Connect with us

Cronaca

LECCE: MUORE BIMBO DI 15 MESI IN OSPEDALE

Clicca e condividi l'articolo

Il sostituto procuratore Roberta Licci, in seguito all'esposto presentato dai genitori aveva aperto un fascicolo a carico di ignoti per lesioni, riqualificato in omicidio colposo

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Lecce – Non ce l'ha fatta il bambino di quindici mesi in coma dal 4 gennaio nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce e sul cui caso la Procura ha aperto un'inchiesta. Il piccolo e' deceduto intorno alle 21 di ieri, dopo diversi giorni in cui l'attivita' cerebrale era ridotta al minimo. Il sostituto procuratore Roberta Licci, in seguito all'esposto presentato dai genitori aveva aperto un fascicolo a carico di ignoti per il reato di lesioni, che oggi sara' riqualificato in omicidio colposo. Nelle prossime ore il magistrato conferira' al medico legale l'incarico per effettuare l'autopsia sul corpicino, che si trova nella camera mortuaria del Fazzi. I genitori chiedono infatti di chiarire cosa abbia fatto precipitare le sue condizioni di salute il 4 gennaio e se i medici che lo hanno visitato e avuto in cura abbiano agito in maniera scrupolosa. Il bimbo infatti fu portato per la prima volta in ospedale il 1 gennaio, a causa della febbre alta, ma fu diagnosticata una tonsillite da curare con antibiotici a casa. Il 3 gennaio, in assenza di miglioramenti, i familiari lo accompagnarono di nuovo nel nosocomio dove fu ricoverato a causa di una gastroenterite. A distanza di poche ore le condizioni precipitarono e il piccolo entro nel coma da cui non si e' mai risvegliato. Stando alle informazioni fornite dall'azienda sanitaria ai genitori, sarebbe stato colpito da influenza A. Il sostituto procuratore Licci nei giorni scorsi aveva gia' disposto il sequestro delle cartelle cliniche e l'identificazione di tutti i sanitari che hanno visitato il bambino e lo hanno avuto in cura. I nomi di alcuni prossimo siti del Fazzi potrebbero essere iscritti nel registro degli indagati in vista dell'autopsia, al fine di consentire loro di partecipare all'esame con propri consulenti.

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti