Connect with us

Redazione Lazio

LAZIO, MILLE ALBERI A DIMORA CON LA FESTA DELL'ALBERO DI LEGAMBIENTE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti I cittadini adottano gli spazi verdi urbani, nel Lazio si moltiplicano gli esempi.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Lazio – Mille alberi messi a dimora in una cinquantina di aree di Roma e del Lazio da cittadini, associazioni, comitati di quartiere e almeno 3.000 studenti coinvolti in 30 scuole: sono questi i numeri della XVIII edizione della Festa dell'Albero a Roma e nel Lazio, che anche quest'anno ha visto una nutrita partecipazione e tante iniziative in programma per riqualificare aree degradate e rinfoltire parchi e giardini con nuovi alberi e specie arboree.

“ Gli alberi sono una barriera contro l'inquinamento acustico e atmosferico, creano corridoi verdi per la biodiversità e hanno un ruolo fondamentale nel prevenire il dissesto idrogeologico, con la loro capacità di produrre ossigeno e assorbire CO2 combattono l'effetto serra, rappresentano un grande valore soprattutto nei un contesti urbani dove la cementificazione spesso soffoca gli spazi verdi -afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Con questa nuova edizione di successo, Legambiente ha voluto concentrare l'attenzione sulla necessità di riconquistare e strappare spazi verdi grandi e piccoli al degrado ed all'abbandono, con vere e proprie iniziative di adozione di aree da parte di cittadini e di co-gestione con le amministrazioni locali. A Roma e nel Lazio ci sono molteplici esempi che fanno ben sperare, dal parco della Garbatella al parco della Cellulosa, dal parco della Pace ad aree a Formello, Cori e Aprilia, luoghi dove i cittadini si rimboccano le maniche e i Comuni li supportano nelle attività.”

Nella Capitale, dove l'iniziativa si realizza grazie alla collaborazione dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Roma, sono stati tantissimi gli appuntamenti: al parco dell'Insugherata, al parco della Pace, al Parco della Cellulosa e al parco Garbatella, a Villa Ada, a Fontana Candida e in XII Municipio con la collaborazione con Leroy Marlene, oltre che nelle aree verdi seguite dal comitato Monteverde Quattro Venti, dall'ODV pro Prato Fiorito, dall'Ass. Il giardino dei Semplici. Le scuole e gli studenti hanno preso parte a numerose iniziative: hanno piantato alberi per rinverdire i giardini scolastici l'IC via del Fontanile Anagnino, l'IC Gianni Rodari, l'IC via Leonori e l'IC in piazza D. Sauli e tanti altri. Nel Lazio altre iniziative dei circoli di Legambiente a Sezze (Lt) presso l'asilo, a Latina al parco San Marco, ad Anzio (Rm) presso la scuola Franceschi. Doppia iniziativa a Formello (Rm) con la piantumazione di diverse un ulivo, un ciliegio, un melograno e dei laurocerasi in una zona trascurata e priva di vegetazione e poi a Monte Madonna con un azione di guerrilla gardenig per avviare il progetto “Adotta un'aiuola”.

Gli studenti hanno avuto la possibilità di prendere parte a due concorsi letterari “ L'albero racconta” per i più piccoli e “Storia di un Parco”, concorso giornalistico per ragazzi per approfondire le tematiche ambientali.

La Festa dell'Albero è organizzata nella Capitale in collaborazione con l'Assessorato all'Ambiente e il Dipartimento X del Comune di Roma.

La Festa dell'Albero è una campagna di Legambiente realizzata nell’ambito del Protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e aderisce alla Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2012.

 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti