Connect with us

Editoriali

Le lacrime di Milena

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Silvio Rossi

Per venti anni è stata l’immagine di una Giovanna D’Arco televisiva, la paladina dei diritti dei cittadini. La trasmissione da lei creata e condotta, Report, ha rappresentato il ritorno del giornalismo d’inchiesta in un panorama televisivo appiattito da programmi tutti uguali e senz’anima.
Lo sguardo deciso, fiero, mai rude, un sorriso sempre accennato, mai troppo evidente, Milena Gabbanelli ha fornito l’immagine di sé come donna decisa, che conosce il fatto suo. Decisa nell’affrontare le inchieste, e gentile verso i telespettatori destinatari del lavoro svolto da lei e dalla sua redazione.
Redazione che rispecchia il suo operato, un pool di giornalisti affiatato, con la stessa determinazione della sua “punta di diamante”. Nomi che sono diventati familiari agli habitué della trasmissione.
La sua serietà, il suo essere integerrima, affidabile, sicura, ha determinato il successo e la devozione che raccoglie tra i suoi telespettatori, di Milena si fidano, le credono. Meno cordiali sono stati i rapporti con politici, manager, amministratori messi sotto la lente delle inchieste.
Quando il Movimento Cinque Stelle fece le parlamentarie, il suo fu uno dei nomi designati per la prestigiosa carica. Lei rifiutò, spiegando che non sarebbe stata capace, esempio raro di modestia.
Lunedì sera, in occasione della sua ultima conduzione della trasmissione, al termine della stessa, dopo un discorso di commiato da grande professionista, in linea con lo stile col quale ha condotto in questo ventennio, è accaduto qualcosa di nuovo. Dopo aver salutato i suoi collaboratori, nonostante i tentativi di nascondere la commozione, sulla faccia di Milena sono apparse le lacrime. Un piano liberatorio, di quelli che coinvolgono. Un’emozione che è uscita fuori dal teleschermo, raggiungendo uno per uno gli oltre due milioni di persone sintonizzate in quel momento su Raitre.
Lei che è stata sempre perfetta, mai sopra le righe, mai insicura, mai troppo invadente, quasi una super woman, ha mostrato questa volta il suo lato umano, che nulla toglie alla sua competenza e professionalità.
Con le lacrime sincere che sono scese sulle sue gote, ha conquistato in tutti noi non solo l’ammirazione che da anni le riconosciamo, anche la simpatia che la farà rimanere indelebilmente negli annali della televisione italiana.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Editoriali

Le PdSardine per tentare di crescere nei consensi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Già, le ‘Sardine’, questo movimento pseudo goliardico voluto e incentivato da un PD mascherato, che sull’argomento non si pronuncia, e che riscuote il favore del presidente del Consiglio Conte che ‘li vuole incontrare’, giusto per tenere aperte tutte le porte e cautelarsi: se non puoi combatterli, allèati con loro per controllarli. Possono sempre venir buoni per combattere l’odiato nemico, il perfido Salvini.

Le Sardine si esprimono con il ‘flash-mob’, questo comportamento molto giovane che viene da oltreoceano, e che consiste nel radunarsi improvvisamente tutti in un luogo, per manifestare per qualsiasi motivo, in genere ‘contro’.

E’, infatti, un comportamento di protesta, ma solo di quella, senz’altre proposte politiche. Un comportamento molto giovane, adolescenziale, molto aggregativo – si sa che i ragazzi in quell’età cercano di fare gruppo, basta solo dar loro un pretesto – e molto ‘di pancia’, supportato e reso possibile dalla connessione che oggi permettono i social e gli smartphone. Basta un tweet e si riempie una piazza, e vigliacco chi arriva ultimo. Una buona alternativa a quelli che una volta erano pic-nic, gite fuori porta e passeggiate nella natura, magari con canadese e sacco a pelo. Una iniziativa nata e condotta soltanto contro Salvini e soltanto per contestare lui, che in molti vorrebbero vedere morto, anche fra gli uomini di chiesa, grande esempio di democrazia, di libertà e di antifascismo… Pare infatti che sia stata lanciata una specie di fatwa contro Matteo, da più parti, quasi che la caccia sia aperta e chi l’ammazza prima vinca un premio, come testimoniano sia la tentata aggressione subita poco tempo fa, sventata dalla scorta, sia le numerose minacce ricevute per posta, insieme a cartucce di vario calibro. Una fatwa lanciata per odio da chi invece accusa di odio proprio il leader della Lega, mentre l’esercizio quotidiano di odio nei suoi confronti viene dalla sinistra, ma non solo: non c’è giorno che papa Francesco non parli di ‘odio e paura’, affiancato dal presidente Mattarella, con le stesse parole, e l’allusione è chiara, anche da parte di chi, ricoprendo così alte cariche istituzionali, dovrebbe badare a che qualche mente esaltata raccolga un messaggio sbagliato. Ma tant’è, come diceva un mio caro amico, molto importante, Mattarella è come la filosofia, “Con la quale e senza la quale tutto rimane tale e quale”.

A parte il fatto che senza di lui dovremmo cercare qualcun altro per tagliare nastri, fare discorsi, appuntare medaglie, nominare cavalieri e senatori a vita, celebrare ricorrenze, consegnare onorificenze, deporre corone d’alloro, partecipare a Giorni della Memoria, e così via.

A memoria, invece, ricordiamo le grandi adunanze di Beppe Grillo, i suoi ‘vaffa day’, quelli che tutti abbiamo accolto con un sospiro di sollievo, perché finalmente qualcuno diceva fuor dai denti ciò che tutti, più o meno, pensavamo. Mandare a quel paese una classe politica becera e orientata solo verso il proprio ombelico era assolutamente liberatorio.

Nacque così il Movimento 5 Stelle, e un po’ tutti lo abbiamo caldeggiato, coccolato, all’inizio, proprio perché non apparteneva alla Casta… all’inizio.

A proposito di Beppe Grillo, ricordiamo una frase di Fassino, piuttosto presuntuosa e poco profetica. Criticando, infatti, la discesa in campo di Beppe e dei ‘grillini’, ebbe a dire pressappoco: “Fondi pure un partito, partecipi alle elezioni e poi vediamo cosa sarà capace di fare”. Penso che oggi il buon Fassino, e cattivo profeta, si mangi le mani, come un po’ noi tutti. Ci appariva simpatico, il Movimento, ci piacevano i giovani, contrapposti ai soliti parrucconi mangia stipendio e succhia vitalizi – compresi i cosiddetti ‘senatori a vita’, creati solo come salvagente per una certa parte politica, ma lautamente retribuiti per le loro endemiche assenze – che finalmente sarebbero stati spodestati. Oggi non si capisce bene se i vitalizi siano ancora… vitali, e comunque i senatori a vita sono sempre lì, e del M5S non sappiamo più come liberarci, come la carta delle caramelle che ci si attacca alle dita. Oggi  l’anima del Movimento è profondamente cambiata, e ogni giorno di più mostra la sua propensione ad una forma di presenzialismo e di estremismo dittatoriale mascherati da buonismo progressista.  Secondo B. il Movimento ha un comportamento di estrema sinistra. Certo, oggi nessuno li può tacciare di ingenuità, data l’operazione che fatto cadere Salvini, troppo scomodo per i loro programmi – ma soprattutto per la figura di Di Maio, il capo riconosciuto del Movimento. Oggi Di Maio, con il suo tiepido sorriso e la sua aria di bravo ragazzo con i capelli a spazzola e il passato da bibitaro allo stadio, è avviato ad essere l’uomo solo al comando, ciò che la presenza di Salvini gli avrebbe impedito. Notiamo con soddisfazione che invece Grillo Giuseppe da Genova è tornato a fare il comico, – che gli viene senz’altro meglio – riconfermando e ungendo di sacro crisma Giggino a capo del partito, pardon, del Movimento, fino al 2023, data presunta di conclusione della legislatura, – come se la vita del governo dipendesse da lui – quando ogni danno possibile sarà stato fatto, e ogni subalternità verso l’Unione Europea sarà stata blindata, magari in Costituzione. E al diavolo i ‘due mandati costi quel che costi’.

Le Sardine:

Chi sono le Sardine? Certamente oggi sono un movimento costituito, che con un tweet si raduna nelle piazze, come al suono di una tromba. Il movimento delle Sardine è dichiaratamente di sinistra, creato a latere del PD. Se vogliamo, una specie di Fronte della Gioventù Piddino, rapportato ai tempi nostri, favorito dalla facilità di comunicazione che oggi offrono i social e gli smartphone, e dall’età pericolosamente bassa. Uno dei motivi per cui qualcuno vorrebbe, oltre a riconoscere lo Ius Soli agli immigrati – i quali voterebbero in massa per il partito che così generosamente li ha favoriti contro ogni logica e consuetudine di altri paesi del mondo – dare il voto ai sedicenni, ritenuti abbastanza maturi per decidere le sorti di una nazione – salvo poi a ricredersi qualche anno più avanti, come fatalmente accade – è proprio quello di ufficializzare  e riconoscere fenomeni come le Sardine. Le quali, contro ogni logica di buongoverno, non hanno idee politiche, almeno apparentemente. Loro sono solo ‘contro’, e manifestando soltanto ‘contro’, senza idee politiche dichiarate, non si fa politica. La politica è fatta di idee, di proposte, di programmi, di gestione della Cosa Pubblica, di capacità, di cultura, di maturità, di responsabilità, di iniziative ‘a favore’, e non ‘contro’. Perfino Conte, alla sua riconferma, ha dichiarato che non avrebbe fatto politica ‘contro’ qualcuno ma ‘per’ qualcun altro. Dichiarazione poi quotidianamente disattesa dai fatti, ma questo è marginale e proprio nella logica del personaggio.  Le Sardine nascono come movimento ‘spontaneo’: ma non c’è nulla di spontaneo nell’organizzare queste manifestazioni da parte di ragazzi dichiaratamente di sinistra Piddina. In  realtà, questi adolescenti sono dei ‘trolls’ usciti da Facebook, di appoggio politico ed elettorale al PD, e poco manca che prendano il posto del M5S, ormai arrivato a posizioni di Casta. Stiamo attenti alle Sardine. Fare politica ‘contro’ può essere pericoloso. Può evocare periodi bui della nostra storia. Infatti oggi, momento in cui si blatera tanto contro il nulla, cioè contro quei ‘fascisti’ che non ci sono più – a parte pochi nostalgici poco intelligenti portati in prima pagina e trattati come se fossero un esercito – i più ‘fascisti’ sono proprio quelli che vedono il fascismo nei loro antagonisti, rendendosi colpevoli di discriminazione e di posizioni fondamentaliste.

Corrado Augias, giornalista coccolato dalla sinistra, spesso su Rai 3, dal comportamento piuttosto supponente e non buono per tutti i palati, ha dichiarato, in una intervista televisiva, che ‘E’ facile essere di destra, perché l’uomo di destra dice ‘Il migrante mi fa schifo’, mentre quello di sinistra è uno che ragiona”. In questa frase infelice c’è tutta la limitata filosofia di una persona che quando parla pontifica, convinta com’è di essere nel giusto, e che la cultura e l’intelligenza siano solo da una parte. Queste sono forme di discriminazione e di razzismo specifico, dettate ambedue da animosità nei confronti di una persona, o di un gruppo di persone, che non la pensano come lui: insomma, cosa grave per uno che ha fatto una trasmissione sulla Costituzione, anticostituzionale. Era Voltaire che diceva che non la pensava come il suo interlocutore, ma che si sarebbe battuto fino alla morte affinchè egli potesse esprimere le sue idee. Alla faccia di chi ritiene che le idee – quelle buone – siano solo da una parte, per una sorta di illuminazione divina. È il grande equivoco della mai troppo deprecata ‘questione morale’, che attribuisce – come nei film western – il ruolo dei ‘buoni’ a quelli che hanno terminato la guerra dalla parte dei vincitori, e il ruolo dei ‘cattivi’ agli altri. Cari amici, questa è la filosofia delle Sardine, il movimento ‘contro’, creato soltanto per impedire una regolare competizione democratica, che sia sotto elezioni o no. Che differenza c’è fra le Sardine che contestano la presenza di Salvini, e i cortei di Casapound che vogliono contestare i comizi di avversari politici? La logica ormai acquisita dice che i secondi  sono fascisti, e che quindi va impedito loro perfino di parlare. Ma le Sardine non sono diverse, se ci pensate un attimo. Solo, stanno dall’altra parte, quella dello sceriffo buono, del giustiziere, del castigamatti. Quello i cui omicidi – nei film western – sono giustificati dal fatto che chi muore è sempre il cattivo. Oggi una certa parte politica li chiamerebbe ‘giustizieri fai date’, giudice, giuria e boia insieme. Vogliamo che, anche virtualmente, questi comportamenti abbiano spazio?

Ormai la propaganda elettorale non ha soluzioni di continuità, e ogni giorno assistiamo in televisione alle dichiarazioni di personaggi che dicono cose difficilmente verificabili, ma che pesano sul nostro bilancio, per dirne una. Qualcuno dice che le tasse sono state aumentate, e qualcun altro addirittura diminuite. Provate a vedere cosa vi rimane in tasca a fine mese, facendo sempre le stesse cose, e saprete la verità. Sempre che, a fine mese, ci possiate arrivare, perchè la pressione fiscale si può esercitare anche in una forma occulta e strisciante, non dichiarata. Attenzione alle Sardine. Non facciamoci condizionare nelle nostre scelte e nelle nostre idee da seimila, più o meno, ragazzini che fanno casino, cioè appena l’un per cento del nostro Paese. Possono incattivirsi, nella loro arroganza, e diventare davvero un movimento pericoloso per la nostra democrazia, posto che mai ne abbiamo avuta una. Ancora più pericolosi questi piccoli pesci senza un capobranco, perché dichiaratamente non hanno bandiere di partito. Tranne quelle che occultamente portano in piazza. E si sa che le piazze amplificano.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Editoriali

Italia allo sbando e “Giuseppi” si rifà il bagno… con i soldi nostri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ci mancavano anche i lavori per “Giuseppi” che a Palazzo Chigi stanno impegnando una squadra di operai per installare porte blindate e rifare il bagno secondo i suoi ‘desiderata’, compresa una doccia idromassaggio a otto schizzetti, come riferisce oggi un quotidiano bene informato, per un totale di circa 23.000 euro. Che pagheremo noi. Come pagheremo i programmati – ma non si sa se saranno in questa misura – duemila esuberi della Arcelor-Mittal, che ne pretende 5.000.

La società per cui lo stesso Di Maio si occupò della conclusione dell’affare ex ILVA, sta facendo piegare in avanti il dorso del nostro presidente del Consiglio fino al raggiungimento dei fatidici 90 gradi – in senso figurato – nonostante lo stesso, la cui maggior qualità non è certo la voce che vorrebbe avere quando adotta certi toni stentorei, richiamanti il ventennio, o al massimo una requisitoria in aula di tribunale, vada tuonando a destra e a sinistra – ma soprattutto a sinistra – che la Arcelor-Mittal se la vedrà con lui.

Pare infatti che il crack fosse programmato fin da luglio, e che riguardasse la volontà di distruggere un nemico sul piano industriale, e non quella di rilevare un’azienda e metterla a regime produttivo. Prova ne siano le testimonianze dei dirigenti dell’ex-ILVA e l’ammanco di circa 500 milioni di materiale nelle riserve dell’acciaieria, spariti per mai più tornare: come se, in definitiva, non si volesse dar seguito ad un ciclo produttivo. Intanto rischiano il posto 20.000 operai, compresi quelli impiegati nell’indotto.

Il che, moltiplicando per famiglie, fa, ad occhio, almeno 60.000 persone: una città, per esempio, come Viterbo tutta intera. Non siamo d’accordo sulla negoziazione che Conte sta mettendo in atto, che prevede, secondo lui, 2000 esuberi: il che comunque fa 6000 persone, tranne l’eventuale perdita di lavoro sull’indotto. Quando il ministro Di Maio ha svenduto il nostro gioiello industriale, la più grande azienda siderurgica europea, a certi personaggi, più che delle offerte che essi facevano sulla carta, e sugli impegni che poi sono stati regolarmente disattesi, avrebbe dovuto indagare sulla qualità delle persone e sul loro coinvolgimento nel mercato mondiale dell’acciaio. Ma, si sa, non si manda un ragazzo a fare il lavoro di un uomo: lo abbiamo già scritto. È una bella cosa avere ministri giovani e rampanti ( non sempre), ma ci vuole anche esperienza. In campo industriale, è frequente il caso di una azienda concorrente che ne acquisisce un’altra soltanto per toglierla dal mercato.

Ma questo,’ Giggino  er  bibbitaro’ non poteva saperlo, data appunto la sua giovane età e la sua totale mancanza di esperienza specifica nel ministero che si era  autoattribuito. Temiamo ora, visti i fatti, per la politica estera, affidata a cotanto personaggio. Purtroppo il costo di tanta ingenuità lo pagheranno gli operai che rischiano il posto, e, alla fine della fiera, tutti gli Italiani. Dicevamo che l’Italia è allo sbando: in realtà, allo sbando c’è questo governo raccogliticcio, fatto di seconde linee: i più furbi si sono tenuti indietro, già sapendo che non sarebbe durato. Oggi, fra un Conte ex Cincinnato buono per tutte le stagioni, che crede che per risolvere i problemi basti prendere l’aereo e andare a parlare con le persone – infatti lo vediamo dappertutto, con e senza cravatta, secondo le occasioni, in alcuni casi con il maglione alla Marchionne (ma magari!), ma sempre con le scarpe nere tirate a lucido – quando poi manca, a lui come ad altri, posto che ce ne sia la capacità, il tempo materiale per fare le cose.

Ma tant’è, Mussolini ha tracciato una via, evidentemente, come quando, raccontava Giorgio Bracardi ad Alto Gradimento, programma radiofonico di Renzo Arbore che i meno giovani ricorderanno, riuscì, secondo il fido Catenacci, a fermare un’eruzione dell’Etna – o del Vesuvio, poco importa. La filosofia è quella. Fra l’allagamento periodico di Venezia, i fiumi che rischiano lo straripamento, frane e smottamenti dovuti al degrado idrogeologico, tornados che buttano giù alberi, intere foreste o pini marittimi urbani, causando danni comunque da rifondere, il povero Giuseppi non trova pace, mentre Giggino, da parte sua, fa il Salvini del vecchio governo, comportandosi esattamente come faceva il Matteo tanto criticato per il suo presenzialismo, ma in effetti oggi vediamo solo lui. Il Di Maio capopopolo dei Cinquestelle; il quale, trascurando l’attività dovuta per il suo secondo mandato ministeriale, cioè agli Affari Esteri, si occupa invece di tutto ciò che in italico suolo accade. Abbiamo anche capito perché abbia voluto farlo fuori: gli faceva ombra: ciò che faceva ieri Matteo, fa oggi Giggino, senza che un altro vicepresidente del Consiglio lo sovrasti con la sua personalità. Vediamo anche, a 24 pollici per alcuni, ma è possibile più grande, avendo un televisore con lo schermo di maggiore ampiezza, il faccione sorridente a prescindere di Zingaretti in maniche di camicia, il quale prima e dopo i pasti ci ricorda, orami da circa un mese, non avendo altri argomenti,  che ‘loro’ hanno evitato l’aumento dell’IVA, quello che invece Salvini non solo non avrebbe evitato, ma avrebbe caldeggiato. Dimenticando che il ‘salasso’ era stato ordinato dall’asse Macron-Merkel-Moscovici-Dombrowski, e non da Matteo; con il quale, comunque avremmo evitato la ‘catastrofe’. E che comunque bisogna smontare tutto ciò che Salvini ha realizzato, in una furia iconoclasta a cnhe questa a prescindere; rispolverando quello ‘ius soli’, trasformatosi per breve tempo in ‘ius culturae’, affiancato dal voto ai sedicenni e dall’esclusione dalle urne degli anziani, nel disperato tentativo di raccattare voti per il suo Partito Decotto. Poveretti, oggi “litigano su tutto”, dopo appena tre mesi insieme – o quattro, ma è lo stesso. Abbiamo un governo? Meglio sarebbe di no, a questo punto. Il tutto condito da una geniale pensata da quattro aficionados del PD e della rete, che si sono inventati le sardine, al soldo di ‘qualcuno’. Ma, si sa, quando si può gabellare un movimento per ‘spontaneo’, questo fa più presa nella mentalità di chi crede ancora alla Befana.

Siamo proprio alla frutta. È chiaro che i ragazzi fanno gruppo, non importa contro chi, anche solo per andare allo stadio, o ad un concerto di musica rock, o ad una adunata in piazza a capodanno. Potevano mai lasciarsi scappare questa occasione? La figura poi delle sardine, con tanti pescetti dipinti su carta colorata, sa tanto di Carnevale, quando noi stessi ritagliavamo le maschere da metterci sul viso con un elastico dietro la nuca. So’ ragazzi, lasciateli giocare. Ma non venite a dirci che questa è una manifestazione politica. La politica è una cosa seria, perché riguarda la gestione di una nazione, e i suoi destini. O, almeno, lo era, fino a qualche decennio fa. Basta vedere i personaggi che oggi la popolano. Insomma, non siamo in buone mani. Qualcuno prevede elezioni in primavera. Qualcun altro in settembre, quando maturano non i grappoli d’uva, ma i vitalizi. Quelli che a parole avrebbero dovuto essere aboliti. Tutto ciò mentre Salvini sospetta che il nostro presidente del Consiglio abbia usato male i risparmi degli Italiani – leggi Cassa Depositi e Prestiti – per ingraziarsi certi personaggi a Bruxelles, con i quali mostra perfetta sintonia, ma una certa subalternità, al fine di salvare le banche tedesche, dall’Italia già abbondantemente salvate in passato. Non si fanno le nozze con i fichi secchi. Questa ‘maggioranza’, tale solo in parlamento, non avrà lunga vita, come già avevamo pronosticato da queste colonne. Rimettiamo le cose a posto. E ricordiamoci, quando saremo davanti alla scheda elettorale – il più presto possibile – di tutte le menzogne, i disservizi, le faziosità, l’odio contro chi è dall’altra parte, per poi accusarne gli avversari politici, i toni di comando e di delirio di onnipotenza, le incapacità, le inesperienze, le trappole, i tradimenti e quant’altro abbiamo dovuto subire, noi Italiani, da questa gente, che s’è aggrappata ad un cavillo elettorale – una maggioranza solo parlamentare, peraltro già scaduta – per prendere in mano le nostre sorti, a vantaggio di una Unione Europea che ha in pratica usurpato la nostra sovranità, facendoci i conti in tasca e costringendoci  a manovre di austerità senza alcun motivo, se non quello di ‘avere i conti a posto’: ma nei confronti di chi?

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, la stanza di Virbio: “Il re è nudo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Caro Direttore,
invio la seguente riflessione di chi, venendo da lontano, ritrova Nemi e la sua amministrazione in piena e totale decadenza come se il tempo fosse tornato indietro di decenni.

Come sovente accade, il sintomo si evidenzia soprattutto nella condizione umana e culturale del Capo, cioè di colui che per definizione guida e rappresenta una comunità cittadina.

L’attuale Amministrazione è nella fase della parabola in cui il tratto è discendente a precipizio. E, come Ti dicevo prima, il Capo ne rappresenta efficacemente l’immagine.

L’attuale Sindaco venne accolto in una Amministrazione comunale che, verso la fine degli anni ’90 portò a Nemi rinnovamento, dinamismo e desiderio di servire il paese. Quel gruppo dirigente diede grande fiducia ad un giovane che appariva promettente e osservante di valori condivisi. Sicuramente, si formò all’ombra di chi sapeva di più. Ad un certo punto, però, tradì gravemente la fiducia riposta in lui rivelandosi per quello che non era fino a quel momento sembrato. In altre parole erose la mela dal di dentro fino al punto di farla marcire. Un intero gruppo dirigente che aveva ispirato il proprio impegno allo spirito di servizio, sideralmente lontano anni luce da ogni interesse personale, non volle essere coinvolto in nulla che fosse non trasparente. Quel bruco sembrava essere diventato farfalla ed ha volato per qualche anno sopra tutto e sopra tutti, senza scrupoli, utilizzando tutto il carburante dell’ambizione. Molti lo hanno scambiato per il pitone del Libro della Giungla, lasciandosi ipnotizzare, volendolo. Ne hanno giustificato ogni scelta, sdoganandone anche la disinvoltura di portare in tasca le tessere di diversi partiti. Sono arrivati anche al punto di ammirarne l’inerzia.

Ora il vertice della parabola è stato superato. Ora, come è narrato anche in un noto brano musicale: “gli amici se ne vanno ….”, dopo aver constatato “l’inutile serata” trascorsa. I dipendenti comunali sono in rivolta.
“Il re è nudo” ma qualche volta continua a pavoneggiarsi, inconsapevole. Passa le giornate nel palazzo come una monade “senza porta e senza finestre”.

Non comunica con nessuno. Litiga con tutti. Ma non può e non deve essere l’unico responsabile di un degrado che coinvolge per l’intero la comunità nemese; tutti i servizi; senza speranza per il futuro. La responsabilità è anche di tutti coloro che, pur non credendo in LUI lo hanno appoggiato, adulato, fatto gonfiare nell’autosufficienza e nell’autodeterminazione. Ne hanno sopportato gli eccessi e nascosto le magagne. Qualcuno lo ha utilizzato bellicandone l’orgoglio e l’ambizione. Per queste ragioni l’intera classe dirigente deve essere rinnovata nelle persone, nelle idee, nei valori, nella trasparenza.

I cittadini hanno il diritto di essere governati da persone che non guardano all’interesse personale. Infatti, Nemi merita molto, ma molto di più!

Virbio

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it