alla polizia. Da chi ha salvato una persona in pericolo a chi ha attivato i soccorsi, evitando una tragedia.
E’ il caso di Carlo Santucci, medico romano di 33 anni in vacanza con la famiglia a Liens in Austria, che il 27 agosto, mentre era su un treno delle ferrovie austriache, ha salvato la vita ad una donna con un arresto cardiaco.
Il prefetto Francesco Tagliente ha chiamato sul palco il giovane medico romano presente al Congresso rendendo partecipi gli studenti e i rappresentanti delle istituzioni presenti che “Carlo Santucci, giovane medico romano di ritorno da una gita in Austria sul treno delle ferrovie austriache Lienz – San Candido ha salvato la vita a una signora di 40 anni con un arresto cardiaco.  Carlo per oltre 40 minuti ha praticato il massaggio cardiaco tenendo in vita la donna fino all’arrivo dell’eliambulanza austriaca che l’ha trasportata nel più vicino centro di rianimazione.
Il pronto e risolutivo intervento del dott Santucci è stato salutato da un lungo applauso, da parte dei viaggiatori del treno che nel frattempo si era fermato”.
Il prefetto Tagliente ha aggiunto che “Il direttore OBB traffico viaggiatori del Tirolo Renè Zumtobel, in una lettera indirizzata a Carlo Santucci lo ringrazia per “Il Suo impegno eroico sul nostro treno della OBB” e “per aver preso l’iniziativa essendo un passeggero e così aver salvato la vita ad una mamma”
Presidente Tommaso Bove, il prefetto Francesco Tagliente nella veste di Delegato ai rapporti Istituzionali, il sottosegretario Carlo Sibilia e il prefetto Claudio Sgaraglia, hanno quindi consegnato a Carlo Santucci una tessera ANCRI.
L’iniziativa rientra tra le finalità statutarie del Sodalizio che opera per divulgare, a tutti i livelli e in ogni forma, i principi e i valori della Costituzione Italiana, specialmente quelli incarnati nei simboli della Repubblica.
Con il progetto “Cittadini virtuosi” il presidente Bove e il prefetto Tagliente, impegnano tutti gli Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana iscritti all’Associazione, ad una azione costante a tutela della persona, della famiglia, della scuola, del lavoro, dello sviluppo economico nei diversi campi dell’agire umano, delle professioni, della ricerca, della cultura e delle arti, del servizio nello Stato, nell’azione sociale, umanitaria e filantropica.

Senza categoria

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Santarelli: “Peccato per il pari subito in rimonta col Castelnuovo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga osserverà due settimane di pausa da campionato. La formazione del presidente Bruno Camerini, infatti, non ha partite da recuperare nella “finestra” voluta dalla Lega Nazionale Dilettanti per cercare di “allineare” le classifiche dei vari gironi. “Certo, non è il massimo fermarsi per due settimane quando mancano otto partite alla fine della stagione – dice il centrocampista classe 1995 Flavio Santarelli – Però anche le squadre che si troveranno a giocare magari tre o quattro partite in questo stesso periodo potrebbero avere problemi. Noi ci concentreremo sul lavoro da fare per presentarci al meglio al rush finale”. L’ex giocatore del Montespaccato parla dell’ultimo match pareggiato 3-3 (doppietta di D’Agostino e gol di Cardillo) sul campo del Castelnuovo Vomano, al termine di una gara davvero incredibile. “Sapevamo di avere di fronte un avversario di ottimo livello. E’ stata una partita difficile, giocata su un campo piccolo, ma molto bello. Abbiamo espresso un buon calcio per 70’ e siamo riusciti ad andare sul 3-0 con pieno merito, poi dopo aver sciupato l’opportunità del poker e aver subito il gol dell’1-3 sul contropiede a un quarto d’ora dalla fine è cambiato tutto. Non c’è stata una causa unica, dal mio punto di vista non è stato né un problema fisico né mentale: la qualità degli avversari ha avuto un peso, poi ovviamente anche noi avremmo potuto gestire meglio il vantaggio. Peccato perché sarebbe stata una vittoria molto importante”. La Cynthialbalonga è comunque in piena zona play off: “Ma come accaduto domenica, non possiamo pensare di aver acquisito quel piazzamento. Mancano ancora tante gare e noi dobbiamo ragionare partita dopo partita”. Di certo Santarelli è felice della scelta fatta qualche mese fa di approdare nel club castellano: “Sono entrato in un bel gruppo, molto compatto. Venivo da quattro mesi al Montespaccato in cui avevo avuto pochissimo spazio, con mister Chiappara invece sto riuscendo a dare il mio contributo. La Cynthialbalonga mi ha accolto benissimo e sono felice di aver fatto questo passo a gennaio”.



Continua a leggere

Senza categoria

Sporting Ariccia (calcio, Eccellenza), Longo: “Con la Lupa passi in avanti a livello di prestazione”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Ariccia (Rm) – Lo Sporting Ariccia non è riuscito a sbloccarsi. La formazione castellana, dopo il k.o. all’esordio della “fase 2” dell’Eccellenza laziale sul campo dell’Unipomezia, ha perso di misura (0-1) contro un’altra delle protagoniste annunciate del girone, vale a dire la Lupa Frascati. “Loro sono una squadra forte e molto organizzata e con due attaccanti molto bravi – commenta l’esterno offensivo classe 1994 Mattia Longo – Nel primo tempo ci hanno messo in chiara difficoltà, poi nel secondo abbiamo alzato il baricentro e siamo stati anche pericolosi in qualche occasione, rischiando di trovare il pareggio. Credo che si siano visti dei passi in avanti rispetto alla prestazione di Pomezia, anche se in generale questo gruppo non molla mai fino alla fine anche quando il risultato è compromesso”. Longo è stato proposto nella posizione di seconda punta: “Anche allo Sporting Genzano ho giocato in quel ruolo, ma all’epoca “giravo intorno” ad una prima punta classica. Domenica, invece, anche Fortini nel primo tempo e poi il subentrato Nanni hanno caratteristiche fisiche diverse da una prima punta tradizionale, ma abbiamo comunque fatto il possibile. Comunque mi piace giocare lì perché sono più vicino alla porta e si corre di meno” sorride Longo che poi assicura il massimo impegno dello Sporting Ariccia anche se la classifica non darà forti stimoli da qui alla fine: “Abbiamo un gruppo molto giovane e quindi bisogna dimostrare di meritare questa categoria. E’ chiaro che la società sta gettando le basi in vista della prossima stagione e noi elementi più “esperti” dobbiamo trascinare con l’esempio il resto della squadra. Poi c’è il ruolo di mister Eliano Trinca che si è dimostrato molto abile nella gestione del gruppo. Ora stiamo già preparando il match di domenica sul terreno del Campus Eur e vogliamo al più presto cancellare quello zero dalla voce dei punti in classifica”. La chiusura è sulla società: “Ci ha fatto capire che sta lavorando su questo gruppo per ripartire al meglio nella prossima stagione. Il periodo non è semplice e a livello organizzativo ci vuole tempo per trovare le giuste soluzioni, ma intanto è già partito un lavoro sulla Scuola calcio che può essere estremamente significativo per dare corpo al progetto sportivo di questo club”.



Continua a leggere

Senza categoria

Volley Club Frascati (serie D masch), Speranza: “Buona la prima, il gruppo proverà a stare in alto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – La serie D maschile ha cominciato col piede giusto. I ragazzi di coach Orazio Speranza hanno sconfitto 3-1 il Puntovolley sul suo campo al termine di una prestazione convincente. “Certi ragazzi erano lontani da gare ufficiali da più di un anno e quindi c’era tanta voglia di riprendere confidenza col campo – dice il tecnico – All’inizio abbiamo schierato gli elementi più esperti, poi comunque anche i giovani hanno dato il loro contributo. Tra le note positive c’è anche la prestazione di Vagnoni, libero dell’Under 17 che è stato molto bravo in ricezione. C’è stato un calo nel terzo set con qualche errore di troppo, ma il gruppo ha avuto una pronta reazione e ha chiuso il match nel quarto. C’è da considerare che, per i motivi noti a tutti, questi ragazzi non si sono potuti allenare molto insieme e quindi è inevitabile qualche difficoltà a livello di meccanismi, ma la squadra ha delle buone qualità”. E secondo Speranza si può togliere delle belle soddisfazioni in questo campionato: “Il girone dove siamo inseriti annovera dieci squadre: le prime due passeranno alla Final Four regionale di categoria, poi la squadra campione del Lazio farà le finali nazionali. L’assetto della squadra è buono per la categoria, dipende da tanti fattori, ma vogliamo provare a fare un campionato di medio-alta classifica anche se mai come quest’anno dovremo verificare il valore delle avversarie”. Sabato prossimo l’esordio interno contro il Tor Sapienza: “Conosco qualche elemento di quel gruppo e so che ci sono due buoni giocatori, in questi giorni cercheremo di raccogliere altre informazioni. Comunque sono contento di come il gruppo si sta allenando, a partire dai più grandi che dopo il lungo periodo di inattività potevano fare molta fatica e invece hanno cominciato molto bene”.



Continua a leggere

I più letti