1

LEGA IRFL (RUGBY XIII), CAPITAN FRANZONI VERSO IL RADUNO DI VINCI: «CURIOSITÀ PER I NUOVI TECNICI»

Redazione

Roma – Di nuovo a Vinci. La Nazionale di rugby a 13, frutto del movimento della Lega Italiana Rugby Football League (Lega Irfl), torna a radunarsi nella cittadina toscana (che diede i natali al grande Leonardo) per la terza volta nell’ultimo anno e mezzo. Un abbinamento ormai “perfetto”, dovuto alla grande ospitalità di una delle regioni più importanti per il movimento e soprattutto all’altissima qualità delle strutture dove saranno ospitati gli azzurri. E’ il capitano della Nazionale, il terza linea centro Giacomo Franzoni, a parlare dell’attesa per l’evento di sabato e domenica prossimi. «Innanzittutto c’è grande curiosità di conoscere i nuovi tecnici Pierpaolo Rotilio e Riccardo Marini che hanno preso il posto di Ty Sterry. In realtà loro facevano già parte dello staff del nostro ex coach e quindi credo che le linee guida del lavoro rimarranno le stesse: ma adesso tocca direttamente a loro». L’Italia del rugby league si ritrova a distanza di sei mesi dalla bellissima vittoria sulla forte formazione di BARA, ottenuta nel test match del Tre Fontane a Roma. «Da quella splendida giornata ci portiamo ancora dentro la gioia per il risultato conquistato che ci ha dato una maggior consapevolezza nei nostri mezzi: ora sappiamo che anche noi possiamo dire la nostra» dice con orgoglio Franzoni che da giovane capitano (è un classe 1990) parla del movimento giovanile del rugby a 13. «Ci sono elementi di buona qualità che possono dare un contributo in un futuro più o meno immediato e questo è dovuto alla crescita generale del movimento, intesa anche come formazione di nuovi allenatori di rugby a 13». Perugino doc e tesserato per il Perugia nel rugby a 13, Franzoni è stato uno dei pilastri dei Gladiators cinque volte campioni d’Italia prima di lasciare lo “scettro”, nello scorso mese di luglio, agli abruzzesi del Gran Sasso. E proprio sul campionato lascia una riflessione. «C’è l’idea di formare una squadra anche in Umbria – dice il capitano della Nazionale -, sarebbe la prima della mia regione e sarebbe sicuramente motivo di orgoglio. Ma al momento è presto per parlarne».