Connect with us

Sport

Lirfl (rugby a 13), coach Marini dopo il test con BARA: «Contento della prestazione di tutti»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Roma – La Nazionale italiana di rugby a 13 non ce l’ha fatta a chiudere l’anno con un successo. Nel test match di domenica scorsa a Spoleto, gli azzurri sono stati battuti da BARA (British Asian Rugby Association) per 28-18. Un test match che si annunciava duro e si è confermato tale e che tra l’altro è stato abbondantemente “annaffiato” dalle forti piogge che hanno caratterizzato tutto il week-end. E’ coach Riccardo Marini, che assieme a Pierpaolo Rotilio guida la Nazionale, a commentare la prestazione della rappresentativa azzurra della Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl). «Siamo molto contenti di ciò che abbiamo visto – spiega il tecnico – I ragazzi non si sono risparmiati e hanno accettato anche lo scontro fisico contro avversari di stazza notevole. Hanno fatto buone cose in attacco e in difesa: considerando che il gruppo contava principalmente su quattro giocatori esperti come Ippoliti, Ligi (il giocatore “di casa” andato a segno con tre mete), Di Fiore e Santavenere e che gli altri erano quasi tutti debuttanti, direi che le cose sono andate decisamente bene. Siamo stati in vantaggio nel primo tempo, poi nella ripresa è uscita fuori la maggiore esperienza e qualità della formazione di BARA, guidata da Ikram But (primo giocatore asiatico a vestire la maglia della nazionale inglese di rugby a XV e a XIII, ndr)». Insomma indicazioni certamente positive che potranno tornare utili allo staff azzurro: «Da questo gruppo potremo pescare anche in futuro per costruire una Nazionale di rugby a 13 sempre più forte» rimarca l’allenatore. Nonostante il maltempo, è stata decisamente positiva anche la risposta di Spoleto in termine di pubblico presente domenica scorsa e in generale di interesse per questa “nuova” disciplina. «C’erano molte persone al campo e questo non può che farci piacere» conferma Marini.
Ma il test match di Spoleto è stato anche quello dell’importante debutto del nuovo marchio di abbigliamento Sportika che ha vestito gli azzurri come da fresco accordo triennale. E poi non dimenticato che, anche grazie ad eventi di questo tipo, la Lirfl può portare all’attenzione mediatica le campagne sociali che sostiene annualmente. Nel 2018 e anche l’anno prossimo la Lega Italiana Rugby Football League sarà al fianco dell’associazione “Il sorriso Angelman”, una onlus che segue i bambini affetti dalla sindrome di Angelman, una malattia genetica rara.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Ssd Colonna (calcio, I cat.), Tafuri riacciuffa il Lariano: “Punto importante per come si era messa”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – La Prima categoria del Colonna ha cominciato con un pareggio la sua corsa nel girone F di Prima categoria. La squadra di mister Luca Esuperanzi ha diviso la posta (1-1) con l’Atletico Lariano nel match casalingo di domenica scorsa. A commentare la sfida è l’attaccante classe 1994 Francesco Tafuri, autore del gol del Colonna: “Ci tenevamo a vincere la prima partita in casa, ma abbiamo incontrato delle difficoltà. L’avversario è entrato in campo molto aggressivo nel primo tempo ed è andato vicino al gol, colpendo una traversa. Nella ripresa, sugli sviluppi di un corner, l’Atletico Lariano è passato in vantaggio e poi il nostro Boye ha rimediato un cartellino rosso. In inferiorità numerica, però, la squadra ha avuto la reazione giusta: avremmo potuto disunirci e invece abbiamo tirato fuori l’orgoglio e da lì dobbiamo ripartire. Per come si era messa, comunque, si tratta sicuramente di un punto guadagnato”. L’ex attaccante di Borghesiana e Lupa Frascati vuole fare una sottolineatura sul suo gol: “Devo ringraziare Lucatelli per lo splendido assist da calcio piazzato, praticamente mi è bastata toccarla per mandarla in porta”. Tafuri spiega com’è nato il suo accordo col Colonna: “A convincermi è stato il direttore sportivo Gianluca Cippitelli, con cui ci eravamo incrociati sui campi. Mi ha spiegato che tipo di progetto ambizioso c’era qui e l’accordo è stato semplicissimo: ho verificato con mano che qui c’è un’organizzazione meticolosa da parte di una società che è attenta e presente”. Tafuri è uno dei tanti volti nuovi del club castellano: “Il gruppo è quasi totalmente nuovo, anche se il sottoscritto ad esempio ha già giocato con alcuni elementi come De Angelis, Pompili e Sgarra. La rosa è di qualità e c’è anche tanta esperienza. All’inizio è normale avere un po’ di difficoltà perché dobbiamo conoscerci, ma dal punto di vista umano si è instaurato un bel clima. L’obiettivo è quello di fare il salto di categoria, anche se questo è il girone più tosto della Prima: probabilmente la favorita è il Valle Martella dove è andato il mio ex compagno di squadra Barile, ma poi ci sono altre tre o quattro squadre molto valide”. Il Colonna è già proiettato al match di domenica: “Giocheremo a Cave e sarà un bell’esame: loro hanno perso la prima fuori casa col Semprevisa, ma fare punti sul loro campo è sempre difficile e dovremo farci trovare pronti”.

Continua a leggere

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), il neo tecnico Tiozzo: “Il club non vuole affatto ridimensionarsi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – Svolta tecnica in casa Cynthialbalonga. Il club del presidente Bruno Camerini, partito con ambizioni importanti nel girone G di serie D, ha deciso a malincuore di sollevare dall’incarico mister Raffaele Scudieri che sui social ha speso bellissime e gradite parole sulla società. Il magro bilancio di un solo punto conquistato nelle prime cinque partite ha portato la Cynthialbalonga a scegliere di affidare la panchina a Luca Tiozzo, 40enne veneto che in passato ha allenato (tra le altre) Mestre, Matelica e nella scorsa stagione l’Union San Giorgio Sedico (ora divenuto Dolomiti Bellunesi dopo una fusione con Belluno e Union Feltre). “Sono onorato di aver avuto la fiducia di un club così importante – dice il neo tecnico – Ieri mattina abbiamo fatto una lunga chiacchierata con il presidente Bruno Camerini e il direttore sportivo Giorgio Tomei che mi hanno voluto conoscere meglio come uomo, oltre che come tecnico. Credo di aver fatto loro un’impressione positiva e anche per me è stato lo stesso: avevo incrociato l’Albalonga in un ottavo di finale di Coppa Italia quattro stagioni fa, quando allenavo il Matelica. L’anno scorso sono subentrato più o meno nello stesso periodo sulla panchina del Sedico e nel girone di ritorno abbiamo fatto cose eccezionali, ma qui trovo una rosa che ha una qualità ancora maggiore. Non ho mai fatto il girone G, ma ne conosco le difficoltà coi tanti “derby” tra squadre laziali e le dure trasferte in Sardegna e in Campania”. Inutile parlare di obiettivi oggi: “Al momento non vogliamo guardare la classifica, altrimenti ci riempiamo d’ansia. E’ sempre un dispiacere quando si arriva ad un esonero, sia per il mister che lo subisce che per la società che deve prendere questa decisione. Di domenica in domenica dovremo rosicchiare punti alle avversarie e provare a risalire: il tempo dirà se il lavoro che facciamo sarà stata la giusta medicina. Sto allenando una squadra forte e assieme a tutti i ragazzi proveremo a risalire con tutte le nostre forza. La società non vuole assolutamente ridimensionare, personalmente ho l’obbligo di valutare e dare una possibilità a tutti i giocatori anche perché non ho dubbi sulle loro qualità morali”. La chiusura è sul match d’esordio di domenica contro il Team Nuova Florida: “Ho avuto come professore universitario Luca Gotti che mi ha sempre consigliato di non “stravolgere” quando si subentra. E’ chiaro che qualche idea di calcio la porterò come fa ogni allenatore, ma spero che si veda soprattutto una squadra tosta che rifletta il mio carattere”.

Continua a leggere

Calcio

Colleferro, mister De Castris: “Prosegue il lavoro sulla futura Scuola calcio femminile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – Il Colleferro fa sul serio. La società rossonera ha messo con forza tra gli obiettivi stagionali la costruzione di una Scuola calcio femminile, da avviare (al più tardi) entro l’inizio della prossima annata agonistica. Nei giorni scorsi è andato in scena il secondo “Open day” finalizzato proprio a questo tipo di obiettivo: sul campo, a dirigere l’allenamento gratuito aperto alle ragazze interessate, c’erano i tecnici della Scuola calcio Eleonora Campagna e Ulderico De Castris, ovviamente supervisionati e supportati dal sempre presente Luca Di Placido, responsabile sia del settore di base che dell’agonistica colleferrina. “Le risposte di questi primi due appuntamenti sono state abbastanza positive – dice mister De Castris – Ma ovviamente non ci fermeremo qui ed entro la fine dell’anno solare contiamo di organizzare almeno altri due eventi di questo tipo. Ad oggi nella nostra Scuola calcio non ci sono ragazzine “mischiate” ai coetanei, ma la società intende costruire un gruppo “puro” al femminile e sta mettendo in campo tutte le energie per riuscirci”. De Castris spiega come si sono svolti i primi “Open day” dedicati al calcio in rosa: “Abbiamo trascorso un’ora in campo e poi qualche altro minuto a livello “didattico”. Abbiamo proposto alle ragazze degli esercizi situazionali e una serie di giochi, ma soprattutto abbiamo interagito con loro per renderle partecipi, coinvolgerle e capire le loro attitudini. La fascia di età è ampia e spazia dalla Scuola calcio ai primi anni di agonistica: anche se ci dovessero essere delle differenze di età, sarebbe comunque importante organizzare un gruppo esclusivamente femminile. E’ un progetto a cui la società crede tanto e meriterebbe di prendere piede perché il calcio non è soltanto uno sport per gli uomini, ma al femminile è una realtà in grande crescita. E’ chiaro che serve un grande lavoro dietro, anche per piegare alcune resistenze sia delle ragazzine che delle loro famiglie e in questo senso dobbiamo essere bravi anche noi allenatori”.

Continua a leggere

I più letti