Connect with us

Sport

LAZIO AL BACIO, PIOLI NON SBAGLIA UN COLPO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Grandissimo lavoro per Biglia, Parolo e Milinkovic-Savic

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Alessandro Fortuna

La squadra di Pioli non sbaglia un colpo e rimane l’unica squadra in campo internazionale a rappresentare l’Italia

 

LA PARTITA

Nel primo tempo Felipe Aderson era imbrigliato e Lulic non ingranava, così la Lazio faticava a ripartire. Ma era ordinatissima, attenta e precisa nelle coperture. Grandissimo lavoro per Biglia, Parolo e Milinkovic-Savic. Quando è salita di tono la partita, la squadra biancoceleste è diventata travolgente in contropiede. Mister Pioli ha vinto la partita con i suoi cambi: uno spento Lulic ha fatto posto a Candreva, dando una scossa alla squadra, colpendo nel momento in cui la squadra turca si era sbilanciata in avanti. Le sue percussioni hanno prodotto spazi anche per Felipe Anderson e dopo la prima rete, segnata da Parolo, la Lazio è diventata irresistibile in campo aperto con le proprie ripartenze. Il Galatasaray, invece, si era riproposto in campo come la gara d’andata a Istanbul: mister Denizli ha confermato lo stesso blocco ad eccezione di Ozkekin che gli ha permesso di riportare Snejder al suo ruolo originale di trequartista, oltre a Inan in cabina di regia. Davanti, però, mancava Bulut. Podolski è rimasto imbrigliato tra i due centrali della Lazio, Mauricio e Bisevac: ha dimostrato di avere poco coraggio. Per l’ennesima volta un’altra rete subita dai biancocelesti a ” palla scoperta”, dove l’errore è collettivo: non c’è pressione su Sabri Sarioglu che ha avuto il tempo di guardare e lanciare in profondità, Bisevac ha sperato di mettere in fuorigioco Oztekin, che invece si è ritrovato a tu per tu solo davanti a Marchetti.

 

PAGELLE LAZIO

BIGLIA 8

Passaggi al bacio per tutti. Suo l’angolo da dove nasce il vantaggio (1-0 di Parolo) e lancio in profondità per Matri ( palo pieno). Illumina gioco e corridoi possibili e immaginari, lo fa nel miglior modo possibile come lo aveva già fatto nella gara di andata. Nel primo tempo Muslera gli nega la gioia del gol deviando in angolo un bolide diretto all’angolino. SUPERSTAR

KLOSE 7,5

Si è sbloccato. Non segnava dal maggio scorso ( ultima di campionato 014-015 Napoli- Lazio 2-4). Appena entrato s’è avventato sul pallone, l’ha strappato a Chedjou e ha costretto agli straordinari Muslera, poi lo ha trafitto. Nel finale un lancio millimetrico per Candreva e un infinità di palloni recuperati. Adesso non si ferma più. FINALMENTE MIRO

 

BISEVAC 5,5

Ha perso Oztekin e il Galatasaray ha ricominciato a sperare. Ha rovinato così una buona prestazione. DISTRATTO

PAGELLE GALATASARAY

OZTEKIN 6,5

Riaccende le speranze della squadra segnando il gol che, momentaneamente, riapre la partita. Fulmina Marchetti in uscita. SAETTA

SABRI SARIOGLU 6,5

All’andata era andato a segno, nella gara dell’olimpico disegna un assist da manuale per il compagno Oztekin, rimettendo in bilico la partita. ISPIRATO

 

PODOLSKI 4,5

Stretto nella morsa dei due centrali della Lazio non trova mai lo spunto, non viene in aiuto dei compagni per cercare di far salire la squadra, non si ricorda un tiro degno di nota in tutta la partita. LUNA STORTA

 

Sport

Valmontone 1921 (calcio, Under 19 reg.), Belli: “Dieci punti in cinque gare, la risposta che volevo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Valmontone (Rm) – L’Under 19 regionale del Valmontone 1921 ha cambiato passo. La squadra maggiore delle giovanili giallorosse ha conquistato dieci punti nelle cinque partite con il neo tecnico Marcello Belli che è ovviamente soddisfatto del comportamento del gruppo: “Era la risposta che mi aspettavo. Questa è una fascia d’età particolare e quindi ho cercato di trovare il giusto feeling coi ragazzi sin dal primo momento che mi sono insediato su questa panchina. Le qualità ci sono, il resto lo hanno fatto l’entusiasmo e la fiducia che arrivano dalle buone prestazioni e dai punti raccolti”. Nell’ultimo match, i ragazzi di Belli hanno piegato tra le mura amiche per 3-1 l’Atletico Monteporzio: “Una sfida non semplice anche se affrontavamo l’ultima della classe. Loro hanno due attaccanti molto validi e poi un paio di episodi erano girati nel modo sbagliato: all’inizio, infatti, abbiamo sbagliato un calcio di rigore con Cristofari, mentre successivamente gli ospiti sono andati in vantaggio proprio grazie a un tiro dal dischetto. A fine primo tempo ho provato a dare una “sistemata alla testa” dei ragazzi, dicendo loro di stare tranquilli e di pensare meno all’individualità e più al concetto di squadra: così è arrivata la doppietta di Cristofari che si è ampiamente riscattato e poi il gol di Franciosi. E’ stata la terza vittoria di fila a cavallo delle feste, un buon viatico in vista del prossimo match di San Cesareo contro la terza della classe: io vivo lì e sarà una sfida particolare per me. Sappiamo bene il valore della formazione avversaria, ma cercheremo di ottenere il quarto successo di fila”. Sugli obiettivi stagionali Belli ancora non si sbilancia: “Adesso siamo a centro classifica, mancano due partite alla fine del girone d’andata e poi tireremo le prime somme. In questo momento dobbiamo solo pensare a fare il massimo in ogni singola gara. Inoltre possiamo contare su una società seria e sempre vicina ai ragazzi e su un proficuo rapporto di collaborazione con il tecnico della Promozione Cristiano Di Loreto”.

Continua a leggere

Sport

Marino Pallavolo (serie D femm.), bell’esordio in Coppa Lazio. Di Lucca: “Semifinale ancora aperta”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Marino (Rm) – La serie D femminile del Marino Pallavolo sa solo vincere. Le ragazze di coach Marco Di Lucca hanno vinto la loro 14esima partita ufficiale su 14 disputate: dopo le 13 di campionato, è arrivato un successo anche nella semifinale di Coppa Lazio d’andata sul campo dell’Asd Aurelio Sg. Alla Coppa Lazio si sono qualificate le prime classificate dei quattro gironi della categoria al termine del girone d’andata e inevitabilmente ci si attendeva una sfida tosta, come è effettivamente stata. “Una gara degna di squadre di questo livello – commenta coach Di Lucca – Sapevamo che in una sfida di questo genere i dettagli avrebbero fatto la differenza e le ragazze sono state brave a non sbagliare nei momenti decisivi. Un po’ di rammarico è rimasto per il quarto set, ma non ho nulla da recriminare sulla prestazione complessiva delle ragazze. Nel primo set è stata subito battaglia e le avversarie l’hanno spuntata per 24-26, poi nel secondo abbiamo totalmente dominato (25-6) facendo benissimo al servizio. La squadra ha proseguito su ottimi livelli e ha fatto suo anche il terzo per 25-22, mentre nel quarto le padrone di casa si sono imposte 20-25. Il tie break è stato ben condotto dalle nostre ragazze che si sono imposte per 15-10”. La partita di ritorno si giocherà a Marino il prossimo 1 marzo: “Aver vinto fuori casa ci dà un piccolo vantaggio – sottolinea Di Lucca – ma il discorso qualificazione è totalmente aperto. Dovremo fare la partita per vincerla. In casa di successo delle capitoline per 3-2 si giocherà il golden set. Abbiamo testato con mano la qualità dell’avversario che può contare su atlete di esperienza e alcune giocatrici di punta. Rispetto alla gara d’andata, però, ora sappiamo meglio i punti di forza delle avversarie e anche i loro eventuali difetti”. Adesso la serie D femminile del Marino Pallavolo si riposerà per qualche giorno perché nel week-end il campionato rimarrà fermo: “Riprenderemo a giocare domenica 5 febbraio con Ariccia, terza in classifica con 10 punti di distanza e una gara giocata in meno. C’è un po’ di tempo per preparare il match che potrebbe assumere già un significato pesante in ottica classifica”.

Continua a leggere

Sport

Colleferro (calcio, Under 19 Elite), la spinta di Calenne: “Raggiungere i play off? Perché no”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Colleferro (Rm) – L’Under 19 Elite del Colleferro non smette di stupire. I ragazzi di mister Giuseppe Ciotoli hanno sconfitto per 3-0 l’Accademia Sporting Roma nell’ultimo match di campionato e si sono arrampicati al sesto posto in classifica. “Nel primo tempo abbiamo avuto molte difficoltà nel giocare la palla – spiega il capitano e centrocampista classe 2003 Maurizio Calenne – Sapevamo di avere di fronte una squadra abile nel chiudersi e dovevamo avere pazienza. Nel secondo tempo siamo rientrati in campo con un altro spirito, alzando i ritmi e trovando il gol del vantaggio con Lorenzi, poi nel giro di dieci minuti siamo arrivati sul 3-0 grazie a un’autorete e al sigillo di Zeqiri”. La classifica dei rossoneri, neopromossi nella categoria, è sorprendente per molti addetti ai lavori: “L’obiettivo iniziale era quello della salvezza anche perché non sapevamo che tipo di impatto avremmo avuto con la categoria Elite. Dopo una partenza un po’ zoppicante, abbiamo iniziato a fare risultati e a prendere sempre più fiducia. Ora la zona play out è distante nove punti, mentre siamo a quattro lunghezze dal quarto posto che varrebbe i play off: è chiaro che un pensierino ce lo facciamo”. Calenne, ritratto nella foto di Leonardo Pera, parla del rapporto con mister Ciotoli: “E’ un tecnico molto preparato che ha avuto un ottimo impatto con tutto il gruppo. Predilige il gioco palla a terra ed è bravo a gestire le varie situazioni dello spogliatoio. C’è molto della sua mano nella nostra positiva stagione”. Per Calenne, che è al suo quinto anno di Colleferro, questa può essere un’annata molto importante anche a livello personale: “L’anno scorso feci l’esordio in prima squadra nel match col Sezze, mentre quest’anno ho fatto due presenze, una in Coppa Italia e una in campionato. L’obiettivo è quello di entrare in pianta stabile in prima squadra: fare la preparazione e potermi allenare coi “grandi” mi ha aiutato tanto, ma anche poter giocare in un campionato giovanile di ottimo livello come l’Under 19 Elite mi sta consentendo di crescere”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti