Connect with us

Redazione Lazio

LAZIO, SSR: NICOLA ZINGARETTI CONVOCA I SINDACATI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Lo sciopero dei medici previsto per il 16 marzo è stato sospeso dopo l’apertura da parte della Regione Lazio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Lazio Sanità – Il 13 febbraio 2013 le organizzazioni sindacali rappresentative dell’area della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria,tecnica, professionale ed amministrativa ANPO ASCOTI FIALS MEDICI – CIMO ( CIMO – CIMO SETTORE SPECIFICO Co.Si.P.S.) – FASSID (AIPAC – AUPI – SIMET – SINAFO – SNR) – FEDIR SANITA’ – FESMED – UGL Medici avevano comunicato ufficialmente al Presidende Giunta Regionale Lazio e Commissario “ad acta” Nicola Zingaretti, la proclamazione dello stato di agitazione e richiesta di procedura di raffreddamento e conciliazione ai sensi dell’Accordo Nazionale 26 Settembre 2001.

La denuncia dei sindacati parlava chiaro: ”Il Commissario “ad acta” On.le Nicola Zingaretti ha emesso e sta continuando ad emettere decreti relativi ai provvedimenti di programmazione e riorganizzazione del S.S.R. legati al piano di rientro che hanno anche ripercussioni sui rapporti di lavoro senza consentire in alcun modo la partecipazione delle organizzazioni sindacali, violando così anche il principio di buona amministrazione sancito dalla Costituzione negli artt. 3 e 97, con conseguente lesione dei diritti e delle garanzie per il personale dirigente interessato.”

I medici che da anni denunciano il progressivo smantellamento del Servizio Sanitario pubblico ed in particolare di quello Ospedaliero e di tutti i servizi costituenti la Rete, dicono “basta” ai processi sommari e alle sentenze di condanna mediatica che colpiscono senza un corretto iter di contestazione disciplinare ed accertamento dei fatti, così come previsto dalla normativa vigente, i Dirigenti Medici , della Sanità Pubblica che ogni giorno invece responsabilmente, garantiscono con il poco personale e i pochi mezzi, messi a loro disposizione, la pubblica assistenza ai cittadini. Da anni i medici denunciano di subire la mortificazione di politiche di programmazione sanitaria basate solo su tagli di carattere economico calati in modo indiscriminato, che hanno solo ridotto l’offerta di servizi sanitari alla popolazione senza però incidere sugli sprechi e sulle inefficienze che continuano ad essere presenti:”Nulla è stato fatto in termini di programmazione da chi ne aveva la competenza e l’autorità, rispetto ad una domanda di salute mutata da parte dei cittadini , che avrebbe richiesto nuove strategie quale quelle di creare nuove strategie di welfare, ricomprendenti un nuovo equilibrio tra Ospedale e Territorio, revisione dei LEA, etc. Invece i dirigenti del Servizio Sanitario sono stati lasciati soli senza alcun supporto a nuove decisioni che non sono certo di loro competenza. Chiediamo a gran voce che la Magistratura porti avanti le giuste indagini per individuare i veri colpevoli di queste disfunzioni che colpiscono la sanità della nostra Regione.”

La missiva del 13 febbraio ricordava che le relazioni sindacali tra il Governo regionale e OO.SS., rappresentative della Dirigenza medica, sanitaria ed amministrativa, sono ad oggi, infatti, circoscritte a tre incontri:
1) incontro con il Commissario ad Acta Nicola Zingaretti di presentazione dopo l’insediamento
2) incontro del 14 agosto 2013 per informativa sul precariato
3) incontro del 5 dicembre 2014 solo per la firma dell’ennesima proroga di 1 anno del precariato

Nel frattempo il Governo regionale ha decretato ben due programmi operativi triennali del SSR, due atti di indirizzo per le linee guida sugli atti aziendali e altri importanti decreti (riorganizzazione della rete ospedaliera, istituzione delle case della salute, istituzione delle UDI, riordino dei laboratori, ecc.) non sentendo mai il bisogno di confrontarsi con le scriventi nonostante le reiterate richieste di incontro.

Le OO.SS. hanno evidenziato i molteplici gravi problemi:

1. Le dotazioni organiche dei medici dei Servizi che assicurano l’assistenza nelle 24 ore non consentono più di continuare a sostenerne l’onere.
2. Da troppi anni più di 1000 medici precari operano nel SSR , assicurando Servizi essenziali, senza diritti e in condizioni di autentico sfruttamento.
3. I DEA e i Pronto Soccorso del Lazio rappresentano ormai una vergogna nazionale e costringono utenti e chi vi opera a vivere in condizioni disumane
4. Il deficit della Sanità regionale, progressivamente ridotto fino al 2012, è tornato a crescere di circa 20 milioni di euro nel 2013, nonostante che l’addizionale IRPEF già la più alta d’Italia, sia ancora aumentata arrivando al 3,33% a partire dal 1 gennaio 2015
5. Le “case della salute” e le “unità a degenza infermieristica”, oltre a sovvertire le competenze professionali, producono solo prestazioni fittizie e demagogia e determinano costi elevatissimi al contribuente
6. Con disposizioni scritte e verbali sono state date indicazioni sul taglio dei fondi contrattuali a danno del personale, in violazione della legge e delle circolari statali
7. Il ridimensionamento dei Dipartimenti di Prevenzione, dei Servizi di Psicologia e dei Servizi Farmaceutici e dei Servizi diagnostici non permette una efficace azione di tutela della salute
8. Gli ospedali pubblici si stanno liquidando con gli Atti Aziendali con un doloso e progressivo impoverimento di risorse assegnate, per favorire il settore privato e accreditato. In particolare il ricorso alle esternalizzazioni dell’assistenza e della diagnostica e all’affidamento a cooperative di servizi “core” dell’assistenza e della diagnostica, realizza in parallelo la colonizzazione delle strutture pubbliche da parte di privati.
9. Lo smantellamento degli ospedali pubblici costringe gli operatori tutti ad assumere un rischio professionale inaccettabile, peraltro riconosciuto dalla Suprema Corte di Cassazione sezione IV Penale sentenza n. 46336/14.

Ora lo stesso sciopero è stato sospeso dopo l’apertura da parte della Regione Lazio che ha convocato le organizzazioni sindacali dei medici il giorno 16 Marzo 2015 per affrontare i gravissimi problemi che stanno logorando, in una via senza ritorno, la sanità laziale.

Cronaca

Cittaducale, concessionaria vende auto da rottamare all’insaputa del proprietario: 3 persone denunciate per truffa e falso in atto pubblico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CITTADUCALE (RI) – Tre persone sono state denunciate dai Carabinieri di Cittaducale per truffa e falso in atto pubblico.

Tutto comincia lo scorso luglio quando i tre, titolari di una concessionaria di Rieti, vendono un’auto ad un ignaro acquirente ritirando il suo usato per la successiva rottamazione.

Dopo qualche mese però quel veicolo, destinato alla demolizione, viene notato dal proprietario circolare nella zona industriale di Cittaducale.

La situazione viene immediatamente segnalata ai Carabinieri che, dopo vari accertamenti, ricostruiscono la vicenda scoprendo che la concessionaria, invece di procedere alla rottamazione dell’utilitaria, ancora in buone condizioni, tacendo le loro intenzioni al proprietario, l’avevano venduta ad un giovane reatino, incassandone non solo il prezzo d’acquisto, ma anche un ulteriore importo come commissione per l’intermediazione nella transazione commerciale tra vecchio e nuovo proprietario.

Provvedevano quindi alla formalizzazione della vendita e alla registrazione presso il pubblico registro tramite una locale agenzia di pratiche auto. Tutto regolare, se non fosse stato che per la stipula di quegli atti avevano palesemente falsificato la firma dell’ignaro proprietario, il quale, non al corrente dell’avvenuta compravendita, non aveva neanche incassato nulla.
I due venditori e la responsabile dell’agenzia, residenti nella provincia di Rieti, dovranno ora rispondere del reato di truffa e falso in atto pubblico.

Continua a leggere

Cronaca

Latina, clan Di Silvio: in manette 33 persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Le accuse: associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, sequestro di persona, furto, detenzione e porto abusivo di armi

Dalle prime luci dell’alba, è in corso, a Latina, una vasta operazione anticrimine della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma.

Eseguite 33 misure cautelari nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti, a vario titolo, gravemente indiziati dei delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, sequestro di persona, furto, detenzione e porto abusivo di armi.

L’attività investigativa ipotizza l’esistenza di un nuovo sodalizio di matrice mafiosa e di origine autoctona, riconducibile al gruppo di etnia Rom di Di Silvio Giuseppe, detto Romolo, organizzazione strutturata su base familiare e territoriale, già protagonista di gravissimi episodi criminali a Latina, che si è nel tempo sempre più radicata sul territorio, sia per quanto riguarda l’attività di spaccio di stupefacenti, sia in merito ad attività estorsive.

Dalle indagini è emerso come quest’ultima attività riuscisse ad incutere timore, a piegare la volontà delle vittime, in alcuni casi vessate da anni, senza che le stesse sporgessero denuncia.

Continua a leggere

In evidenza

Buoni “asili nido” per le famiglie residenti nella Regione Lazio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Alessandra Troncarelli: “Vogliamo continuare a stare accanto ai minori e alle loro famiglie”

Pubblicato l’Avviso da 6 milioni di euro rivolto ai nuclei familiari della Regione Lazio per il pagamento delle rette degli asili-nido. Il bando è diretto alle famiglie residenti nella regione con un ISEE fino a un massimo pari o inferiore a 60mila euro e prevede l’erogazione di buoni di massimo 400 euro al mese per l’accoglienza dei bambini da 3-36 mesi negli asili-nido, che si trovano nel Lazio, per il periodo che va dal 1° settembre 2021 al 31 luglio 2022. 

“Con questo intervento vogliamo continuare a stare accanto ai minori e alle loro famiglie, puntando ad aumentare la fruibilità del servizio degli asili nido – commenta l’Assessore alle Politiche Sociali Welfare, Beni Comuni e ASP Alessandra Troncarelli -. In particolare, vogliamo intercettare quella fascia di utenza che non riesce ad accedere al servizio pubblico, per mancanza di posti disponibili, per assenza del servizio o per inconciliabilità rispetto alle esigenze di vita quotidiana dei genitori, dovendo, conseguentemente, far ricorso ai servizi privati supportandone i relativi costi”.

Può presentare domanda chi ha la responsabilità genitoriale di un minore iscritto a un asilo-nido accreditato o che abbia effettuato richiesta di accreditamento nel territorio della Regione Lazio.

Saranno ammesse domande riferite a un bambino iscritto a una struttura non ancora accreditata unicamente se quest’ultima ha presentato richiesta di accreditamento entro la data del 31 dicembre 2021.

Nel caso in cui si intenda usufruire dei buoni servizio per più di un minore, il richiedente dovrà formulare una domanda per ciascuno di essi e al momento della presentazione dell’istanza dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti: essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione Europea o di uno stato non facente parte dell’Unione Europea in possesso di regolare permesso di soggiorno; essere residente o domiciliato in uno dei comuni della Regione Lazio; avere la responsabilità genitoriale del minore destinatario del servizio per l’infanzia; essere la persona che sostiene il pagamento delle spese relative all’asilo nido frequentato dal minore.

“Il nostro obiettivo è quello di assicurare le migliori condizioni educative, di socializzazione, di gioco e di inclusione dei bambini, aiutandoli a relazionarsi in modo sano e costruttivo con i loro coetanei – conclude l’assessore -. Inoltre, allo stesso tempo, vogliamo supportare le famiglie aiutandole nella conciliazione delle esigenze private con le aspirazioni professionali e occupazionali, consentendo di mantenere o migliorare la propria condizione formativa e promuovendo in particolar modo la partecipazione delle donne al mondo del lavoro. Si tratta di un aiuto pratico e tangibile che può rappresentare una boccata di ossigeno per i tanti nuclei familiari che si trovano ad affrontare un momento di particolare difficoltà, anche in conseguenza della crisi socio-economica legata alla diffusione del Covid-19”.

I richiedenti devono presentare domanda di partecipazione ai sensi del presente avviso, redatta esclusivamente on-line, accedendo all’apposita piattaforma efamily al seguente indirizzo http://buoninido2122.efamilysg.it; si potrà procedere all’inoltro della richiesta a partire a partire dalle ore 14:00 del giorno 28/10/2021 ed entro le ore 23:59 del 30/06/2022.

L’elenco degli asili nido accreditati è consultabile sul portale regionale S.I.R.S.E Lazio, al seguente indirizzo https://sirse.regione.lazio.it/sinselazio/ (selezionando “Download Elenco Nidi Accreditati”).

Il presente avviso è consultabile al seguente link (https://www.efamilysg.it/buoni-asili-2021-2022/avviso-pubblico.html).

Continua a leggere

I più letti