1

Lazio, Cassa integrazione in deroga. Mattia (PD): “L’impegno di spesa stimato è di 221,3 mln”

Nel Lazio ad oggi, sono arrivate 46.745 domande di Cassa Integrazione in deroga per un totale di 118.689 lavoratori (uomini 54.742 e donne 63.947).

La percentuale delle aziende da 0 a 5 dipendenti che hanno fatto domanda di Cig è scesa al 93,2 percento perché cominciano a farne richiesta anche le aziende sopra i 5 dipendenti. Il 76 percento delle richieste arriva dalla provincia di Roma, il 73 percento da Frosinone, il 9,2 percento da Latina, il 2,1 percento da Rieti e il 5,1 percento da Viterbo.

Mattia (Pd): “L’impegno di spesa stimato è di 221,3 mln”

“Per il primo blocco di 31.978 domande non ci sono problemi di copertura, visto che l’impegno di spesa stimato è di 221,3 milioni e si sta impiegando il primo Decreto governativo di riparto di 144.450 milioni di euro. – Fa sapere Eleonora Mattia Presidente IX Commissione – Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio – Questo primo blocco di richieste – prosegue Mattia – sarà processato entro la fine del mese di aprile. Poi, con un secondo Decreto di riparto per una cifra che si avvina al primo (e probabilmente anche un terzo) si riuscirà a garantire la Cig in deroga a tutti i lavoratori colpiti dall’emergenza Covid-19. Si stima che le richieste arriveranno al massimo a circa 290 mila lavoratori. Al momento, l’attività di trasmissione all’Inps procede, da parte degli uffici regionali, al ritmo di 1550/1700 domande al giorno, grazie al potenziamento delle risorse: si aggiungono alle 130 persone dedicate al servizio altre 100 di Lazio Crea. La formazione di questo personale si sta svolgendo anche durante i weekend e si continuerà a farlo anche durante il ponte di Pasqua, anche se gli uffici Inps sono chiusi. L’obiettivo è quello di ridurre al massimo i tempi di accesso al sostegno al reddito. Per il momento, il numero delle richieste trasmesse dalla Regione Lazio all’Inps è in linea con il trend nazionale e siamo la prima regione ad attivato la trasmissione, ma si continuerà a correre per mettere denaro nelle tasche di tutti i lavoratori penalizzati dalla riduzione o dalla chiusura delle aziende. Ringrazio l’assessore Di Berardino per la partecipazione e per la puntualità delle spiegazioni e delle risposte alle diverse domande che gli sono state poste e i colleghi e le colleghe di maggioranza e opposizione per le tante proposte e contributi. Questa è una battaglia che si può vincere solo tutti insieme”.