Connect with us

Primo piano

LIBIA: "NO A UNA GUERRA SUICIDA"

Clicca e condividi l'articolo

Comellini:"Le nostre forze armate sono ridotte ai minimi termini per quanto riguarda il personale"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

E' categorico sul tema della libia Luca Marco Comellini, Segretario del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm).“Un intervento militare in Libia sarebbe un errore – dice – che il Paese non può permettersi. Ad essere un ostacolo alla demenziale ipotesi di un intervento armato sul suolo libico da parte delle forze armate italiane non sono solo per le passate vicende coloniali che i libici non hanno dimenticato, lo sono anche le condizioni economiche del nostro Paese, che è alle prese con una grave e malcelata crisi che ha fortemente ridotto i mezzi e le risorse economiche che sarebbero necessari per sopportare un simile impegno. E poi, è inutile far finta di non sapere che le nostre forze armate sono ridotte ai minimi termini per quanto riguarda il personale – che in media ha oltre 40 anni -, per la mancanza di un adeguato addestramento e per la cronica inefficienza degli armamenti disponibili. Renzi non si faccia ingannare dalla Ministra della difesa e da quei suoi generali che pur di essere impegnati in qualche guerra, o col miraggio di facili carriere, sono pronti a mandare allo sbaraglio i loro stessi uomini e donne. Renzi non dia ascolto agli starnazzamenti di quegli esponenti politici che dell'interventismo a tutti i costi ne fanno una ragione di opportunità personale e per le lobby degli armamenti perché alle ragioni "umanitarie" non serve una nuova missione di guerra per riparare agli effetti della fine del regime del leader libico Gheddafi, che oggi sono più che mai evidenti. La soluzione va intelligentemente ricercata in quei paesi e con quei governi del Medio Oriente e del Nord Africa ancora capaci di contribuire a ridare alla Libia e quindi a quell'aera quella stabilità che anche l'Italia, nel 2011, con la sua partecipazione alle azioni di guerra, ha compromesso irrimediabilmente.”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Roma, Sant’Andrea: entra in codice verde, la operano per un calcolo e muore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Sospensione del Primario del reparto di Chirurgia e verifiche da parte di Ministero della Salute, Regione Lazio e Asl. Sono le richieste avanzate dall’Associazione Codici in merito alla morte di un’anziana signora presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma, dove era stata ricoverata in codice verde. “A nostro avviso si tratta di un caso di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – e come tale deve essere trattato dalle autorità, perché quanto accaduto è gravissimo”.

Tutto inizia con il ricovero della donna il 3 ottobre scorso a causa di dolori al ventre ed alla schiena. È il figlio ad accompagnarla al Pronto Soccorso del Sant’Andrea, sapendo che la madre soffre di un calcolo alle vie biliari, per il quale il medico curante aveva disposto una terapia a base di cortisonici. Alla signora viene assegnato il codice verde, le viene somministrato un antidolorifico e poi, dopo che un’ecografia conferma che la causa dei dolori è il calcolo, viene disposto il ricovero. I medici decidono per la rimozione del calcolo attraverso una sonda inserita per via orale, con un successivo intervento chirurgico per rimuovere altri calcoli presenti nella cistifellea. L’intervento viene eseguito il 15 ottobre e da quel momento inizia il calvario della donna.

“I medici – spiega il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – riferiscono ai familiari che nel corso dell’operazione per errore nell’inserire la sonda era stato perforato un tratto dell’intestino. La signora è molto dolorante, si valuta un secondo intervento, ma l’ipotesi viene scartata nel pomeriggio dello stesso giorno, quando la Tac evidenzia che la situazione clinica è stabile e dal foro non vi è fuoriuscita di liquidi. Il giorno seguente, siamo al 16 ottobre, la situazione però cambia improvvisamente. Dopo una nuova Tac, i medici decidono per un intervento d’urgenza. L’operazione riesce ed ai familiari viene riferito che non ci sono infezioni e nemmeno fuoriuscite di liquido dall’intestino, che è stato rimosso un altro calcolo e che la paziente è stata affidata all’anestesista, che in breve tempo l’avrebbe fatta uscire dalla sala operatoria. Di tempo ne passa invece molto. Dopo quattro ore senza notizie, i familiari chiedono aggiornamenti all’anestesista, il quale riferisce che la signora ha avuto una complicazione: a seguito di uno scompenso pancreatico la glicemia era diventata troppo bassa e dovevano stabilizzare i valori prima di farla uscire. Il personale medico dice anche ai parenti che sarebbe stato necessario un trasferimento nel reparto di Terapia Intensiva per poter monitorare le condizioni, ma non c’era un posto letto disponibile e così era stata lasciata in Chirurgia. Nel giro di poche ore le condizioni della donna peggiorano, i medici riscontrano una forte ed estesa infezione, una setticemia per cui si rende necessaria una cura antibiotica più forte. La sera del 17 ottobre ai familiari viene comunicato il decesso della loro cara. È stata disposta un’autopsia per chiarire le cause della morte – conclude il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – da parte nostra siamo al fianco dei familiari, ci uniamo alla loro richiesta di fare luce su quanto accaduto e chiediamo la sospensione del Primario di Chirurgia ed una verifica da parte delle autorità competenti per accertare se ci siano state negligenze o errori medici”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Roma

Roma, no alcol in gravidanza: tutti in piazza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La campagna “No-alcol in gravidanza” sbarca in “Salute in piazza”, la giornata di sensibilizzazione e informazione sui temi legati al benessere e al vivere sani.

In “piazza” ieri, insieme alla Asl Roma 1 a villa Leopardi (Roma), banchetti della salute dedicati a vaccinazioni, screening, prevenzione delle malattie metaboliche e cardio-vascolari, sana alimentazione, prevenzione dalle dipendenze, salute mentale, benessere e attività fisica, disabilità.

“Ogni giornata dedicata alla salute rappresenta un’occasione preziosa per diffondere la campagna “no-alcol in gravidanza”, ovvero informare la cittadinanza sui gravi rischi che il feto corre se la mamma assume alcol in dolce attesa – commenta Maria Pia Graziani, responsabile del Comitato scientifico di Cipe (Confederazione italiana pediatri) del Lazio – In Italia 25.000 bambini sono colpiti da sindrome Feto-alcolica detta Fas (Fetal alcohol syndrome): si tratta della più grave delle patologie del feto indotte dal consumo di alcol in gravidanza.

Si stima che, nel mondo, siano 60 milioni le persone che soffrono delle conseguenze dell’esposizione all’alcol mentre erano nel grembo materno”.

“Il feto non metabolizza l’alcol, dunque l’esposizione prenatale a questa sostanza può provocare patologie congenite molto gravi, disfunzioni di tipo morfologico, ad esempio sul volto (in forme più o meno evidenti) ma anche deficit di attenzione e di apprendimento, iperattività, problemi comportamentali fino a malattie mentali con gravi conseguenze a lungo termine – aggiunge Lucia Ruggieri, pediatra di Cipe Lazio – Purtroppo, su tali pericoli c’è scarsissima informazione: per questo ci battiamo nei nostri studi medici, nelle piazze ed ovunque sia possibile, per sensibilizzare la popolazione attraverso il manifesto “Mamma mi fa male, punto e basta” che illustra gli effetti della sindrome Fas, inguaribile ma fortunatamente prevenibile al cento per cento, semplicemente abolendo del tutto gli alcolici durante i nove mesi di gestazione”.

“Ottobre è il mese della prevenzione “rosa” – conclude Graziani – ci auguriamo di poter unire le forze per preservare al massimo la salute delle donne e rendere sano l’essere mamma anche attraverso il benessere dei figli”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Editoriali

Caos italico tra futuro e passato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Per descrivere la vita attuale, il titolo dell’articolo avrebbe dovuto essere “Torre di Babele”, ma parliamo di un arco temporale più ampio. Il futuro ed il passato, oggigiorno, hanno delle similitudini inimmaginabili, semplicemente ignorate, causa la mediocrità intellettuale della società moderna, che vive soggettivamente, avendo perso quella giusta e santa morale della civiltà.

Se  dovessi rappresentare con un quadro lo stato attuale, disegnerei un gregge che si disperde senza la propria guida, o una mandria allo sbaraglio. Si parla impropriamente di razzismo, di odio, di violenze, di degrado completo, senza rendersi conto che tutto ciò che accade è figlio del nostro menefreghismo generale, che inevitabilmente porta e ci incanala in un canyon negativo senza ritorno. Vediamo dalle cose più piccole, delle storture che si ingrandiscono esponenzialmente, ma che egoisticamente riguardano sempre gli altri, e stupidamente non riflettiamo che gli altri siamo noi. Il passato, mi ritorna in mente con la violenza che si vede e che subiamo ogni giorno, finendo per assuefarci chiudendo gli occhi, e pensando o sperando che tutto riguardi il prossimo.

 Davanti ai miei occhi allora passa un film di quando giravo il mondo negli anni sessanta, momenti duri e crudi di popoli che per povertà e cultura erano dediti alla violenza, dove la vita dell’uomo non aveva (ed ha tutt’ora in certi luoghi) nessun valore. Pensavo allora di essere molto fortunato come italiano, e che, col passar del tempo anche quelle varie popolazioni retrograde, avrebbero avuto un percorso di crescita verso una convivenza civile. Invece, constato amaramente, che l’onda lunga del mare non è andata avanti positivamente, ma è tornata indietro pericolosamente. Quelle popolazioni, che negli anni avrebbero dovuto progredire civilmente, uscendo dai propri confini, non hanno subito positivamente la trasformazione, ma, al contrario, allargandosi a macchia d’olio, hanno influenzato negativamente nell’ambito delle società ospitanti, esportando violenza, paura e inciviltà. Ovviamente, si parla di una parte negativa, poiché ci sono tante realtà di giusta e onesta integrazione. Qualsiasi forma di accoglienza, deve essere regolarizzata, affinché possa non esserci una destabilizzazione sociale, causata dagli arrivi di persone con culture diverse. Questo, purtroppo, in Italia non è avvenuto, ed è per questo che all’inizio dell’articolo, ho fatto riferimento alla torre di Babele. Decine di filmati si possono vedere sui social, dove, con inaudita violenza, vengono perpetrati episodi da parte di immigrati, una volta salvati ed accolti e poi prepotenti, con la loro cattiveria e prestanza fisica, aggredire persone innocenti. Ma in che stato viviamo, quando siamo testimoni di forze dell’ordine aggredite, insultate e derise, che non possono difendersi ed imporre la giustizia, mettendo a rischio la propria incolumità, causa le critiche e le denunce dei cosiddetti buonisti, fino a quando non verranno coinvolti loro stessi o i familiari. Immigrati consapevoli delle leggi permissive italiane che colpiscono spesso le persone per bene e favoriscono l’aggressore. Una nazione nella quale, chi viene fa i propri comodi, e, ne abbiamo le prove di telefonate fatte da questi stranieri ai loro paesi di origine, invitando a venire nel paese dei balocchi. Pretendono di viaggiare sui mezzi pubblici senza pagare il biglietto, e se vengono contrastati dagli autisti o controllori, reagiscono con estrema violenza e spesso con armi bianche proibite, causando tragedie e la rovina di famiglie oneste. E’ questa la civiltà che i buonisti pretendono? Il patto europeo per l’accoglienza è stato una farsa a discapito degli italiani, che devono continuare a subire ogni tipo di ingiustizia. Le bugie dei politici sono all’ordine del giorno, ma vogliono farci credere che tutto fa parte del gioco, ma in questo gioco, si divertono e ci guadagnano soltanto loro. Nei prossimi miei sfoghi di cittadino onesto, ho intenzione di affrontare argomenti specifici, così, da poter essere più preciso nei dettagli e rappresentare ancor meglio questo caos italiano.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it