Connect with us

Senza categoria

L’ANCRI premia Carlo Santucci, il medico romano che salvato la vita di una mamma in Austria

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo


Tagliente: È un esempio di senso civico che l’Associazione dei benemeriti della Repubblica vuole mettere in evidenza.

La Conferenza su “La legalità dai banchi di scuola al mondo del web “, organizzata dall’Associazione nazionale degli insigniti dell’Ordine al Marito della Repubblica Italiana (ANCRI) all’Istituto per Sovrintendenti della Polizia di Stato di Spoleto si è conclusa con una appendice inedita.
Alla presenza di centinaia di studenti degli Istituti Superiori di Spoleto, del Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno Carlo Sibilia, del prefetto di Perugia Claudio Sgaraglia, dei vertici delle Forze di polizia, prefetti, magistrati e insigniti al Merito della Repubblica provenienti da varie regioni, è stato varato il progetto “Cittadini Virtuosi” che l’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Marito della Repubblica Italiana (ANCRI) ha inteso promuovere per premiare il coraggio e la solidarietà dei piccoli eroi di ogni giorno.
Tante storie, di quelle che spesso la cronaca relega in poche righe nella colonna delle “brevi” ma nascondono gesti di grande coraggio, onestà o solidarietà.
Esempi di senso civico che l’Associazione dei benemeriti della Repubblica vuole mettere in evidenza in maniera semplice, in un clima informale nel loro stile: un incontro con tutti gli insigniti, una stretta di mano e un piccolo messaggio simbolico.
Si tratta di bellissimi esempi che vede l’ANCRI fianco a fianco delle persone che compiono gesti di grande audacia, onestà e solidarietà.
Cittadini che in diverse occasioni, dando l’allarme hanno messo in condizione gli agenti del pronto intervento di arrestare autori di furti e rapine, ma spesso hanno permesso anche di salvare delle vite in operazioni di soccorso pubblico.
Persone che hanno aiutato le forze dell’ordine nel loro lavoro e contribuito al bene pubblico
Esempi positivi che l’ANCRI vuole premiare anche per creare un effetto emulativo.
Da chi ha bloccato l’autore di un reato a chi ha trovato soldi in strada e li ha consegnati alla polizia. Da chi ha salvato una persona in pericolo a chi ha attivato i soccorsi, evitando una tragedia.
E’ il caso di Carlo Santucci, medico romano di 33 anni in vacanza con la famiglia a Liens in Austria, che il 27 agosto, mentre era su un treno delle ferrovie austriache, ha salvato la vita ad una donna con un arresto cardiaco.
Il prefetto Francesco Tagliente ha chiamato sul palco il giovane medico romano presente al Congresso rendendo partecipi gli studenti e i rappresentanti delle istituzioni presenti che “Carlo Santucci, giovane medico romano di ritorno da una gita in Austria sul treno delle ferrovie austriache Lienz – San Candido ha salvato la vita a una signora di 40 anni con un arresto cardiaco.  Carlo per oltre 40 minuti ha praticato il massaggio cardiaco tenendo in vita la donna fino all’arrivo dell’eliambulanza austriaca che l’ha trasportata nel più vicino centro di rianimazione.
Il pronto e risolutivo intervento del dott Santucci è stato salutato da un lungo applauso, da parte dei viaggiatori del treno che nel frattempo si era fermato”.
Il prefetto Tagliente ha aggiunto che “Il direttore OBB traffico viaggiatori del Tirolo Renè Zumtobel, in una lettera indirizzata a Carlo Santucci lo ringrazia per “Il Suo impegno eroico sul nostro treno della OBB” e “per aver preso l’iniziativa essendo un passeggero e così aver salvato la vita ad una mamma”
Presidente Tommaso Bove, il prefetto Francesco Tagliente nella veste di Delegato ai rapporti Istituzionali, il sottosegretario Carlo Sibilia e il prefetto Claudio Sgaraglia, hanno quindi consegnato a Carlo Santucci una tessera ANCRI.
L’iniziativa rientra tra le finalità statutarie del Sodalizio che opera per divulgare, a tutti i livelli e in ogni forma, i principi e i valori della Costituzione Italiana, specialmente quelli incarnati nei simboli della Repubblica.
Con il progetto “Cittadini virtuosi” il presidente Bove e il prefetto Tagliente, impegnano tutti gli Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana iscritti all’Associazione, ad una azione costante a tutela della persona, della famiglia, della scuola, del lavoro, dello sviluppo economico nei diversi campi dell’agire umano, delle professioni, della ricerca, della cultura e delle arti, del servizio nello Stato, nell’azione sociale, umanitaria e filantropica.

Senza categoria

Rihabilita e il progetto “Soluzione mal di schiena”: “Vogliamo migliorare la qualità della vita”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Albano (Rm) – Un progetto che nasce oltre quindici anni fa e che ormai ha trovato una sua dimensione importante. Rihabilita è l’azienda nata da tre fisioterapisti amici, vale a dire Massimiliano Magni, Salvatore De Fusco e Francesco Ciallella: dopo aver preso il coordinamento del reparto di fisioterapia di “Albamedica” ad Albano Laziale, i tre soci hanno deciso di aprire le loro sedi ad Aprilia e nel quartiere Flaminio a Roma, ma prossimamente c’è in programma l’apertura di un nuovo centro a Frattocchie (nel comune di Marino) a marzo e a Bracciano entro fine anno. I professionisti di Rihabilita, che hanno allacciato anche collaborazioni di prestigio come quella con la Nazionale italiana di pallacanestro, hanno messo a punto un progetto denominato “Soluzione mal di schiena” di cui spiegano la filosofia: “L’idea è quella di migliorare lo stile di vita delle persone che si rivolgono a noi. Siamo contrari all’abuso di farmaci che, a fronte di un ipotetico beneficio momentaneo, non agisce sulla causa reale della problematica. Al tempo stesso siamo contro l’abuso della chirurgia che nel 40% fallisce l’obiettivo. Siamo convinti che per affrontare una problematica alla schiena debba essere considerato un aspetto multifattoriale da gestire in equipe”. E a proposito di valutazione, il progetto “Soluzione mal di schiena” passa da una premessa fondamentale: “Noi facciamo un primo appuntamento conoscitivo e totalmente gratuito col paziente in cui, nell’arco di un’ora, cerchiamo di capirne le abitudini quotidiane, facendo al tempo stesso una valutazione iniziale su 32 test neuro-muscolo-scheletrici per avere un panorama praticamente completo di ogni singola situazione. L’approfondimento è aperto a tutti: ci occupiamo di osteopatia pediatrica, ma anche di ragazzi, adulti e anziani, sportivi e non. All’interno del team scientifico di “Soluzione mal di schiena” è entrato anche un neurochirurgo che ha sposato in pieno la nostra filosofia. E tra gli obiettivi futuri ci sono anche l’organizzazione di un congresso annuale e la creazione di un’accademia dove confrontarsi con altri professionisti e formarne altri”.

Per tutte le informazioni si può consultare il sito ufficiale www.rihabilita.com oppure www.soluzionemaldischiena.it dove ci sono tutti i contatti e gli indirizzi dei centri.



Continua a leggere

Senza categoria

Il Football Club Frascati pensa in grande: in arrivo un direttore generale dalla serie A!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Il Football Club Frascati non ha mai smesso di pensare in grande. Nonostante le difficoltà inevitabili causate (all’intero mondo dello sport) dalla pandemia, il club tuscolano dei presidenti Claudio Laureti e Stefano Lopapa continua a fare progetti molto importanti. La priorità del Football Club Frascati è sempre stato e rimane il lavoro su settore giovanile e Scuola calcio che si fregia di titolo Elite. Sin dal primo direttivo la certezza è stata proprio il vivaio e la forte intenzione di volerlo potenziare sotto tutti i punti di vista. Il club tuscolano ha avviato un progetto ad ampio raggio per coinvolgere i settori giovanili di Frascati. E per la prossima stagione ha messo in programma una grande novità: nel ruolo di direttore generale ci sarà un professionista che ha scelto di mettere la sua esperienza al servizio dei ragazzi del Football Club Frascati, ma al momento il nome è top secret trattandosi di una persona ancora sotto contratto con un club di serie A. Eppure nei primi colloqui avuti con la dirigenza del club frascatano il matrimonio non sembrava dovesse celebrarsi: “Ci ha detto sinceramente di essere rimasto perplesso in un primo momento – racconta Laureti – Ma dopo alcuni incontri i suoi dubbi si sono dissipati e ha accettato la nostra proposta. Si è detto impaziente di iniziare la nuova avventura, dicendo di voler basare il suo lavoro sulla condivisione e il confronto. Ci ha detto che non servono “nomi”, ma gente che abbia voglia di sudare, lottare, creare un gruppo e dare forza ai rapporti umani: il “top player” dev’essere sempre la società, la sua serietà e l’organizzazione”. Il co-presidente Laureti non può che essere felice di questo accordo: “Abbiamo un occhio proiettato sempre alla crescita perché siamo una società ambiziosa e vogliamo farci trovare pronti. Abbiamo intenzione di organizzare la scuola del movimento che propone nel terzo allenamento dei più piccoli un’attività differenziata rispetto al calcio. Ci sono anche altri progetti in cantiere che cercheremo di realizzare. Lo sport per noi è un servizio sociale perché il Football Club Frascati rappresenta una realtà importante per i nostri ragazzi. Siamo contenti del successo della prima squadra nello scorso campionato, ma per noi la cosa più importante resta il settore giovanile e il sorriso dei bambini della nostra Scuola calcio Elite”.



Continua a leggere

Senza categoria

Frascati Scherma, Pacifico e Zanzot: “Domenica il primo importante incrocio con altre società”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Il settore spada del Frascati Scherma è più compatto che mai. Ne sono sicuri sia il responsabile d’arma Gino Pacifico sia l’altro maestro Gianluca Zanzot che hanno partecipato ad una diretta sulla pagina Facebook ufficiale del club tuscolano. “Gli ultimi mesi sono stati molto duri, ma i ragazzi sono riusciti a lavorare abbastanza bene nonostante le difficoltà – dicono i due tecnici – Far mantenere ai nostri atleti una certa costanza di partecipazione agli allenamenti non è stato semplice, ma il gruppo ha risposto bene dimostrando uno spirito unito”. Pacifico e Zanzot non nascondono un po’ di preoccupazione per il processo di crescita degli spadisti: “Indubbiamente questi mesi sono stati particolari, anche se le famiglie hanno risposto in maniera positiva e hanno sempre fatto frequentare la palestra ai loro ragazzi, premiando pure i tanti sforzi organizzativi del nostro club per rispettare i rigidi protocolli federali. Ma la cosa principale che è mancata ai ragazzi è stato “l’esame” della gara: una spia per capire a che punto si è e dove poter andare a lavorare per crescere. E se per i bambini, che vivono il nostro sport in maniera più giocosa e con l’animo sereno, non è stata una grande privazione, per i ragazzi più grandi gli effetti della mancanza di gare si sono sentiti indubbiamente di più perché loro hanno un animo più agonistico”. In tal senso domenica il settore spada (come anche quelli di fioretto e sciabola) potrà sostenere un allenamento congiunto con altre società della regione, proprio presso la palestra del team tuscolano: “Sarà il primo incrocio stagionale di questo tipo e indubbiamente sarà un momento di verifica importante” dicono ancora i tecnici.
Infine una bellissima notizia ha coinvolto l’atleta paralimpica Michela Fabbri (allieva proprio di Gianluca Zanzot) che è stata convocata per un allenamento collegiale con la Nazionale fino al prossimo 25 gennaio. La Fabbri sarà presente in quel di Tirrenia, nel ritiro azzurro, per gli allenamenti con le squadre della spada e del fioretto.



Continua a leggere

I più letti