Connect with us

Castelli Romani

Lanuvio, gazebo alla scuola Terracini per il reddito di maternità: uno strumento per contrastare la denatalità

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

LANUVIO (RM) – “Ringraziamo le femministe per l’importante lavoro svolto per il riconoscimento del diritto delle donne ad intraprendere una carriera lavorativa ma è giunta l’ora di fermarsi e riflettere su cosa abbiamo perso.” Ha dichiarato Sabrina Bosu, Dirigente Nazionale e Referente della Provincia di Roma per il Popolo della famiglia annunciando la prima uscita pubblica del Popolo della famiglia a Lanuvio per la raccolta delle firme per la proposta di legge di iniziativa popolare del Reddito di maternità che si terrà martedì 11 dicembre nei pressi di Piazza 25 Aprile, davanti alla Scuola Terracini, dalle ore 11.00 alle ore 14.00 e che prevede 1000 € al mese alle cittadine italiane che hanno un bambino, per 8 anni, rinnovabili ad ogni parto che diventano in vitalizio in presenza di un figlio disabile e dalla nascita del quarto figlio. 96.000 € per combattere la denatalità che ogni giorno viene denunciata da giornali e tv senza azioni concrete per contrastarla. “Siamo passate dal diritto a lavorare – ha continuato Bosu – all’obbligo nel doverlo fare e molto spesso siamo costrette dalle circostanze a rinunciare alla maternità o a delegare ad altri l’educazione dei nostri figli. Troppo spesso, inoltre, la donna che si dedica alla famiglia per accudire i propri figli viene considerata una donna di serie B.” “È ora di riprenderci il diritto alla maternità, – ha concluso Bosu – è ora di riprenderci la libertà di scegliere se e come essere madre superando la concezione limitante di donna al servizio del sistema economico, è ora che lo Stato riconosca la dignità della donna madre e il contributo insostituibile che ella apporta alla struttura sociale del nostro Paese.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Albano Laziale: sequestrato deposito con oltre 60 chili di fuochi d’artificio situato tra le case

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ben sessanta chili di botti di capodanno stoccati in un magazzino in una zona residenziale di Albano Laziale. La Santa Barbara è stata scoperta e sequestrata dalla polizia ai Castelli Romani.

I poliziotti della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura, diretta da Angela Cannavale, nelle loro incessanti indagini volte a contrastare la produzione e la commercializzazione di materiale pirotecnico illegale, sono arrivati ad un trentenne dei castelli romani.

Seguendo i suoi movimenti, gli agenti hanno individuato un magazzino nel comune di Albano. Il blitz è scattato ieri pomeriggio e, mal conservati, sono stati trovati numerosi scatoloni di fuochi d’artificio illegali. La perquisizione è stata poi estesa nell’abitazione ed anche qui, nascosti in una cantina, sono state sequestrate altre identiche confezioni.Il tipo di materiale esplodente, appartiene alla categoria F2 ed F4 ed il “quantitativo di massa attiva netta”, cosi detto QEN, è di circa 61chili.

Per poter mettere in sicurezza i fuochi d’artificio sono intervenuti gli Artificieri della Polizia di Stato. L’ingente quantitativo, il precario stato di conservazione e confezionamento, ma soprattutto la vicinanza alle abitazioni, facevano si che i due depositi fossero potenzialmente micidiali.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Lanuvio, brutto incidente sulla Cisternense: 5 feriti. C’è anche un bambino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Brutto incidente ieri pomeriggio sulla via Campoleone-Cisterna all’altezza di Lanuvio: un frontale tra due auto. Una Fiat Panda, con a bordo marito e moglie, entrambi di 73 anni di Lanuvio, ha attreversato la Cisternense in direzione Lanuvio mentre dall’altra parte, in direzione Campoleone, arrivava una Volkswagen Golf, guidata da un 30enne di Velletri, con affianco la moglie di Cori, 27 anni, e il bambino sul sedile posteriore. La Golf ha colpito la fiancata dell’altra macchina, che, a causa dell’urto, si è cappottata ed è finita in una cunetta. 
Immediati i soccorsi: sul posto i Vigili del Fuoco Velletri, i carabinieri di Velletri e diverse ambulanze. I due coniugi di Lanuvio, sono stati trasportati in codice rosso al Nuovo ospedale dei Castelli. Gli altri all’ospedale di Velletri.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, al via la raccolta firme per istituire l’ora di educazione alla cittadinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Rinnoviamo l’appello ai cittadini a venire in Comune a firmare per l’istituzione dell’ora di educazione alla cittadinanza”.

A rilanciare la proposta è Alessandro Cocco, consigliere delegato a Innovazione e Smart City che con una nota risponde alle raccomandazioni del gruppo Città al Governo illustrate in occasione dell’ultima seduta di Consiglio comunale.

La proposta

La proposta a Grottaferrata è stata lanciata in estate con il beneplacito del sindaco Luciano Andreotti e della presidente del Consiglio comunale, Francesca Maria Passini.

L’ ufficio anagrafe comunale si è prontamente attivato e la notizia è stata diffusa sugli organi di stampa e sul sito web del Comune.

“Fa piacere – prosegue Cocco – che anche altre forze politiche si interessino alla questione e sarebbe davvero bello riuscire a collaborare su questi temi.Colgo dunque l’occasione – conclude il consigliere delegato per proporre pubblicamente a tutti i consiglieri comunali una giornata di raccolta firme durante queste festività natalizie”. 







Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it