Connect with us

Cultura e Spettacoli

Lia Wainstein, testimone di un secolo, tra due patrie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si è svolta di recente presso la sede della Fondazione sul giornalismo ‘Paolo Murialdi’ la presentazione del libro ‘Memorie d’Europa. Lia Wainstein, un’intellettuale libera del Novecento’, a cura di Regina Wainstein (Edizioni Clichy). 

Alla presentazione sono intervenuti, insieme con la curatrice del volume, Giancarlo Tartaglia, segretario generale della Fondazione, il giornalista Stefano Folli, che del libro ha curato la prefazione, Lia Levi, autrice della postfazione.

Presentazione a Roma, da sin. Lia Levi, Giancarlo Tartaglia, Regina Wainstein, Stefano Folli, foto G. Nitti

Lia Wainstein (1919 – 2001) è stata un’intellettuale europea, attiva in Italia dagli anni Cinquanta fino alle soglie del Duemila. Slavista, traduttrice e scrittrice, ha pubblicato più di 1150 scritti fra volumi, saggi e articoli di stampa in cui si rispecchia non solo il suo personale itinerario intellettuale ma lo spirito del suo tempo. Cosmopolita per formazione e vocazione, ha mantenuto per tutta la sua vita un’attenzione costante, intellettuale e umana, al mondo russo e sovietico e a quella parte importante che in esso rappresentano la cultura e la tradizione ebraica. Il volume è presentato ora ad Helsinki il 9 aprile in conversazione con Pauli Mäkelä, che dal 2006 al 2010 ricoprì il ruolo di ambasciatore della Finlandia in Italia.

Lia Wainstein nacque nel 1919 a Helsinki in una famiglia russa che la Rivoluzione d’Ottobre aveva indotto all’esilio. Trasferitasi in Italia, con una parentesi in Svizzera per sfuggire alle leggi razziali, divenne giornalista, scrittrice e traduttrice, sostenuta da una solida cultura cosmopolita. Fu attiva per mezzo secolo, fino alla morte nel 2001, collaborando a testate quali «Il Mondo», «La Stampa» e «La Voce Repubblicana», oltre che a numerose riviste culturali. La sua casa a Roma fu sempre un sicuro punto di riferimento per i dissidenti russi, nonché un cenacolo ispirato ai principi liberali.

Le degenerazioni del potere sovietico, il sistema totalitario nato in Russia sul tradimento delle speranze rivoluzionarie, la lunga marcia verso la libertà, il ruolo degli intellettuali e la loro responsabilità civile e poi i rapporti tra Italia e Unione Sovietica, l’amore per la Finlandia. Sono tanti i temi trattati da Lia Wainstein, tra cultura e politica, negli oltre milleduecento scritti che la scrittrice ha lasciato e da cui la nipote Regina ha tratto la raccolta che compone questo volume. Un omaggio a un’esponente della grande cultura europea del Novecento, un viaggio nella tragedia del secolo.

A corredo dei testi ripubblicati, un’appendice al volume presenta l’intera bibliografia degli scritti di Lia Wainstein, censiti e catalogati da Regina, che ha curato anche un breve saggio introduttivo al volume.

Stefano Folli, amico e collega molto stimato da Lia Wainstein, e Lia Levi, anche lei legata a Lia da una lunga e affettuosa amicizia, hanno contribuito ad arricchire il volume con propri scritti originali.

Completa il volume un significativo apparato iconografico inedito e proveniente dagli album di famiglia.

Nell’occasione della presentazione nella capitale finlandese viene dedicata a Leo Wainstein, padre di Lia, una delle aule in cui si tengono i corsi dell’Istituto di Cultura Italiana ad Helsinki..

Leo Wainstein fu un grande sostenitore dell’Italia. Console d’Italia a Helsinki nel 1919-1923 e Console onorario dal 1949-1968, contribuì ai rapporti commerciali tra i due Paesi come membro della Camera di commercio italo-finlandese. Grazie alla sua donazione, nel 1954 fu inaugurata la sede dell’Istituto in Ullankatu.

La conferenza ha luogo presso la sede dei corsi di lingua dell’Istituto di Cultura, Ullankatu 3 A 2. Si inizia alle ore 17.00 con la dedica dell’aula a Leo Wainstein ed a seguire la conferenza su Lia Wainstein. La discussione si svolge in italiano e finlandese. ccent

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Cultura e Spettacoli

Lanuvio, invasione di dinosauri: c’è anche il terribile Tyrannosaurus Rex

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Viaggio nella Preistoria con 50 esemplari a grandezza naturale immersi nel verde della campagna romana

Approda a Lanuvio (RM) “World of Dinosaurs”, l’esposizione itinerante organizzata dalla Wonderworld Entertainement in collaborazione con l’Associazione Verriguud e presentata nell’ambito del progetto di promozione dei territori Parcoscenico. Una mostra spettacolare che, dopo aver entusiasmato numerosissimi visitatori di mezza Europa, come a Vienna, Budapest, Kiev, Krim, Odessa, Firenze, Zurigo, Berna, Losanna, Grenoble, sarà ospitata a Lanuvio dal 15 dicembre 2019 al 29 marzo 2020.

A far da teatro all’evento, patrocinato dal Comune di Lanuvio, sarà l’Agriturismo Casale della Mandria, situato al civico 23 di via Mediana Bonifica, tempio del gusto e suggestivo museo a cielo aperto che, grazie a installazioni artistiche e sculture giganti disseminate nel verde, offre uno degli scorci più affascinanti della campagna a sud dei Castelli Romani e a nord della pianura pontina.

LO SCENARIO
La grande mostra a tema preistorico finalmente arriva anche ai Castelli Romani, sposandone l’immenso patrimonio naturalistico e culturale.
Una bambina torna alle origini, tra filari di viti e falchi pellegrini, si eleva sul mondo con tutta la sua imponenza per ricongiungere l’uomo alla sua dimensione ancestrale, quella più istintiva ed empatica con la natura circostante. Accanto a lei un esemplare di Diplodocus, uno degli oltre 50 modelli di dinosauri a grandezza naturale che compongono la mostra “World of Dinosaurs”, uniti in un destino che si nutre della Madre Terra e guarda ad un futuro diverso. Un sogno, una visione ambiziosa del domani che si sostanzia nelle opere dell’artista internazionale Giuseppe Verri, titolare del Casale, e che si tuffa nell’Era Mesozoica per ammaliare i visitatori con splendide riproduzioni a grandezza naturale, delle meravigliose creature che popolarono il Pianeta tra i 245 e i 65 milioni di anni fa.

LA MOSTRA
Il Tyrannosaurus Rex, alto 8 metri, il Triceratopus del peso di 2 tonnellate, con i suoi piccoli, il Diplodocus lungo 30 metri, e tanti altri esemplari troveranno posto nel verde del Casale lanuvino, e la resa scenica sarà spettacolare. Immancabili le riproduzioni degli animali preistorici resi famosi dal film “L’Era Glaciale”, come il mammut, il bradipo e tanti altri meno conosciuti.

Le ricostruzioni sono sorprendentemente realistiche e curate nei minimi dettagli grazie alla collaborazione con un team di paleontologi e realizzate sulla base delle più recenti scoperte scientifiche.

La mostra ha anche un’importante valenza didattico-educativa: suggestiva e scientifica, ma spiegata in maniera semplice, rappresenta un interessante approfondimento sulle condizioni di vita, forme e dimensioni di specie che hanno dominato la nostra Terra, e meta dunque anche di visite scolastiche da parte degli istituti del territorio.

INFO
World of Dinosaurs è un’occasione unica per esplorare e conoscere i dinosauri, in uno scenario ludico ma anche piacevole da visitare, a contatto con la natura, e con l’opportunità di gustare i sapori della tradizionale cucina del Casale della Mandria.

La mostra sarà aperta dal 15 dicembre 2019 al 29 marzo 2020, tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 16.30. Dopo il 6 gennaio chiude il lunedì eccetto i festivi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Il 26, il 29 dicembre e il 6 gennaio nel Castello di Bracciano rinasce il “Presepio vivente degli Orsini”: è il più grande d’Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – Un titolo suggestivo, “Il Presepe vivente degli Orsini”, per un’inedita, imponente e straordinaria rappresentazione storica medievale-rinascimentale, la più grande nel suo genere in Italia e la prima nella storia di Bracciano. La manifestazione, che debutterà il 26 e 29 dicembre e il 6 gennaio nel Castello Odescalchi di Bracciano, uno dei più belli d’Europa e del mondo, vedrà la partecipazione di oltre duecento attori figuranti di venticinque associazioni storiche del Lazio, delle Marche, dell’Emilia Romagna e della Campania: a loro si aggiungeranno i braccianesi di rioni, contrade e compagnie storiche, abbigliati in costumi del Tardo Medioevo e del Rinascimento, che affolleranno la scena del Presepio, illuminata dalle fiaccole accese sui camminamenti di ronda e sulle torri del Castello.

Il “Presepio vivente degli Orsini” sarà un affresco animato da cavalieri e dame, armigeri, arcieri e falconieri, ma anche maghi, alchimisti e amanuensi, giullari, contadine e lavandaie, falegnami, fabbri, orafi e cartai, cestai, fornai, calzolai, candelari, scultori, vasai, tessitrici con gli antichi strumenti delle loro arti e mestieri. Per il pubblico sarà una straordinaria esperienza immersiva in un’atmosfera densa di fascino e di magia, un percorso emozionante nella cultura e nella storia del nostro passato, che condurrà i visitatori nel cuore della scena della Natività, in un viaggio a ritroso nel tempo nell’Anno del Signore 1481. Per l’occasione, un biglietto unico dal costo di 7 euro consentirà anche di visitare il Castello e conoscere i segreti di sei secoli di storia delle sue sale e delle sue raccolte.

Il Presepio vivente di Bracciano, alla sua prima edizione, si candida a conquistare il primato tra tutti quelli finora realizzati in Italia per dimensioni e numero di partecipanti, interpreti e figure storiche – a partire da Papa Sisto IV Francesco Della Rovere che in fuga da Roma colpita dalla peste del 1476 trovò rifugio nella torre di San Giacomo della fortezza braccianese, dove tornò nel 1481 per trascorrere un periodo di soggiorno ospite degli Orsini, suoi alleati contro i Colonna – e per la notorietà e la fama internazionale del Castello Odescalchi: l’antica Rocca medievale di Bracciano trasformata in possente residenza fortificata da Napoleone Orsini e dal figlio Gentil Virginio tra il 1470 e il 1496, che domina il Lago di Bracciano e che richiama ogni anno oltre 60mila visitatori da tutto il mondo.

Fortemente voluto dall’Amministrazione del Sindaco Armando Tondinelli e sostenuto con entusiasmo dalla principessa Maria Pace Odescalchi, il “Presepio vivente degli Orsini” ha il patrocinio del Comune di Bracciano ed è realizzato con la Pro Loco Bracciano, in collaborazione con l’Associazione Commercianti di Bracciano, Rione Monti Bracciano, Rione Borgo Bracciano, Compagnia del Castello Bracciano, Contrada Carraiola Canale Monterano.

La manifestazione si svolgerà nei giorni giovedì 26, domenica 29 dicembre e lunedì 6 gennaio dalle 15:00 alle 19:00. In caso di maltempo è prevista come ulteriore data quella del 5 gennaio. Nel corso della rappresentazione del 6 gennaio, alle ore 17:00, il pubblico potrà assistere all’arrivo dei Re Magi.



Print Friendly, PDF & Email
Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Marsala: Fiorella Mannoia in concerto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Mentre proseguono a Marsala gli eventi della Stagione Teatrale promossa dall’Amministrazione comunale – stasera l’Impero ospiterà il concerto di Fiorella Mannoia – tanti altri appuntamenti sono in programma in questo fine settimana, online anche sul portale www.turismocomunemarsala.com
Si comincia domani, Venerdì 6 – Teatro “Sollima”, ore 16:30 – con la premiazione dei vincitori del concorso fotografico “Rompiamo il Silenzio”, cui seguirà il concerto dell’Orchestra Sherazade. A Palazzo VII Aprile (ore 18) “Si Resti Arrinesci”, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul grave problema dello spopolamento della Sicilia causato dall’emigrazione, soprattutto giovanile. Domani, inoltre, la prima delle tre giornate organizzate dall’AIL: in Piazza Della Repubblica (ore 9-13 e 17-20) le Stelle di Natale per dare un aiuto a chi soffre di leucemia (la vendita proseguirà anche Sabato e Domenica). Sempre Venerdì 6, infine, l’apertura della mostra “Rumore Mentale” di Sal Giampino (Convento del Carmine, ore 17). L’attore Luca Ingrassia e la curatrice Angela Ruggirello affiancheranno l’artista nella performance di Vernissage; mentre l’intervento critico è affidato a Gianna Panicola. La personale di Sal Gianpino si potrà visitare fino al prossimo 15 Dicembre.
Tre gli appuntamenti di Sabato 7. Di mattina, nel Complesso San Pietro (ore 10) il Corso gratuito “Disostruzione via aeree e maggiori rischi in età pediatrica”; nel pomeriggio, a Palazzo Fici (ore 17), per il ciclo “I Miti e il Territorio”, l’apertura della mostra “L’Arte e la sua Contemporaneità: da Pietro Novelli a Pietro Consagra”, nonchè della collettiva “L’Arte e la sua Contemporaneità nella Sicilia barocca”: entrambe le esposizioni sono a cura dell’Associazione culturale “Fiera Franca Ss Salvatore”. In serata, all’Impero (ore 21), la Compagnia Teatrale Maniscalco porta in scena “Terrarrussa”. La commedia dialettale, per la regia di Giovanni Maniscalco, si svolge in tre atti brillanti (con tante risate) legati al mondo agricolo e all’emigrazione dei nostri giovani. Con Maniscalco, sul palcoscenico anche Enza Giacalone, Michela Zizzo, Giampiero Abrignani, Baldassare Alagna, Valeria Scarpitta, Vanessa Alagna e Federico Salluzzo.
Domenica 8 Dicembre, infine, l’incontro di calcio nello Stadio Paolini (ore 14:30) tra il locale Sporting e Calatafimi; mentre al PalaBellina (ore 17) partita di pallavolo tra la Sigel Marsala e Macerata.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it