Connect with us

Sport

Lazio, dalla curva nord “cori” antisemiti? In tanti non hanno sentito nulla. E se ci sono stati sono arrivati da quattro scemi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Non si può fare di tutta l’erba un fascio. I media ci hanno messo pochi minuti a titolare su presunti “cori” antisemiti e a sfondo razzista dalla curva nord laziale durante la sfida di Coppa Italia contro il Novara. Preferiamo chiamarle voci fuori da un coro. Alla mezzora di gioco dal settore della tifoseria biancoceleste si sono levate delle voci distinte che hanno urlato “giallorosso ebreo” e “questa Roma qua sembra l’Africa”. Qualche facinoroso ha anche pronunciato qualcosa contro i Carabinieri.

Allo stadio sono presenti 13 mila persone, i cori arrivano da un ristrettissimo gruppo della curva e nel ‘semideserto’ degli spalti l’eco è evidente.

Il nuovo episodio all’Olimpico arriva al culmine di una settimana calda sul fronte tifoserie: martedi’ notte gli scontri tra ultras Lazio e forze dell’ordine a Piazza della Libertà, in occasione della festa per il compleanno del club, e nelle stesse ore la diffusione di volantini antisemiti che prendevano di mira Lazio e Napoli, firmati da un sedicente gruppo di romanisti.

La Digos di Roma indaga per risalire ai responsabili degli slogan antisemiti e a sfondo razzista intonati da alcuni tifosi oggi in curva nord all’Olimpico durante la sfida di Coppa Italia Lazio-Novara. La Digos è al lavoro per risalire al gruppetto che ha intonato frasi come “giallorosso ebreo” poco prima delle 15.30. Al vaglio anche le registrazioni delle telecamere.

“Faccio parte di quel 98% di quei spettatori che i cori non li ha sentiti. Non metto in discussione né la buona fede né tantomeno l’udito di chi li ha ascoltati. Se ci sono stati la società condanna qualsiasi tipo di coro razzista e antisemita, ma bisogna anche valutare le dimensioni del fenomeno senza ingigantire il fenomeno”. È la dichiarazione spontanea del portavoce della Lazio, Arturo Diaconale, in merito ai cori razzisti e antisemiti uditi all’Olimpico da una parte della curva nord laziale durante la gara di Coppa Italia tra Lazio e Novara.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Sport

Tc New Country Frascati (nuoto), Piana stupisce ancora: due titoli regionali Master a 80 anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Ha ancora fame. Di vittoria e soprattutto di fare sport. Gianfranco Piana, nuotatore del Tc New Country Frascati che compirà 80 anni il prossimo 21 marzo, ha vinto due nuovi titoli regionali Master. E’ accaduto domenica scorsa presso l’impianto federale di Ostia che ha ospitato i campionati del Lazio: Piana ha “comodamente” conquistato il primo posto nelle specialità dei 50 stile e dei 50 rana della categoria M80, quella che comprende atleti tra gli 80 e gli 85 anni di età. «Il cerchio dei concorrenti si stringe anno dopo anno – sorride Piana – In questo caso ho vinto la gara in maniera piuttosto tranquilla, ma fa sempre piacere riuscire a dimostrare la propria competitività. Purtroppo più di due gare non è possibile sostenerle per motivi regolamentari». Piana, che nuota da autodidatta da “appena” trent’anni, è uno sportivo a tutto tondo ed è davvero una “autorità” presso il Tc New Country Frascati. «Nei periodi di gara mi alleno tre o quattro volte in piscina, mentre nelle settimane senza l’impegno agonistico faccio nuoto un paio di volte aggiungendo tre sedute di allenamento a tennis. Ovviamente sempre qui al Tc New Country Frascati, un circolo a cui sono legatissimo soprattutto per via dell’amicizia che mi lega a Modesto Molinari». In questa stagione Piana aveva già gareggiato a dicembre al memorial “Celio Brunelleschi” di Ostia, centrando “ovviamente” un doppio successo nella specialità forte del 50 stile («è la mia specialità» rimarca Piana) e in quella dei 50 dorso. Ora il suo programma prevede altre due gare tra aprile e maggio prima di concentrarsi sull’appuntamento clou della stagione. «Dal 25 al 30 giugno a Riccione si terranno i campionati italiani Master e spero di esserci – dice con un pizzico di prudenza Piana – Prima di quell’evento bisognerà gestire le forze e programmare una buona preparazione. L’obiettivo è sempre quello di essere il più competitivo possibile, ma in quel contesto i concorrenti sono molto competitivi anche se non numerosissimi. In terra romagnola vorrei gareggiare sui 50 e 100 stile e sui 50 dorso».

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Sport

Polisportiva Borghesiana volley, Dattilo e l’Under 14: «Questo gruppo può provare a vincere»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Roma – Era appena iniziata la stagione e dopo la sconfitta d’esordio contro l’Albano Albalonga, il tecnico dell’Under 14 femminile della Polisportiva Borghesiana volley Emiliano Dattilo affermava con sicurezza: «Questo gruppo vale e si rialzerà». Sono passati quasi tre mesi e le parole del tecnico capitolino sembrano davvero essere state profetiche. «Sono molto soddisfatto del lavoro che stanno facendo le ragazze: a livello di presenza c’è una grandissima costanza negli allenamenti e l’impegno è massimale. Le ragazze, evidentemente, vedono che il sacrificio paga e che il campo risponde positivamente, non a caso al momento occupiamo il terzo posto dietro Labico ed Aprilia, oltre a due formazioni come Fiuggi e Ciampino che però sono fuori classifica». Nell’ultimo turno le capitoline hanno superato in scioltezza il San Nilo Grottaferrata, piegato con un secco 3-0 fuori casa. «Una partita positiva in cui solo nel primo set c’è stata più “battaglia”» rimarca l’allenatore. Dall’Albano Albalonga alla medesima formazione castellana: stasera l’Under 14 femminile della Polisportiva Borghesiana volley apre il girone di ritorno. «Sarà un’altra musica rispetto all’andata quando perdemmo 3-0, ne sono convinto» dice Dattilo che poi racconta in maniera generale il percorso fatto da questo gruppo. «All’inizio di stagione c’è voluto del tempo per amalgamare la squadra perché le varie ragazze erano su livelli tecnici diversi, ma i tempi per superare questa situazione sono stati davvero rapidi. Ad esempio ora tutte battono dall’alto e propongono degli elementi tecnici su cui abbiamo lavorato tanto in questo periodo, dimostrando di aver messo alle spalle tutti i “timori” della prima parte del campionato». Per tutti questi motivi Dattilo si sbilancia in maniera chiara sulle prospettive stagionali dell’Under 14. «Credo che le ragazze abbiano le potenzialità per vincere intanto il girone di prima fase e poi per arrivare in fondo nella fase finale». A fine stagione, poi, bisognerà capire se questo anno di Uisp abbia rappresentato il giusto “trampolino di lancio” verso i campionati federali. «Sono valutazioni che farà la società a tempo debito, noi dobbiamo solo pensare a far crescere ancora questo gruppo negli ultimi mesi di stagione» conclude Dattilo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Sport

Tc New Country Frascati (tennis), una prima squadra fatta in casa: «Obiettivo serie B in due anni»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – I primi passi li hanno mossi tutti al Tc New Country Frascati, tra i 4 e i 6 anni. E poi hanno fatto tutto il percorso di formazione e crescita tennistica, arrivando tutti a classificarsi in seconda categoria (per ora…) e soprattutto a rappresentare il circolo frascatano nella prima squadra. Un vero e proprio “unicum” nel Lazio (e non solo), un vero e proprio vanto per il Tc New Country Frascati e il suo storico settore agonistico del tennis. Federico Bellifemine (classe 1999) è il più “grande” e con lui c’è anche il fratello Alessandro (2001), poi un altro ragazzo classe 1999 come Niccolò Petrangeli e il più piccolo della comitiva, il classe 2002 Lorenzo Gessani: una squadra talentuosa e molto competitiva che rappresenta benissimo il duro lavoro quotidiano che si porta avanti da anni nel circolo frascatano di via dell’Acquacetosa. «E’ sicuramente una soddisfazione per noi avere una prima squadra composta da ragazzi nati e cresciuti sportivamente qui – sottolinea il maestro Marcello Molinari – Non so quanti altri circoli possano contare su un team completamente “fatto in casa” e anche a noi, che abbiamo visto la crescita di Federico, Niccolò, Alessandro e Lorenzo, questa cosa fa un effetto particolare». Lo stesso Molinari, assieme agli altri due maestri Marco Marte e Matteo Giudizi, faranno parte del gruppo della prima squadra e sosterranno l’attività dei ragazzi che, comunque, avranno sulle spalle la responsabilità di tenere in alto i colori del Tc New Country Frascati. «L’obiettivo è ambizioso: penso che questi ragazzi possano farci arrivare in serie B nel giro di due anni» sottolinea Molinari. L’impegno sarà ancor più “gravoso” per i più giovani Alessandro Bellifemine e Lorenzo Gessani che da soli porteranno avanti il campionato a squadre nella categoria Under 18. «In quel caso abbiamo fondate speranze di poter conquistare il titolo regionale» aggiunge Molinari. Le attività ufficiali inizieranno tra la metà e la fine di marzo: c’è tanta curiosità per capire quali saranno i responsi per la “linea verde” del Tc New Country Frascati.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it