Connect with us

Latina

LATINA: TEMPI CICLOPICI PER METTERE IN SICUREZZA LA MENSA SCOLASTICA

Clicca e condividi l'articolo

Zuliani (Pd): “La sicurezza e l'igiene non sono cosa urgente per il Comune di Latina”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

LEGGI ANCHE: LATINA: ALLARME MENSA ALLA SCUOLA DI PIAZZA MORO

 

Persi i fondi 2015 dell'8 per mille Irpef per l'edilizia scolastica. Zuliani (Pd): “Ennesima dimostrazione di incompetenza”

 

Redazione

Latina – Passeranno almeno due mesi prima che la mensa della scuola materna di Piazza Aldo Moro possa essere messa in sicurezza. Nel frattempo i bambini continuano a consumare i pasti in monoporzioni direttamente nelle aule dove si svolgono le lezioni. Questo perché il Comune di Latina non ha ancora fatto alcuna comunicazione alla scuola sui tempi necessari per lo svolgimento dei lavori, e per il fatto di aver inserito i lavori in una determina da circa 90mila euro che comprende anche sistemazioni in altri plessi del capoluogo.
“È una precisa volontà politica quella di non mettere in sicurezza la scuola. Com'è noto – spiega Nicoletta Zuliani, consigliera comunale del Partito Democratico di Latina, che aveva sollevato la questione della mensa della scuola pericolante la scorsa settimana – per spese che superano i 40mila euro, i Comuni sono tenuti ad indire una gara, mentre per importi inferiori e per lavori di natura urgente possono essere fatti affidamenti diretti alle ditte. Il punto è proprio questo: l'amministrazione del sindaco Giovanni Di Giorgi non ritiene che la messa in sicurezza di una mensa scolastica, che comporta anche un problema di igiene all'interno dell'istituto, sia un lavoro urgente. Il sindaco è responsabile della salute della città, ed è uno scandalo che non intervenga”.

La verità, secondo la consigliera democratica, è che della scuola, all'amministrazione Di Giorgi, non importa nulla, ma serve soltanto a fare passerella in cerca di voti. “Quando in Comune hanno voglia di affidare lavori, anche non urgenti, sono disposti persino a procedere attraverso determine illegittime, come nel caso dello spacchettamento che ho fatto emergere per il cimitero di Borgo Montello. Mentre la scuola continua ad essere la Cenerentola di questa amministrazione” – afferma Zuliani.

“E non si trovino più scuse nella mancanza di soldi – affonda la consigliera del Pd – Il Comune getta il denaro pubblico dalla finestra per spese inutili, come la pavimentazione della Ztl, il finanziamento al Festival del Circo, contratti multipli per medesimi servizi nei diversi uffici comunali. E poi perde o non si avvale dei finanziamenti offerti dalla Stato, come nel caso della richiesta di attingere ai fondi dell'8 per mille Irpef in favore dell'edilizia scolastica. I Comuni, grazie alla legge di stabilità del 2014, entro lo scorso 15 dicembre avrebbero potuto fare richiesta per ricevere, in percentuale, questi fondi destinati ad opere di 'ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all'istruzione scolastica', così come indicato dalla stessa legge. Non avendone fatto richiesta, il Comune di Latina per tutto il 2015 non ne beneficerà. E adesso voglio sapere il perché di questa mancanza: ne chiederò le motivazioni con un'interrogazione in consiglio comunale e porterò la questione in commissione Trasparenza” – annuncia Zuliani.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latina

Simeone (FI): “Bene le rassicurazioni del direttore Ciarlo, prosegue il potenziamento del San Giovanni di Dio di Fondi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


“Considero rassicurante il quadro tracciato dal direttore del Presidio Latina 4 Giuseppe Ciarlo relativamente alla situazione dell’ospedale San Giovanni di Dio di Fondi, nel corso di una riunione svoltasi negli ultimi giorni.
Possiamo affermare che prosegue il potenziamento di un nosocomio diventato ormai essenziale in provincia di Latina.
Ho apprezzato in particolare che entro fine agosto verranno recuperati gli arretrati riguardanti le visite, gli esami diagnostici e tutte le prestazioni specialistiche sospese in concomitanza con l’emergenza Covid e si procedere alla ripresa delle prenotazioni ordinarie al Cup entro la prima decade di settembre.
Ritengo importanti le rassicurazioni sull’allestimento del Day Surgery con la sua possibile apertura entro metà settembre. Un’accelerazione sulla fornitura di nuovi strumenti verrà impressa per riattivare con urgenza lo Screening Oncologico Mammografico, ma soprattutto costituisce una bella notizia il reclutamento di nuovo personale medico, infermieristico e ausiliario.
Mi preme inoltre ricordare che l’amministrazione regionale si è assunta un impegno finanziario che prevede lo stanziamento di circa 10 milioni di euro per l’ammodernamento delle strutture del San Giovanni di Dio.
Appare dunque evidente come non vi sia alcun rischio di depotenziamento del nosocomio, bensì concordo sulla necessità di una rivisitazione urgente dell’ospedale di Fondi per completare il suo rilancio”.
Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare.

Continua a leggere

Cronaca

Formia, l’isola ecologica itinerante fa tappa sul monte Redentore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FORMIA (LT) – Per il secondo anno consecutivo le Giornate Ecologiche hanno fatto tappa in montagna nell’area del Quadrivio.

L’appuntamento domenicale che si è tenuto sul Redentore, la settimana prima delle festività di Ferragosto, ha consentito ai proprietari delle abitazioni in montagna di potersi disfare degli oggetti ingombranti.

Dopo il successo dello scorso anno l’isola ecologica itinerante anche ieri ha ottenuto riscontri positivi sul fronte della raccolta.

Nel corso della mattinata sono stati consegnati sacchetti per l’organico a 21 utenze, conferiti 5 metri cubi di materiali ingombranti, 3 metri di R.A.E.E. (grandi e piccoli elettrodomestici, telefoni cellulari, tablet, Tv, monitor e computer) 1 mt cubo di ferro e 20 materassi.

Prezioso come di consuetudine si sono rivelati il lavoro degli operatori della Formia Rifiuti Zero, dei volontari del Ver sud Pontino Formia Protezione Civile e il supporto delle associazioni “Fare Verde” e “Mamurra” che si sono messi a completa disposizione della cittadinanza per fornire informazioni utili e dettagliate sulla raccolta differenziata.

“Per il secondo anno tra le ‘Domeniche Ecologiche’ c’è anche il percorso verso i nostri monti, verso la montagna, dando la possibilità a tutti di non abbandonare i rifiuti, ma di conferirli in modo corretto. Grazie ai volontari che continuano a renderlo possibile, grazie agli operatori della FRZ sempre a disposizione”, ha commentato il sindaco Paola Villa.

Il prossimo appuntamento è fissato il 13 settembre nell’area del Porticciolo Caposele sul litorale di Vindicio. 

Continua a leggere

Latina

Latina, immigrati positivi al Covid-19: monta la protesta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Viste le notizie di cronaca che si susseguono preoccupanti in queste ore circa il numero di contagi tra i migranti tunisini giunti a Latina martedì sera e circa il tentativo di fuga che ci sarebbe stato all’arrivo a Cori degli altri 43 non positivi al Covid, la Lega di Latina e la Lega Giovani provinciale e comunale hanno organizzato per domani 31 luglio 2020 alle 19 un sit-in davanti la Prefettura in Piazza della Libertà.
Così il coordinatore Comunale di Latina, Armando Valiani e i coordinatori dei giovani a livello provinciale, Marco Maestri e comunale, Alessandro Palmiggiani.
«Vogliamo ribadire – spiegano – la nostra contrarietà alla politica degli sbarchi che questo governo sta incoraggiando, ma sopratutto vogliamo difendere il diritto alla salute dei nostri concittadini. Dopo i sacrifici del lockdown importare casi da migranti che non fuggono dalle persecuzioni è quanto di più folle ci sia. Auspichiamo dunque che i trasferimenti si fermino e che chi arriva nel nostro paese attraverso il traffico di esseri umani sia immediatamente rimpatriato. In ogni caso non possiamo accettare che chi arriva tenti subito la fuga facendo perdere le sue tracce. Servono maggiori controlli e una sorveglianza assidua di queste persone»

Continua a leggere

I più letti